Obiettori del pelo

Riporto qui di seguito, reso opportunamente anonimo, il testo di una chat appena intercorsa con una persona che conosco. Lascio a voi ogni commento sull'incredibile vicenda.

[11.59.49] XXX scrive: Ieri, ore 16.30. Ospedale YYY (noto ospedale romano, n.d.r.), appuntamento per visita ginecologica periodica e relativo pap-test. La consueta attesa. Poi entro. [12.00.07] Alessandro scrive: ok. [12.00.17] XXX scrive: Anamnesi, compilazione scheda, formalità di routine. [12.00.23] Alessandro scrive: ok [12.00.57] XXX scrive: "mi accomodo". [12.01.08] Alessandro scrive: ... [12.01.15] XXX scrive: primo medico: donna sui 45 [12.02.00] XXX scrive: "mi spiace signora, io non posso visitarla, credo si renda conto del perché!" [12.02.07] Alessandro scrive: ? [12.02.11] XXX scrive: io, faccia a forma di punto ? [12.02.17] Alessandro scrive: ecco, appunto [12.02.32] XXX scrive: dico che non ne ho idea. [12.02.46] Alessandro scrive: (mi alzo 3 minuti, tu scrivi, torno subito) [12.05.01] XXX scrive: e questa: "Lei è depilata e io non posso visitarla perchè infrangerei non solo l'etica professionale ma anche la morale e la mia coscienza". [12.05.41] XXX scrive: io incredula e, forse, anche se solo per un attimo imbarazzata... [12.05.45] XXX scrive: poi: "dottoressa può spiegarmi meglio perchè mai lei si rifiuta di visitarmi?" [12.08.32] XXX scrive: "Come le ho detto lei è glabra, certamente non a causa di terapie o disfunzioni di alcun genere, pertanto il suo stato non può essere se non indicazione di sue scelte di vita particolari da noi medici obiettori assolutamente inaccettabili". [12.09.27] XXX scrive: "Scusi?" [12.15.57] XXX scrive: lei mi sta dicendo che si rifiuta di visitarmi e di farmi il pap test perchè lei è obiettrice? Lasciamo per un attimo da parte tutto quello che penso su un medico obiettore di coscienza, non le sto LEGITTIMAMENTE chiedendo la RU-486 che lei sarebbe obbligata a prescrivermi, non le sto LEGITTIMAMENTE chiedendo di praticare un aborto, cosa che lei non potrebbe mai rifiutarsi di fare, le sto LEGITTIMAMENTE chiedendo (con tanto di pagamento ticket SSN) di EFFETTUARE UNA VISITA DI CONTROLLO SU UNA DONNA di 41 ANNI. [12.16.38] XXX scrive: e questa: "Io non la visito, la prego di andare". [12.17.15] XXX scrive: a questo punto ho chiesto di parlare con un altro medico e con il responsabile del reparto [12.20.03] XXX scrive: dopo venti minuti durante i quali non mi sono mossa dalla stanza delle visite (nonostante i numerosi inviti ad aspettare fuori, scortesi prima, arroganti dopo e offensivi infine) arriva l'altro medico: uomo 40enne più o meno [12.22.22] XXX scrive: la collega lo informa del gravissimo problema etico e di coscienza che si è trovata a fronteggiare e lui: hai verificato bene che sia completamente glabra? (della serie vojo vede' pur'io se c'ha la pelliccia o no mhhh) [12.25.37] XXX scrive: insomma la dottoressa ha giurato sullo stato della presenza o meno di MIEI PELI e lui, rivolgendosi a me: signora, lei è una bella donna, le sue scelte sessuali non ci riguardano, è vero, ma il suo STATO è contro la morale e contro la nostra etica professionale quindi si rivolga ad un altro ospedale. [12.27.42] XXX scrive: Tralasciando il fatto che mi hanno implicitamente dato più volte della mignotta e mi hanno anche presa per un braccio per farmi uscire mentre attendevo the second opionion... [12.29.47] XXX scrive: Ho dato fuori da matti: sì, faccio la mignotta, quindi voi non fornite assistenza ginecologica alle mignotte? [12.32.20] XXX scrive: vabbè insomma ho sbraitato come una bestia impazzita, ho minacciato denunce di ogni genere, ho detto che se entro dieci minuti non fossi stata visitata si sarebbero trovati giornalisti e telecamere ovunque, ho detto di tutto, non hai idea [12.32.30] XXX scrive: ero fuori di me [12.32.33] Alessandro scrive: immagino [12.32.46] XXX scrive: mi hanno anche offerto il rimborso del ticket [12.33.17] XXX scrive: CAZZO e allora scrivetelo alla cassa che se non 'c'hai i peli non hai diritto neanche alla prevenzione [12.34.19] Alessandro scrive: sono allibito [12.34.59] XXX scrive: si sono fatte le 20.30 e alla fine il direttore del reparto è arrivato... probabilmente dal suo studio privato là a due passi dove visita per 250 euro a botta [12.35.57] XXX scrive: ed è proprio questo che mi ha detto: signora finiamola qua, lei deve rispettare i medici obiettori, comunque sia io ora la visito e le faccio il pap-test [12.36.08] Alessandro scrive: non ci posso credere [12.36.47] XXX scrive: però la prossima volta le consiglio di venire a studio da me, oppure di rivolgersi ad una struttura diversa dal YYY. [12.37.43] XXX scrive: si infila i guanti e mi dice: si accomodi, prego (mignotta) [12.40.53] XXX scrive: cmq alla fine mi sono rifiutata di farmi visitare e sono uscita dicendo "dovete solo vergognarvi tutti". E mi vergogno anche io, non di essere una mignotta, ma di vivere in questo schifo di paese [12.48.32] XXX scrive: (ho dimenticato un piccolo particolare, o forse più di uno, ma questo è divertente: il secondo medico (quello che non ha potuto sbirciare) mi ha dato una grande opportunità: "senta facciamo così, prenda un appuntamento tra 15 giorni, quando magari sarà più (finto imbarazzo) a posto, le assicuro che la visiterò io personalmente".

Questo post è stato pubblicato il 24 marzo 2009 in . Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

203 Responses to “Obiettori del pelo”

  1. Ma almeno il nome dell'ospedale si può sapere?

    Roba da matti....

    RispondiElimina
  2. Dato che conosci una delle due persone ti suggerisco di esortarla a denunciare alla polizia il trascorso e di renderlo pubblico su un giornale!
    Bisogna punire questi mascalzoni (mi limito a questo tenue appellativo).
    Carlo

    RispondiElimina
  3. No, dài, non ci credo, non ci posso credere... questi sono invasati...scusa se mi esprimo così ma DEVI convincere la tua amica a sporgere denuncia!!! Essì, mancava solo l'obiezione di coscienza al pelo! Cosa verrà dopo? "No, guardi, lei indossava un perizoma, e non i mutandoni d'ordinanza, la mia coscienza mi dice che è una z... e quindi non posso visitarla". Ditemi che è una pièce del teatro dell'assurdo postavanguardista e postnucleare..non è possiblie che un essere umano come me sragioni così. Vi prego, ditemelo....

    RispondiElimina
  4. Devo crederci perché è assurdo?

    RispondiElimina
  5. Sono sempre più convinta che spesso e volentieri negli ospedali non operino medici, ma benemeriti stronzi che del giuramento di Ipocrate se ne fregano assolutamente.............
    P.s. circa 25 anni fa ho fatto il corso per diventare infermiera, il primo mese 30 ore di lezioni sui diritti dei malati, e sui ns. doveri.............oggi mia figlia sta facendo il corso per diventare infermiera, primo mese corso sui diritti degli infermieri e sui casi in cui si possono rifiutare di "operare" e come difendersi in ogni caso, è un po cambiata la facenda, e chi ci va di mezzo è l'utente....................

    RispondiElimina
  6. DEVE denunciarli! altrimenti davvero a breve obbietteranno anche se scarpe troppo consumate ti indicheranno come "passeggiatrice".
    MArty

    RispondiElimina
  7. Non ho parole,da donna mi sento veramente offesa...

    RispondiElimina
  8. Impariamo che quando si pubblicano certe notizie bisogna fare i nomi sennò non vi è notizia ma chiacchera.
    Inoltre non si capisce proprio perchè la paziente non abbia chiamato i carabinieri seduta stante.

    RispondiElimina
  9. Magari perché la paziente non è nella condizione psicologica migliore per chiamare i carabinieri, sdraiata su un lettino con le gambe aperte. Quanto al resto non preoccuparti, provvederemo eccome.

    RispondiElimina
  10. Invece di fare tante scenate chiamare i carabinieri e fare un esposto denuncia??? Nonè troppo banale!!!!
    Ne dovete fare ancora di strada voi donne!!!!

