Mezzo milione di elettori, trecento euro

Prendete la Toscana: regione non tra le più arretrate d'Italia, a quanto ne so.
Ebbene, un'indagine condotta dagli editori nel 2007 -la prima che sono riuscito a trovare al volo sul web- rivela che in Toscana solo una casalinga su dieci, e solo un pensionato su dieci, leggono abitualmente i giornali: amici che lavorano nel settore, tra l'altro, mi dicono che si tratta più o meno della media nazionale.
Il 25 marzo, data in cui è andata in scena la sceneggiata della finta aquilana, Forum è stato visto da 1.642.000 spettatori: quasi tutti pensionati e casalinghe, si può supporre, visto che la trasmissione va in onda dalle 11:00 alle 13:00 del mattino.
Ammesso e non concesso che i giornali abbiano spiegato in modo chiaro che si è trattato di una recita, e supponendo per prudenza che a qualcuno di quelli che l'hanno vista la verità sia stata raccontata da qualcun altro -il marito che compra il giornale, il figlio che usa internet e via discorrendo-, si può immaginare che circa un milione di persone tra quelle che hanno visto la trasmissione hanno creduto in buona fede a quello che ha detto la signora, e non sapranno mai -dico mai- che si è trattato di una recita bella e buona.
Vogliamo andarci con tutti e due i piedi di piombo e ridurre la stima? Riduciamola. Novecentomila? Ottocentomila? Cinquecentomila persone, a volerci rovinare? Diciamo cinquecentomila.
Ecco, mezzo milione di elettori rimarranno convinti per sempre -per sempre, badate- che un'aquilana doc sia andata in televisione a dire che la ricostruzione è stata completata in modo perfetto, e che chi ancora dorme in albergo lo fa volontariamente perché è uno scroccone.
Il tutto a trecento euro.
No, dico, vi rendete conto?

Questo post è stato pubblicato il 28 marzo 2011 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

30 Responses to “Mezzo milione di elettori, trecento euro”

  1. E' una vergogna, ma mi tocca sollevare un dubbio. Non credo siano attendibili le stime degli spettatori in base allo share, visto che funziona sulle statistiche di 5000 telecomandi/televisori controllati.
    Penso sia uno dei sistemi più truffaldini di sempre.

    RispondiElimina
  2. A voi,a tutti voi che avete in casa un decoder,scusate,ma ora punto il dito si dopo sedici anni posso farlo,mi sento in diritto,mi ci sento ogni volta che mi capita di vedere un minuto di televisione,di scorgerci dentro persone che non appartengono a nessun mondo reale.A voi,a voi dicevo,che pensando di fare un uso imparziale e cosciente della televisione,pensando di pensare,per non rinunciare,pigramente,alla possibilità di fare zapping,alla convinzione che basta guardare ballarò o annozero e commentare il giorno dopo su internet,per fare il proprio dovere di cittadino e contrastare questo stato di cose.
    A voi proprio a voi che siete invece la causa della ricchezza e del potere berlusconista bipartisan,a voi proprio a voi,che trovate scuse plausibili per consumare prodotti inutilmente all'avanguardia della tecnologia,che vi sentite attratti da un nuovo modello di automobile,o che fate la fila all'outlet in occasione dei saldi,per assicurarvi a pochi soldi il capo di moda,impinguando in questo modo i ventri dei burattinai,A voi proprio a voi che in occasione di post come questi sfoggiate battute che sottolineano la vostra ferrata conoscenza dei programmi televisivi,pensando di essere nei loro confronti discaccati critici,e non ammettendo di essere le prime e più colpite vittime.
    A voi proprio a voi vorrei dire,
    Primo se non ci foste voi il potere mediatico,non esisterebbe.
    Secondo:invece di giudicare spegnete la tv,buttate il decoder,e vivrete liberi da B.
    Terzo annateveneaffanculo ma de còre proprio de còre.
    ANNATAFFANCU-LO!

    RispondiElimina
  3. D'accordo, ma ragioniamo su questo ordine di grandezza: comunque la metti, sono numeri enormi.

    RispondiElimina
  4. già, ma bisogna vedere se tutte queste persone votano, e se tutte queste persone votano basandosi su forum. mia nonna non legge e guarda tanta tv, ma prima di votare silvio si fa monaca. non dico che non siano numeri grossi e che la cosa non faccia schifo, ti contesto l'equazione tv=voto.

