Abolire la cartamoneta

Furto, rapina, estorsione, corruzione, evasione fiscale, traffico di droga (al netto della legalizzazione, che per me rimane una priorità), sfruttamento della prostituzione (al netto della legalizzazione della prostituzione liberamente scelta, che per me rimane un'altra priorità), sequestro di persona, peculato, ricettazione, concussione.
Tutto questo campionario di simpatiche attività è legato da un unico comune denominatore: l'esistenza della cartamoneta, vale a dire delle banconote.
Senza banconote non si possono rubare soldi, e se si ruba qualche oggetto poi non lo si può rivendere, non si può chiedere il pizzo a un negoziante, non si può chiedere il riscatto alla famiglia di un sequestrato, non si può pagare una prostituta (cosa che, ripeto, riterrei legittimo poter fare alla luce del sole nella misura in cui si tratti di una libera professionista) né soprattutto impadronirsi successivamente dei proventi conseguiti da quest'ultima, non si può vendere droga (cosa che, ripeto anche questa, riterrei giusto poter fare in un regime legalizzato), non si può corrompere un pubblico ufficiale o truccare un appalto, non si può evadere il fisco esimendosi dall'emettere una fattura o uno scontrino.
Ne consegue che basterebbe abrogare la cartamoneta, obbligando chiunque debba ricevere pagamenti a dotarsi di un POS che costa poche decine di euro, per sconfiggere gran parte dell'evasione fiscale e per abbattere quasi tutti i reati contemplati dal codice penale, eccezion fatta per quelli che non sono riconducibili all'ottenimento di ricchezza (stupro e compagnia cantando), sui quali le forze dell'ordine potrebbero quindi concentrarsi in modo pressoché esclusivo.
Si tratta di una misura semplice, tecnologicamente banale e adottabile nel giro di pochi anni.
Poi, come al solito, c'è chi continua a blaterare che poter verificare i pagamenti costituisce un attentato alla libertà dei cittadini: ma trattandosi di un tizio che le libertà personali le ha mortificate tutte, a cominciare da quella di scegliere cosa fare del proprio corpo, forse non vale neppure la pena di ascoltarlo.

Questo post è stato pubblicato il 28 novembre 2011 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

31 Responses to “Abolire la cartamoneta”

  1. La proposta è anche interessante, ma la vedo assai dura.
    Potrei obiettare che anche se è + difficile, ci sarà sicuramente modo di farsi pagare il pizzo con l'iban, o di comprare droga con l'iban, ecc

    RispondiElimina
  2. D'accordo come indirizzo da seguire sul lungo periodo, meno con i metodi che si pensa di adottare per raggiungere il risultato (vedi questo articolo, che non sto a sintetizzare perché chi l'ha scritto ha già detto tutto bene
    http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002670.html)

    RispondiElimina
  3. Caro Metil, mi dispiace, ma una volta tanto la penso agli antipodi da te. Non mi pare proprio il caso di aumentare il potere e il controllo degli Stati sulle vite dei cittadini con l' accesso a qualsiasi transazione; che lo Stato sia un organismo benigno a cui è lecito affidare tutta la privacy mi pare una splendida utopia. Che poi uno come il Signor B. abbia screditato il concetto di difesa della libertà personale è un problema che riguarda lui e le sue forze politiche, non la difesa di quelle libertà!

    RispondiElimina
  4. si continuerà a delinquere con il baratto!

    RispondiElimina
  5. Idea bella nel concetto ma ancora difficile da realizzare all'atto pratico.

    Un POS non costa solo i denari dell'oggetto fisico, ma ha anche dei costi fissi legati ad ogni circuito a cui si vuole aderire più una commissione percentuale su ogni transazione. In caso di eliminazione della cartamoneta, ogni vendita verrebbe automaticamente a costare di più.
    Questo magari non è un problema per i grandi distributori ma, per i piccoli, sono spese che si fanno sentire.

    Inoltre un POS richiede una connessione di rete per funzionare, abbastanza difficile da implementare ad esempio in certi posti di alta montagna, o se sei un operatore che viaggia spesso e deve affidarsi alle reti mobili (specie all'estero). Diamine, il distributore dietro casa mia ha il POS che spesso e volentieri non funziona, ed è cablato!

