Il coma del diritto

Sarò pure polemico, non discuto: ma vedendo questo titolo e leggendo l'articolo che c'è sotto sono rimasto decisamente turbato. A quanto pare, infatti, l'indignazione generale è stata sollevata dalla circostanza (peraltro gravissima, sia chiaro) che si sia verificato un tragico scambio di persona.

Il che mi fa sorgere un dubbio angoscioso: non è che se il ventinovenne acchiappato dal poliziotto fosse stato davvero il ricercato, invece che un passante qualunque, il fatto che quel poliziotto l'abbia sbattuto contro un muro mandandolo in coma, anziché arrestarlo normalmente, sarebbe stato considerato tutto sommato accettabile?
A me, purtroppo, punge vaghezza di sì: e la cosa, ve lo confesso, mi atterrisce.
Ma forse sono io, che sono polemico.

Questo post è stato pubblicato il 24 maggio 2009 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

20 Responses to “Il coma del diritto”

  1. caro Metilparaben, hai fondamentalmente ragione ma dipende soprattutto dal motivo per cui il ricercato era tale...Non mi sarei certo indignato se ad andare in coma fosse stato uno stupratore, un assassino o comunque una persona fortemente nociva alla societa'.

    RispondiElimina
  2. Non sono per niente d'accordo: le pene per quei delitti sono stabilite dal codice penale, e io non conosco codici penali che prevedono legalmente come pena lo schiacciamento sul muro da parte di un poliziotto.

    RispondiElimina
  3. @ Anonimo 12.47
    Tutti,anche chi si è macchiato di gravi delitti,devono godere delle garanzie e tutele che proteggono i cittadini,anche gli stupratori,dai soprusi della polizia.Un regolare processo insomma,non un'esecuzione sommaria per la strada.
    Va detto,a parziale difesa dei tutori dell'ordine,che non sempre arresti e fermi si svolgono in circostanze "tranquille".Non sempre si fermano lord che badano all'etichetta.

    RispondiElimina
  4. mio papa' mi ha insegnato che quando fanno fuori un poliziotto non bisogna dispiacersi e questo lo dico io: sono forti coi deboli e deboli coi forti. senza manganelli e caschi e i loro trucchi prenderebbero tante di quelle botte. sono vergognosi perche' sono al servizio dei prepotenti, cioe' l'ordine costituito.

    RispondiElimina
  5. x Anonimo con il papà che dice cazzate e che segue le sue orme:
    gente come te e tuo padre dovrebbe trovarsi circondata da delinquenti armati e violentatori assassini.
    E all'esterno di questa cerchia di animali che si appresta a far loro del male un cerchio di poliziotti sordi alle loro richieste d'aiuto... così magari la smettereste di scrivere cazzate e pure sotto anonimato.
    Cacasotto!

    RispondiElimina
  6. non ho capito se gli "anonimi" sono 2 o la stessa persona...per chiarezza mi riferisco a loro come A2 ed A1:

    @ A1
    esprimi alla perfezione l'ignoranza italiana riguardo l'argomento legge e democrazia...
    costituzionalmente si parla di "giusto processo", "certezza della pena" e "presunzione d'innocenza"..questi tre argomenti che tu sia garantista o giustizialista sono cmq da rispettare...ci sono secoli di evoluzione del diritto e c'è ancora chi propone pestaggi legalizzati....mah

    @A2
    ...francamente non so se sei + stupido tu o tuo padre...nel senso che non riesco a capire se è + stupido insegnare al figlio certe cose o se da figlio non mandare affan**** chi le pensa...

    RispondiElimina
  7. per franz : ti auguro la caserma diaz di genova poi vedi come i poliziotti ti aiutano coglione. e se non mi sono firmato e' perche' di computer ne capisco poco

    RispondiElimina
  8. io anonimo visto che non riesco a far apparire il mio nome mi chiamo paolo e voglio dire a gian che se la legalita' viene meno ognuno ha il diritto di difendersi come puo'. comunque le forze dell'ordine usano la violenza sistematicamente e non la forza. sono due cose ben diverse. ma per persone come voi sono concetti troppo difficili da assimilare. in ogni caso visto come siamo conciati mi sa che qualcuno ruba lo stipendio

    RispondiElimina
  9. Per l'anonimo con papà:
    Siete due persone spregevoli
    Per Franz:
    Anche firmarsi come Franz non è che renda poi così riconoscibili.....
    E per concludere un mio modesto punto di vista: visto l'andazzo siamo solo all'inizio e se decolleranno veramente le ''ronde padane,, allora sì che ne sentiremo e leggeremo di tutti i colori al di fuori della legalità!!
    E' solo questione di tempo..........

