Archive for maggio 2008

No, grazie

9 Commenti »

(DIRE) Roma, 29 mag. - "Il decreto con il quale Guido Stanzani, presidente di sezione del Tribunale di Modena, ha preso atto dell'intenzione di una donna ammalata di Sla di non essere tracheostomizzata allorché se ne fosse manifestata la necessità, affidando al marito il ruolo di garante della sua volontà, è la prova che in Italia il testamento biologico è già in parte operante, anche in assenza di un specifica normativa che lo disciplini". Lo sostiene Alessandro Capriccioli, dell'Associazione Luca Coscioni, responsabile del portale "Soccorso Civile". Soccorso Civile (www.lucacoscioni.it/soccorsocivile), il "portale di autodifesa dal proibizionismo sulla salute dell'Associazione Luca Coscioni", rinnova l'invito a redigere il proprio testamento biologico "utilizzando il fac simile messo a disposizione sul sito". Comunque, conclude l'Associazione Coscioni, "la legislazione sul testamento biologico è comunque necessaria, per consentire anche alle persone sane di essere garantite nel rispetto della loro volontà, senza che per ciascuna situazione specifica di malattia si renda necessario l'intervento di un giudice".
Com/Dis/ Dire)
17:31 29-05-08

P.S. Il Sole 24 Ore ha avuto la bontà di citare la mia dichiarazione: potete trovare l'articolo di Alessandro Galimberti qua, immaginando quale godimento mi abbia dato leggere il mio nome in neretto vicino a quelli della Roccella e di Barragan.

Rivelazioni integraliste

7 Commenti »

La notizia di Davide Marasco, il bimbo di Lecce nato con la Sindrome di Potter, sottratto forzatamente alla potestà dei genitori e sottoposto a terapie invasive e dolorose senza alcuna possibilità di guarigione, ha fatto appena in tempo a diffondersi; ed ecco che stamattina Avvenire sfodera un articolo a firma Enrico Negrotti, il cui titolo è tutto un programma:

Battaglia intorno a Davide. Che vuole farcela.

Non è una notizia straordinaria?
Mentre un Tribunale stabilisce che la madre e il padre del piccolo malato non sono idonei a decidere per la sua sorte, e quindi decreta che non debbano avere voce in capitolo nelle scelte terapeutiche che lo riguardano, un giornale ci rivela di conoscere addirittura la volontà del bambino.
Davide, a quanto pare, vuole farcela.
D'altra parte lo dice Avvenire, mica un signor nessuno.
Altro che i suoi genitori, no?

Tortura neonatale

12 Commenti »

Davide Marasco è nato a Foggia il 28 aprile 2008.
Davide è affetto dalla Sindrome di Potter: niente reni, piedi torti, niente ureteri e vescica, malformazioni al viso, malformazioni intestinali e anorettali, problemi cardiaci; inoltre, poiché gli è mancato l'ossigeno durante il parto, Davide ha probabilmente riportato anche gravi danni cerebrali.
Davide non ha alcuna possibilità di sopravvivenza, dice la letteratura scientifica: eppure il Tribunale dei Minori di Bari, con un vero e proprio atto di forza, ha sospeso la potestà dei genitori di Davide, e ha nominato tutore il primario del reparto di terapia intensiva degli Ospedali Riuniti; il tutto senza interpellare il Comitato Etico dell'ospedale e senza chiedere uno straccio di parere alla madre e al padre del bambino.
Ora Davide è ricoverato presso l'ospedale Giovanni XXIII di Bari, dove è stato trasportato senza che i genitori lo sapessero: è sottoposto a terapie dolorose e invasive, anche se le sue condizioni restano disperate.
Il parere di suo padre e di sua madre non conta nulla: questa petizione serve a chiedere che il provvedimento di sospensione della potestà genitoriale venga annullato, e che venga riconosciuto loro il diritto di esprimersi sul futuro di loro figlio e sui trattamenti medici a cui sottoporlo.
Firmatela, per favore.

Nel sogno con me c'era un uomo

Nessun commento »

name="movie"/>
(Ivan Graziani, Fuoco sulla collina, 1979)

Sesso, prolusioni e videotape

7 Commenti »

Dalla prolusione di Angelo Bagnasco, Presidente della CEI, ai lavori della 58ª Assemblea generale dei Vescovi italiani:

A proposito di media, non può sfuggirci il destino verso cui sta strutturalmente andando la televisione in tutta Europa, ossia la trasmutazione del sistema analogico a quello digitale.
(...)
Il rischio non remoto, dicono gli esperti, è che i nuovi spazi diventino appannaggio delle industrie pornografiche presenti sul piano internazionale.
Dal Corriere del 27 marzo 2008:
PIACENZA - Prima gli ha venduto un filmato porno, poi lo ha ripreso mentre lo guardava. Infine lo ha ricattato, chiedendogli soldi per non diffondere il video. Protagonisti un marocchino, venditore ambulante e clandestino, e un religioso piacentino.
Senza entrare nel merito, Eminenza: non sarebbe un buon metodo per mettere qualcuno dei vostri al riparo da sgradevoli sorprese?

