Un momento lungo 50 anni

Carmela Rozza, capogruppo PD al Comune di Milano, ci comunica che non è il momento per le coppie di fatto e per quelle omosessuali, perché il suo partito vuole "con testardaggine, affrontare l'argomento con la giusta serenità".
Il che, a onor del vero, mi ricorda un po' la barzelletta del tizio che va a trovare un eremita in cima a una montagna, gli chiede "come va?" e dopo tre anni si sente rispondere "va bene, ma se sei venuto per rompere i coglioni te ne puoi andare anche subito".
Fuor di metafora, la questione dei diritti degli omosessuali è sul tappeto da qualche decennio: se n'è discusso fino alla nausea, in tutte le sedi possibili e immaginabili, non senza doversi sorbire insulti, fregnacce e supercazzole: eppure, a quanto pare, gli amici del PD hanno ancora bisogno della "giusta serenità", vale a dire di chissà quanto altro tempo, per sviscerare la questione ancora un po'.
E meno male che questi si dicono progressisti: figuriamoci che sarebbe successo se fossero stati conservatori.

---
Grazie a Clara per la segnalazione.

Questo post è stato pubblicato il 31 gennaio 2012 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

4 Responses to “Un momento lungo 50 anni”

  1. Sei troppo impaziente!
    Il PD è (ri)pieno di cattolici, tieni conto che con Galilei ci hanno messo quasi 400 anni a subodorare che qualcosa non andava, per avere la giusta serenità che permette di affrontare il difficilissimo(???) argomento delle coppie di fatto, addirittura omosessuali(!!!), a occhio e croce ci vorranno un paio di millenni.
    :-)

    RispondiElimina
  2. Il PD deve affrontare con la "Giusta Serenità" la presenza di tesorieri ladri e mariuoli vari nel proprio partito...

    RispondiElimina
  3. Lasciando perdere le coppie omosessuali, io sono abbastanza certo che se un bambino figlio di una coppia uomo-donna NON sposati (ma conviventi) viene iscritto ad un asilo comunale, questo viene considerato come facente parte di una famiglia e NON come "figlio di donna single". Detto diversamente, quando si tratta di pagare, le coppie di fatto sono gia` equiparate a quelle sposte. Ma non credo che sia per apertura mentale ;)

    RispondiElimina
  4. Purtroppo in Italia non vedremo mai una legge che approvi le coppie di fatto o i matrimoni omosessuali. E dire che un paese come la Spagna, uscendo da un regime dittatoriale e cattolico, in pochi anni ha fatto faville in questa direzione.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post