Una pausa a mia insaputa

Ieri qualcuno mi ha fatto notare che la perdurante assenza di nuovi post nel mio blog non è stata preceduta da alcun annuncio.
Avresti potuto scrivere che andavi in vacanza, mi diceva quel qualcuno, dare appuntamento ai tuoi lettori a settembre e goderti il meritato riposo dopo aver avvertito chi ti segue.
Tutto giusto, ci mancherebbe: sta di fatto, però, che le cose non sono andate esattamente così.
La verità, quella vera, è che anche nel posto in cui sto trascorrendo le ferie disporrei di tutti gli strumenti tecnici per continuare a postare; nondimeno, avevo effettivamente bisogno -e probabilmente ne ho bisogno tuttora- di un piccolo periodo di sospensione, anche se me ne sono reso conto davvero solo mentre quella sospensione si andava materializzando.
Così, giorno dopo giorno, ho continuato a pensare che avrei ripreso a scrivere qua dentro il giorno dopo, senza accorgermi che di fatto stavo partorendo lo stacco che mi era necessario.
Il che equivale a dire che mi sono preso una pausa a mia insaputa, come direbbe qualcuno.
C'è tanta roba, dentro questa pausa, ma si tratta di roba che è piuttosto difficile scrivere in un blog, anche volendo farlo.
E forse, oltretutto, non voglio.
Ricomincerò a postare molto presto.
Nel frattempo, raccolgo le idee.
Sent from my Blackberry®

Questo post è stato pubblicato il 19 agosto 2011. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

10 Responses to “Una pausa a mia insaputa”

  1. Un periodo sabatico! Speriamo non un anno. Comunque non puo che giovare. Intanto grazie.

    RispondiElimina
  2. ok tutto giusto! ma non capisco perchè tu abbia sentito il bisogno di scrivere questo post, anzi forse si: libero di non scrivere e libero di scrivere...ok tutto giusto! ciao, buon relax e buon ozio (necessario)
    Cosetta

    RispondiElimina
  3. non scrivere è a volte più efficace che scrivere

    RispondiElimina
  4. Potevi rispondere ai curiosi come rispondeva il grande Celine (alla domanda Dove va? - i.e. cosa fai, perché non posti, ecc...):

    Vò dove mi porta il cazzo.

    semplice, diretto, chiaro. adeguato.

    RispondiElimina
  5. Comprendo perfettamente il tuo stato d'animo essendo anche io un blogger. Goditi il riposo, questa volta consapevolmente, raccogli le idee e presto ci rileggeremo virtualmente.

    RispondiElimina
  6. Un abbraccio e buona riflessione! Noi ti aspettiamo qui

    RispondiElimina
  7. Buona pausa Alessandro, lascia lavorare la composta e abbi fiducia. Noi ti aspettiamo qui ;)

    RispondiElimina
  8. Buona così Metil, non ti preoccupare, goditi le vacanze e cerca di tornare in forma che si preannuncia un autunno "interessante"! ;-)

    RispondiElimina
  9. "E forse, oltretutto, non voglio"... sarai mica a Rimini pure tu? Ormai ci vanno tutti :P

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post