Cambiando l'ordine dei fattori

4 Commenti »


C'è chi si ostina a ripetere che per un figlio sarebbe nocivo avere un padre gay.
Quello che è certo, tuttavia, è che per certi figli gay è nocivo avere un padre.

Peste e corna, satanasso

12 Commenti »


Prima che ricomincino le solite polemiche, e per quel poco che vale, ribadisco sinteticamente (nonché sommessamente) la mia opinione: a mio modo di vedere sparare a un tizio perché sta rubando dentro casa propria è roba da Far West.
A occhio e croce, direi che sarebbe il caso di lasciarla a John Wayne.
Saluti.

Caro Direttore

1 Commento »


Il Riformista di sabato ha pubblicato una mia breve lettera.
Ve la incollo qua sotto, non senza rilevare che ormai sui giornali scrivono proprio porci e cani.
Saluti.
Caro direttore, l'ex Presidente del CNB Francesco D'Agostino scrive, su "Avvenire" di oggi (ieri ndr.), che le coppie omosessuali non manifestano istanze di tipo sociale, ma di ordine psicologico e simbolico, che sono mimetiche, strutturalmente fragili e incapaci di difendersi senza l'aiuto degli altri. Non è che finiremo addirittura per rimpiangere i tempi nei quali per insultare gli omosessuali ci si limitava a dar loro dei froci?
Alessandro Capriccioli
Membro di Giunta dell'Associazione Luca Coscioni

La gogna di Metilparaben

31 Commenti »


Alcuni dei commenti che ricevo su questo blog (rigorosamente anonimi, ci mancherebbe altro) sono dei veri e propri piccoli capolavori.
Prendete, ad esempio, ciò che mi scrive questo simpatico amico:
GLI OMOSESSUALI NON POSSONO FORMARE UNA FAMIGLIA PERCHE' NON ESISTE CHE UN BAMBINO O UNA BAMBINA VENGA EDUCATA DA DUE UOMINI E' ASSURDO COME GLI INSEGNANTI NELLE SCUOLE........SONO CONTRO LE COPPIE GAY E RIMANGO DELL'AVVISO CHE SE PROPIO VOGLIONO SPOSARSI CHE LO VADANO A FARE IN SPAGNA O SE VOGLIONO IL GAY-PRIDE (SCANDALOSO CHE VOGLIANO UN CONTRIBUTO DALLO STATO MA DOVE SI E' MAI VISTO ? FORSE NEL PRECEDENTE GOVERNO?) CHE VADANO IN BRASILE. VIVA LA FAMIGLIA.
Preliminarmente, si notino il carattere stampatello (sagace espediente per conferire a quanto si afferma maggiore autorevolezza), la quasi totale assenza di punteggiatura (stream of consciousness, gente, mica si pettinano le bambole da quelle parti), il generoso utilizzo dei puntini di sospensione (stile "Cioè", roba da ggiovani).
In seconda battuta, evidentemente, si tratterebbe di entrare nel merito; operazione che quest'oggi, amici miei, preferisco lasciare a voi: conciatelo per benino, l'anonimo starnazzante, utilizzando lo spazio dei commenti a questo post.
L'unica cosa che vi chiedo, per ovvi motivi, è di evitare gli insulti gratuiti: per il resto, questa è a tutti gli effetti una pubblica gogna.
Il nostro amico se la merita tutta.

