Lesbica

Alye Pollack ha 13 anni e frequenta la Westport Junior High, una scuola del Massachusetts. Ogni giorno, da ormai due anni, Alye è presa di mira da compagni di scuola che le rivolgono parole dure e offensive. Pe ribellarsi al bullismo la ragazzina americana ha usato YouTube e ha commosso l'America
Questo l'incipit di P.L. Pisa nel commento al video su Repubblica TV. Il video lo conosco, è una ragazzina americana vittima di bullismo per via delle sue tendenze sessuali. La ragazza è lesbica. A questo video, nel mondo reale, seguono messaggi di solidarietà. Questo video nel mondo di Repubblica è riassunto, traducendone i passaggi importanti, così:
"Vi sembro felice? Non lo sono - si legge nei cartoncini - Non ho molti amici. Tre o quattro al massimo. Il perché? Non è passato un giorno senza che mi dicessero una di queste parole". E a questo punto Alye cita le offese che le vengono rivolte continuamente, tra cui "brutta", "grassa", "prostituta" e "mostro".
...brutta... grassa... prostituta... mostro... c'è la piccola omissione del lesbica. Un'omissione che deflagra però. In quell'omissione c'è tutto un mondo di ipocrisia. Quella che fa più danni perchè è subdola. Un omofobo dichiarato e conclamato punta il dito contro un omosessuale ed esprime il suo pensiero, che ne so, meglio fascista che frocio, ad esempio. Il far finta che il problema sia un altro, il distrarre dal focus invece è un atteggiamento che non informa e nega una realtà. Medioevo.
Ma allora di cosa sta parlando quel commento? Del problema del bullismo nelle scuole americane? Sospetto che la frase magica sia la seguente:
E poi il messaggio shock: "Non la faccio finita, ma ci sono vicina". per poi arrivare alla disperata richiesta di "AIUTO"
Eccolo qua il punto, facilmente riconoscibile dalla parola più abusata degli ultimi anni: "shock" e dal maiuscolo usato per comporre la parola AIUTO. Ricapitoliamo. Shock si usa anche per descrivere la reazione al sole che sorge. Lesbica, invece, non si dice nemmeno se l'argomento è l'omosessualità femminile. Le lesbiche, evidentemente, sono passate di moda e tirano molto meno di un carro di buoi.

Questo post è stato pubblicato il 31 marzo 2011 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

11 Responses to “Lesbica”

  1. è vero: l'omofobia ipocrita, silenziosa e strisciante è roba da stupidi lombrichi diarroici, da scorreggioni del pensiero che credono di salvarsi perchè invece di fragorosi peti mollano puzzolentissime loffe. Siamo circondati da sepolcri imbiancati (anzi, immarroniti) e certi giornalistucoli sono la vergogna della loro Professione.
    La mia solidarietà alla ragazzina Lesbica (anche se preferisco dire: alla ragazzina che ama chi cazzo le pare - o almeno DOVREBBE).

    RispondiElimina
  2. Concordo con le parole di Zio scriba: siamo circondati da stitici di testa.
    Tutti a occuparsi del privato perchè nessuno sa occuparsi del pubblico.

    RispondiElimina
  3. In effetti io ho visto l'articolo e il video di repubblica, ma non avevo capito niente. Se non me lo dicevi tu rimaneva una caso di comune bullismo e non di omofobia. MA IN CHE MONDO VIVIAMO?

    RispondiElimina
  4. Scusami, potresti dirmi dove hai letto che la ragazzina è lesbica? Non lo dice nel video, non viene scritto nei commenti su YouTube (una ventina, su quasi 3500, dicono cose come "anche se tu fossi lesbica, che male c'è" ma parlano in astratto), non lo riportano i quotidiani Usa che ho letto sulla vicenda - FoxNews, WSJ, il circuito CBS. Hai altre fonti?

    RispondiElimina
  5. Your search - alye pollack lesbian - did not match any documents.

    RispondiElimina
  6. Guardare questo video: http://www.wtsp.com/news/article/184154/36/Bullied-teen-Alye-Pollack-quietly-fights-back-on-YouTube su uno dei cartelli c'è chiaramente scritta la parola 'LESBO'...

    RispondiElimina
  7. Luigi, l'ho visto il video. Ho letto i commenti su YouTube. Ho letto la notizia su una ventina di siti statunitensi, compresa un'intervista ad Alye e a sua madre. Nel cartello sono elencati gli insulti che le rivolgono: troia, grassona, lesbica eccetera. Ma in questo post è stato affermato che lei è vittima di bullismo *in quanto* lesbica, e si accusa Repubblica (e, con lei, una buona parte dei media nazionali e internazionali) di ignorare la cosa per ipocrisia, e di parlare di "semplice" bullismo anziché di omofobia. Per cui chiedo: quali informazione ha Rossa Innaturale per dare questa interpretazione alla vicenda?

    RispondiElimina
  8. @irene: scusa se rispondo solo ora. il video mi è stato girato giorni fa da un amico gay (che mi manda notizie a tema). Rivedendolo oggi ho dato per scontata la storia. In ogni caso gli ho scritto chiedendogli numi, appena mi darà altre info (conferme o smentite) te /ve le giro volentieri, farò lo stesso se altre informazioni non mi dovessero arrivare. Sì il post (con le premesse che ho appena fatto, è volutamente polemico con repubblica (non mi sembra di aver nominato altre testate) e con un atteggiamento che, al di là di tutto esiste ed è reale, e sono pronta a ritirare tutto e a porgere le mie più sentite scuse nel caso avessi sbagliato...sono troppo pigra per scappare e troppo ingombrante per nascondermi :D

    RispondiElimina
  9. Rossa, ma non sai che le lesbiche non esistono?;)

    RispondiElimina
  10. @Chicca, giusto, non esistono, e le uniche che esistono, per i cd. "media" italiani, sono quelle che fanno finta di essere lesbiche, pro tempore e per arrapare i maschi, nelle pubblicità, nel porno, e nelle residenze del primo ministro. Ho dimenticato qualcosa?

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post