Per forza, che lo sapevano

L'Espresso pubblica l'agghiacciante intervista a un prete pedofilo dell'Istituto Provolo (sic) di Verona, che a seguito dell'inchiesta che ha sollevato un vero e proprio vespaio ha deciso (sic, e fanno due) di esporsi e di raccontare la sua storia. Ve la riporto qui di seguito, corredata da qualche osservazione personale che non ho potuto esimermi dal proporre.

Sono andato con una quindicina di piccoli sordomuti, con cinque o sei ho avuto rapporti più frequenti.
L'incipit, ne converrete, è terrificante. I "piccoli sordomuti", l'idea che non possano raccontare quello che è successo. Brividi.
Quante volte ha abusato di loro? "Una o due volte al mese, a volte passava più tempo". E quanto sono durate le violenze? "Moltissimi anni. Non ricordo esattamente, ma molti, molti anni. Ho cominciato da giovane e non mi rendevo conto, allora ero un semplice assistente. Lo facevano quasi tutti, anche in altri istituti. Era normale. Questo era l'andazzo".
Moltissimi anni, ovviamente: tanto le vittime non potevano parlare. Non si rendeva conto, dice, perché era giovane, e io, per quanto mi sforzi, faccio una gran fatica a credergli. D'altronde, la cosa "era normale". Anzi, per essere più orribilmente precisi, "era l'andazzo".
Lei ha visto altri abusare dei ragazzini al Provolo? Scandisce sì e fa due nomi di sacerdoti e quello di un altro religioso: "Si vedevano gli atteggiamenti, si vedeva. Pochi di noi si sono salvati dalla pedofilia".
Ricostruite il quadretto insieme a me: "pochi di noi si sono salvati", dice. Dei "piccoli sordomuti", invece, pare non se ne sia "salvato" nemmeno uno. Ma chissà come, la cosa sembra meno importante, rispetto alla dannazione di chi ne ha abusato.
Qualcuno è mai stato cacciato dal Provolo per pedofilia? "Sì, fratello ...". Fatto confermato da don Danilo Corradi, il superiore dell'istituto Provolo, in una intervista registrata. Perché lui sì e gli altri no, visto che sotto accusa sono finiti in 25? "Era un violento, il più cattivo, faceva male ai ragazzini ed è stato mandato via".
Lui "faceva male" perché era violento. Bisogna dedurne che gli altri, che si limitavano a inchiappettarseli normalmente, "non facevano male"?
Quando è successo? "Se non sbaglio, nei primi anni Settanta". Sono continuate le violenze sessuali, anche dopo quell'episodio? "Sì". Può dire se sono terminate a metà degli anni '80, epoca a cui risale l'ultimo caso documentato da 'L'espresso'? "Non so, non potrei dirlo. Non ne sono sicuro. Non posso escluderlo".
Sono continuate: anche a voi viene da chiedervi perché qualcuno non decise di porre fine all'intollerabile situazione? Leggete avanti, e capirete.
I responsabili dell'Istituto sapevano? "Sì, lo sapevano. Per forza che lo sapevano". Altri ne erano a conoscenza? "È probabile".
Tutti sapevano: i responsabili dell'Istituto, e anche non meglio identificati "altri". Tutti sapevano, e tutti tacevano. Omertà, si chiama a casa mia, e omertà, sempre a casa mia, è sinonimo di mafia.
Ha confessato la pedofilia ad altri preti? "No, mi mettevo in ginocchio, confessavo davanti a Dio e pregavo. E chiedevo scusa al Signore. La pedofilia mi ha sfalsato la vita. Ma trovavo nei ragazzini una certa bellezza, una certa attrazione".
Prego notare la doppia finezza: confessava a Dio, ma certo non alla magistratura o alla polizia, che avrebbero potuto porre fine alla situazione. Che razza di pentimento sarebbe, quello di chi confessa a Dio ma non alza un dito perché quell'orrore abbia fine? E poi, "la pedofilia mi ha sfalzato la vita": la vita dei "piccoli sordomuti", ancora una volta, passa in sesondo piano. D'altronde la vita è stata sfalzata a lui, mica a loro.
Fra voi avete parlato dell'accusa di pedofilia dopo l'inchiesta de 'L'espresso'? "Sì, la reazione è stata brutta, scioccante, ma la maggior parte è rimasta in silenzio, perché sapeva. È venuta fuori una catena di odio fra i sacerdoti. È difficile condividere la macchia della pedofilia e ognuno ha tenuto per sé i suoi pensieri. Poi l'avvocato ci ha detto di non parlare con nessuno. Qualcuno però ha parlato e ha fatto bene, anche qualche prete lo ha detto e la pensa così. Anch'io ora mi sento sollevato. Sono fatto così, in modo troppo semplicistico, ho sbagliato io. Sto male, chiedo perdono".
Spettacolare: "ognuno ha tenuto per sé i suoi pensieri" perché "è difficile condividere la macchia della pedofilia"; mica perché aveva paura di essere denunciato, perché voleva allegramente continuare a violentare i bambini senza che nessuno gli rompesse i coglioni, perché temeva di dover versare milioni di risarcimenti danni. Macché, era un problema di condivisione. E ora, fate caso al finale sublime, il nostro amico sta male ma dice di sentirsi sollevato: dopo che qualcun altro ha tolto il coperchio alla faccenda costringendolo a confessare le sue malefatte (non prima, badate, ma solo dopo essere stato scoperto), adesso ammette di aver sbagliato e chiede perdono.
Troppo facile, mi viene da dire.
Fossi il suo Dio, non glielo concederei.

