Ci puliamo il culo pure con questo?

Raffaele Fitto, ministro per i Rapporti con le Regioni, 30 marzo 2011:

I respingimenti di massa sono l'extrema ratio, ma questo scenario davvero non si può escludere.
IV Protocollo addizionale alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, 16 settembre 1963, articolo 4:
Le espulsioni collettive di stranieri sono vietate.
Si tratta, per capirci, dello stesso pezzo di carta che proibisce la tortura e la schiavitù, garantisce la libertà di pensiero e di espressione, sancisce il diritto ad elezioni libere, protegge la proprietà, abolisce la pena di morte, stabilisce l'eguaglianza tra i coniugi, vieta di discriminare gli esseri umani in base al sesso, alla razza, alla lingua, alla religione, alle opinioni politiche, alla ricchezza, ed altre amenità del genere.
Che ne dite, vale la pena di continuare a rispettarlo o ci puliamo il culo pure con questo?

Questo post è stato pubblicato il 30 marzo 2011 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

6 Responses to “Ci puliamo il culo pure con questo?”

  1. A noi piace pulirci il deretano con tutti i tipi di carta, anche quella catramata

    RispondiElimina
  2. Mi viene un'idea... mettiamo su un "bisiniss", facciamo dei rotoli di carta igienica dove su ogni foglio ci sia la faccia di Berlusconi? Dovremmo fare sghei a palate, potremmo interessare Sassicaia Moltov che abita in zona di produzione. Cavolo come la sto organizzando bene, va a finire che ci ha già pensato qualcuno.

    RispondiElimina
  3. Lo stiamo già facendo, il reato di tortura in Italia non è mai stato introdotto.

    RispondiElimina
  4. Con questo puliamoci il culo, a chi non piace se li porti a casa propria

    RispondiElimina
  5. @venerdi sushi: dipende dalla percentuale con cui posso farci la chea, non c'è problema.

    @Piero: sono a casa tua e lì te li tieni. Per un buon epatologo vedi su google.

    RispondiElimina
  6. Se vogliamo consolarci in maniera facile, pensiamo al fatto che nel Regno Unito alcuni parlamentari tory stavano seriamente pensando di ritirare il paese dalla Convenzione (il piano è una loro vecchia fissa: stavolta il casus belli è stato una sentenza della Corte Europea per i Diritti Umani che condannava lo stato britannico per aver negato il diritto di voto ai detenuti). Fortunatamente la componente liberal-democratica della coalizione li ha bloccati. Almeno per il momento.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post