    RispondiElimina
  11. meravigliosa... talmente bella che sembra inventata!

    RispondiElimina
  12. Certo cose sono da denuncia punto e basta. Quei due medici dovrebbe venire espulsi dall'ordine.

    inoltre il fatto che l'abbiamo presa per un braccio per farla uscire può portare anche ad una denuncia per tentativo di aggressione.

    RispondiElimina
  13. non è possibile.
    Subito in tribunale, citando TUTTI,
    dai medici, al personale, all'ospedale, all'USL.

    RispondiElimina
  14. ... come dire che il dentista si rifiuta di guardami in bocca perché mi faccio la ceretta al labbro...
    che vergogna!
    mignotta o non mignotta, ma si potrà pure essere liberi di decidere quanto, dove e come depilarsi?!
    è assurdo...

    RispondiElimina
  15. Mi è rotolato via un testicolo.

    Checazzo c'entra l'obiezione????
    Di quale cazzo di "etica professionale" va cianciando?

    Quale fottuta morale distorta?

    E con la coscienza ci si è pulita il culo da tempo immemore vista la puzza che sento quando ne parla.

    Li voglio vedere in tribunale.

    RispondiElimina
  16. quei due non sono medici sono fanatici religiosi. un medico svolge la sua funzione di controllo e cura dove necessario e non discrimina difronte a nulla.

    RispondiElimina
  17. obiezione di coscienza... ma quale coscienza? Si pretende laicità agli immigrati e rispetto delle leggi, e poi siamo i primi noi italiani a mettere la nostra religione (perché di questo si tratta, la cosa più offensiva è sentir parlare quei medici di "etica!!) davanti alla legge e ai diritti.

    Patetico, e dannatamente spaventoso

    RispondiElimina
  18. BISOGNA dire il nome dell'ospedale.
    TUTTI devono sapere!!!

    RispondiElimina
  19. Non ci credo !!! Ma è tutto vero ?

    RispondiElimina
  20. è talmente assurda che a raccontarla nn ci crede nessuno.

    Consiglio? Rivolgersi alle Iene, potrebbero mandare un'attrice a fingersi paziente e filmare il tutto. In italia ormai fan più loro e striscia che le forze dell'ordine.

    RispondiElimina
  21. Quello che ha detto il secondo medico alla fine è stato il top.
    Immagino che la tua amica li abbia denunciati, magari con l'aiuto dell'ass. Coscioni, ma questo è superfluo che lo dica (a te soprattutto :) ).
    Spero ci terrai aggiornati su come andrà a finire la cosa.

    RispondiElimina
  22. Roba da non crederci.
    Siamo al Delirio, un delirio più totale.

    Esprimo solidarietà alla persona che ha subito questo torto, e a nome di Italiano mi sento indignato.

    RispondiElimina
  23. Posto che sarebbe sbagliato "lasciar correre" mi unisco anch'io alla comune richiesta venga fatto il nome dell'ospedale. Certi coglioni vanno sbattutti in prima pagina non solo gli pseudo-mostri rumeni

    RispondiElimina
  24. dovrebbero esser denunciati. che schifo.

    RispondiElimina
  25. Echecazz!!!!! mia moglie ce la ha pelata! e allora???
    Non ha fatto nulla di male e non è un delitto.
    Solo una libera scelta e come tale và rispettata...

    Denuncia quei falsi moralisti!!

    RispondiElimina
  26. Vi prego vogliamo il nome dell'ospedale!
    Tutti devono sapere che razza di gente lavora in quel posto!

    Davvero rivolgetevi alle Iene!!!

    RispondiElimina
  27. Non sara' la solita leggenda metropolitana ? Generalmente tutte le notizie di questo tipo alla fine si rivelano inventate; fateci caso , si tratta di una storia riportata da qualcuno che ha fatto un copia /incolla , non si sa dove e' successo ne' qual'e' l'ospedale

    RispondiElimina
  28. Questo e' il sintomo di un Italia MALATA, e da rifare!!! Ma Ippocrate dov'era???

    RispondiElimina
  29. Da qualche tempo accadono troppe cose strane in Italia.
    Gli operai muiono sul lavoro e nessuno obietta. Ai pensionati viene decurtata la pensione e nessuno si lamenta. La polizia manganella chi gli pare e nessuno si lamenta. La fame del popolo aumenta e i sidacati non organizzano uno straccio di sciopero...
    O c'è un accordo tra tutte le forze politiche per legarci le mani in vista della rivolta generale sempre più vicina o hanno messo qualche anestetico nel cibo.

    RispondiElimina
  30. Mi sembra che ci sia un lato buono in questi anni di sfrontatezza clericale. E cioè: dal livello più alto (le farneticazioni criminali del papa sul preservativo) al livello delle singole esistenze private (come questo squallido episodio, che non mi stupisce troppo), diventa sempre più evidente ciò che si è sempre cercato di mascherare: e cioè, che il confine tra l'"ortodossia religiosa" e la patologia psichica (a volte violenta) è spesso molto labile. D'altra parte, che vi aspettate da gente che dice di parlare coi fantasmi, dice di mangiarsi tutte le settimane la carne e il sangue di un tipo morto 2000 anni fa, crede che il mondo è stato creato in 7 giorni, sostiene che c'è nel cielo un tizio (maschio, con la barba) che ci controlla tutti e sarebbe così sadico da mandarci a soffrire eternamente se solo osiamo usare fare sesso senza il suo permesso? E in tutto questo, non tollerano il dissenso da questi deliri (vedi bagnasco oggi).
    L'elenco delle assurdità, ovviamente, sarebbe molto più lungo. E noi ancora speriamo di dialogare con questa gente? Sarebbe bello.....ma come?

    RispondiElimina
  31. Scusate, qualcuno mi dimostrerebbe la validità delle seguenti uguaglianze?

    1. patata pelata = prostituta
    2. prostituzione = motivazione per l'obiezione di coscienza

    e di conseguenza

    prostituta = niente assistenza sanitaria

    No, perché se non sono vere quelle sottospecie di medici hanno rifiutato di fare il loro lavoro senza neppure la PARVENZA di una motivazione, e penso sia più che sufficiente per radiarli a vita dall'ordine.

    RispondiElimina
  32. Sono d'accordo anche io, questo episodio va reso PUBBLICO, con nomi e cognomi dei medici e strutture citate a chiare lettere.
    Rispetto della privacy solo per questa donna che è stata oggetto di una così ottusa discriminazione.
    Sti baciapile del cavolo - che poi magari nell'ombra riempiono i locali di scambisti di tutta Italia! Ma porca miseria, che schifo!!!

    RispondiElimina
  33. Ho scritto qual e' con l'apostrofo ...... scusate .-)

    RispondiElimina
  34. deve denunciare,tutte queste mancate denuncie fanno si che ci siano persone del genere che si nascondono dietro un camice...vergognosoooooooo!!!!!!!

    RispondiElimina
  35. Per favore... dimmi che stai scherzando e che ti sei inventato tutto di sana pianta... :S

    RispondiElimina
  36. nn ci sono parole, che vergna l'Italia....ciao

    RispondiElimina
  37. Nessun copia-incolla...
    tutto vero, purtroppo.

    RispondiElimina
  38. Effettivamente, si stenta a crederci....

    RispondiElimina
  39. purtroppo è vero, c'è gente che dovrebbe curarti e invece andrebbe CURATA!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  40. Da quando in qua una donna che si depila e' di fatto una mignotta?? E se anche fosse, che diritto hanno di sindacare sulla vita altrui? Nella nostra Italietta, piena di truffatori, spacciatori, violentatori e corruttori, riveriti e osannati ci si stupisce ancora di qualcosa?
    Io mi depilo perche' mi sento piu' a mio agio soprattutto in "quei giorni" e qualcuno si dovrebbe arrogare il diritto di farmi tenere la pelliccia? Ma dove siamo, tutto cio' e' assurdo.
    Tiziana

    RispondiElimina
  41. Se vivessimo in un paese normale, direi che questa storia è inventata. Considerando che siamo in italia (minuscolo voluto) la cosa è più che possibile.

    Che schifo.

    RispondiElimina
  42. Che schifo. Mi spiace per la tua amica.

    RispondiElimina
  43. Quanto siete ingenui, questa non è obbiezione lo fanno solo per mandarti a studio e incassare una bella parcella! Lo ripeto NON SONO OBBIETTORI MA SOLO DELINQUENTI

    RispondiElimina
  44. Trovando la cosa di un grottesco fuori dal mondo, nonché criminale - andrebbe sicuramente denunciata - ma non essendo esperta di estetica della prostituzione, il mio interrrogativo è: ma le mignotte si riconoscono da come si depilano l'arsenese del mestiere? Cioè, pure Britney Spears allora è una mignotta visto che l'hanno beccata con la passera al vento completamente glabra :))

    RispondiElimina
  45. cosa significa questa omerta' sul nome dell'ospedale?