Tell us to stop before we've begun

Nessun commento »

(Donald Fagen, "Maxine", da "The Nightfly", 1982)

Contorsionismo omofobico

9 Commenti »


Francesco D'Agostino, ex Presidente del Comitato Nazionale di Bioetica, su Avvenire di oggi:
La pretesa dei gay di ottenere per le loro convivenze un qualsiasi riconoscimento legale (fino a quello matrimoniale) non ha motivazioni sociali, ma solo psicologiche e simboliche, motivazioni che dimostrano il carattere mimetico delle unioni omosessuali (rispetto a quelle eterosessuali) e la loro strutturale fragilità (un’unione intrinsecamente forte si difende tranquillamente da sola, senza chiedere aiuto al diritto).
Allora, amico omosessuale, armiamoci di dizionario e ricapitoliamo.
Tu chiedi che ti vengano riconosciuti dei diritti, ma lo fai esclusivamente con motivazioni psicologiche (cioè, presumibilmente, per placare un disagio che ti porti dentro) e simboliche (il che equivale a dire che te ne frega poco e niente della tua unione in sé e per sé: semplicemente, miri ad ottenere una specie di marchio di qualità, per poi sbandierarlo ai quattro venti); come se non bastasse, inoltre, la tua relazione sentimentale è mimetica (ossia è riconducibile più alla situazione e all'ambiente circostanti, piuttosto che ai tuoi reali convincimenti) , strutturalmente fragile (cioè fragile per definizione, in quanto omosessuale) e incapace di difendersi senza chiedere aiuto agli altri (quanto al motivo per cui essa si debba trovare nella condizione di difendersi, tuttavia, non è dato sapere).
Questo, amico omosessuale, è quanto.
Di' la verità: non era meglio quando si limitavano a darti del frocio?

Cronache del terzo millennio

12 Commenti »


Era un bel po' di tempo che non mi cimentavo in un post compilativo come si deve.
L'opportunità, questa volta, mi viene fornita dalla notiziola apparentemente trascurabile che vedete nella figura sopra: chissà se tirando fuori tutte le notizie analoghe degli ultimi anni e piazzandole una in fila all'altra, mi sono detto, riesco a mettermi paura.
E così ho fatto, adoperando appena un minimo di pazienza (giacché un laicista come me certi link li tiene da parte, pronti da utilizzare alla prima occasione utile) e con la consapevolezza che per ogni segnalazione recuperata ce ne sarà almeno un'altra che manca: il tempo, d'altra parte, è quello che è, e in questo periodo il lavoro non mi consente di produrmi in ponderose ricerche d'archivio.
Lascio a voi il compito di giudicare se l'elenco che segue, ancorché fatalmente incompleto, sia o non sia spaventoso: oltre a quello, forse più importante, di riflettere su alcuni inesplorati aspetti della cosiddetta "emergenza sicurezza".
In altre parole: siete certi che siano davvero i rom, quelli di cui avere paura?
13.05.2008
Taranto: abusi su minore, arrestato diacono;
21.05.2008
Pedofilia, l'ex vescovo di Como indagato per favoreggiamento;
10.05.2008
Quattro anni al prete pedofilo;
17.04.2008
Sacerdote condannato per violenza sessuale;
17.02.2008
Oriolo Romano: pedofilia, parroco condannato a 4 anni;
12.01.2008
Prete a giudizio per molestie;
21.12.2007
In manette un vice parroco: è accusato di violenza su un 12enne;
27.11.2007
Brescia: sacerdote arrestato per abusi;
22.09.2007
Foto porno nel pc del prete indagato;
08.08.2007
Abusi, coinvolto un terzo sacerdote;
13.07.2007
Prete condannato per violenza su ragazzina;
06.07.2007
Prete condannato a quattro anni per pedofilia;
31.05.2007
Molestate al catechismo sacrestano va a processo;
24.05.2007
Violentava bambini in Nicaragua: Parma, missionario condannato a 12 anni;
22.05.2007
Pedofilia, la Curia ammette indennizzo per l' ex seminarista;
13.05.2007
Molestie a cinque bambini prete finisce ai domiciliari;
05.05.2007
Roma: prete condannato per pedofilia;
10.04.2007
Abusi in parrocchia, inchiesta a Firenze;
07.02.2007
Atti sessuali con 13enne, arrestato sacerdote;
23.01.2007
Bimbe molestate prete sotto accusa;
09.01.2007
Arrestato mesi fa in segreto prete pedofilo presto a giudizio;
16.11.2006
Napoli, parroco arrestato per pedofilia;
30.10.2006
Pedofilia, 227 testi a processo contro sacerdote;
07.11.2006
Prato, prete arrestato per pedofilia;
11.10.2006
Cesenatico, arrestato sacerdote: prostituzione e abusi sessuali;
16.09.2006
L' ex parroco Bertagna esonerato dalle funzioni;
07.09.2006
Milano, arrestato sacerdote pedofilo: violenza sessuale su tredicenne rom;
23.08.2006
Violenza sessuale: arrestato parroco;
27.05.2006
Custodia in carcere per prete pedofilo;
05.04.2006
Pedofilia, arrestato ex parroco a Pomezia;
29.03.2006
Stupra un ragazzo, prete fermato;
23.01.2006
Cosenza, violenza su una suora: arrestato un sacerdote molto noto;
26.11.2005
Abate confessa decine di abusi su minori;
22.07.2005
Patteggia un anno e otto mesi il prete che insidiò la ragazzina;
13.07.2005
Pedofilia, parroco arrestato;
05.07.2005
Pedofilia, sacerdote in manette: adescava i ragazzini con un gelato;
01.06.2005
Abusava di una donna in affidamento: sacerdote arrestato a Milano;
03.03.2005
Violentò ragazzina, prete condannato;
01.07.2004
Abusi sessuali in seminario il prete chiede di patteggiare;
26.06.2004
Prete pedofilo scoperto ad Albisola;
26.02.2004
Quel prete mi violentò, parroco arrestato;
30.01.2004
Sono il prete, stai zitta con tutti;
14.10.2003
Suicida la vittima di un prete pedofilo;
18.04.2003
I ragazzini del paese mettono nei guai il prete;
03.01.2003
Bimbo registra le molestie sacerdote accusato di abusi;
04.09.2002
Abusi e violenze in seminario sotto inchiesta un sacerdote;
01.05.2002
Preti pedofili in Italia 7 casi;
15.03.2002
Pedofilia, parroco sotto processo;
17.02.2002
I bambini fanno arrestare un prete;
28.11.2000
Violenze su minori doppia condanna per maestro e prete.