Questo post è stato pubblicato il 21 maggio 2009 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

46 Responses to “Per forza, che lo sapevano”

  1. per certi reati (tipo questo) bisogna rimettere la pena di morte!

    RispondiElimina
  2. da mandare ai lavori forzati a vita

    RispondiElimina
  3. come disse Gesù
    "Macina da mulino al collo e in mare!"

    no, ma dico, CON CHE ANIMO UN ESSERE UMANO PUO' FARE COSE SIMILI?

    RispondiElimina
  4. gli farei le stesse cose che a fatto a quei poveretti,e poi lo metterei in una cella con tutti ergastolani.........bastardo

    RispondiElimina
  5. come si puo,solo al pensiero.......lo farei soffrire a tutte le ore del giorno

    RispondiElimina
  6. invece io gli farei lo stesso trattamento che ha fatto lui alle sue vittime, però con una bottiglia di vetro in modo che al momento giusto gliela romperei dentro per vedere che effetto gli farebbe avere una bottiglia rotta nel c..lo

    RispondiElimina
  7. tanto il loro dio perdona chiunque basta che tu sia pentito.. meglio di così.
    Fortuna che esiste lo stato, a volte...

    RispondiElimina
  8. PRETI CHE ESSERI SCHIFOSI,FORTUNA CHE NON MI SONO MAI FIDATO DI LORO,ANCHE QUANTO ERO IN COLLEGGIO A VISCIANO NOLA ,POSSO DIRE CHE ANCHE LE SUORE PICCHIANO I BAMBINI TANTO DA LASCIRGLI I SEGNI ADDOSSO IO HO ORA 50 ANNI E DA QUANTO SONO STATO CHIUSO E PASSATO TUTTI GLI ORRORI CHE NON CREDO PIU' A SUORE E PRETI,FORSE A MALAPENA IN DIO,ANCHE SE CREDO NON ESISTA SE NO NON POTEVA PERMETTERE STO SCEMPIO.