    RispondiElimina
  46. http://friendfeed.com/e/3701a7de-2601-f336-b0c8-d13615244387/Obiettori-del-pelo/

    Anche la discussione qui è interessante. Questa gente andrebbe denunciata, e in un paese normale cacciata a pedate.

    RispondiElimina
  47. infatti il nome dell'ospedale si dovrebbe sapere, immagino che una persona voglia rimanere anonima, ma l'ospedale no, e comunque finchè non cominciamo a denunciare veramente questi soprusi, non ci dobbiamo lamentare, qui c'era da chiamare i carabinieri e far scoppiare un casino, anche perchè sospetto anche che ci siano diversi reati dietro e che nemmeno la chiesa chieda tanto...

    RispondiElimina
  48. da denuncia e da giornali seza ombra di dubbio!

    RispondiElimina
  49. Il nome dell'ospedale, insieme ad altro, verrà reso pubblico presto.

    RispondiElimina
  50. undicesimo comandamento:
    NON TI DEPILARE MAI LA VAGINA

    RispondiElimina
  51. Spero davvero che non si tratti di uno scherzo o di una esagerazione. Francamente faccio fatica a crederci.
    Se la tua amica non denuncia questi animali allora devo dedurre che si è trattato di una esagerazione, di uno scherzo di pessimo gusto.

    Non posso credere che ci siano tali animali in giro e nemmeno che una persona venga trattata così e non le provi tutte per vederli rovinati...a costo di aspettarli nel parcheggio con una spranga!

    Tienici informati, per piacere, dell'evoluzione della cosa. Siamo di fronte alla violazione di un diritto fondamentale nel nome della religione. Siamo a pochi metri dal baratro. Dal non poter ricevere cure perchè non battezzati. Nemmeno in Vaticano rifiutano una visita a una suora depilata, dai!

    Scusa, ma è troppo grave per lasciar correre

    RispondiElimina
  52. vorrei saperne di più, questa notizia ha sollevato un polverone anche su fb, e malgrado non ci sia la certezza della sua veridicità è nato anche un gruppo http://www.facebook.com/profile.php?id=1526886266#/group.php?gid=61372011249&ref=nf
    come tutti vorrei sapere il nome dell'ospedale e...se è una storia vera che si faccia una denuncia pubblica, visto che si possono riscontrare una serie di reati nell'atteggiamento dei medici di quell'ambulatorio, e nessuno di questi può essere giustificato con l'obiezione di coscienza...
    ti ringrazio fin da ora per la collaborazione e spero di poter avere notizie in merito
    mi auguro non sia uno scherzo, sarebbe di cattivo gusto.
    mimma

    RispondiElimina
  53. esposto (anche anonimo) con particolari e date e orarti esatti alla Procura della Repubblica

    RispondiElimina
  54. Credo che ne saprete tutti di più, nei prossimi giorni.

    RispondiElimina
  55. per quanto la notizia sia che c'è gente che fa obiezione nei confronti di una persona con una condotta che non approva (ma allora se accoltellano un mafioso va lasciato morire in sala d'attesa?) mi colpisce ancora di più l'equazione depilazione totale=donnaccia. ma su che basi??? bisogna proprio essere malati! a meno che non salti fuori che è la prassi tra le prostitute, ma non credo.
    by the way, io ho una condotta morale abbastanza libera però non mi depilo il pube (esteticamente lo trovo orrendo), che faccio lo dico alla mia ginecologa? :D

    RispondiElimina
  56. Viviamo davvero in un Paese di merda....nn è possibile ke esistano ancora qst cose..A ke servono qst pregiudizi del c****.....è davvero da DENUNCIARE....

    RispondiElimina
  57. non ho capito cosa centri la depilazione pubica con l'obiezione di coscienza...a me sembra che la notizia sia una vera stronzata...ma in rete ne circolano così tante...una in più, una in meno...

    RispondiElimina
  58. Quindi anche mia moglie e' una mignotta ?!?!?!

    RispondiElimina
  59. Si, ma qualcuno sa perché, quale connessione, o quale sia la ragione per poter mettere in relazione la depilazione con l'obiezione? O io sono così ignorante?

    RispondiElimina
  60. "Come le ho detto lei è glabra, certamente non a causa di terapie o disfunzioni di alcun genere, pertanto il suo stato non può essere se non indicazione di sue scelte di vita particolari da noi medici obiettori assolutamente inaccettabili"

    RispondiElimina
  61. Ma è uno scherzo???
    Se fosse letteratura sarei divertito. In tutti gli altri casi sono talmente allibito che non saprei neanche come reagire!!!

    RispondiElimina
  62. Qualcosa di incredibile! Meno male che non è successo alla mia compagna, perchè credo sarei finito in galera.
    E' semplicemente agghiacciante! Spero che la persona della chat provveda a denunciare sui due piedi il medico (se così lo vogliamo chiamare)!!!!

    RispondiElimina
  63. sono un medico e questa storia non mi onvince.
    nomi,cognomi e sede
    di dove è avvenuta questa storia incredibile.
    sennò,per quanto mi riguarda,è fuffa.

    RispondiElimina
  64. mi piacerebbe sapere se un uomo si presenta depilato,cosa fanno;
    oppure se una depilata e' vittima di un incidente o violenza.
    mi domando in che paese di sterco viviamo.

    Marta da Roma

    RispondiElimina
  65. Parlando da persona contraria all'aborto e quindi favorevole all'obiezione su tale pratica, rimango comunque allibito di fronte ad un comportamento simile da parte di questi "medici".

    L'obiezione la legittimo perchè non ritengo che si possa costringere un medico ad uccidere una vita ma quello dovrebbe essere (e credo sia) l'unico caso su cui possa esserci possibilità di scelta.

    Cosa c'entra l'obiezione invocata dai medici con le considerazioni morali sulla vita della signora, tanto più che la depilazone (integrale, credo) non è di per sè sinonimo di vita dissoluta?
    E in ogni caso, la moralità di una persona non può certo essere, in nessun caso, motivo per rifiutare quell'assitenza medica di cui ogni cittadino deve poter usufruire per diritto costituzionalmente riconosciuto!

    Se dopo un conflitto a fuoco i carabinieri portano un rapinatore ferito in ospedale, il medico mica può rifiutarsi di operarlo perchè non condivide la sua vita criminale!

    RispondiElimina
  66. Per l'anonimo, per il medico e per tutti gli altri dubbiosi: il post è quello che è, ossia la riproduzione di una chat intercorsa con una persona che conosco. Così ho scritto, così è. La mia opinione, conoscendo la persona, è che quanto raccontato sia vero: capisco, d'altra parte, che chi non ha nulla a che fare con me, o a maggior ragione con la persona in oggetto, potrebbe legittimamente dubitare della veridicità dell'accaduto. E' soprattutto per questo, cioè per tutelare la persona che mi ha raccontato queste cose, che ho omesso di citare il suo nome e il nome dell'ospedale. Trattasi di verifiche che dovranno essere fatte - e che senz'altro saranno fatte- nelle sedi opportune. Chi mi chiede di indicare il nome dell'ospedale qua dentro, pertanto, mi chiede una cosa che non posso fare: e che potrei fare soltanto se il fatto -o un fatto analogo, visto l'accaduto e visto che sono un maschietto- fosse capitato a me direttamente; a meno che, lo preciso, la cosa non si traducesse in un pregiudizio per le possibilità di far valere i miei diritti, ché in quel caso non lo farei comunque.
    La chat, comunque, è autentica, così come è autentico il fatto che io credo, conoscendo la persona, a quanto mi ha raccontato.

    RispondiElimina
  67. In effetti, speriamo si tratti di una bufala.
    Pur di attaccare l'obiezione di coscienza, che nulla ha a che spartire con quanto sarebe successo alla signora, è facile che si inventino di queste storie.

    RispondiElimina
  68. Vedete, la quastione è altra e diversa. Io lavoro in un ambiente pubblico e succede spesso che ciascuno si inventi un motivo per dire "Non mi spetta".
    E così, norme generali e non particolari inducono al medico di sentirsi e fare il giurista quando ognuno dovrebbe fare il proprio e, quindi, il medico di visitare, l'ingegnere di progettare, ecc.
    A me è successo che presentandomi ad un ospedale per vistare mio zio ricoverato e chiedendo di lui, l'addetto alla portineria mi abbia opposto un rifiuto facendo valere la c.d. "privacy": " Ma siamo matti? ".
    In questo caso dovrebbe essere ventualmente il malato a chiede alla struttura di non essere importunato da visitatori altri e diversi da quelli che lui indica.
    Io non sono andato a chiedere "chi" o "quanti e quali" fossero ricoverati, avevo chiesto solo di mio zio e siccome abitavo fuori zona non potevo fare diversamente.
    In ogni caso è sempre la stupidità personale che fa la differenza.

