Prima di esultare, ci dicano che non è vero

Posto che ciascuno è libero di gioire per ciò che ritiene più opportuno, sarebbe il caso che quelli di Libero e del Giornale, prima di annunciare urbi et orbi che gli italiani non dovranno più pagare Annozero con il loro canone, dicessero chiaramente che non è vero quello che Santoro ha sempre affermato pubblicamente: ovvero che la sua trasmissione è una delle poche che costano meno di quanto rendono alla rete in termini di fatturato pubblicitario.
Ce lo dicano apertamente, che quell'affermazione è falsa, oppure si rassegnino al fatto che non è il caso di esultare, ma piuttosto di rammaricarsi, perché la RAI ha perso un programma che sulle tasche dei cittadini non pesava neanche un po': anzi, portava pure a casa degli utili.
E' una questione di aritmetica, mica di opinioni.

Questo post è stato pubblicato il 07 giugno 2011 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

19 Responses to “Prima di esultare, ci dicano che non è vero”

  1. Esatto! Togliere Annozero per la Rai è una grande perdita... tutto di guadagnato per LA7!

    RispondiElimina
  2. Libero esulta perchè Santoro non sarà in rai, senza dire che santoro porta proventi e non vive sulle spalle di chi paga il canone. Lo stesso quotidiano continua a prendere finanziamenti pubblici in quanto "organo ufficiale del movimento monarchico"; parte delle nostre tasse, pagate pure da stranieri o da altre "categorie" sociali che libero quotidianamente sfotte, servono a belpietro per produrre carta igienica che altrimenti non comprerebbe nessuno.

    RispondiElimina
  3. Vabbè quelli so servi e parlano per conto dei padroni, cosa vuoi che dicano di meglio...

    Io sono sempre stato contrario al ritorno di SAntoro in Rai e nella tv in generale però devo ammettere che uno come lui PRODUCE e non puoi scaricarlo come se fosse un lavapiatti (con tutto il rispetto per questi ultimi)

    RispondiElimina
  4. ora pagheremo solo Minzolini, Costanzo, Marzullo, Cazzenger, Ferrara ecc. ecc. ecc.

    RispondiElimina
  5. Da spettatore assiduo di annozero, ho sempre paura nel fare i proclami sull'audience. Non perché non siano veri, ma perché allora dovrei difendere anche i Porta a Porta su Avetrana, le isole dei famosi e via dicendo.

    Altra cosa di cui ho paura è leggere quei giornali lì, i vari liberi, feltri, sallusti. Da una parte mi aumentano l'autostima, dall'altra mi si travasa la bile.

    RispondiElimina
  6. Forse stiamo perdendo un po di vista qual'era il vero scopo della trasmissione di Santoro che al di là dei guadagni o perdite che procurava alla rai era un programma di informazione libero dove ciascuno diceva la sua nel bene o nel male non come tanti altri......

    RispondiElimina
  7. Quindi dovremmo essere felici di pagare Vespa, Ballando con i Porci, Qui Radio Balena, L'Isola degli Sparticuli, Affari Nostrituoieloro e tutte le altre boiate che ci propinano come servizio pubblico? Sarà...

    RispondiElimina
  8. Il bello è che anche Libero e Il Giornale prendono soldi per dire un po' quel che gli pare, a volte esercitando liberamente la fantasia.

    La cosa, voglio dire, mi può pure stare bene. Ma la smettessero di menarla con la storia del canone...

    RispondiElimina
  9. preferirei pagare mille santoro che acquistare una singola copia di il giornale e libero.

    RispondiElimina
  10. che stupidità da Libero e Il Giornale, ma poi Berlusconi quanto ha goduto nel gridare al comunista? quanto gli è tornato comodo pure Santoro? Ha ragione Frinchi nel blog di Casini (http://www.pierferdinandocasini.it/2011/06/07/santoro-via-dalla-rai-tra-lui-e-lei-paghiamo-noi/), in questa vicenda noi che paghiamo il canone lo prendiamo nel di dietro!

    RispondiElimina
  11. Sant'Oro, fazioso e pieno di spocchia. Non l'ho mai retto. Che vada dove vuole.

    RispondiElimina
  12. niente paura, è allo studio il ritocco del canone, ed è riuscita dal cappello l'idea di inserire il canone rai all'interno della bolletta elettrica. oh gioia, oh gaudio

    http://www.repubblica.it/politica/2011/06/08/news/governo_canone_rai-17365902/

    RispondiElimina
  13. sono servi e pure imbecilli, non sanno fare neanche di conto

    RispondiElimina
  14. @antonio - del resto non sanno fare di conto nemmeno i loro lettori.

    RispondiElimina
  15. Non varrebbero nulla neanche come amministratori di un condominio.

    RispondiElimina
  16. Se volete continuare a pensare che i lettori di Libero siano minimamente interessati a ragionare sulla base di dati di fatto, fate pure. Io, in alternativa, propongo una bella discussione sul sesso degli angeli.

    RispondiElimina
  17. ciao è di oggi la notizia ch il ministro Romani pensa di aumentare il canone RAI, e legarlo alla bolleta elettrica per evitare evasione, a causa dei mancati introiti pubblicitari legati alla cancellazione di Annozero. Infatti la trasmissione aveva uno share tra il 20 e il 25 % rappresentando una vera "mucca" da mungere per gli investimenti pubblicitari. OVVERO NOI pagheremo il piacere di Berlusconi di avere eliminato una voce critica nei suoi confronti. Come si dice....CORNUTI E MAZZIATI!
    Perchè non lanciamo uno sciopero generale del canone, visto che poi paga sempre pantalone ( o le tasche dei miei pantaloni...)

    Sabrina

    RispondiElimina
  18. http://politictac.blogspot.com/2011/06/lei-non-si-rende-conto-e-non-si-arrende.html

    Il mio pensiero su cosa succederà da domani...

    RispondiElimina
  19. ne deduco che libero e il giornale ritengano degli idioti kamikaze spendaccioni gli azionisti di la7 i cui acquisti hanno causato un rialzo del 17% del valore delle azioni

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post