Moderazione dei commenti

Visto che qualcuno ha scambiato questo blog per un luogo in cui postare a ruota libera qualsiasi pensiero gli passi per la mente, spesso e volentieri senza la minima attinenza con l'argomento dei post, e siccome più di un lettore mi ha scritto che questo andazzo (comprensibilmente) lo mette a disagio, sono stato costretto ad attivare la moderazione: il che significa che ogni commento, prima di essere pubblicato sul blog, dovrà essere preventivamente approvato da me.
La cosa, ovviamente, ha delle controindicazioni: potrà capitare che chi commenta non veda apparire immediatamente il suo intervento (non ho la possibilità di passare l'intera giornata davanti al computer a leggere e approvare), e quindi la discussione immediata tra i lettori potrà risultarne un tantino penalizzata.
Però quando uno proprio non capisce che con il suo atteggiamento sta imponendo a tutti gli altri di leggersi i suoi chilometrici deliri, e poi grida pure alla censura (sic) se si cerca di spiegargli pazientemente che sarebbe il caso di avere un minimo di rispetto per il prossimo, non resta altro da fare.
Nei prossimi giorni vedrò di implementare un sistema di gestione dei commenti più sofisticato, che possa evitare il ripetersi di queste situazioni anche senza la moderazione: nel frattempo, purtroppo, non c'è altra scelta.
Mentre vi chiedo di avere pazienza, avverto il nostro amico che a partire da adesso affannarsi a postare decine di commenti nella speranza di continuare a disturbare sarà perfettamente inutile.
Mi basterà ignorarli.

Questo post è stato pubblicato il 10 giugno 2011 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

11 Responses to “Moderazione dei commenti”

  1. Mi spiace un po' ma era diventato illeggibile. Meglio cosi almeno per ora. Poi se uno vuol perdere la sua vita a disturbare gli altri, peggio per lui.

    Magari se esistesse la possibilità di far postare in automatico degli utenti "certificati", sarebbe meglio.

    RispondiElimina
  2. Si potrebbe limitare gli interventi che un singolo utente può fare in commento. Per esempio 3 interventi a me sembra democratico... non so, un'idea.

    RispondiElimina
  3. @kant: si potrebbe, ma dovrebbe farlo la piattaforma. Che invece non lo fa, così come non blocca i singoli utenti, né fa quello che propone @jackilnero. Ne consegue che un'operazione del genere, o altre simili, andrebbero fatte "manualmente", il che significherebbe stare tutto il giorno a leggere, contare, cancellare, ricancellare i commenti.

    RispondiElimina
  4. Da lettore che non è mai intervenuto perché non ha mai ritenuto di avere qualcosa da aggiungere (non più intelligente di quanto già fosse pubblicato, perlomeno), confesso che accolgo la decisione con rammarico ma anche con liberatorio sollievo. Bravo!

    RispondiElimina
  5. Fai bene a moderare il blog. Purtroppo il tizio che scrive commenti chilometrici ha tutte le fattezze di un troll. Un troll logorroico che scrive pure in una specie di dialetto mezzo romanesco e questo può creare anche problemi di comprensibilità.
    Inutile dire che l'obiettivo dei troll è quello di far moderare un sito quindi il suo obiettivo lo ha raggiunto in pieno.
    Il secondo è quello di creare zizzania e a seguire ve ne sono tanti altri.
    Al momento ha vinto lui. Non c'è altro da dire.
    Se ci fosse la possibilità di inserire un filtro si potrebbe bloccare quell'utente ma non mi pare ci sia questa possibilità (su yahoo gruppi c'era!).

    RispondiElimina
  6. A quanto ne so l'obbiettivo di un troll è di far chiudere un blog, non di farlo moderare. Visto che non ci è ancora riuscito non ha vinto, e di questo ringrazio Metil.

    RispondiElimina
  7. Sono sollevata dalla notizia,mi spiace solo che ora dovrai farti un culo così a leggerti tutti i commenti...
    io comunque ripropongo l'idea del "forum parallelo" per discutere... ^^

    RispondiElimina
  8. difficilmente un troll può riuscire a far chiudere un blog, più facilmente riuscirà a farlo moderare.
    Il suo compito è infatti di disturbare e per evitare che possa farlo basta moderare i commenti.

    RispondiElimina
  9. Ma per favore. Stai cominciando a sopravvalutarti e a prenderti troppo sul serio!

    Ci vogliono 3 secondi per cancellare i commenti di un troll, molto ma molto meno tempo di quanto ne serva a lui x scriverli, sopratutto se viene imposta l'iscrizione.

    I lettori che ti danno sempre ragione come quelli che commentano sul sito de IlGiornale già ce li hai, a quando un post scritto da Sallusti?

    RispondiElimina
  10. Wordpress dà l'opzione per cui, per visualizzare i commenti di un utente, tale utente deve averne uno approvato precedentemente. Ora non so se anche Blogspot lo permetta, né se il "contatore di permessi" venisse "azzerato" dalla messa in atto di tale provvedimento o se ormai chi ha già postato commenti venga considerato autorizzato.

    RispondiElimina
  11. No, Blogger non ha questa opzione. Né quella di bloccare, via ip o e-mail, i commenti di ospiti indesiderati.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post