    RispondiElimina
  69. Confermo quanto detto sopra da Alessandro, ho visto l'originale della chat e non vi sono dubbi sulla sua esistenza.
    Il resto verrà prima controllato e poi, nel caso, reso pubblico.

    RispondiElimina
  70. sono convinto che l'ospedale in questione è un ospedale di proprietà della chiesa!!!!
    Complimenti prima non usiamo i preservativi e dopo non facciamo neanke la prevenzione pazzi!!!!!!!

    RispondiElimina
  71. In attesa che la signora denunci il fatto alle autorità (lo DEVE denunciare, se no passa per essere una bufala da web), ho aperto un gruppo su Facebook

    http://www.facebook.com/profile.php?id=789223549&ref=profile#/group.php?gid=61372011249&ref=mf

    RispondiElimina
  72. Si tratterà mica del fatebenefratelli (il nome la dice lunga). La religione cattolica...un cancro. ho deciso che farò benedire la casa, ma invece di fargliela trovare pulita, il prete la troverà veramente lurida, fatta apposta per l'occasione: sgommate nel water, preservativi usati in camera da letto, piatti sporchi, un amico tossico a dormire sul divano etc etc ...

    RispondiElimina
  73. Amici, mi presento: sono XXX o, meglio, la depilata, perdipiù dissoluta. Vi garantisco che presto usciranno il nome della struttura ospedaliera, i nomi dei medici e maggiori dettagli. Ritengo che sia necessaria un'azione forte, coordinata e di grande impatto. Il pubblicare oggi, o domani, nomi e cognomi potrebbe inficiare quanto intendo mettere in atto, naturalmente, con l'aiuto della Coscioni e dei professionisti che consulteremo. Avrei voluto firmare questo post - almeno con il mio nome - ma, come giustamente mi viene consigliato, perchè regalare anche solo un piccolo vantaggio a costoro? Sapete cosa ho percepito ieri? Fanatismo religioso sì, ma anche tanta e inquietante perversione. E le due cose, se ci pensate, sono quasi sempre un binomio indissolubile. Quando sono uscita da là ho girato due ore in auto, senza meta, prima di rientrare a casa. Nel turbinio di pensieri e sensazioni, mi sono anche rimproverata di aver solo minacciato di chiamare le forze dell'ordine, senza, effettivamente, averlo fatto. Oggi credo di aver agito bene così. Ma lo saprò, anzi, lo sapremo solo nei prossimi giorni. A presto.

    RispondiElimina
  74. Bisogna denunciarli con nome e congnome perchè poi si finisce con il dire che tutti i medici sono benemeriti str.. ma non è così.
    Io che sono per mia sfortuna troppo in ospedale ho incontrato più medici e infermieri validi che imbecilli. Perciò dico gli imbecilli vanno denunciati e puniti ma i medici bravi devono anche avere le loro soddisfazioni come tutti e vorremmo avere nel nostro lavoro.

    RispondiElimina
  75. ma è sicuramente una balla... chiaramente una balla!!! non esiste alcuna legge divina per cui la depilazione è immorale.... e i ginecologi probabilmente preferiscono vedere una certa cura e igiene... non diciamo fesserie...! quando partorisci ti depilano loro.. e di certo poi non vanno a confessare questo incredibile peccato....

    RispondiElimina
  76. Bisogna denunciarli con nome e congnome perchè poi si finisce con il dire che tutti i medici sono benemeriti str.. ma non è così. Credo anche che bisogna prima sentire le due campane.
    Io, che sono per mia sfortuna (malattia cronica grave) troppo in ospedale, ho incontrato più medici e infermieri validi che imbecilli. Perciò dico che gli imbecilli vanno denunciati e puniti ma i medici bravi dovrebbero essere elogiati invece si parla solo di malasanità. A tutti fa piacere prendere una pacca sulla spalla quando si lavora bene!!!
    Comunque a questa sfortunata Signora dico di continuare la sua lotta perchè se è così sarà di utilità pubblica.

    RispondiElimina
  77. Bisogna denunciarli con nome e congnome perchè poi si finisce con il dire che tutti i medici sono benemeriti str.. ma non è così. Credo anche che bisogna prima sentire le due campane.
    Io, che sono per mia sfortuna (malattia cronica grave) troppo in ospedale, ho incontrato più medici e infermieri validi che imbecilli. Perciò dico che gli imbecilli vanno denunciati e puniti ma i medici bravi dovrebbero essere elogiati invece si parla solo di malasanità. A tutti fa piacere prendere una pacca sulla spalla quando si lavora bene!!!
    Comunque a questa sfortunata Signora dico di continuare la sua lotta perchè se è così sarà di utilità pubblica.

    RispondiElimina
  78. Bisogna denunciarli con nome e congnome perchè poi si finisce con il dire che tutti i medici sono benemeriti str.. ma non è così.
    Io che sono per mia sfortuna troppo in ospedale ho incontrato più medici e infermieri validi che imbecilli. Perciò dico gli imbecilli vanno denunciati e puniti ma i medici bravi devono anche avere le loro soddisfazioni come tutti e vorremmo avere nel nostro lavoro.

    RispondiElimina
  79. Indubbiamente da denuncia, per i reati - fra gli altri - di omissione di atti d'ufficio,ingiuria e diffamazione. Ma prima ancora, pur non volendo dubitare della veridicità del racconto, semplicemente incredibile: che c'entra l'obiezione? Si può essere antiabortisti, cattolici praticanti - come del resto sono anch'io - ma non ho mai sentito parlare di obiezione alla prostituzione!
    Facciamola finita con questa storia che qualunque cazzata capiti è colpa del Papa, questi sono dei deficienti e basta, che nella fattispecie hanno anche commesso dei reati (vedi sopra)

    RispondiElimina
  80. ma da quando non avere la foresta in mezzo alle gambe è da considerarsi immorale, contro coscienza ecc ecc.....

    MAH.... ROBA DA PAZZI... E CMQ ANCHE UNA PROSTITUTA HA IL DIRITTO ALLE VISITE MEDICHE!!!

    RispondiElimina
  81. ma da quando non avere la foresta in mezzo alle gambe è da considerarsi immorale, contro coscienza ecc ecc.....

    MAH.... ROBA DA PAZZI... E CMQ ANCHE UNA PROSTITUTA HA IL DIRITTO ALLE VISITE MEDICHE!!!

    RispondiElimina
  82. allora io sono un publico ufficiale se mi dai nomi e cognomi vediamo de fà qualcosa perchè questa gente deve essere PUNITA.....

    RispondiElimina
  83. Ed io ho visto un asino volare.

    RispondiElimina
  84. Forse era talmente bella che l'hanno voluta vedere in 3?
    mah... non ci siamo mica...

    RispondiElimina
  85. queste cose devono essere denunciate assolutamente..non lasciamogli fare di questo paese una merda più di quello che già è..DEVE ANDARE ALLE IENE come minimo fa un pò di scalpore!

    RispondiElimina
  86. Ma che bella bufala. E tutti ci cascano. Non esistono e non sono mai esisti obiettori del pelo come voi li chiamati...
    Spiace dirlo ma in questa occasione vi siete dimostrati RIDICOLI!!!

    RispondiElimina
  87. E' un falso. Complimenti comunque per i 318 voti OK. Fab

    RispondiElimina
  88. La mia speranza è che nel caso sia tutto vero questa gente sia licenziata in tronco, e se vanno a finire sotto un ponte: me ne sbatto il cazzo!

    RispondiElimina
  89. Volendo anche assumere questa storia come non vera, la faccenda inquietante è che appare decisamente verosimile.

    RispondiElimina
  90. Offro io una visita completa e gratuita, senza andare tanto per il sottile......

    RispondiElimina
  91. IO MI DEPILO DATO CHE PORTO IL PANNOLINO PER LA PERDITA DI URINA

    RispondiElimina
  92. Sono anch'io medico, e neanch'io ho mai sentito parlare di obiezione di coscienza per una questione del genere. Trattasi certamente di bufala (magari da parte di qualcuno inconsapevole).

    nicknamemadero

    RispondiElimina
  93. Ma scusate e perdonate l'ignoranza quale correlazione c'è tra la depilazione intima e l'obiezione di coscienza??? Voglio dire, mi sfugge il nesso, ammesso che ne esista uno.