Lettere non pubblicate: ribaltamenti (al Riformista)

Nessun commento »

E' quantomeno curioso che il settimanale "Famiglia Cristiana", nel teorizzare la necessità di modificare la Legge 194, accusi "Pannella e la solita rumorosa pattuglia radicale" di sostenere che l'aborto sia una questione di coscienza, rivendicando come propria l'idea secondo cui esso debba invece rivestire rilevanza pubblica.
A quanto risulta allo scrivente (che di quella pattuglia fa rumorosamente parte) sono state proprio le battaglie radicali a far emergere il fenomeno dell'aborto clandestino, rendendo in tal modo pubblica una problematica fino a quel momento relegata non solo nella sfera del privato, ma nella vera e propria illegalità. Ed è invece il fronte clericale, di cui Famiglia Cristiana si rende autorevolmente portavoce, a insistere che l'aborto costituirebbe una "questione di coscienza" (e come tale stavolta sì, privata), sostenendo che la sua concreta applicabilità debba essere rimessa alla valutazione discrezionale del singolo medico. E' questo ciò che avviene, tanto per fare un esempio, nel caso dell'aborto terapeutico, la cui opportunità, secondo i detrattori della 194, dovrebbe essere valutata in base alla coscienza (si ripete, privata) del ginecologo di turno, perfino in contrasto con la volontà della donna.
La sensazione è che con questo acrobatico ribaltamento delle categorie di pubblico e di privato Famiglia Cristiana stia semplicemente cercando di pescare nel torbido e confondere le acque, con l'obiettivo di fare in modo che l'aborto torni nella sfera più privata che esista: quella della clandestinità, cui la legge 194, nonostante i revisionismi che si affannano a negarlo, l'ha sottratto.
Alessandro Capriccioli, Roma

Videodediche

5 Commenti »

1. The sinners are much more fun


------

2. And if You're a lesbian, don't be a mum


-----

3. Vasu ti baro nebo avi ker


Chapeau, Terminator

5 Commenti »

«La mia libertà finisce dove comincia la vostra». (Martin Luther King)
«Per me il matrimonio è tra un uomo e una donna, ma non voglio obbligare tutti ad andare nella mia direzione». (Arnold Schwarzenegger)