    RispondiElimina
  9. sporchi bastardi ke altro non sono, io gli farei la stessa cosa con qualche fondo di bottiglia x giorni e giorni e li farei morire cosi,mamma mia ne avessu uno tra le mani lo ammazzerei, poveri piccoli indifesi,anche se la domanda me la pongo lo stesso ma i genitori di tutti questi bambini dov'erano non si accorgevano ke qualcosa non andava.spero ke il loro dio li faccia friggere all'inferno mi auguro questo ke paghino x tutto il male ke hanno fatto

    RispondiElimina
  10. CI VUOLE LA FORCA NELLE PIAZZE... IMPICCHIAMOLI SENZA PROCESSO... FATE SCHIFO! PORCI!

    RispondiElimina
  11. PRIMA DI FARE LA MORALE A TUTTI LA CHIESA DOVREBBE FARLA AL SUO INTERNO.IPOCRITI.

    RispondiElimina
  12. La religione è il Male.

    RispondiElimina
  13. ....e poi mi fanno la ramanzina perchè non vado in chiesa....

    RispondiElimina
  14. con quale spirito mandiamo i nostri figli a messa e farli credere che quello che parla davanti a noi è una persona che fa le veci del signore, poi leggono qualcosa come questa intervista o vedono il telegiornale!!!!

    Credo che prima di andare in giro a puntare il dito alla gente la chiesa dovrebbe farsi un bell'esame di coscienza.
    VERGOGNATEVI e CHIEDETE ANCHE I SOLDI!!!!ANDATE A LAVORARE INVECE DI COPRIRVI DALLA STATO PONTIFICIO!!!!!

    RispondiElimina
  15. Preghiamo, Preghiamo PREGHIAMO!
    Preghiamo sempre per la conversione... Preghiamo per i Sacerdoti e soprattutto per coloro che si sono "rifugiati" non per vocazione e preghiamo tanto per le "Vere" vocazioni... Che la Mamma Celeste protegga tutti...!!!

    RispondiElimina
  16. ci vuole la pena di morte

    RispondiElimina
  17. E poi condannano la pedofilia!!! Sono loro i primi PORCI a farla!!!!
    Come si può credere in una chiesa se i suoi esponenti son ladri, pedofili, bastardi e chi più ne ha più ne metta???
    E poi mi vai contro l'aborto: chissà quante ragazzine sono state ingravidate da bastardi come loro e loro stessi le hanno fatte abortire per nascondere quello che hanno fatto!!!
    VERGOGNATEVI
    PENA DI MORTE SUBITO!!!!

    RispondiElimina
  18. ma poi questi bambini,che fine hanno fatto?, ci vuole la castrazionex chi si macchia di questi delitti

    RispondiElimina
  19. L'occasione di due commenti mi dà la possibilità di dichiarare che sono contrario alla pena di morte anche in questi casi, e che la ritengo una barbarie.
    Quanto allo schifo della notizia, si commenta da sé.

    RispondiElimina
  20. PERDONO?!!!!!lo stesso Gesu' ha detto che chi scandalizza un piccolo è meglio che non fosse mai nato....poi hanno il coraggio di far la morale ....e chi li difende è in parte complice!!!!

    RispondiElimina
  21. Tagliamoli la testa e gettiamola in un letamaio

    RispondiElimina
  22. No alla pena di morte, non serve a nulla e non ripaga nessuno..non commento la notizia perché non saprei veramente che dire oltre che mi è venuto mal di stomaco(non scherzo).
    Cmq la mia pena sarebbe la stessa di qualsiasi altro pedofilo, castrazione chimica e lavori usuranti (costruire strade, ponti infrastrutture, attività estrattiva ecc) a vita

    RispondiElimina
  23. li farei inculare da un asino sordo fino alla morte cosi durante l'agonia hanno tutto il tempo x confessare le loro porcherie al SIGNORE. perche un asino sordo? cosi anche se urlano non sentono finche la giustizia terrena e DIVINA sia fatta

    RispondiElimina
  24. Voi dite pena di morte, io dico che è troppo poco, fosse per me li torturerei fino a farli impazzire di dolore: maledetti bastardi

    RispondiElimina
  25. Anche per il peggiore pedofilo, anche per il più sadico serial killer NO ALLA PENA DI MORTE!