    RispondiElimina
  94. questa non l'avevo ancora sentita!!!

    RispondiElimina
  95. Obiezioni al pelo rasato e morale distorta-di-non-si-sa-cosa.

    Questa è surreale.

    RispondiElimina
  96. Beh, se fosse una bufala sarebbe ben strana e poco divertente.
    Qui è il titolare del blog che dice di averlo saputo direttamente dall'interessata, che conosce personalmente.
    Non si vede perchè dovrebbe raccontare una balla così stupida.
    Le bufale nascono diversamente, non portano la garanzia dello scrivente all'origine.
    Qui Metilparaben ci mette la faccia in prima persona (seconda persona) per cui tendo a dubitare si tratti di una bufala.
    E non vedo perchè una persona che lo conosce personalmente avrebbe dovuto farlo esporre così platealmente per raccontare un'emerita stupidaggine.
    Di sicuro la vicenda è aberrante, ma non è incredibile, né impossibile.

    RispondiElimina
  97. Propongo l'obiezione di coscienza per gli estetisti, si dovrebbero rifiutare di eseguire certi look!!

    Non può essere vero :|

    RispondiElimina
  98. Ma, essendo giornalisti, non c'è modo di comunicare con gli interessati, anche privatamente?
    Giusto per raccogliere due informazioni, anche senza fornire le generalità degli interessati.

    RispondiElimina
  99. @XXX
    Nel turbinio di pensieri e sensazioni, mi sono anche rimproverata di aver solo minacciato di chiamare le forze dell'ordine, senza, effettivamente, averlo fatto. Oggi credo di aver agito bene così. Ma lo saprò...

    Posto che sia tutto vero (e io qualche dubbio in verità ce l'ho), hai in mano la ricevuta di un ticket e qui c'è una tua presunta dichiarazione scritta che ti sei rifiutata di farti visitare.

    A meno che tu non abbia incontrato una mentecatta totale e i suoi compari medici, ma pensi davvero che ora confermeranno di essersi effettivamente rifiutati di visitarti per i motivi che hai descritto, nel caso di tua denuncia?

    E' ovvio che in un caso del genere avresti dovuto far intervenire la forza pubblica, se non altro per avere dei testimoni inconfutabili, in caso di tua successiva denuncia.

    Adesso c'è solamente la tua parola contro la loro (o hai per caso dei testimoni ?), oltre che l'ottima possibilità di rimediare, nel caso, un'eventuale denuncia per calunnia.

    Suggerimento: ripresentarsi per il pap test e se si rifiutano nuovamente di farlo chiamare davanti a loro la forza pubblica e non muoversi dall'ambulatorio sino a che non arrivano (carabinieri o polizia che siano). In alternativa farsi accompagnare da un testimone (che non sia un familiare) e/o almeno registrare il dialogo con la/il medico in un qualche modo (basta un telefonino, un lettore mp3 con reg. vocale, ecc. ecc.).

    Il resto è aria fritta.
    Triste, ma è così,imho.

    RispondiElimina
  100. Secondo me la signora non ha scritto la verit su come sono andate le cose.
    Scommetterei che nemmeno lo abbia capito fino in fondo cosa sia successo realmente.
    E' vero che spesso chi lavora in ambiente pubblico si lasci trasportare troppo facilemente dal menefreghismo e dal fare i comoi suoi.
    Ma è altrettanto vero che spesso chi viene trascurato redarguito per un motivo non faccia nessuna difficoltà a esagerare o airittura moificare il motivo reale per poter sfogare una rabbia personale.
    Facile giudicare in base a cosa scrive "XXX", ma qualcuno ha sentito era presente o ha sentito "YYY" in merito alla faccenda?
    Calma e buonsenso, ecco cosa ci vuole, sopprattutto da chi si lascia andare troppo facilemnte a giudizi spregevoli basandosi su una chiacchierata altrui.
    Anonimo "XYZ"

    RispondiElimina
  101. [11.59.49] XXX scrive: Ieri, ore 16.30. Ospedale YYY (noto ospedale romano, n.d.r.), appuntamento per visita ginecologica periodica e relativo pap-test. La consueta attesa. Poi entro.

    [12.34.59] XXX scrive: si sono fatte le 20.30 e alla fine il direttore del reparto è arrivato…


    Un ospedale romano che fa visite di routine (non intramoenia) in questi orari qui è perlomeno singolare, o no ?
    Quattro ore (dico 4) in ospedale e alla fin fine non ha chiamato la forza pubblica ?

    Mah... che dire... sembra tutto parecchio surreale.

    RispondiElimina
  102. ........MINCHIA...........
    pero' dico anche che c'e' posto per tutti,anche per questi medici e queste opinioni.La rabbia non aiuta semmai convince ambo le parti di essere nel giusto (cosi nascono le guerre).
    Per fortuna ci sono "altre" strutture e quindi si puo scegliere ma e' bene comunque che le cose siano chiare:Se non si visitano le glabre deve essere PUBBLICAMENTE dichiarato nel decalogo dei medici obbiettori e noi rispetteremo questo decalogo rivolgendoci altrove ed in pace.

    RispondiElimina
  103. "deve essere PUBBLICAMENTE dichiarato nel decalogo dei medici obbiettori e noi rispetteremo questo decalogo"

    'Sti cazzi!

    RispondiElimina
  104. Secondo me questa è un'altra leggenda
    metropolitana per due motivi,il primo è che per una tale notizia si DEVE dire quel'è la struttura pubblica dove è avvenuto il fatto e secondo si sarebbe dovuto informare tutti i media possibili.....a cominciare da Striscia la notizia in poi!

    RispondiElimina
  105. Obiettori pro-pelo? cazzo la prossima volta aspetto quattro settimane per farmi la barba, mi nascondo sotto la gonna di qualche mia amica e mi faccio fare una visita dentistica gratis

    Mario

    RispondiElimina
  106. calma ragazzi.
    si fa presto a dire: doveva denunciarli immediatamente! doveva chiamare i carabinieri!
    per avere giustizia non è sufficiente aver subito un sopruso. bisogna anche dimostrarlo. (e soltanto poi, semmai, si vedrà...)
    c'è chi i processi vuole che siano fatti in tivvù. voi volete che siano celebrati sul web?
    calma.

    RispondiElimina
  107. La trovo poco credibile.
    In ogni caso gente simile è già sufficientemente castrata da se stessa, dal cumulo di ipocrisie, idiozie e superstizioni che coltivano.
    Quindi più che una denuncia propongo una sana pedata alle costole fluttuanti...

    RispondiElimina
  108. a parte il fatto che l'obiezione di coscienza non può essere invocata su tutto

    ma solo le prostitute o le pornostar si depilano?

    e se una lo fa perchè a suo marito/fidanzato piace così?

    la storia potrebbe essere vera ma è molto surreale

    RispondiElimina
  109. E` solo una minchiata!!

    RispondiElimina
  110. A parte il fatto che la depilazione è una misura igienica... lo smalto alle unghie posso mettermelo o anche quello mi qualifica come puttana?
    E se anche fosse? Come dice giustamente la signora in chat, le puttane vanno fatte morire di cancro per mancata prevenzione?
    Fate i nomi, questi idioti vanno portati sui giornali! E mi limito per non veder cancellato il commento. Io intanto linko sul mio blog e su Facebook.

    RispondiElimina
  111. mi pare 'na bufala, ma se non lo è e non si denuncia allora diventa OMERTA'
    ps. giusto per conoscenza: sai ke si può denunciare non solo alle autorità italiane ma anche al tribunale vaticano della sacra rota?

