Conventicole: stigmatizzarle facendone parte

Mi è crollato anche Sergio Castellitto: al concerto del Primo di Maggio ha sfacciatamente fatto una marchetta al libro della moglie, rigirandoselo tra le mani in modo tale che la copertina fosse perfettamente visibile. Ad irritare non è tanto il fatto che il grande attore si presti a questa indecente televendita; quanto piuttosto che egli non abbia provato alcun tipo di pudore a promuovere così sfacciatamente il lavoro della moglie, né si sia preoccupato di quanto questa misera performance possa nuocere alla sua immagine. Segno inequivocabile che il grande Sergio, sullo schermo indimenticabile fustigatore delle "conventicole", è ormai entrato a farne parte a tutti gli effetti. Se ne può anche fregare di quello che pensano i suoi ammiratori. Ormai è nell'empireo, e da lassù i commenti della marmaglia non si sentono bene.

Questo post è stato pubblicato il 13 maggio 2009 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

5 Responses to “Conventicole: stigmatizzarle facendone parte”

  1. Non ricordo se la notizia è passata su questo blog, ma Castellitto ha anche tagliato il verso "and no religion too" da Imagine...

    RispondiElimina
  2. Segnalo il fatto che Castellitto ha spiegato l'accaduto alla trasmissione della Bignardi, che gli ha proposto la domanda diretta..se trovo il link lo posto.
    Gian

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. ho visto la puntata ed a me era sembrata credibile come risposta..però sinceramente ero un po' distratto preferirei rivederla prima di esprimere un parere + approfondito...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post