    Sì però alla castrazione chimica (uhm... sì, limitiamoci a questa, anche se la Bobbit resta sempre un piccolo idolo!), sì al tenerli in galera a vita, sì (nei casi in cui non si riesce a tenerli davvero dentro per sempre) al rendere noti i loro crimini alla popolazione tra cui andranno ad abitare.

    Nel momento in cui sarà dimostrato che un pedofilo può "smettere", allora forse si potrà pensare a cure e privacy, fino ad allora il diritto prioritario è quello del bambino!

    Silvia

    RispondiElimina
  26. NON CI SONO PAROLE !!!!
    QUESTA E' L'ENNESIMA CONFERMA DELL'ASSURDITA' DEL RITO DELLA CONFESSIONE: TI PUO' ASSOLVERE UN UOMO CHE PU0' AVER FATTO TALE OSCENITA' ?
    LA CHIESA DEVE RIFLETTERE.
    UN UOMO NON PUO' ASSOLVERE UN ALTRO UOMO.
    UNA TONACA NON TI DIFFERENZIA !!!!

    RispondiElimina
  27. Il Cristo sulla croce disse. "Perdona loro perché non sanno quello che fanno". E così soltanto Dio perdona e rimette i peccati, non il Cristo che è stato un illuminato o profeta ma pur sempre uomo. Dio come un buon padre misericordioso ci punisce per le nostre colpe e dopo averle scontate ci offre nuove opportunità. Loro devono pagare. La confessione è soltanto un'impostura e un'eresia. E' troppo facile lavarsi la coscienza in questo modo. Ma non è meglio se si sposano o vanno a puttane? Molto meglio.

    RispondiElimina
  28. ci sarebbe anche questo

    http://www.corriere.it/cronache/09_maggio_21/fabio_cavalera_abusi_c5fdfc9a-45ca-11de-8c01-00144f02aabc.shtml

    RispondiElimina
  29. L'imperatore Costantino ha fatto un bel casino facendo del cristianesimo la religione di Stato. Da allora si è detto che il Cristo era figlio di Dio e che era risuscitato dalla morte. E tutto questo mentre gli imperatori potevano avere una religione di comodo che fosse contigua al loro potere: controllare l'elezione dei religiosi compiacenti all'autorità imperiale significava controllare e avere in ogni momento il polso della situazione dei propri sudditi. E di converso la religione cristiana di Stato, così mutata, poteva godere dei più ampi privilegi e potere. Caro Costantino tu hai combinato un bel casino. Mi dispiace tanto per le nefandette perpretate ai danni di questi piccoli sordomuti. Ma questi preti è certo che pagheranno, non si può prendere in giro il padreterno. Il Cristo è morto in croce e non è risorto, fu uomo, un illuminato, un profeta, ma fu uomo. Tutto il prodotto della creazione è figlio di Dio, allora siamo tutti figli di Dio. Non esiste un esclusivo figlio di Dio.

    RispondiElimina
  30. La cosa più grave è che di storie squallide come questa ce ne sono tante, ma purtroppo in Italia c'è il Vaticano che di certo non ama che si sappiano troppo in giro.
    Però se si parla di aborto o di cellule staminali che salverebbero tante vite umane, si scatenano anatemi e battaglie sociali e politiche infamanti nei cofronti di questi "eretici".
    Fuori la verità. Siano processati i preti pedofili perchè fanno un po' più schifo degli altri pedofili:sono più vigliacchi perchè approfittano di una posizione di comodo e si nascondono dietro una toga.

