E non c'è un cane che mi tenga la fronte

Una volta mi hanno raccontato la storia di un tizio il quale, dopo essere salito su un autobus completamente nudo, ha iniziato a insultare tutti i presenti, poi si è cagato addosso, si è pisciato sui piedi, ha vomitato in faccia al suo vicino di posto e subito dopo, mentre ruttava rumorosamente, si è fatto una sega schizzando in faccia al conducente. Da allora ho sempre pensato che quella scena, sia pure immaginaria, costituisse il limite ultimo dell'indecenza concepibile dalla mente umana. Poi, stasera, ho visto Porta a Porta.

Questo post è stato pubblicato il 04 febbraio 2009 in . Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

7 Responses to “E non c'è un cane che mi tenga la fronte”

  1. Grande. Lo zio Frank sarebbe fiero di te.
    Chi si scandalizza, si fottesse.

    RispondiElimina
  2. Non oso immaginare cosa abbiano potuto dire in quella trasmissione del cazzo...

    RispondiElimina
  3. L'ho vista anch'io: ma solo fino ad un certo punto.
    Ciao Ale (sono Dyo).
    Ma non "quel" Dio, eh?

    RispondiElimina
  4. Ma lascia perdere. Sono rientrato ieri sera e mia madre stava guardando quello.
    Non sono riuscito a prendere sonno fino alla 3.00 per il disgusto e la rabbia.

    RispondiElimina
  5. non so cosa abbiano potuto dire perchè non l'ho visto, ma immagino fosse indecente

    RispondiElimina
  6. La domanda è: perché Vespa può andare in onda in seconda serata e per vedere "Weeds" in prima visione bisogna aspettare l'una e quaranta?

    RispondiElimina
  7. ma ancora state ad assumere porta a porta? magari senza nemmeno un amico fidato che resti sobrio e a portata di mano? e poi vi lamentate. ve la siete cercata. la tivù itagliana fa male alla salute, lo volete capire?

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post