    Se poi anche la tua connessione funziona perfettamente ma il server dall'altro lato non risponde, non sei più in grado di effettuare o ricevere pagamenti. Come nelle peggiori storie cyberpunk, basta un click sbagliato e non saresti più in grado di comprare o vendere niente.

    Insomma, prima di eliminare la moneta cartacea per quella elettronica, bisogna prima implementare per bene l'infrastruttura economica e tecnologica che permetta di farlo. E in Italia in particolare è un lavoro di ben più di pochi anni.

    RispondiElimina
  6. E' una considerazione interessante che potrebbe in linea teorica trovarmi d'accordo, ma (anche escludendo gli oggettivi problemi pratici: forte dipendenza tecnologica capillare, effettiva erosione di ogni scambio a causa di una commissione per ogni microtransazione, eventuale nascita di un mercato alternativo sommerso con un mezzo di scambio differente, ..) personalmente avrei una preoccupazione decisamente maggiore: se tutto, ma proprio tutto il denaro passa attraverso le banche, le banche avrebbero il potere assoluto.
    Ora ne hanno davvero molto, visto che praticamente emettono moneta al posto degli Stati, ma così non ci sarebbero più limiti. Di nessun genere.

    RispondiElimina
  7. Sarebbe interessante farlo, anche per vedere le economie parallele che si potranno sviluppare, sia basate sul baratto (anche organizzato su internet) che su circuiti alternativi di scambio monetario (Paypal / Bitcoins - like per intenderci, modello 'fatti la tua moneta').

    RispondiElimina
  8. Sono pienamente d'accordo e lo vado ripetendo anche io da tempo, ma al di là del fatto che molti "comuni cittadini" non si fidano dei sistemi di pagamento elettronici (c'è gente che va al bancomat a prelevare i contanti per pagare la spesa, invece di pagare direttamente col bancomat), se anche il POS costa poche decine di euro, le banche applicano commissioni abbastanza pesanti. Se lo stato, in virtù del maggior gettito fiscale, si accollasse i costi di gestione almeno per chi ha un giro d'affari ridotto, sarebbe più facile proporre una cosa del genere.

    RispondiElimina
  9. Mi trovi pienamente d'accordo, però ci sono due problemi:
    - costringeresti chiunque a mettere i propri soldi in banca, bisognerebbe creare una banca italiana online gratuita per tutti i cittadini che fornirebbe un bancomat e la possibilità dell'accredito dello stipendio a tutti
    - i furfanti continuerebbero a fare i furfanti utilizzando cartamoneta straniera

    purtroppo non è un problema di facile soluzione.

    RispondiElimina
  10. A illuso!E te pare che la prima azienda d'Europa,cioè la mafia,si fermerebbe davanti a questo?
    Ma svejate Alessà che te sei addormìto e sogni.

    RispondiElimina
  11. A illuso!E te pare che la prima azienda d'Europa,cioè la mafia,si fermerebbe davanti a questo?
    Ma svejate Alessà che te sei addormìto e sogni.

    RispondiElimina
  12. Vorrei concordare, e in effetti concordo più di quanto non dissenta, però dissento troppo per tacere.

    Perché ti sbagli.

    Già ora, c'è chi il pizzo lo riscuote 2.0, con tanto di fattura e detrazione IVA. Ovviamente, sulla fattura non si scrive pizzo, si scrive qualcos'altro.

    Già ora, c'è chi paga tangenti 2.0: caparra su acquisto immobile, trattativa fallita, e la caparra rimane al concussore.

    Già ora è pieno di magnaccia, spacciatori, ricettatori 2.0 che vanno in giro col commercialista da un lato e il penalista dall'altro.