    RispondiElimina
  31. La cosa più grave è che di storie squallide come questa ce ne sono tante, ma purtroppo in Italia c'è il Vaticano che di certo non ama che si sappiano troppo in giro.
    Però se si parla di aborto o di cellule staminali che salverebbero tante vite umane, si scatenano anatemi e battaglie sociali e politiche infamanti nei cofronti di questi "eretici".
    Fuori la verità. Siano processati i preti pedofili perchè fanno un po' più schifo degli altri pedofili:sono più vigliacchi perchè approfittano di una posizione di comodo e si nascondono dietro una toga

    RispondiElimina
  32. La cosa più grave è che di storie squallide come questa ce ne sono tante, ma purtroppo in Italia c'è il Vaticano che di certo non ama che si sappiano troppo in giro.
    Però se si parla di aborto o di cellule staminali che salverebbero tante vite umane, si scatenano anatemi e battaglie sociali e politiche infamanti nei cofronti di questi "eretici".
    Fuori la verità. Siano processati i preti pedofili perchè fanno un po' più schifo degli altri pedofili:sono più vigliacchi perchè approfittano di una posizione di comodo e si nascondono dietro una toga

    RispondiElimina
  33. credo non ci sia niente da aggiungere ai commenti di cui sopra. Abusare dei bambini, sopratutto quelli che per un motivo o per un'altro non hanno chi li protegge e gravissimo e credo che nessun pentimento presente o futuro puo' accettarsi.

    RispondiElimina
  34. Non so chi faccia più magra figura, se il prete pedofilo o chi da fiato alle trombe senza collegare il cervello e rimetterebbe in piedi qualche sistema molto simile all'inquisizione. I rivoluzionari alle vongole non mi piacciono, tagliano la testa al sovrano e poi si comportano uguale uguale.

    RispondiElimina
  35. Sono un agnostico, ma questa è una delle prove della non esistenza di Dio.


    Dio come sappiamo può apparire in diverse forme ,appurate dalla Chiesa, attraverso la Madonna, Santi e miracoli.

    Se ciò fosse vero sarebbe mai possibile permettere nelle sue chiese queste azioni , le più violenti e barbare che un uomo può fare?

    Possibile che il colosso Chiesa cattolica si regga nascondendo tali nefandezze ?
    A cosa servirebbe pregare se il prete dietro la parete si inchiappetta un sordomuto, e non parliamo di eventi rari ma di abitudini di decenni?

    Da agnostico c'è da passare all'ateismo, ma per pura logica.
    Tutta falsità solo falsità, non può esistere nessuna mente superiore che permetta tali comportamenti, e se esiste non è là per fare del bene.

    RispondiElimina
  36. Gesù ha detto: Il Regno di Dio è dentro di te e tutto intorno a te, non nei templi di legno e pietra.
    Spacca un pezzo di legno ed io ci sarò, solleva una pietra e mi troverai. Non è facile interpretare queste frasi, ma già dalla semplice analisi logica è evidente che le chiese non sono l'unico posto dove si può incontrare e pregare Dio ed i preti non dicono tante verità che non darebbero loro modo di arricchirsi e di fare cose come queste. Perciò, fratelli, non abbiate timore di dire a loro che non abbiamo bisogno di nessun tramite per dire a Dio ciò che pensiamo e facciamo e non affidiamo a loro i nostri figli. Amen.

    RispondiElimina
  37. Non facciamo l'errore di fare di tutta l'erba un fascio però. Io di preti veri, di uomini che dietro la tonaca hanno davvero una grande fede ed un grande cuore, ne ho conosciuti. Ma anche la chiesa per non macchiare di infamia tutto l'ordine sacerdotale, cerca , in qualche modo di mascherare le cose. Sta a noi individuare i falsi preti, gli ipocriti e gettarli dal baratro, chi sente di andare in chiesa vada in chiesa, "fai quello che dico e non fare quello che faccio" è una massima sentita tante volte perchè non applicarla anche in questo caso?

