Signore e signori, i liberali

Io penso che l'uomo non disponga della sua vita, e naturalmente non sono disposto a votare una legge che non tenga conto di questo.
(Gianfranco Rotondi, Un giorno da pecora, 9 marzo 2011)
Ripeto, la vita non è un bene disponibile, e quindi c'è qualcuno che sta sopra di noi che ne può disporre: noi non possiamo disporre della nostra vita.
(Daniela Santanchè, 28 minuti, 9 marzo 2011)

Questi, signore e signori, sono due tra i più illustri esponenti di quello che si proclama il più grande partito liberale italiano di centrodestra.
Liberale, capite?
Secondo voi ce l'hanno, una vaga idea del significato di quello che dicono di essere, oppure ripetono a pappagallo quello che hanno sentito da chissà chi?

Grazie a Bakuizm per la segnalazione.

Questo post è stato pubblicato il 09 marzo 2011 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

10 Responses to “Signore e signori, i liberali”

  1. Questi non hanno vaghe idee, anzi non hanno nessun tipo di idea per il semplice fatto che non possono produrle. Del resto è difficile fare una corsa in moto se non hai nessuna moto, no?

    RispondiElimina
  2. ohmmioddio che mare di stronzate che dicono.

    RispondiElimina
  3. Loro ripetono a pappagallo ciò che viene loro detto (e che è aberrante), e noi si ripete loro sempre la stessa cosa: "nessuno - chiunque sia - può vantare alcun diritto su ciò che è all'interno dei limiti tracciati dalla mia stessa pelle".

    Anche perché, se io non ho la proprietà del mio corpo, chi ce l'ha? Lo Stato? Dio? Berlusconi?

    O il prossimo che - avallato dal fatto che il mio è solo un corpo qualunque di cui non sono proprietaria e che non è collegato al mio cuore e alla mia mente - mi stupra?
    Perché la 'persona' o è 'un tutto' o è 'un niente': o sono tutta mia nella mia totalità o - se lo sono 'a compartimenti stagni' - non lo sono per nulla, e quindi chiunque può fare legittimamente ciò che vuole di ogni 'pezzo' di me... Sbaglio?

    RispondiElimina
  4. "Dall'enciclica papale del concilio di trento del 1344" ;)

    RispondiElimina
  5. HANNO IMPARATO BEN DA GOEBELS.....UNA BUGIA RIPETUTA UN MILIONE DI VOLTE DIVENTA ALLA FINE VERITA'

    RispondiElimina
  6. Non so se Muppet Cicchitto e Frau Santadeché hanno idee proprie. Di sicuro non sanno il significato della parola 'liberale'.

    RispondiElimina
  7. Chi sarebbe, quel qualcuno sopra di noi che cita la santanchè? Sopra di noi chi? Dio? Berlu? chi? E l'uomo che non dispone della propria vita, che vuol dire? E se uno si suicida, che fanno?

    RispondiElimina
  8. dopo "l'hanno" e prima di "una vaga idea" non ci va la virgola.

    RispondiElimina
  9. La seconda che hai detto.
    La formula ripetuta a macchinetta sarà ovviamente contenuta in uno dei recenti Mattinali fatti circolare sul tema da Bonaiuti.
    Se qualcuno riuscisse a mettere la mani su un esemplare della newsletter potremmo verificare...

    P.S.Concordo con voiz.La virgola di troppo mi causa un groppo in gola.Togliere togliere :)

    RispondiElimina
  10. Questi loro cervelli sono delle scatole vuote dove vanno e vengono delle prese di posizioni isteriche.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post