    La tua soluzione dividerebbe i protagonisti dell'illegalità in tre fasce:
    - quelli ricchi abbastanza, che continuerebbero a pulirsi il culo coi diritti degli altri;
    - quelli non abbastanza ricchi, che si ritroverebbero costretti ancora di più a pagare a uno più grosso di loro per l'uso di sostanze o per qualsiasi altra cosa su cui lo Stato decide di volta in volta di dire chi sì e chi no;
    - quelli troppo poveri per avere il diritto di esistere, quelli che non avrebbero un conto corrente, i clandestini, gl'irregolari, i senzatetto, gli accattoni, i disadattati; che sarebbe di loro?

    Perché, hai ricordato la legalizzazione delle droghe, hai ricordato la regolamentazione della prostituzione ma hai dimenticato di dire che non tutti sono ammessi al vivere civile, non hai parlato di libera circolazione, né del diritto a esistere anche se non si è conformi.

    RispondiElimina
  13. E dato che, per esempio gestisco io tutti i Pos e tu mi rompi i cog.... io ti disabilito il Pos!! Tu e i tuoi figli vi date al saccheggio????

    RispondiElimina
  14. Stai veramente male! E' esattamente cio a cui vogliono arrivare questi dittatori globali in modo da avere il controllo assoluto sulle persone! Fesso ci sei cascato! Problema-reazione-soluzione, come con il "terrorismo" hanno distrutto le liberta fondamentali cosi con la "lotta all'evasione fiscale" cercano di imporre ulteriori misure di sorveglianza... Chi vuole riciclare il denaro con la moneta elettronica lo potra sempre fare e le mafie sono un servizio di questo potere globale, chi ci rimettera saranno i cittadini che se non hanno pagato una rata gli chiudono subito il credito della carta elettronica!

    RispondiElimina
  15. Una riflessione interessante che apre a scenari quasi anti-apocalittici

    RispondiElimina
  16. ma che riflessione interessante...questa dell'aboilzione della cartamoneta è pura follia (per essere gentili)
    è l'equivalente del proibizionismo per la lotta al consumo di alcol o droga

    RispondiElimina
  17. Concorderei, se non fosse per un microscopico dettaglio: tutte le sacrosante volte che usi una di queste carte paghi una commissione. Vado al bar a pagare un caffè e invece di pagarlo 1 euro lo pago 3,25 o giù di lì? Compro il giornale e anche lui mi costa più del triplo? Va bene per grossi acquisti, dove la commissione è praticamente inavvertibile, ma non su quelli piccoli. Prima di parlare di abolire il denaro contante, bisogna valutare questo piccolo, microscopico, insignificante dettaglio.

    RispondiElimina
  18. In linea di assoluto principio l'idea non è male e non è nuova...
    ma in un mondo come il nostro, mi vien difficile pensare di dovere ricorrere a una banca per qualunque transazione! Una banca che mi osserva, che al limite mi può spiare...
    E questo, tuttavia, senza risolvere un bel niente!
    Le grandi truffe, le grandi evasioni fiscali, le tangenti da centinaia di migliaia di euro non sono mai in contanti!!!!!
    Sono sempre frutto di operazioni "virtuali"....
    Quindi, di fatto, otterremo un controllo TOTALE sulle masse di "sfigati" come noi, e i furbi, i disonesti, continuerebbero come prima....
    Certo, lo scippatore dovrebbe accontentarsi di fotterti l'orologio e non il portafoglio, ma quanti scippatori dobbiamo metter insieme per arrivare anche a una sola tangente di un palazzinaro di provincia???

    RispondiElimina
  19. La cartamoneta è stata inventata perché risolve uun sacco di problemi. Il problema vero è che ormai la cartamoneta vale intrinsecamente (ossia per il materiale di cui è fatta, pre quanto carica di sofisticati e costosi sistemi anticontraffazione) 0, o pochissimi centesimi di euro, e i meccanismi finanziari sono così perversi da essere svincoltati dalla vita economica reale della gente. Un pò come per la politica, che ad alti livelli non arriva nemmeno ad accorgersi delle reali esigenze quotidiane comuni della gran massa dei cittadini. Per cui l'eliminazione della cartamoneta la vedo inutile, bisognerebbe forse provare ad eliminare la moneta, tornando a un sistema di similbaratto con parametri sicuri di conversione tra vari tipi di beni e di servizi, dando valore e parametri di conversione per tutto, persino per il tempo la cultura e la vita umana. Ma sono cose da valutare molto attentamente.

