Dialogo con Benedetto

"I lager nazisti, come ogni campo di sterminio, possono essere considerati simboli estremi del male, dell'inferno che si apre sulla terra quando l'uomo dimentica Dio e a Lui si sostituisce, usurpandogli il diritto di decidere che cosa è bene e che cosa è male, di dare la vita e la morte"
Senta, scusi, ma un richiamo al fatto che Hitler fosse cattolico osservante? Sa com'è, lui non aveva affatto dimenticato "Dio". Peccato, perchè con tutti gli elementi della storia si potrebbe approfondire il discorso e renderlo un pelo più interessante... Proprio non le va di parlarne? Lo diciamo per Lei, sia chiaro, non vorremmo mai che qualche perfido laicista possa definire la sua dichiarazione monca o addirittura banale. Noi lo sappiamo che lei poi ci resta male.
"Questo triste fenomeno (usurpare a "Dio" il diritto di decidere che cosa è bene e che cosa è male - n.d.r.) non è circoscritto ai lager. Essi sono piuttosto la punta culminante di una realtà ampia e diffusa, spesso dai confini sfuggenti"
Eccolo qua! Ci risiamo. Ma a Lei la chiarezza proprio non piace! Mannaggia! Il diritto di decidere cosa va bene e cosa no spetta solo a Dio (quale? Scusi potrebbe essere un po' più preciso? Sa com'è, di gente che parla di "Dio", come Lei, ce n'è tanta in giro ultimamente e non vorremo fare confusione...). Ci perdoni, ma a noi, almeno a partire dal tempo degli azzardati commenti di tale don Luca su questo blog, viene sempre da chiederci in quale maniera questo Dio comunichi cosa è bene e cosa è male. E poichè ci pare di capire che lo comunichi attraverso di Lei, ci resta un po' il dubbio che lei sia solo l'ennesimo furbastro che accampa scuse curiose per arrogarsi il diritto di decidere al posto degli altri. Lei, però, la mette giù un po' più arzigogolata degli altri: ricorda com'era chiaro Bush quando diceva che muoveva guerra all'Iraq perchè glie l'aveva detto Dio?
"riflettere sulle profonde divergenze che esistono tra l'umanesimo ateo e l'umanesimo cristiano. Un'antitesi che attraversa tutta quanta la storia, ma che alla fine del secondo millennio, con il nichilismo contemporaneo, è giunta ad un punto cruciale, come grandi letterati e pensatori hanno percepito, e come gli avvenimenti hanno ampiamente dimostrato"
Ma che fa, ci lascia sul più bello? Così è come perdere l'ultima puntata di Lost o scoprire che la pagina in cui Poirot spiega chi è l'assassino è stata strappata da tua sorella piccola per appiccicarci il chewingum da buttar via! Eh no! Non si fa! Chi ce lo dice adesso quale sarebbe questo punto cruciale?
La sfida è tra quelle ideologie "che esaltano la libertà quale unico principio dell'uomo", che trasformano "l'uomo in un dio, che fa dell'arbitrarietà il proprio sistema di comportamento" e coloro che mostrano "il vero volto di Dio, che è amore, e, al tempo stesso, il volto autentico dell'uomo, creato a immagine e somiglianza divina"
Ammesso (e non concesso, sia chiaro!) che i cattivi siano quelli che vogliono scegliere secondo il proprio arbitrio e che i buoni siano quelli il cui volto è autentico perchè creato a immagine e somiglianza di Dio, siamo di nuovo al punto di prima: chi ce lo dice com'è l'immagine e somiglianza di Dio? Sempre Lei? E se putacaso ad ascoltare ci fosse qualcuno che questo Dio (per quelli degli altri, apriremo un post a parte) non lo conosce e non ci crede, cosa gli diciamo, che deve crederci perchè ci crede Lei? Ci perdoni la ripetizione, ma non ci sembra granchè "credibile" (forse dovrebbe anche rivedere il look con la sua costumista, perchè così spaventa i bambini, parola di mamma). Quanto a furbizia, però, Lei è davvero imbattibile, quasi diabolico, ci verrebbe da dire... Poscritto: Mi deve perdonare, ma io sono una di quelli che poi ci continuano a pensare. Mi è rimasto un dubbio: se i cattivi sono quelli che decidono arbitrariamente, sarebbe così gentile da rassicurarci sul fatto che nemmeno Lei decide in questo modo? Lei come decide? Le parla Dio e le comunica le istruzioni? Come?

Questo post è stato pubblicato il 10 agosto 2009 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

5 Responses to “Dialogo con Benedetto”

  1. http://expianetadidio.blogspot.com/2009/08/la-nuova-bestemmia-della-chiesa.html

    RispondiElimina
  2. E non hai letto l'enciclica... (beh, in realtà non lo so, l'hai letta?) Avreste da dialogare per il resto dell'estate.

    RispondiElimina
  3. tra le tante cretinaggini anticattoliche lette su questo blog quella di Hitler praticante cattolico è davvero grottesca.... del resto se cascioli ti sembra una fonte affidabile per la storia del cristianesimo .... brrr ... non hai scritto nulla ancora sullo ius primae noctis o sulla taxa camarae?

    RispondiElimina
  4. Hitler fervente cattolico? Come si fa a prendere sul serio il vostro blog, se cadete in queste castronerie?

    Mi sapreste documentare questa affermazione?

    Tenuto conto che si dice anche che Hitler fosse vegetariano, bisognerebbe scagliarsi contro i vegetariani. E probabilmente i vegani sono i peggiori di tutti ^^

    RispondiElimina
  5. Cretinaggini?
    Pura verità miei cari!Volete la documentazione?Felice di soddisfarvi!

    http://expianetadidio.blogspot.com/2009/10/foto-di-famiglianazismo-e-vaticano.html

    http://expianetadidio.blogspot.com/2009/09/nazismo-e-vaticanola-strana-alleanza.html

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post