Informazione, altro che obiezione

3 Commenti »

Allora, gente, cercherò di essere sintetico.
Il 22 maggio, in occasione del trentennale della legge 194, gli Studenti Coscioni per la Libertà di Ricerca organizzano tavoli di informazione sessuale nelle università e nelle scuole italiane.
Questi giovani senzadio, non senza trovarmi pienamente d'accordo con loro, mi segnalano infatti che "la diminuzione degli aborti avutasi a seguito dell’emersione dell'illegalità può proseguire soltanto grazie alla diffusione dell’uso degli anticoncezionali, tra cui la pillola del giorno dopo. Tuttavia, in un’epoca in cui i cosiddetti obiettori di coscienza negano l’erogazione di un servizio pubblico – imponendo di fatto la propria coscienza come etica di stato – procurarsi la ricetta per la contraccezione di emergenza diventa una lotta per l’esercizio di un proprio diritto".
Io, ahimè, non vado più a scuola da un bel po': però a questi ragazzi, che sono davvero in gamba e ce la stanno mettendo tutta, una mano cerco di darla lo stesso, diffondendo la loro iniziativa e invitando gli studenti che leggono questo blog a organizzare un tavolo di informazione nella loro università o nella loro scuola.
A questo indirizzo potrete trovare il materiale da stampare e da portare ai tavoli: la petizione per l'abolizione della ricetta della pillola del giorno dopo da far firmare, nonché i volantini informativi da distribuire; chi volesse organizzare un tavolo davvero fighetto, e quindi avesse bisogno di altri gadget (copie dell'Agenda Coscioni, bandiere, Atti del Congresso Mondiale per la Libertà di Ricerca Scientifica, magliette dell'Associazione Luca Coscioni), potrà contattare gli Studenti Coscioni a questo indirizzo e-mail.
Che volete di più?
Datevi da fare, ragazzi, se avete una giornata libera.
Perché i tempi sono quelli che sono.

Interferenze

5 Commenti »

Il Ministro Franco Frattini risponde alle critiche dei ministri spagnoli sulle politiche dell'immigrazione adottate in Italia:

«Basta invasioni di campo: non sono accettabili dichiarazioni di ministri che interferiscono con l'attività di un governo eletto dai cittadini italiani».
Ah, no?

Excellent: i miei primi cinque

8 Commenti »

L'Estinto mi fa l'onore di citarmi tra i cinque blog che considera eccellenti; come capita spesso in questi casi, la regola prevede che chi viene citato debba a sua volta citare altri cinque blog che ritiene particolarmente interessanti.
Mi sono prestato più di una volta a simili giochi, pescando i bloggers dalla mia blogroll (se ci sono, mi piacciono tutti, evidentemente) ma senza concentrarmi mai sui cinque (o tre, a seconda del gioco) che davvero ritenevo i migliori: cosa che invece mi appresto a fare in questa sede, indicando (senza motivazioni, ché non ce n'è bisogno) i cinque bloggers che ritengo realmente eccellenti; i quali sono autorizzati, sia detto per inciso, a domandarmi chi cazzo mi creda di essere per affermare che sono bravi.
In rigoroso ordine alfabetico:

  1. Adlimina
  2. Aioros
  3. Lalli & Regalzi
  4. Malvino
  5. Rip
Gli esclusi possono iniziare a tirare un sospiro di sollievo.

Anticipazione clericale

1 Commento »

Dal sito "Otto per Mille" della CEI:

Il sistema prevede un periodo di tempo pari a tre anni per contare le scelte espresse dai contribuenti. In attesa di conoscerle in dettaglio, e di operare in base a queste la relativa suddivisione dell'otto per mille, lo Stato anticipa ogni anno alla Chiesa Cattolica una somma, successivamente precisata tramite conguaglio nel momento in cui le scelte saranno note.
Sarebbe interessante sapere per quale motivo la Chiesa percepisce i soldi dell'otto per mille in anticipo, mentre le Associazioni di Volontariato, le Onlus, le Associazioni di Promozione Sociale e gli Enti di Ricerca debbono ancora ricevere i quattrini del 5 per mille relativi al 2005.
E poi insistono a dire che i privilegi del Vaticano sono una farneticazione dei laicisti come me...

Suggerimenti per il prossimo Carnevale

Nessun commento »

Libertà obbligatoria

4 Commenti »

Marina Corradi su Avvenire:

Perché in realtà di destra, di sinistra, di ideo­logia e anche di politica, almeno così com’è, agli italiani oggi non importa molto. Forse ci vuole qualcosa di con­creto per tornare a crederci: iniziare a dire che i figli sono un patrimonio co­mune, da riconoscere e sostenere. Da­re coraggio, a chi trova il coraggio di a­vere figli. Ricominciare, in quest’Italia stanca, dai bambini: o, almeno, dalla libertà di averne.
Sbaglio, o la libertà di avere figli implica necessariamente la libertà di non averne?
Qualcuno, per pietà, glielo spieghi.

California Dreaming

Nessun commento »

La libertà non è che una possibilità di essere migliori, mentre la schiavitù è la certezza di essere peggiori. (Albert Camus)

Capisco che la cosa sta diventando ricorrente, ma per gli appassionati c'è una versione ufficiale anche in questo caso. Qua.

Me cojoni!

