Tornare a piedi, ma senza peccare

L'ultima novità è che il Comune di Roma avrebbe deciso di investire dei soldi -e pure tanti, presumo- per scovare le prostitute attraverso un sistema satellitare.
Niente male, per una città in cui -mi auguro per risparmiare risorse, perché altrimenti sarebbe davvero una beffa- non ci si degna neanche di tenere aperto dopo mezzanotte il sito internet su cui consultare i percorsi dei mezzi pubblici.
La prossima volta che vi troverete in mezzo alla città nel cuore della notte e non saprete come andarvene a casa non rammaricatevi: vi toccherà tornare a piedi o prendervi un taxi, questo è vero, ma nel frattempo la vostra moralità sarà sorvegliata in tempo reale da sofisticate apparecchiature.
Volete mettere la soddisfazione?

Questo post è stato pubblicato il 21 marzo 2012 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

4 Responses to “Tornare a piedi, ma senza peccare”

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Questa del sito chiuso di notte mi era sfuggita. Penso sia un caso unico al mondo. E adesso alè, a scovare le prostitute. Alemanno ma va va vaaa...

    RispondiElimina
  3. @metil
    sei un babbazzo. Potrai collegarti al sito del comune, consultare la mappa delle zoccole aggiornata col gps, determinare la tua posizione e andare dalla lavoratrice più vicina. Poi devi solo convincere il pappone a darti un passaggio in auto fino a casa.

    RispondiElimina
  4. La mia opinione e` che la maggior parte delle persone siano contro la prostituzione o per bigotteria o perche`, molte donne, vedono il sesso come un` “arma” per accalappiarsi un marito per cui non vogliono avere rivali che le derubano di tale “arma”.

    Gigi

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post