Toh, è sparito il blog della Carlucci

Forse Gabriella Carlucci, dopo aver lasciato il PdL, non sapeva cosa scrivere sul blog; oppure, tiro a indovinare, quello che aveva scritto prima strideva un tantino con la decisione assunta in questi giorni: sia come sia, sta di fatto che oggi il blog non c'è più, e al suo posto compare una laconica scritta recante il nome e il cognome della deputata appena approdata all'UdC.
Oppure sono io, che penso sempre male, e si tratta semplicemente di una coincidenza.
Bella grossa, per la verità, ma che volete: a volte succede.

Questo post è stato pubblicato il 08 novembre 2011 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

15 Responses to “Toh, è sparito il blog della Carlucci”

  1. secondo me se non lo scrivevi tu non si accorgeva nessuno, seriamente....quanta gente segue il blog della carlucci?

    RispondiElimina
  2. ancora si può trovare un'ombra... lasciata nel tempo http://web.archive.org/web/20101030065150/http://www.gabriellacarlucci.it/info/

    RispondiElimina
  3. ciao sono gabriella, io non ho più voglia di scrivere, è la stagione, preferisco il telegrafo ora

    RispondiElimina
  4. tutti buoni i politici con i loro siti "vetrina", poi quando hanno paura dei commenti delle persone li chiudono in fretta e furia.

    RispondiElimina
  5. la cosa divertente è che i post sono ancora lì :)
    tipo questo:
    http://www.gabriellacarlucci.it/2009/04/01/blog-caccia-a-sbirro-occorre-combattere-ed-eliminare-anonimato-su-internet/

    RispondiElimina
  6. anche se il link alla lettera al presidente funziona ancora, probabilmente ha solo "sbiancato" lasciando tutti i contenuti dove sono, d'altra parte é una che si occupa di internet e quindi sa come si fa a rimuovere le cose dal web...

    RispondiElimina
  7. Per ottenere di nuovo accesso al blog della Carlucci è sufficiente andare a questo link: http://www.gabriellacarlucci.it/index1.php ;-)

    RispondiElimina
  8. AHAHAHAHHAHAHAHHA

    ommioddio!!! ora muoio :)

    comunque va anche meglio! se è un tentativo di oscuramento è opera di dilettanti, tutte le altre pagine sono visibili. LOL

    RispondiElimina
  9. ops, ho messo troppo tempo a scrivere il mio post :)l'ho iniziato quando ancora non c'erano commenti giuro!

    RispondiElimina
  10. La home a non funzionare, tutto il resto sembra a posto... Boh...

    RispondiElimina
  11. Achille: "quanta gente segue il blog della carlucci?"

    Io! Io ho seguito per un periodo il blog della Carlucci e lo consiglio a tutti.
    Mi ha risollevato varie giornate storte.
    Sul serio.

    RispondiElimina
  12. Metil, sí tutto bene sbeffeggiare la Carlucci, che neanche a me é mai sembrata una politic(hess)a decente, ma da te mi aspetto che commenti, divulghi o quantomeno indichi l'esistenza del comunicato del sindacato dei direttori penitenziari
    http://www.radicali.it/comunicati/20111107/appello-dei-direttori-penitenziari-del-sidipe
    appello molto accorato e importante. Mi sembrava che la questione ti importasse. Spero il mio tono non suoni accusatorio, non posso certo nemmeno ipotizzare perché e per come tu non ne abbia scritto, come in generale tu non scriva da tempo della questione carceri. Lo so che il link é del sito radicali e da qualche tempo tu sembri essere in rotta con loro*, ma questa faccenda trascende i partiti, non credi?

    *cosa che francamente non mi interessa, non é affar mio

    RispondiElimina
  13. La seconda che hai detto. Si vergogna di quello che scriveva. Comunque io le avevo concesso "ampio spazio " (..ahahahah...) al tempo della disputa scientifica col prof. Maiani sulla "fisica della particella" (una sola).

    Se ti interessano le minchiate carlucciane, basta andare sulla finestrella di google, e digitare, senza virgolette, tafanus Carlucci. E buon divertimento

    RispondiElimina
  14. nella sua autobiografia, che è rimasta nel suo blog, la nostra eroina declama: La politica di professione non è quasi mai una passione vera ma, in genere, una chiamata alla militanza molto ben retribuita, su questo si è fondata per anni la cultura comunista e clientelare.

    Il terremoto giudiziario dell’inizio degli anni novanta si limitò a scoprire quello che tutti sapevano.

    Il delirio giudiziario che ne segui falcidiò un intera classe politica, certamente colpevole di gestione allegre, di spregiudicate operazioni, di arroganza al limite del ricatto e di ladrocini belli e buoni.

    Tutte colpe imperdonabili e sanzionabili, come quella di aver garantito la democrazia, la libertà e lo sviluppo del nostro Paese.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post