    RispondiElimina
  10. Per vari Anonimi.
    In passato ci furono persone che vollero "alzare il livello dello scontro" con lo stato e furono sconfitte,pur godendo,all'inizio,di una certa simpatia popolare (anche la mia,vi dirò.Ero giovane).Portare la lotta politica su un piano militare fu una follia e un errore.
    Se vuoi fare l'avanguardia rivoluzionaria,ogni tanto ti devi girare per vedere se il proletariato ti segue.
    Se non vedi nessuno sei solo un romantico,e scervellato,fuorilegge.

    RispondiElimina
  11. H.Boll disse della RAF (banda Baader-Meinof):Cinque persone contro 60 milioni di tedeschi.
    Avventurismo puro.Neppure Lenin,che di rivoluzioni se ne intendeva,avrebbe approvato una simile fuga in avanti.
    E taccio dei lutti,dei morti.

    RispondiElimina
  12. Per tutti, anonimi e non: a me pare che i poliziotti che pestano a sangue le persone della Diaz e coloro che si rallegrano quando muore un poliziotto siano due facce della medesima illegalità.
    Nessun poliziotto dovrebbe permettersi di pestare un delinquente quando lo prende, perché ciò è in contrasto con la legge: per gli stessi motivi, allorché un poliziotto lo facesse, la soluzione che auspico è quella di processarlo e condannarlo secondo la legge per ciò che ha fatto. Augurarsi che qualcuno lo ammazzi, o ammazzarlo direttamente, sarebbe infatti illegale esattamente come il suo stesso comportamento.

    RispondiElimina
  13. Se era la persona giusta va bene cosi!! Basta tanto buonismo verso tutti.Guardate in alltri paesi la polizia...

    RispondiElimina
  14. ti chiedi se sei stato polemico ?
    non direi proprio il tuo ragionamento é perfetto.
    quando leggo articoli di questo tipo provo a mettermi nei panni di chi ha torto e penso sempre che chiunque può sbagliare.
    Anche perché ne abbiamo mille sotto gli occhi di esempi di come le cose si possono ribaltare velocemente dall'oggi al domani. Oggi a me domani a te... quindi é anche e prima di tutto una questione di convenienza !

    RispondiElimina
  15. @Anonimo: "Se era la persona giusta va bene cosi!! Basta tanto buonismo verso tutti".
    Il buonismo non si evita violando la legge, ma applicandola: due torti non fanno MAI una ragione.

    RispondiElimina
  16. in effetti anonimo(quello contro la polizia) e il padre non mi sembrano tanto scervellati. Andate contro i "potenti" ma non contro il loro braccio? Odiate i politici incompetenti ma non i poliziotti che da loro dipendono? Uhm...

    RispondiElimina
  17. caspita, neanche il tempo di scrivere il mio post precedente

    "
    La polizia del G20 ha usato “agenti in borghese per provocare la folla.”
    "


    http://www.guardian.co.uk/politics/2009/may/10/g20-policing-agent-provacateurs

    mi permetto anche una osservazione
    "Se vuoi fare l'avanguardia rivoluzionaria,ogni tanto ti devi girare per vedere se il proletariato ti segue.
    Se non vedi nessuno sei solo un romantico,e scervellato,fuorilegge."

    il proletariato detiene forse qualche Verità superiore?
    Non si può essere soli e nel giusto?

    RispondiElimina
  18. @ Vaaal
    Si può essere soli e nel giusto.Succede spesso.Capità però che in questi casi il giusto non trionfi.
    Essere nel giusto,ma sconfitti dal Male,può consolare solo le anime belle(notare la maiuscola.Da ragazzo mi piaceva Tolkien,pur non essendo di destra).

    RispondiElimina
  19. Beh vaal... La borghesia detiene forse la verità? A me sembra che piuttosto detenga la ricchezza, ma forse mi sbaglio io e sono stupido ad essere comunista.
    X Paolo
    Capisco la rabbia contro la polizia, io stesso li detesto. Ma da qui a rallegrarmi della morte di una persona prima che di un poliziotto ce ne vuole. Certo è che essendo al servizio dei potenti non sarà mai fatta giustizia, e la sentenza emersa dal processo sui fatti del G8 di Genova ne è l'ennesima dimostrazione, ma non si può colpire con la stessa arma. L'ordine costituito lo si rende illegittimo con la verità dei fatti (soprattutto quando accadono cose come queste che ci ha scritto Alessandro), non distruggendolo con i suoi stessi metodi violenti e repressivi

    RispondiElimina
  20. Scusate il doppio post.
    Scusami vaal, ho interpretato male il tuo messaggio sul proletariato, me ne sono reso conto ora rileggendolo (prima ci avevo trovato una verve polemica sulla 'classe proletaria' che in effetti non c'è). Chiedo venia

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post