    RispondiElimina
  38. Francesco Novielli kekkonovi@otmail.it21 maggio 2009 20:08:00 CEST

    questa è la chiesa? questi sono i preti? gente ke pur professando "che cè vita oltre la morte e ke bisogna amare il prossimo come se stesso e proseguendo con tutte quelle stronzate che vanno dicendo durante le loro omelie", compie gesti ke, amio avviso, non sono nemmeno da animale, lasciando un' indelebile segno nella memoria di questi bambini. Poi c'è la chiesta con la sua maestosità. Che in primis non muove un dito contro questi porci(chiamarli persone mi sembra eccessivo)e manifesta la sua carità donando 0 euro x il terremoto in abruzzo.Quando c'era bisogno di lei,quando migliaia di persone rimanevano senza un tetto ha detto: PREGHIAMO PER I NOSTRI FRATELLI ABRUZZESI. ma quali fratelli?!?!? Se un mio fratello mi chiede aiuto, non me ne lavo di certo le mani ma mi metto subito a sua disposizione. Questa è la fratellanza. Fortuna che mi sento estraneo a tutto questa "religiosità infondata".

    RispondiElimina
  39. Intanto la notizia sullo scandalo dei preti pedofili in Irlanda è giá scomparsa dalla homepage di corriere.it e di repubblica.it. Mai una notizia di questa portata è stata così rapidamente relegata in secondo piano. In compenso restano in home la lettera di Gerry Scotti che spera, da divorziato, di poter accedere di nuovo ai sacramenti o il servizio sugli effetti della crisi a Montecarlo (barche più corte...).

    RispondiElimina
  40. Agghiacciante, grazie di averlo segnalato. E sì, il silenzio è ancora più terribile: se un rumeno guarda una ragazzina titoloni a tutta pagina, questo ha violentato tredici (o qualcuno di più, che vuoi che sia) bambini, e solo quei mangiapreti del gruppo l'Espresso.

    RispondiElimina
  41. sono disgustato sentendo queste notizie.credo che non ci sia:una pena adeguata per quei "miserabili porci e troie" ps ho letto tanto tempo fà che un signore disse: LA CHIESA é LA FONNTE DEL " DELITTO,I PRETI I PIù GRANDI MCELLAI!!!"
    ROBERT

    RispondiElimina
  42. e poi dicono che i comunisti mangiano i bambini...vaffanculo...VAFFANCULO!!!

    Perché non c'è uno stramaledetto giornalista che mette insieme tutte queste notizie, sia italiane che estere, e le elenchi punto per punto? Che parli anche della omertà della chiesa...

    RispondiElimina
  43. perchè invece di parlare di preti però non si parla semplicemente di uomini...quali sono tutti i preti...lungi da me difenderli, ma alla fine qual'è la differenza tra un pedofilo prete e un pedofilo non prete? solo che il prete predica bene e razzola male...ma appena ce la si può prendere con la chiesa...nascondersi dietro alla chiesa e tanto grave quanto accusarla per scopi politici...non capisco perchè nessuno considera mai il fatto che la chiesa è fatta di uomini...che se ne approfittano o no in quanto UOMINI. non vedo perchè parte della società odierna debba in qualche modo far sentire in colpa qualcuno per il suo credo religioso. anche io so che "la chiesa" in quanto organizzazione fatta di uomini ha avuto e ha un sacco di lati raccapriccianti. ma a volte si tende ad attribuirle tutti i mali del mondo, ma in ultima analisi tutti i mali del mondo derivano dall'uomo stesso, uomini come me, uomini come i preti pedofili uomini come quelli che se la prendono con i preti pedofili...forse non tanto perchè pedofili quanto perchè preti...
    scusate lo sfogo...e ribadisco che non sto cercando di sminuire la gravità della situazione.

    RispondiElimina
  44. questa è l'italia degli italiani i poteri forti stanno in coloro che nascondono i loro giochi sporchi e le loro malefatte da furbetti e che sono convinti di essere protetti da ( qualsiasi ) Dio ... si chiama estremismo e non e' legato ad un ideale ma ad uno stile di vita che ci rende vergognosi come popolo agli occhi del resto del mondo.. non che nel resto del mondo ci sia di meglio ma tra la chiesa e Silvio in italia siamo proprio messi male

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post