    RispondiElimina
  112. per il momento l'unico risultato di metilparaben è gettare fango sui veri obiettori, che con questa vicenda, ammesso che sia vera, non c'entrano nulla.
    la storia è inverosimile. non impossibile ma improbabile e davvero difficile da verificare: ora i medici negheranno tutto o forniranno versioni alternative che in mancanza di testimoni neutrali avranno lo stesso valore della versione della denunciante. come ha fatto notare qualcuno, l'anonima avrebbe dovuto chiamare subito la polizia o i carabinieri. è comunque comprensibile che sul momento non l'abbia fatto, sperando magari di far recedere il personale medico da un comportamento assurdo.
    spero che sia chiaro a tutti: è idiota tirare in ballo la chiesa (che non ha mai sostenuto che gli obiettori non debbano visitare donne di "facili costumi", è talmente ridicolo che mi stupisco delle tante reazioni indignate *verso la chiesa*, non verso un comportamento demenziale, autolesionista e del tutto personale di un medico...), le prestazioni di alto livello dei tanti ospedali cattolici italiani, il diritto sacrosanto all'obiezione di coscienza: questi medici, ammesso che il fatto sia vero, vanno immediatamente denunciati, perché hanno violato la legge. anzi da sostenitore dell'obiezione di coscienza *esigo* che l'esposto alla magistratura sia rapido: più tempo passa in questa terra di mezzo da leggenda metropolitana e più fango verrà gettato su chi non se lo merita. poiché a pensare male ci si azzecca, credo che il vero scopo di metiparaben e dei suoi amici sia questo: diversamente avrebbero aspettato di fare la denuncia prima di raccontare i fatti su questo e altri blog. beh, carissimi, non attacca. chi non aspetta altro che voci non ancora provate come questa per scatenare il suo odio anticattolico si sfoghi pure, è una ben nota nevrosi italiana, ormai ci abbiamo fatto l'abitudine. la vera questione è un'altra: il diritto all'obiezione *non si tocca*.

    RispondiElimina
  113. Commento vagamente OT
    E' patognomonico della morale corrente (cit.) che in molti abbiano invocato Striscia o le Iene e non i carabinieri. Sign o' the times (cit.)

    RispondiElimina
  114. interessante...
    DUE tipi di pregiudizi:
    il pregiudizio dei medici (se la storia è vera) che associano la depilazione pubica a pratiche immorali (????)
    il pregiudizio dei commentatori che associano immediatemente il cristianesimo (???) al rifiuto (immorale secondo il giuramento dei medici) di curare una persona...
    due pregiudizi identici.

    RispondiElimina
  115. Il nome dell'ospedale.Per piacere.
    La gente deve sapere.
    E anche subito.
    Leggere questa cosa, senza riferimenti è come leggere un'orribile storia, a cui faccio fatica a credere.
    Mi dispiace, ma il potere dei social forum è anche questo: aprire gli occhi della gente.
    E allora forza!

    RispondiElimina
  116. Certo che 41 anni... depilata... eh, un po' ci avevano raggione

    RispondiElimina
  117. Saranno seguaci di Cetto La Qualunque.
    A parte questo mi sembra che ci siano tutti gli estremi per una denuncia. E' una faccenda ignobile.

    RispondiElimina
  118. che bufala assurda...ahaha
    però, complimenti per l'immaginazione...
    e complimenti a tutti quelli che ci son cascati....buahahah!

    RispondiElimina
  119. e' solo una cosa da fare.
    Indignarsi,
    Fare un esposto, scrivere un lettera a tutti i quotidiani e una bella raccomandata all'ordine dei medici.

    E' un comportamento illegale e va perseguito.

    RispondiElimina
  120. Ho cercato qua e là; ma il riferimento al divieto è tratto da qualche testo sacro? Io non ho trovato nulla a riguardo.

    RispondiElimina
  121. @Alessandro
    Invece secondo me il "diritto all'obiezione" si tocca eccome. Se vuoi fare il medico fai il medico, se vuoi fare il medico che fa solo quello che piace a lui vai a lavorare in miniera.

    RispondiElimina
  122. subito nome dell'ospedale e dei medici coinvolti altrimenti sono solo chiacchiere !!!

    RispondiElimina
  123. Doverosa una denuncia affinchè, se realmente accaduto, non accada più ad altri!?

    RispondiElimina
  124. anonimo, allora devi "toccare" anche la 194, che prevede l'obiezione. il medico fa quello che in coscienza ritiene utile e necessario per la salute del paziente. qualsiasi costrizione a fare altro, anche se è previsto dalla legge e dal sistema sanitario nazionale (e qualificato impropriamente come "terapeutico"), è lesiva della sua dignità e autonomia professionale.

    RispondiElimina
  125. Se il racconto di questa signora fosse vero, sarebbe onesto dare il nome della struttura pubblica dove si sarebbe, per così dire, svolta questa incredibile ed allucinante storia.Il fatto che tutto finisca così,senza un resoconto, senza un seguito, fa sì che il tutto sia, forse, frutto di fantasia.
    Ripeto,potrebbe essere vero, ma per il lettore ci vogliono prove concrete e soprattutto ,... nomi.(basterebbe quello dell'ospedale).
    Staremo a vedere.

    RispondiElimina
  126. Ma io fatico a crederci... giuro che non ho parole. E capita raramente.

    RispondiElimina
  127. Caposkaw: cattolicesimo, non cristianesimo.
    Anche questo è un pregiudizio...

    RispondiElimina
  128. Spero che non sia vero, perchè se lo fosee... beh, è aberrante. E mi chiedo se si rifiutino anche di far partorire, visto che (a quanto so)se al momento del parto non sei depilata lo fanno loro in ospedale per evitare possibili infezioni.
    So*

    RispondiElimina
  129. REPETITA IUVANT(?) "....Vi garantisco che presto usciranno il nome della struttura ospedaliera, i nomi dei medici e maggiori dettagli. Ritengo che sia necessaria un'azione forte, coordinata e di grande impatto. Il pubblicare oggi, o domani, nomi e cognomi potrebbe inficiare quanto intendo mettere in atto, naturalmente, con l'aiuto della Coscioni e dei professionisti che consulteremo. Avrei voluto firmare questo post - almeno con il mio nome - ma, come giustamente mi viene consigliato, perchè regalare anche solo un piccolo vantaggio a costoro? Nulla resterà senza nome. Nulla.

    RispondiElimina
  130. Ma è uno scherzo?
    Per favore, ditemi di sì.

    RispondiElimina
  131. Ciao,
    sono delle Iene se possibile vorrei contattare chi gestisce il blog per info sulla vicenda.
    Il mio numero è 329 4012923 Luca.

    A presto

    Luca

    RispondiElimina
  132. La mia email è lucapanichi@hotmail.it, grazie a presto

    RispondiElimina
  133. Da piccolo esperto di questioni legali consiglio:
    1. Esposto denuncia contro i medici e l'ospedale per "interruzione di pubblico servizio";
    2. Esposto denuncia contro medici e ospedale per tentate lesioni personali (potevi avere un tumore ma senza visita come potevi saperlo)
    3. esposto denuncia contro i medici e l'ospedale per truffa (avevi pagato il ticket)
    Penso possa bastare
    MARCO di Forte dei Marmi

    RispondiElimina
  134. ma non trattasi di obiettori del pelo sullo stomaco!
    LOAL

    RispondiElimina
  135. Non ci voglio credere... Se è vero, questa signora vince la causa a mani basse...
    Io non ci penserei un minuto a rovinarli!

    RispondiElimina
  136. Ma non si riesce a vedere una foto. Cosi' possiamo giudicare serenamente con tutte le informazioni del caso.

    Evitiamo di dare giudizi senza aver visto

    Grazie

    Mondoboia

    RispondiElimina
  137. Non ho parole! mandatelo a Striscia la Notizia e sputtanateli!

    RispondiElimina
  138. ma potete tenere aggiornati noi scandalizzati lettori in caso vi muoveste in qualche modo per denunciare la cosa? non si può sempre fargliela passare liscia....cazzo stiamo parlando di sanità pubblica!!!! meglio che chiuda qui se no non so dove posso arrivare....

    aspettiamo notizie di ribellione :)

    Eli

    RispondiElimina
  139. Secondo me è la solita leggenda metropolitana tutti dati anonimi, però fa molta scena e si raccattano decine di commenti...

    RispondiElimina
  140. io non ho parole...

    c'è d'aver paura d'essere italiani... e donne

    RispondiElimina
  141. Ma veramente qualcuno crede a questa stronzata?

    Cerchiamo di non essere ridicoli e di dedicarci a battaglie vere.

    RispondiElimina
  142. comunque avete tutti i diritti di farvi fare il pap-test e di essere chimate di conseguenza mignotte, perché non dovete vergognarvi di essere chiamate per quello che siete...ovviamente io sono per le mignotte libere...più sono, meglio é

    RispondiElimina
  143. Le donne moderne devono pagare dazio, alla loro sfrontataggine, alla loro disinibizione, devono accettare i comportamenti di risposta,altrettanto sfrontati, il loro stile di vita che le etichetta chiaramente e giustamente come mignotte. Se sei mignotta dentro inutile farti ricrescere i peli, la gente di tratterà come è giusto che sia come una zoccola...che del resto ha tutto il diritto di un pap-test... tuttavia essendo soggetti maggiormente a rischio opterei per un ticket maggiorato!!!

    RispondiElimina
  144. xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

    RispondiElimina
  145. Per l'ultima persona che ha scritto da sciovinista e maschilista:FATTI GLI AFFARI TUOI SE UNA DONNA VUOLE FARE COME CREDE!!! Per caso ti è andata male con qualcuna?
    E' vero, stiamo proprio tornando indietro, nel medioevo!!! Anzi, credo che fossero più rispettate dopotutto!!!

