Esemplificazioni dell'adagio "disse la vacca al mulo, oggi ti puzza il culo" /20

Ormai conoscete la storia: a Bari una madre e un padre, privati della loro potestà genitoriale da un Tribunale, sono costretti ad assistere impotenti all'agonia del figlio, che viene torturato con terapie invasive e dolorose senza avere alcuna possibilità di guarigione.
Non pare anche a voi che si debba essere incredibilmente cinici, per arrivare ad accusarli di incredibile cinismo?

Questo post è stato pubblicato il 03 giugno 2008 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

4 Responses to “Esemplificazioni dell'adagio "disse la vacca al mulo, oggi ti puzza il culo" /20”

  1. Vorrei commentare, ma le parole (quelle che è possibile usare in un blog) non mi vengono...

    Paragonare quei poveri genitori, già tanto provati dalla mala sorte, ai cartaginesi che sacrificavano i figli al demone Baal...

    E perché allora non agli spartani (ammesso fosse vero) che precipitavano dalla rupe i bimbi con malformazioni?
    E perché non chiamarli nazisti, accusandoli di non volere quel figlio tanto "imperfetto"?

    Ma non esiste una rupe da cui precipitare questo figlio di p****??

    RispondiElimina
  2. credevo che quei genitori avessero detto di voler curare il figlio. Così almeno mi sembrava di aver letto nei giorni scorsi...
    Su Volontè taccio, chè mi par chiaro come ormai sarebbe il caso che iniziasse finalmente ALMENO a masturbarsi.

    RispondiElimina
  3. Ma poi, ma come cazzo scrive quell'uomo? E' davvero una barzelletta che cammina.

    RispondiElimina
  4. io ho fatto 1300 e ho registrato punteggio su sito.
    ciceruacchio.wordpress.com
    Valerio

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post