2 Commenti »

Pochi minuti fa, parlando con un amico, chiarivo che la locuzione romanesca "me cojoni!", tradotta in italiano, equivale a una cosa come "perbacco!", "caspita!", "accidenti!".
E' circostanza nota, tuttavia, che quando si parla di espressioni dialettali le sfumature sono essenziali; il caso di specie non fa eccezione, giacché l'esclamazione in esame, ove pronunciata al momento giusto, assume una decisa colorazione sarcastica nei confronti dell'interlocutore alla quale viene rivolta, finendo quindi per significare qualcosa di più rispetto alle generiche traduzioni proposte in apertura.
Essa risulta particolarmente appropriata, ad esempio, allorché qualcuno si trovi a godere di benefici o vantaggi notevoli, ma cerchi di minimizzarne la dimensione e/o di farli passare in secondo piano, affinché essi non vengano percepiti dagli altri nella loro reale portata; il dialogo esemplificativo qua sotto sarà di aiuto nell'illustrazione di quanto appena espresso:

Metilparaben: "Che hai mangiato stasera a cena?"
Amico: "Mah, niente, un piatto di pasta..."
Metilparaben: "Pasta come?"
Amico:" Con gamberi, zucchine e porcini, ma ti ripeto, niente di speciale..."
Metilparaben: "E poi?"
Amico: "Mmm poi una cosetta, un secondo, ma proprio un assaggio..."
Metilparaben: "Cioè?"
Amico: "Guarda, un'aragostina bollita, semplice semplice, e due (proprio due eh) asparagi selvatici".
Metilparaben: "Apperò. E da bere?"
Amico: "Poca roba, un paio di bicchieri di Veuve Cliquot..."
Metilparaben: "E me cojoni!"
Se la spiegazione è stata esaustiva, vi invito a fare un esercizio: leggetevi la notizia secondo cui le prossime visite del vicario di Cristo in varie località italiane costeranno ai comuni interessati una cifra quantificabile in circa 6 milioni di euro.
Dite la verità, non è un esempio perfetto?

Meglio morta che lesbica

Nessun commento »

Dopo "meglio fascista che frocio" e "meglio malata che troia", ecco a voi un'altra versione remixata dell'adagio.

L'Associazione Luca Coscioni su MySpace (e non solo)

1 Commento »

L'Associazione Luca Coscioni per la Libertà di Ricerca Scientifica è oggi anche su MySpace, con una nuova pagina piena di informazioni, foto, video e altro ancora: naturalmente invito tutti a visitarla, a linkarla e ad aderire alla causa.
Inoltre, siccome le presenze dell'Associazione sulla rete tendono a moltiplicarsi, vi riassumo qua sotto tutti i posti in cui è possibile trovarla: basta cliccare sui simboli.
Saluti.

Nel nome del padre

3 Commenti »

Assuntina Morresi su Avvenire:

Consentire a coppie lesbiche l’accesso alla procreazione in vitro, invece, significa cancellare il padre, con tutto quello che ne consegue sul piano simbolico e concreto.
Non si può negare che "concreto", in certi casi, sia la parola giusta.

1 + 1 = 2

2 Commenti »

Corriere del Mezzogiorno, 23 aprile 2008:

Corriere del Mezzogiorno, 13 maggio 2008:

Per gli amanti del genere, la versione ufficiale.

Discrezione clericale

2 Commenti »

Come vi ho già detto, soffro di buona memoria.
Così, leggendo sul Corriere della Sera che il Vescovo Alessandro Maggiolini è indagato per favoreggiamento a un prete pedofilo, mi è tornato in mente un suo articolo sul Giornale dell'anno scorso: in quel corsivo il nostro amico si scagliava contro "Quei preti devoti all'esibizionismo", lasciando intendere di essere un tipo assai incline alla riservatezza.
Quanto alla differenza tra discrezione e omertà, fate un po' voi.
Un dizionario qualsiasi dovrebbe essere più che sufficiente.

Una ferita nella società italiana (*)

17 Commenti »

Gli embrioni e i feti - dice - fan le spese
di quel legiferar turpe e distorto
che avendo reso lecito l'aborto
ha aperto una ferita nel paese.

Sapete che a fatica lo sopporto,
ma oggi due parole vanno spese
per prendere di Ratzi le difese:
parla di una ferita, e non ha torto.

Peccato non aggiunga, poverino,
che la ferita fu un medicamento,
giacché quell'affilato taglierino

tagliò l'ascesso gonfio e purulento
che chiamano l'aborto clandestino.
Va meglio, Santità. Ma stia più attento.
(*) Ovvero, "Emulando il maestro".