    RispondiElimina
  146. Ma perché credere alla cosa? è palesemente una falsità.

    RispondiElimina
  147. La cosa non mi stupisce affatto... il nostro è un paese di falsi moralisti. Magari lo stesso medico che le ha detto di tornare quando sarebbe stata più "a posto" la sera prima di tornare a casa va a mignotte. Più sono moralisti e più sono porci. Comunque, io consiglio una segnalazione alle Iene...

    RispondiElimina
  148. Dopo tutto questo bailamme, e nessun dato certo, dove perlomeno si fa il nome della struttura dove il fatto e' avvenuto, comincio seriamente a credere che sia una colossale bufala. Invito il proprietario di questo blog (di cui ho stima) trovando il suo blog molto arguto e di spessore, di metterci a conoscenza dei fatti integralmente. Grazie.
    Tiziana

    RispondiElimina
  149. Cosa unisce l'obiezione di coscienza (religiosa) e la fica depilata ?

    RispondiElimina
  150. Senza voler mancare di rispetto al tenutario di questo blog né alla vittima, per me c'è qualcosa che non torna, un dettaglio, un'informazione che manca. Magari dei piercing che hanno preteso venissero tolti prima della visita?

    RispondiElimina
  151. anche in questo caso berlusconi , c'ha rincoglionito gli itali... e pure lui stesso

    RispondiElimina
  152. L'Italia è un paese integralista. Questo è un fatto innegabile. L'obbligo del crocifisso nelle scuole, per esempio. O l'atteggiamento consensiente nei confronti del burqa. Come puoi opporti senza andare in contraddizione con le vesti delle suore? La mancanza di uno stato laico è il grande problema del nostro paese. L'episodio riportato in questo post, se vero, è il risultato di un integralismo ottuso che niente ha a che vedere con l'etica, che a prescindere dalle convinzioni religiose, è di tutti.

    RispondiElimina
  153. Sinceramente, è una storia talmente assurda da non sembrare neppure vera. In ogni caso, se mi è consentito, la riproduco pure sul mio blog. Se ci fosse una giustizia, certe cose non dovrebbero rimanere impunite.

    RispondiElimina
  154. Davvero assurdo, questa è discriminazione...altro che obiezione!ma che vuol dire? anche le prostitute, e non è questo il caso, hanno diritto all'assistenza sanitaria...basta correlare la sanità alla morale!che cavolo lo fanno a fare il giuramento di Ippocrate se poi si rifiutano per ogni stronzata di fare il loro dovere??Spero che la tua amica vada fino in fondo!questi medici idioti meritano il giusto trattamento!

    RispondiElimina
  155. Di discriminazione si tratterebbe se le circostanze fossero vere e comprovate, ma dato che sono passati più di due giorni e di prove o dichiarazioni reali nemmeno l'ombra è lecito ormai dubitare della veridicità dell'accaduto. Forse sarebbe stato meglio evitare di lanciare il sasso senza prima aver fatto opportune verifiche. Di false notizie ne abbiamo fin troppe in rete.
    Armando

    RispondiElimina
  156. ma sempre a cercare il pelo .... nell'uovo ....

    RispondiElimina
  157. in quanto donna (ragazza) e persona che ha appena passato grossi problemi di salute proprio "in quelle zone", mi sento offesa e indignata.

    fossi nei panni della tua amica, denuncerei i medici per razzismo e discriminazione. sì, perchè quella non è obiezione di coscienza, è mischiare le proprie idee con il lavoro, che viene privato di professionalità e che intacca, a mio avviso, il giuramento di ippocrate cui OGNI medico fa riferimento. perciò è anche rifiuto di cure mediche, altro motivo di denuncia.

    come ho detto prima, non può rientrare nella sfera dell'obiezione di coscienza, perchè se così fosse allora diventerebbe puramente discrezionale: ovvero, ognuno potrebbe decidere, secondo il suo estro, chi curare e chi no..per assurdo [ma già questo episodio è assurdo e ingiurioso], potrei trovarmi davanti un medico che si rifiuta di curarmi perchè ho i capelli castani, colore che a lui non piace. ripeto, è un'esagerazione, ma ormai non riesco più a tracciare il confine tra possibile e impossibile.

    RispondiElimina
  158. Andrei volentieri da questi "signori" per una visita ginecologica....ovviamente dopo essermi accuratamente depilata.... sono un'infermiera e devono darmi delle serie motivazioni per quest'assurdità

    RispondiElimina
  159. è evidentemente una balla, sono un medico, sono assolutamente abortista e detesto gli obiettori, ma mi pare una cazzata, su cosa si possono appoggiare per rifiutarsi questi obiettori a quale legge obietterebbero?
    una sciocchezza, ma a quale scopo?

    RispondiElimina
  160. Non sono un medico,peccato,
    diversamnte la visiterei io (gratis)

    RispondiElimina
  161. non sapevo di essere una mignotta anch'io... che bastardi...

    RispondiElimina
  162. E' passata una settimana, nessuna notizia nè aggiornamento, prove neanche a parlarne.

    A questo punto è quasi certamente una balla.

    RispondiElimina
  163. Ma secondo te le prove dovrei darle a un tizio come te, che non si sa nemmeno chi è perché manco si firma? Oppure alle autorità preposte? Suvvia, non dico un po' d'intelligenza, ma almeno un barlume...

    RispondiElimina
  164. Le prove le devi portare in tribunale, qua basterebbe qualche aggiornamento.

    RispondiElimina
  165. Almeno potevi pubblicarla il 1° aprile...
    Io mi domando come la gente possa credere a questa bufala, che parla di integralismo religioso di colpa della Chiesa.
    Ma che cosa c'entra la religione o l'obiezione se una ce l'ha rasata o meno...
    Siete dei boccaloni ridicoli.

    RispondiElimina
  166. Metilparaben ha detto...
    Il nome dell'ospedale, insieme ad altro, verrà reso pubblico presto.

    24 marzo 2009 15.56.00 CET


    Il sospetto che sia una bufala si fa sempre più forte, solo perché, dopo una settimana, non si capiscono i motivi del silenzio.
    Non si capisce qual è la strada che si vorrebbe intraprendere. Una denuncia? Un esposto? Una segnalazione alle iene?
    Credo che un secondo aggiornamento potrebbe fare chiarezza e fugare almeno qualche dubbio, oltre a tenere vivo l'interesse sulla questione che - ho l'impressione - sta scemando.
    oppure potreste contattare la giornalista di e-polis che lo richiede nei commenti al primo aggiornamento (deontologia permettendo).

    Lele

    RispondiElimina
  167. Io li denuncerei, anche se temo che la tua amica rischierebbe di essere bruciata viva in piazza per stregoneria.

    Povera Italia.

    RispondiElimina
  168. Mi pare evidente, spero, MI AUGURO, che sia una bufala..non c'è dubbio, dai. Non ci posso credere e mi rifiuto di farlo. Ma soprattutto pongo e mi pongo la domanda..ma, nel caso fosse malauguratamente (MA NON CI CREDO sia chiaro! ;-) ) vera....obiezione di coscienza A CHE COSA!?
    Comunque CHIARAMENTE pesce d'aprile in anticipo. Tutte le caratteristiche della bufala ci sono. anche il non citare l'ospedale ma usare l'espressione tipica delle bufale "noto ospedale romano" ne è sintomo evidente.

    RispondiElimina
  169. Ho letto tutti, ma proprio tutti, i commenti... ma davvero si pensa che fare il nome dell'ospedale o dei medici pubblicamente sia possibile e doveroso? Una bella denuncia per diffamazione, ecco cosa succederebbe se Metil pubblicasse questi dati!
    Signori, sono tre medici di una struttura ospedaliera contro la parola di una donna... che siano fanatici del pelo o semplicemente degli approfittatori della parcella da chi credete che penda la bilancia della "credibilità"?
    Quelli non aspettano altro che un passo falso, ci vuole pazienza, furbizia, per favore...
    Anch'io avrei chiamato i carabinieri subito, ma questo non significa che chi non ha la prontezza e il carattere di stampare un casino sul posto non possa e non debba essere tutelato, anzi... e la tutela passa anche attraverso il NON divulgare elementi che potrebbero essere usati a discapito e discredito.
    Siamo ormai abituati che di ogni fattaccio riceviamo le notizie in diretta... salvo scivoloni clamorosi (vedi Caffarella). Lasciate che le cose vengano chiarite nelle sedi opportune, altrimenti c'è il rischio che questa ragazza oltre che vittima una volta, lo diventi due!