    RispondiElimina
  20. e tutti i mercatini rionali? Gli mettiao una bella connesione in rete volante? E quelli che, come me, vanno ai mercatini per vendere i propri oggetti fatti a mano? Il pos viene compreso nel prezzo dello stand in piazza? E se volessi comprere del pesce dal pescatore che è appena tornato con la barca? Il pescatore ha il pos in tasca? Ma via, ma via....

    RispondiElimina
  21. Per chi parla di commissioni in un sistema con un uso limitato delle banconote andrebbero eliminate ( così si stimola l'utilizzo della carta) per chi parla di difficoltà tecniche ( alta montagna, cablaggio) parla semplicemente dell'estremo ritardo delle infrastrutture italiane, sono stato recentemente in australia e anche il paesino più sperduto nell'outback aveva il POS ( funzionava tramite WIMAX che lo collegava alla fibra ottica) non ho quasi mai usato cartamoneta e non ho mai avuto problemi ( per lo più ci pagavo la benzina e non c'erano mai problemi di "cablaggio")

    RispondiElimina
  22. Caro metil, concordo spesso con quello che scrivi, ma questa proposta, perdonami, è di un semplicismo imbarazzante. Spero si tratti di una provocazione, e di non averla capita.

    RispondiElimina
  23. Che sia necessario incentivare sempre più l'uso della moneta virtuale anzichè del contante mi trova d'accordo.

    Che abolire la cartamoneta risolverebbe il problema dell'evasione fiscale mi sembra: "Una cagata pazzesca!" (Fantozzi docet).
    Forse le tangenti multimilionarie le pagano in contanti?
    Forse le società offshore usano i contanti?
    Forse i 1.000.000 trucchetti per falsificare un bilancio riguardano i contanti?

    Insomma, a me pare la classica sparata/formuletta populista da campagna elettorale.

    RispondiElimina
  24. Concordo con coloro i quali dicono che stavolta hai proprio toppato.
    Ma che bella utopia da inguaribile romantico!
    Oltre alle valide ragioni già esposte qui sopra, aggiungo che tra i reati elencati non vedo la corruzione, come dici? E' perchè non si eliminerebbe? E allora di che cosa stiamo parlando? Se non togli quella, qualsiasi altra misura è semplicemente inutile, o sbaglio? Ammettilo, stavolta hai detto una puttanata, una volta su mille capita anche ai migliori.
    Ma la mancia ai nipotini andrebbe dichiarata come donazione? E per le elemosine come si farebbe?
    Cordialmente.

    RispondiElimina
  25. Idea pessima e pericolosa principalmente visto il sistema attuale.
    Mi spiego.
    prima di tutto ogni trasferimento, ogni pagamento via carta di credito costa, le banche si prendono o una percentuale o un importo fisso ad ogni trasferimento anche tramite pos, fintanto che c'è la possibilità di usare la cartamoneta tali costi se li prende chi vende, cioè chi prende i soldi, con la sparizione della carta moneta tutti i costi cadrebbero sull'acquirente cioè su chi i soldi li deve cacciare, in qualsiasi caso le banche guadagnano su ogni operazione (atto di per se iniquo).
    Ogni carta poi ha dei costi di mantenimento che sono mensili o annui (altri soldi nelle casse delle banche ancora iniqui).
    Qualcuno ha pensato cosa succede se un operaio, padre di una famiglia con un soli introito si ritrova un giorno con la carta smagnetizzata? per sostituire la carta ci possono volere anche diverse settimane, cosa fa questa famiglia? Non mangia fino a che non gli rimandano la carta? e invece qualcuno ha pensato ai tutti quei piccoli lavoratori (garzoni, di salumieri, fruttivendoli, bar) che vivono grazie alle mance? o anche ai giovanissimi? la paghetta di un ragazzino, o anche un bimbo di 7, 8 anni che vuole solo comprarsi 20 centesimi di caramelle? che fa esce con la carta dei genitori col rischio di perderla??
    Si è vero ci sono molti lavoratori che operano in nero e con i pagamenti telematici questo sparirebbe, ma siamo sicuri? e peggio siamo sicuri che sarebbe giusto che sparissero tutti, ma proprio tutti i lavoratori in nero? penso a giovani disoccupati o anche lavoratori che fanno lavori salutari per arrotondare (se non proprio per mettersi 4 spiccioli in tasca), gente come giovani imbianchini (o vecchi quelli che prendono una misera pensione e arrotondano con qualche lavoretto), acinini, ecc. ecc.
    Insomma malgrado i buoni propositi di una idea del genere, avrebbe però come effetto che per fermare, regolare i grandi colpirebbe i deboli.