Associazione Luca Coscioni su Facebook

Nessun commento »

Ora l'Associazione Luca Coscioni per la Libertà di Ricerca Scientifica è anche una delle "causes" di Facebook: invito quindi tutti quelli che utilizzano questo network ad aderire e a far aderire i loro amici.
La pagina di Facebook dedicata all'Associazione Luca Coscioni è raggiungibile cliccando su questo link.
In questo momento siamo a 329 membri, e il primo obiettivo sarebbe quello di arrivare a quota 500: vediamo di farcela insieme?

Mi vuoi tutta ciccia e lesbica?

7 Commenti »

Per il fine settimana vi invito a fare un piccolo esercizio: leggete, se non l'avete già fatto, l'articolo del Corriere nel quale Monica Ricci Sargentini parla dei centomila figli di coppie omosessuali che vivono in Italia; dopodiché, se avete altri cinque minuti liberi, fate un salto su Cultura Cattolica e sciroppatevi il commento a quell'articolo ad opera di Fabio Cavallari.
Qualcuno, se ne ha il tempo e la voglia, mi spieghi in parole semplici in quale punto dell'articolo della Ricci Sargentini viene affermato, come Cavallari sembra sostenere, che le istanze degli omosessuali costituirebbero un attacco alla cosiddetta "famiglia naturale" e alle politiche di sostegno che lo Stato dovrebbe destinarle.
L'invito, naturalmente, è retorico, poiché nell'articolo viene semplicemente sottolineato che alcune persone chiedono di vedersi riconosciuti diritti per sé, senza mettere minimamente in discussione quelli legittimamente attribuiti ad altri.
L'esercizio, tuttavia, è ugualmente meritevole di attenzione, specialmente nella misura in cui si riesca a farlo andare al di là del semplice caso di specie; l'argomentazione secondo la quale gli omosessuali sarebbero un branco di guastatori col coltello tra i denti, determinati a fare di tutto per distruggere la famiglia tradizionale ed impedire che le vengano concesse delle agevolazioni, è infatti un vero e proprio cavallo di battaglia del fronte clericale.
Il punto è, tanto per essere chiari, che si tratta di un'asserzione completamente falsa.
Il meccanismo, fateci caso, è di stampo marcatamente pubblicitario: si propone un'affermazione senza fornire alcuna argomentazione logica a suo sostegno, e la si ripete all'infinito per farla entrare nelle zucche della gente come se fosse un dato acquisito.
Qualche anno fa era in gran voga uno spot televisivo nel quale una ragazza, sostenendo di non volersi ridurre "tutta ciccia e brufoli", addentava sorridendo una barretta di cioccolato: col che lasciando intendere che tale barretta, pur essendo tanto buona da soddisfare appieno la sua golosità, non fosse affatto calorica.
La barretta in questione, che tutti conoscerete, si chiama Kinder Bueno, e dalla lettura dei suoi ingredienti (zucchero, burro, pasta di cacao, burro di cacao, nocciole etc.) è chiaramente desumibile che si tratta di un prodotto tutt'altro che dietetico: eppure nell'immaginario delle persone quella barretta viene tuttora considerata il meno calorico tra gli snack al cioccolato; non certo, evidentemente, perché la cosa abbia un fondamento logico di qualche genere, ma semplicemente perché una tipa in jeans e maglietta attillata l'ha ripetuto centinaia di volte tra il TG e il film delle nove.
Ebbene, amici miei, a questo si riduce il livello del dibattito sui diritti degli omosessuali che costoro sono in grado di offrirci: un assortimento di slogan privi di qualsiasi logica ripetuti fino alla nausea, e così facendo ficcati per forza nella testa di chi è troppo distratto per prendersi la briga di verificarli.
"Mi vuoi tutta ciccia e brufoli?", chiede la ragazza della pubblicità, con un sorriso a centoventi denti e i riccioli che spuntano fuori dal casco; a me verrebbe da rispondere che tutto sommato non mi importa della ciccia, né dei brufoli, né della cioccolata, né di quello che che si intravede sotto la sua magliettina leggera.
Mi basterebbe, una volta ogni tanto, poter leggere qualche fregnaccia in meno.