    RispondiElimina
  5. Un'oretta fa su Forum la Dalla Chiesa ha risposto - si fa per dire - alle critiche con un appassionato monologo. Circondata dai peluches (come quelli che la trasmissione ha inviato ai bambini terremotati), volto visibilmente commosso, si è dedicata più che altro a sostenere che la sua trasmissione si è trovata in mezzo a baruffe politiche, che la maggior parte dei commenti vengono da parte di gente che non ha visto il caso in questione, che Forum va in diretta e quindi non censura le opinioni personali dei suoi ospiti, e che la trasmissione ha fatto tanto come raccolta fondi per i terremotati.
    Sul caso specifico si è limitata a dire che la signora si è presentata alla redazione raccontando la sua storia, e che tutto è stato raccolto in una scheda che poi la Dalla Chiesa ha brevemente letto. Lasciando intendere, tra le righe, che se qualcosa di non vero è stato raccontato la colpa è della signora e non di Forum

    RispondiElimina
  6. E' che nessuno bada alla fisognomica e la facoltà di discernimento così come i ragionevoli dubbi, sono andati in disuso. Posto che mia zia, settantenne con licenza di scuola elementare, non completamente idiota, ma neanche in possesso degli strumenti per il riscatto, ha creduto che - tutto sommato - la Gelmini non abbia tutti i torti, poverina (intervista da Fazio, credo), ciò che mi socnvolge in realtà sono proprio i trecento euro: basta veramente così poco per cedere alla tentazione di fare da "pezza lorda" (slang, scusami)? Ché non credo che in questo caso la motivazione sia l'indigenza. Ci si potrebbe costruire su un'altra trasmissione per cuori lessi, che so un Amici dei poveri?

    RispondiElimina
  7. Non credo che gli italiani siano così ignoranti, forse dalle tue parti... Perdonami ma te la sei cercata. Ciao

    RispondiElimina
  8. 300 euro perché sei proprietario (abusivamente) del canale televisivo, altrimenti col cazzo.

    RispondiElimina
  9. @Metilparaben
    Coraggio, tra qualche anno questi numeri enormi li farai tu e tanti altri con i blog. E' solo questione di tempo, quanto non so, ma la via è una.

    RispondiElimina
  10. Temo che tu abbia perfettamente ragione. Per chi volesse saperne di più circa l'influenza della televisione sugli itagliani (io lo scrivo così :-)) c'è questa ricerca: http://larica.uniurb.it/wpmu/news/news-consumer-italia/

    RispondiElimina
  11. Meltiparaben, se rispondevi a me, forse mi sono spiegato male.
    Intendo proprio dire che non è attendibile fare un ragionamento di numeri in base alle statistiche dello share, secondo me.
    Sicuramente quello schifo di farsa la guardano un sacco di persone ( mia amdre in primis) chi più chi meno manipolabile e disinformato, e rimane una vergogna. A cosa non si arriva pur di far propaganda al governo.

    RispondiElimina
  12. Concordo che Forum l'abbia fatta vergognosamente sporca, però sta storia delle casalinghe non mi va mica tanto giù... Io sono casalinga, informata, informatizzata e refrattaria ai canali Mediaset e ho una sorella imprenditrice che legge solo La Stampa, guarda quasi esclusivamente i canali Mediaset e preferisco non chiedermi come vota. Questo solo per rassicurare sul fatto che lavorare in casa non fa di noi un branco di succubi rincoglionite :) In attesa di un'indagine su cosa leggono/guardano macellai, idraulici e rappresentanti di commercio, torno al ferro da stiro. Ciao :)

    RispondiElimina
  13. @cielomiomarito: ho già discusso in una mail privata di questo aspetto. Io non vedrei maschilismo dove non c'è: il riferimento alle casalinghe (e non agli idraulici) si deve al fatto che a quell'ora gli idraulici non sono materialmente a casa, e quindi forum non lo vedono: se lo vedessero, stante il fatto che circa uno su nove di loro compra il giornale, il ragionamento sarebbe stato più o meno lo stesso. Dopodiché, figurati se io vedo in ogni casalinga una sfigata: mai pensato. E' solo che a quell'ora il bacino di telespettatori è quello: casalinghe (o casalinghi, quei pochi che sono, ed è un'altra considerazione statistica, non un'opinione) e pensionati (homesso la "i", non la "e"). Tutto qua.

