Invece tu, invece fumi

A me dava la sensazione di essere diventato un tantino nazionalpopolare, Lucio Dalla; ma forse è un destino che prima o poi tocca a tutti, eccezion fatta per quelli che si calano nella parte dei non nazionalpopolari di regime, in quanto tali del tutto simili -per non dire funzionali- agli altri, e per i pochissimi che restano fuori dal gioco fino alla fine ma non contano, perché sono fuoriclasse veri.
Se ne parlava -e un po' se ne cantava- proprio l'altra sera, sul divano di casa, con una chitarra in mano, ripercorrendo alcune cose belle fino al 1980 con particolare riferimento a "Anidride solforosa", "Non andar più via" e "Cara", passando un attimo per "Com'è profondo il mare" e "Tango", non senza rilevare che "L'anno che verrà" sarebbe ancora un gran bel pezzo, se non fosse che l'abbiamo sentito e risentito fino alla nausea.
Poi, come sempre da che mondo è mondo, succede che uno muore (di solito qualche secondo dopo la pubblicazione della notizia su Wikipedia), e io mi astengo dalle commemorazioni perché le trovo abbastanza inutili anche quando non sono retoriche.
Però l'altra sera, a un certo punto, è venuto fuori 'sto pezzo qua, che è una meraviglia anche se è del '93, e non metterlo su sarebbe un peccato.
Saluti.

Questo post è stato pubblicato il 01 marzo 2012 in . Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

7 Responses to “Invece tu, invece fumi”

  1. si molto bella, l'ha pubblicata quando infuriavano le guerre nei balcani, o almeno io l'ho collegata a quello,
    pure io l'anno che verrà l'ho cantata fino alal noia, sarà che quando si andava in vacanza in tenda non c'erano ancora mezzi portatili per ascoltare musica
    grazie

    RispondiElimina
  2. dopo tanti anni di successi è difficile non diventare nazionalpopolare....Non mi sembrava male, non l'ho mai conosciuto, ma le sue canzoni mi piacciono tanto. Sono di quelle che passeggiando ti affiorano e inizi a canticchiare...

    RispondiElimina
  3. Ciao Metil,
    concordo pienamente sulla piega che aveva preso Dalla, ma anche sulla grandezza geniale di tanti suoi pezzi... Lucio Dalla è stato uno dei pochissimi artisti in grado di commuovermi fino alle lacrime o di farmi venire la pelle d'oca nel riascoltare suoi pezzi da tempo dimenticati (come quello che hai postato).
    Mi fa piacere trovarmi daccordo con la tua scelta di canzoni, e infatti ecco un mio post di un anno fa:
    http://pasquinando.wordpress.com/2011/02/17/contrasti-casuali/

    RispondiElimina
  4. Grazie per questo pezzo, hai ragione, è fantastico….ricorderò Lucio, come tutti……
    Roberta di inpdap prestiti

    RispondiElimina
  5. Sei l'unico ad aver postato il pezzo di Dalla che amo di più, grazie.

    Domani, domani, chi lo sa che domani sarà

    RispondiElimina
  6. Riscrivo volentieri..

    Lucio Dalla, una persona che ha fatto i milioni (decine di?) scrivendo canzonette.
    Avrebbe potuto cambiare molte cose dando, per esempio, meta` dei milioni che ha guadagnato in beneficenza o facendo l` attivista contro molte delle cose che non vanno (guerre, etc.).
    Non mi risulta che sia andato piu` in la` di un paio di prese di posizione (se ci sono state..).
    Molte persone hanno fatto del bene a questo mondo, ma il mondo non ha perso molto con la morte di Lucio Dalla.
    Anzi, forse ci abbiamo pure guadagnato qualcosa.

    Gigi

    RispondiElimina
  7. il mio video *_* by SuxSayrus :)))

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post