Registrazione, altro che confessione

5 Commenti »

Si sono divertiti a chiamarli in una miriade di modi diversi: costituzionalmente sterili, deboli e deviati, malati, esibizionisti, finocchi, invertiti, ricchioni, culattoni.
Mi scuserete se, per una volta, sorvolo su simili nefandezze, limitandomi a ripetere per l'ennesima volta il solito adagio: si tratta di titolari di diritti, che piaccia o no ai catechisti capillarmente sparpagliati in ogni angolo di questo paese.
Uno di quei diritti, quello di vedere riconosciuta legalmente l'unione con la persona che si ama, di qualunque sesso essa sia, viene sistematicamente negato con irriducibile impegno dai soliti farisei che gridano allo scandalo, stracciandosi le vesti e blaterando frasi sconnesse sulle radici cristiane dell'Europa, sul peccato, sui castighi divini.
La realtà, al di là di questi vaneggiamenti, è che le unioni civili possono essere registrate presso i Comuni di residenza delle persone: e che c'è chi aiuta quelle persone a farlo, specialmente nei casi (molti, per la verità) in cui i solerti funzionari della pubblica amministrazione si ostinano a fare orecchie da mercante.
Se volete saperne di più, fate un salto da queste parti.
Così, mentre i nostri amici vorrebbero che vi andaste a confessare, voi registratevi.
E lasciate che siano loro, a farsi un bell'esame di coscienza.

Metilparaben in trasferta

3 Commenti »

Stamattina quelli di Giornalettismo hanno pubblicato un post scritto da me.
E dire che mi sembrava un blog così ben fatto...

For they belong not to You

Nessun commento »

Poi sale per le scale della scuola insieme agli altri: lo seguo con lo sguardo, finché posso.
Dopo qualche secondo, non lo distinguo più.

Your children are not your children. They are the sons and daughters of life's longing for itself. They come through you but not from you, and though they are with you yet they belong not to you. You may give them your love but not your thoughts, for they have their own thoughts. You may house their bodies but not their souls, for their souls dwell in the house of tomorrow, which you cannot visit, not even in your dreams. You may strive to be like them, but seek not to make them like you.
For life goes not backward nor tarries with yesterday.
(Kahill Gibran, The Prophet, 1923)

Amari raffronti

1 Commento »

Il mio amico Gustavo mi manda una mail, il cui oggetto è quello che potete leggere nel titolo di questo post; quando la apro, ci trovo dentro un link e un paio di righe di testo:

"La fregatura nostra è che temo proprio essere Bagnasco anche figlio unico".
Quando si dice che la classe non è acqua, eh?

Coesione nostra

2 Commenti »

Da un commento (anonimo, ci mancherebbe) su questo blog:

La mafia al sud è una salvezza, se non ci fosse neanche quella sarebbe uno sfascio totale, e invece è una fonte di coesione sociale.
E' proprio vero: non si finisce mai di imparare.

C'è nessuno?

10 Commenti »

Forse sono io, a non essere attento: però non mi pare che (in rigoroso ordine alfabetico, e a titolo meramente esemplificativo) Angelo Bagnasco, Tarcisio Bertone, Giuseppe Betori, Paola Binetti, Luigi Bobba, Nerella Buggio, Rocco Buttiglione, Enzo Carra, Francesco Paolo Casavola, Carlo Casini, Lorenzo Cesa, Francesco D'Agostino, Giuliano Ferrara, Roberto Formigoni, Forza Nuova, Carlo Giovanardi, Alfredo Mantovano, Militia Christi, Assuntina Morresi, Savino Pezzotta, Riccardo Pedrizzi, Joseph Ratzinger, Claudio Risé, Eugenia Roccella, Davide Rondoni, Camillo Ruini, Lucetta Scaraffia, il Trifoglio, Luca Volontè, abbiano scritto una sola riga a proposito della vicenda.
Sarà che i condannati a morte americani hanno smesso di essere embrioni da un pezzo?

A me, invece, per vivere mi tocca lavorare

12 Commenti »

Apprendo dall'Agenzia di notizie cattolica Zenit che un certo Cardinal Toppo, Arcivescovo di Ranchi nonché ex Presidente della Conferenza Episcopale dell'India, si sta dando un bel po' da fare affinché Joseph Ratzinger dichiari un quinto dogma mariano.
In particolare, il porporato sta lavorando senza un attimo di respiro affinché Benedetto XVI si decida a proclamare solennemente quanto segue:

La Madonna è la madre Spirituale di Tutta l'Umanità, corredentrice con Gesù Redentore, mediatrice di tutte le grazie con Gesù Unico Mediatore e avvocata con Gesù Cristo a favore della razza umana.
E poi dicono che non è vero, che c'è chi non c'ha un cazzo da fare dalla mattina alla sera...

Esemplificazioni dell'adagio "disse la vacca al mulo, oggi ti puzza il culo" /20

4 Commenti »

Dare dell'intollerante a chi ha l'ardire di voler togliere i crocifissi dai seggi elettorali, e poi impedire che al funerale di un partigiano si canti "Bella ciao".
Cantate, va', che è meglio.


Si ringrazia per la gentile segnalazione.

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post