    RispondiElimina
  14. Boycottare: eliminare i canali mediaset dalla TV, non guardare più nessun programma di quelle reti, niente motomondiale, niente simpson, niente striscia la notizia, niente film in prima TV, niente calcio .
    Se tutti coloro che provano repulsione verso Berlusconi (presumo i 10milioni di Vieni via con me) smettessero di alimentarlo, in poco tempo muore di fame o fa una legge che obbliga la gente a guardare mediaset

    RispondiElimina
  15. Ma c'è ancora gente che guarda striscia la notizia? asd.

    RispondiElimina
  16. E' il conflitto di interessi, semplice e spaventoso.
    Comunque le medie nazionali di lettura sono simili: circa l'80% degli italiani si informa solamente tramite la televisione (niente libri, niente giornali, niente internet). Ciò implica che tutto quello che sa e conosce questo 80% di gente, è quello che la televisione fa loro sapere e conoscere, escluse esperienze personali e chiacchiere coi conoscenti (che però, se sono disinformati anche loro, non aiutano, anzi peggiorano la situazione).
    Solamente fra i giovani, e grazie soprattutto a internet, i numeri sono un po' più normali (perchè no, 80% non è normale, non nel resto del mondo, e non parlo solo del mondo occidentale).

    PS: nota statistica per dissipare i dubbi: un campione di 5000 persone, se ben distribuito, è più che sufficiente a costruire stime con un margine di errore inferiore allo 0,1%.

    RispondiElimina
  17. Si, sò che spesso le statistiche sono attendibili, sopratutto se sopra alle mille unità prese come campione....ma secondo me non in questo caso. 5000 per 60 milioni di abitanti? Con tutti i canali che ci sono, le reti pubbliche e private...in questo caso mi fido molto poco....senza contare che questo sistema deve essere dato per credibile a ogni costo visto che i millemila miliardi delle pubblicità girano in base a tali dati.

    RispondiElimina
  18. Il bello della democrazia è che ognuno conta un voto.
    Ma qui non siamo in democrazia.
    Perchè le persone informate davvero e coscienti di ciò che succede intorno (e non necessariamente di sinistra) sono poche, una su dieci, il resto è un telebulimico o comunque qualcuno che mangia se va bene prodotti pre confenzionati, se va male vomito.
    E non è facile stare informati.
    Devi leggere almeno tre quotidiani, girare una ventina di blog, leggere qualche giornale straniero (on line si trova tanto).
    Insomma se io fossi pensionata (e difficilmente la vedrò la pensione, tra l'altro) saprei che fare.
    Ma delle tre I di B. - Inglese Informatica Impresa - ci rimane solo una: l'impresa di sopravvivere in un Paese che somiglia sempre più a una aristocrazia del'immagine.
    Ovvero solo chiacchiere e distintivo.
    Se ci fossero state le altre due scommetto che un sacco di pensionati con un piccolo corso internet di navigazione e un po' di inglese (da riaggiornare) avrebbero trovato più divertente la rete.
    anche solo l'idea che esite un qualcuno anche se virtuale con il quale comunicare secondo me li avrebbe attirati.
    Quindi niente Inglese e niente Informatica.
    Ma tanto tanto FORUM, AMICI, DOMENICHE, STRISCE, JENE...

    RispondiElimina
  19. Scusate, ma ancora con questo appello a spegnere la televisione? Il problema non siamo noi che la televisione non la guardiamo, o che comunque siamo in grado di guardarla con un filtro critico, il problema sono tutti gli altri che comunque davanti alla televisione ci rimarrebbero, anche se noi la spegnessimo in massa e fracassassimo tutti i nostri apparecchi televisivi. Non lo avevamo già capito? (v.per es. L. Zanardo, "l corpo delle donne".

    RispondiElimina
  20. Da tempo il suo circo mediatico replica lo show in giro per le case della nazione... Altro che "Grande Statista", il nostro deve avere deciso di restare ai posteri in una veste ancora più epica.... Un eroe mitico, dispensatore di sogni, incarnatore di leggende. il suo nome è...

