Non avete capito niente

Sono brutti, malmessi. Hanno addosso vestiti da quattro soldi. A occhio e croce non se la passano per niente bene.
Però vanno in giro per il quartiere mano nella mano, e più o meno una volta a settimana si concedono una dolcetto alla pasticceria qua dietro.
Dev'essere il loro momento speciale. Quello che pregustano insieme per giorni. Il massimo che possono permettersi.
Mi capita di incrociarli, mentre mangiano quella pasta in mezzo alla strada: ed è uno spettacolo da cui viene fuori tanta gioia che uno deve fare un paio di passi indietro per non esserne travolto.
Anche oggi, mentre li guardavo, erano là: brutti, poveri, malvestiti.
E felici, perché era il loro momento speciale.
Poi leggo quello che vi raccontate per telefono, voi che fate man bassa di soldi e potere e cariche e macchine e barche e vestiti e zigomi di plastica e conti all'estero.
Leggo quello che vi dite: i vostri insulti, il vostro odio, le vostre maledizioni, il vostro rancore.
Siete sempre incazzati neri.
Sapete una cosa? Non avete capito niente.

Questo post è stato pubblicato il 15 luglio 2011 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

22 Responses to “Non avete capito niente”

  1. Questo è uno dei più bei post scritti sai.

    RispondiElimina
  2. Grazie per la semplicità: oggi ne avevo bisogno!

    RispondiElimina
  3. Questo post va dritto al nocciolo di tutta la questione, è davvero bello - bello.

    RispondiElimina
  4. Bellissimo! Un po' tutti dovremmo recuperare quella felicità... ;-)))

    RispondiElimina
  5. È un post bellissimo. E verissimo. E mi piace proprio tanto.

    RispondiElimina
  6. Lacrime agli occhi, gioia nel cuore e sguardo che si allarga all'orizzonte.
    Grazie

    RispondiElimina
  7. Commovente e vero.
    Per la serie poveri ma belli

    RispondiElimina
  8. Rischierò di risultare un po' machiavellico...
    ma è la prima cosa che mi è saltata in mente appena finito di leggere il tuo bellissimo post...
    Certo che trovare la verità in quello che racconta questo post e nella stessa pagina dove viene citata quella frase di Brecht rende un po' più incazzato (nero) anche me... spero solo che qualche posto, da quelle parti, si stia davvero liberando... finalmente !
    Non vorrei sembrare troppo pessimista ma quello che ho subito pensato è che sono davvero troppi quei posti occupati !

    RispondiElimina
  9. E' vero, non ci abbiamo capito niente, non c'ho capito niente. Bello.

    RispondiElimina
  10. un post che fa bene al cuore. Grazie :)

    RispondiElimina
  11. questo post va letto con "il fannullone" di De André in sottofondo

    RispondiElimina
  12. Bellissimo post - felice di questa tua capacità di sentire in mezzo a così tanti 'rumori' contrari, e mille auguri che sia quella di tutti noi :-)

    RispondiElimina
  13. Quello che scrivi e' bellissimo e mi fa commuovere. E' per questo che continuo a leggerti tutti i giorni.

    RispondiElimina
  14. Ottima lettura domenicale (che ho abolito i quotidiani)

    RispondiElimina
  15. Scusate se rovino il bel momento, ma secondo invece me hanno capito benissimo.

    E gongolano nel sapere che c'è chi aspetta la domenica per godersi la pastarella e non pensa di impugnare i forconi.

    RispondiElimina
  16. http://www.youtube.com/watch?v=vIeASn2Q8jI

    RispondiElimina
  17. Bello Metil.
    Ma siamo cosi fragili ...

    RispondiElimina
  18. Ciao Metil,
    ti ho ribloggato nel mio blog:
    http://pasquinando.wordpress.com/2011/07/17/la-poesia-delle-piccole-cose/
    Ci hai proprio regalato una piccola perla di saggezza e di poesia...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post