    RispondiElimina
  26. Il prossimo ragazzino omosessuale che finirà fra le grinfie di uno psichiatra cattolico perché scoperto dai suoi genitori (ineccepibili cattolici, di tanto in tanto) ad aver acquistato dei biglietti per il bus usati per andare a trovare il suo compagno grazie all'estratto conto della sua carta di credito o del suo bancomat sicuramente avrà modo di apprezzare l'opinione di Metilparaben su "chi continua a blaterare che poter verificare i pagamenti costituisce un attentato alla libertà dei cittadini".

    RispondiElimina
  27. ci sono i pos che funzionano con le sim dei telefonini, c'è uno che vende i tendaggi al mercato di monte mario che ce l'ha

    RispondiElimina
  28. Ma che vi aspettavate da uno che,da una parte vuole denunciare il sistema e poi vende il banner per due lire (almeno così afferma lui)a coloro i quali stanno determinando il nostro catastrofico futuro.

    RispondiElimina
  29. Spero tanto tu legga i commenti.
    C'è una proposta molto ma molto migliore, con la quale si può fare praticamente quasi tutto quello che dici senza violare assolutamente la privacy. E' descritta abbastanza dettagliatamente qui: http://salviamolitalia.com/2011/11/14/lettera-ufficiale/ ma anche, solo abbozzata, qui: http://investire.aduc.it/comunicato/eliminare+denaro+contante+strada+ineluttabile_19678.php

    Altrimenti purtroppo eccome se c'è il caso di ascoltare chi teme la violazione della libertà personale; sarà un porcaccione che vuol farsi i suoi sporchi comodi, ma sarebbe il primo ad approfittarne nel momento in cui si sapesse ineluttabilmente se compri le poesie di Brecht (o di Bellezza) invece che quelle di Bondi e ci guadagnerebbe assai a vendere i dati sulle tue spese mediche alle assicurazioni. L'occasione farà magari l'uomo ladro, ma toglierla per dare quella al governante di farsi dittatore non funge. EVOLVERE il contante, invece di eliminarlo, questa è una strada sensata, convenientissima, per inciso urgentemente necessaria, ma anche comodissima (ricordiamoci chi siamo), innovativa e possibilissima.

    Personalmente, avessi la garanzia che non si instaurerebbero abusi d'ufficio automatici e dittature vere e proprie, non avrei niente in contrario, né ho niente da nascondere. Ma così è senza dubbio da ogni punto di vista infinitamente meglio senza correre alcun rischio di questi, che altrimenti sembrano inevitabili.

    RispondiElimina
  30. mi immagino le discussioni all'epoca in cui napoleone impose l'uso della carta moneta in tutta Europa:

    - quanto ci costano tutte ste banconote? e chi è che le fa?
    - e se finisce la carta?
    - e se finisce l'inchiostro?
    - le banconote possono prendere fuoco!
    - in piu mi devo pure comprare un portafoglio...
    - e se perdo le banconote? come faccio? muoio di fame?
    - e se esco a cena con mia moglie per il suo compleanno e alla fine mi accorgo di avere dimenticato il portafoglio?? che figuraccia...

    RispondiElimina
  31. caro metil,
    ti saluto da rotterdam, dove quello che dici già avviene: non é stata abolita la moneta, ma si preferisce il pos anche per piccoli acquisti(caffé e sigarette), non c'é il dazio della banca ad ogni transazione, e non puoi aver lavoro senza un conto in banca, questo si che sega l'evasione...
    saluti
    liutprando

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post