    "Buffala Bill"

    RispondiElimina
  21. La sora Marina ha già ritrattato. Ha chiesto scusa agli aquilani, ha detto che nessuno le ha suggerito di dire nulla, che quelle cose le ha dette lei, "ingenuamente".

    Come no, ci crediamo tutti.

    Nel mio blog, comunque, Patrizia (aquilana vera, visto che la conosco personalmente!) ha voluto lasciare un commento accorato (e, direi, apolitico) che credo valga la pena segnalare.

    A Forum, su Canale 5: L'Aquila? Tutto bene, grazie.

    RispondiElimina
  22. Luigi, allora la signora Marina andrebbe querelata da quelli che lei ha definito scrocconi... così magari le torna la memoria ;-)

    RispondiElimina
  23. CH3paraben, parli così perchè non hai visto le case giardino di L'Aquila. ;-)

    http://www.crepapelle.net/2011/03/berlusconi-mette-in-scena-laquila-con.html

    RispondiElimina
  24. Tranquillo! il mezzo milione di casalinghe imbecilli che dopo vent'anni di Forum ancora non sa che le cause sono finte e non legge i giornali, non usa internet e guarda solo Mediaset, quest'oggi ha potuto ascoltare le scuse in diretta della Dalla Chiesa che a dire il vero non si è scusata un granchè ma insomma ha letto un paio di mail di gente indignata (cazzo! allora le calinghe dell'Aquila usano internet)e ha bofonchiato qualcosa sul fatto che i contendenti sparano spesso a ruota libera.
    Non sarà una gran spiegazione per "noi" strafighi del web, lettori accaniti di quotidiani e giornali e sofisticati liberi pensatori, ma per la casalinga che il giorno prima ha pensato che l'Aquila fosse ricostuita, dovrebbe bastare per fargli sorgere almeno qualche dubbio, almeno quel tanto che basta per evitare che siano condannate "per sempre" a pensare che l'Aquila sia diventata Disneyland.
    Qualcuno di voi ha visto forum stamattina? qualcuno ha sentito parlare la Dalla Chiesa oppure come al solito si commenta la merda senza averla neanche annusata?

    RispondiElimina
  25. Non è certo la prima volta che succede.
    Dopo l'aggressione di Tartaglia in piazza Duomo a Milano, pomeriggio 5 esegue un'operazione simile.

    http://ruotegrasse.blogspot.com/2009/12/seminatori-di-odio-cattivi.html

    RispondiElimina
  26. italiani, popolo di santi e licheri

    RispondiElimina
  27. ieri ho visto Striscia in cui la Dalla Chiesa spiega che le persone che si presentano in realtà sono tutte finte nel senso che sono attori. Italiani presi per il cu+lo a gogò. Fidatevi italioti di quei falsi, vi deridono, vi sfottono e si arricchiscono coi vostri occhi e siccome stanno pure immersi nel più scandaloso conflitto di interessi della storia democratica italiana ne approfittano anche per beatificare le gesta FALSE di un governo mafioso. Votate, votate i falsi, derisi e felici.

    RispondiElimina
  28. @ Spazzolone. Guarda ti rispondo con poche parole. Come dici tu se non ci stanno bene certe trassmissioni basta cambiare il canale o buttare il decoder o il televisore giusto?? Peccato che il problema rimane. Non è che se uno ha la febbre butta il termometro e la febbre gli passa. Il problema vero è che Mister B. utilizza le frequenze nazionali che gli hanno assegnato anche se in nodo spropositato perchè se stiamo a vedere nel digitale ha una miriade di canali, con trasmissioni che fanno propaganda tutto l'anno osannando una persona che non ha nulla da essere osannato.

    RispondiElimina
  29. Credo che il problema in realtà non si ponga, perché dubito che quello spezzone abbia mosso qualche elettore da una parte o dall'altra. Ma questo perché l'elettorato in questione probabilmente è già schierato.

    Di veramente assurdo c'è la replica ufficiale di Mediaset, che accusa di strumentalizzazione chi ha criticato la trasmissione e scarica tutta la responsabilità alla signora, che ha "espresso valutazioni soggettive sul dopo terremoto"...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post