    Fabiana

    RispondiElimina
  170. ottimo fabiana, finalmente qualcuno che dice qualcosa di sensato. avevo sostenuto all'incirca le stesse cose in un precedente commento, il 25 marzo, ma tu hai saputo scriverle molto meglio.

    RispondiElimina
  171. Va bene, però fra un po' scatta la prescrizione...
    Lele

    RispondiElimina
  172. ma qui ci vuole una gigantesca denuncia!!!le attitudini igieniche della persona (visto che la depilazione rientra in una di queste) non è assolutamente un elemento condizionante dell'attività di un medico obiettore, tanto meno il puptest! io un messaggino lo manderei anche a qualche quotidiano...

    RispondiElimina
  173. Hanno fatto bene, anche io amo il pelo!

    RispondiElimina
  174. non fornire assistenza sanitaria è un reato penale

    è gente pagata con le nostre tasse (leggesi: nostri dipendenti), sono OBBLIGATI a fornirci i servizi per cui noi li paghiamo, a prescindere dalle loro etica e morale

    in casi come questi, il paziente è TENUTO ad intraprendere una azione legale, non solo per se stesso quanto per il bene dell'intera comunità

    RispondiElimina
  175. ...sembrerebbe una barzelletta o una storia inventata per una discussione di lana caprina...pelo più pelo meno...non mi risulta che ci sia una obiezione sulla depilazione...tanto più che sembrerebbe che se fosse stata di facili costumi non avrebbero negato la visita (forse l'avrebbero invitata ad approfondimenti a pagamento nello studio privato)...l'episodio non mi sconvolge più di tanto avendo sentito racconti simili con protagonisti persone che lavorano nel pubblico che fanno altretrtanto schifo...e se lei si fosse rifiutata di fare prevenzione? prevale l'obiezione sul pelo o sulla salute?

    RispondiElimina
  176. ma tu dimmi se nel 2009 ci debbano ancora essere sti retaggi pseudo-medievali....

    da parte di medici poi, quindi di gente che è andata all'università, che ha studiato, che dovrebbe avere una cultura....

    siamo proprio alla deriva....

    RispondiElimina
  177. Sarò una goccia nell'oceano ma secondo me non c'è niente di strano. Se l'ospedale non ti piace ce ne stanno tanti altri in Italia, anche con culture completamente opposte a quelle di quest'ospedale, che credo di aver capito quale sia (A.G.). Tu pensa che ci sono ospedali che staccano la spina senza essere certi al 100% del parere del diretto interessato. Poi per carità se continuano a farti schifo gli ospedali italiani puoi sempre andare negli Stati Uniti, però ricorda che se non hai abbastanza soldi nè ti visitano e nè ti curano. Inoltre credo che ritenere moralmente riprovevole l'essere mignotta non sia un crimine contro l'umanità ma il giusto esercizio della libertà di pensiero.
    Davide

    RispondiElimina
  178. @Davide: non capisco cosa c'entri il rifiuto di un esame con le preferenze di pelo di un paziente, perchè è di questo che si sta parlando. La persona che si è presentata, se ho capito, non è che fa la mignotta, semplicemente a lei piace tenersela così...non so se la tua fidanzata si depili o no, affari vostri, comunque poteva trovarsi davanti a eusta situazione. Obiezioni di coscienza in genere non devono essere presenti in strutture pubbliche finanziate anche in parte da soldi pubblici. Non so se è chiaro. Non ci si oppone se un principio è sancito dalla legge. In caso contrario ti dico, non ti sta bene, VAI A FARE IL MEDICO IN UN ALTRO PAESE. Perdonami, ti ho usato la stessa cortesia.

    RispondiElimina
  179. @Ozymandias: Le ho detto ironicamente di andare a cercare altrove perchè lei ha mosso una critica rispetto alla totalità della sanità Italia. Io affermo che non è peggio di tanti altri paesi dove si acclama la libertà dell'individuo (che è in realtà è egoismo puro). Nel merito della questione, non so se sia concesso di essere "obiettore del pelo", certamente è concesso essere obiettore contro l'aborto e contro l'eutanasia. La necessità di garantire medici non obiettori spetta ai dirigenti ospedalieri. Certamente loro possono essere perseguiti se si tratta di un ospedale pubblico. Tuttavia la mia considerazione era rivolta alla persona che si è rifiutata di visitare la paziente. Personalmente non ci vedo niente di abominevole, i problemi degli ospedali sono altri.
    Davide

    RispondiElimina
  180. No, non penso sia concesso essere obiettore del pelo. Nella fattispecie, se rale ciò che accaduto, si è stati obiettori di immagine e condotta sessuale presunta. L'esame era uno di quelli di routine per una donna. Non stavo movendo critiche alla sanità italiana. Personalmente, visto che le opinioni sono concesse, ritengo che le persone coinvolte siano da rimouvere dall'incarico. Quando ci si troverà un medico vegetariano che rifiuta esami agli onnivori, che facciamo? Tanto per ricordare l'esperienza in oggetto era "visita ginecologica periodica e relativo pap-test". Niente di abominevole a riguardo? Si, vero, finchè tocca agli altri.

    RispondiElimina
  181. Sono passati 6 mesi dal post...
    a questo punto possiamo dedurre che trattasi di sòla.
    E devo dire che, sebbene un fatto del genere fosse assolutamente plausibile in quest'Italia bigotta e codina, Meltiparaben ed altri che hanno dato ampio spazio a questa trovata un po' vetero-situazionista hanno fatto uno sbaglio, imho.
    A forza di gridare "a lupo! a lupo!" si finisce per non essere ascoltati quando le cose (vere, serie, gravi) avvengono per davvero.
    Il (non troppo celato) riferimento ai radicali, poi, era risparmiabile: una frottola su internet non fa guadagnare voti... (dove i situazionisti si presentarono alle urne presero sempre delle gran batoste in termini di voti).
    Saluti liberali,
    f

    RispondiElimina
  182. La persona che nella chat sostiene che un obiettore di coscienza non può rifiutarsi di praticare un aborto dice un'enorme vaccata.
    Non capisco perché sui diritti e doveri devono essere sparate parole in libertà.
    Faresti bene a rettificare nel corpo del post, se non vuoi che chi ti legge tragga un'informazione sbagliata. Ma so che non lo farai, perché con la verità si capisce subito che hai un rapporto un po' difficile.

    Vedi, voi pensate di essere i liberali e progressisti in opposizione ai reazionari fondamentalisti, ma la verità è che voi odiate gli obiettori di coscienza perché sono in conflitto con il vostro modo di vedere certe questioni e non perché limitino la vostra libertà.
    Non è un caso se, in riferimento a medici che possono essere utilissimi ai loro pazienti, alla loro struttura e alla società in generale, voi esprimete la convinzione che debba loro essere inibito del tutto l'esercizio della professione per il solo fatto di non praticare un singolo e isolato intervento (che in ogni struttura è comunque coperto da altri medici e quindi garantiti). Voi semplicemente desiderate che spariscano coloro che, tra l'altro in possesso di una preparazione specifica, non la pensano come voi.
    E pensate di essere liberali.



    "Io voglio", "io ho diritto", "lei non può" sono diventate le parole d'ordine del mondo di oggi, condite da ignoranza e tracotanza.

    RispondiElimina
  183. MA CHE BELLA PRESA X I FONDELLI...DEI MEDICI CHE SI RIFIUTANO DI VISITARE UNA PZ XCHE' E' TUTTA DEPILATA...MA NN SIAMO RIDICOLI!

    RispondiElimina
  184. Ridicoli proprio... Vi prego denunciateli! -.-"

    RispondiElimina
  185. E il giuramento di Ippocrate?
    Dove lo mettiamo il giuramento di Ippocrate?
    E poi l'obiezione di coscienza si può ammettere dove ci possa essere un conflitto di opzioni terapeutiche: far nascere un bambino o fare un aborto, in questo caso non ci sono i presupposti per una obiezione di coscienza, la dottoressa va denunciata senza se e senza ma.
    Non c'è proprio limite al peggio...

    RispondiElimina
  186. Io sono un ginecologo.
    Comprendo perfettamente i coraggiosi colleghi. Personalmente mi rifiuto di visitare le donne con iperplasia prostatica, nessuna legge mi impedirà di far valere i miei diritti conquistati con decenni di sacrifici.

    RispondiElimina
  187. @ flblu:

    "wewee
    SEI UNA MERDACCIA"

    E tu dovresti rilassarti. L'iperplasia prostatica è una patologia che colpisce gli UOMINI. Il post di WeWee era IRONICO.

    Fail!

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post