Ecco un altro cicciottello con l'iPhone

Luca Zaia, 24 marzo 2011:

Quelli che arrivano con le scarpe da ginnastica firmate, il giubbottino all'occidentale e il telefonino in mano non è gente che chiede l'asilo politico. Lampedusa non è invasa da rifugiati politici o disperati, ma da tunisini che fuggono da un territorio nel quale è ripresa la vita normale e sono state riaperte le aziende. Oggi sbarcano soltanto ragazzi di 25-35 anni senza famiglia che appaiono in carne, ben messi, non così sprovveduti.
Nella foto, uno degli extracomunitari scampati al naufragio della scorsa notte.
Sono chiaramente visibili la spensieratezza del soggetto, la sua corporatura paffutella, le Nike, il Moncler e l'iPhone.

Questo post è stato pubblicato il 06 aprile 2011 in ,,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

19 Responses to “Ecco un altro cicciottello con l'iPhone”

  1. Zaia è tautologico: appena parla, si autodefinisce.

    RispondiElimina
  2. per non parlare del servizio di ieri del TG1 che mostrava Tunisi come una ridente città popolata da medio-alta borghesia intenta alla pratica dell'aperitivo al sole !

    RispondiElimina
  3. Tra l'altro il "cicciottello" in foto è pure abbronzato.A chi vorrebbe farla bere che viene qui per stare meglio?

    RispondiElimina
  4. Zaia nella testa ha due scatoline, una è vuota, e nell'altra non c'è nulla

    RispondiElimina
  5. Sapete che vi dico? A me il Federalismo non sta più bene, preferisco lo scissionismo, che è poi il vero intento dei federalisti mascherati. Con gente come Zaia & Co. preferisco non avere più niente a che fare.

    RispondiElimina
  6. @Venerdì Sushi

    Eh no, troppo comodo: ma che, Zaia poi ce lo dobbiamo cuccare solo noi quassù? Come minimo, chiediamo la solidarietà delle altre regioni italiane (e magari pure della UE)...

    RispondiElimina
  7. Facile prendersela con Zaia. E dell'Unione Europea che dei clandestini se ne frega altamente, della Spagna di Zapatero e della "civilissima" Francia che li cacciano a revolverate e calci nel sedere?

    RispondiElimina
  8. Quoto Magar: non abbandonateci!!

    Ale, lo so che questo post contiene in sé una realtà tragica, ma la tua ironia mi ha strappato un sorriso.... :)

    RispondiElimina
  9. In questi tempi incerti, c'è solo una certezza che dentro di me si rafforza sempre di più: la Lega è il peggio del peggio che ci poteva capitare.

    AleG

    RispondiElimina
  10. Stiamo parlando di Zaia. Che si rivolge in maniera non proprio subliminale al suo elettorato. Un mix meraviglioso.

    Z.

    RispondiElimina
  11. Ma...riusciremo a indignarci?
    per favore ditemi di si, si gliela faremo anche se siamo vecchi ed egoisti....

    RispondiElimina
  12. Sembra che abbiano bloccato la possibilità di condividere su FB per "contenuti offensivi".

    RispondiElimina
  13. Nota: ho dovuto eliminare alcuni commenti che contenevano degli insulti. Abbiate pazienza, ma mi tocca farlo per una questione di correttezza. Grazie.

    RispondiElimina
  14. zaia è un grandissimo str ano personaggio

    RispondiElimina
  15. Questi leghisti sono gli odierni LUOGHICOMUNISTI. L'anima concupiscibile dello spettatore preferisce credere che sapere e se vede, anche se non sa quello che vede, dice di sapere; così viene condotta ad assentire, magari con liberi scrosci di applausi. L'anima concupiscibile dello spettatore non sa cosa siano i luoghi comuni, non verifica le vociferazioni, non si attarda nel metodo e nella gnoseologia, asserisce questa cosa e quell'altra “perchè se lo sente”, elegge a verità il sentito ripetere.

    RispondiElimina
  16. Il problema non sono i leghisti, ma il 90% degli italiani che sotto sotto la pensa come loro. Ormai abbiamo maturato dei privilegi: viviamo in un paese in pace da 60 anni, tutto sommato rinuciando al superfluo ce la caviamo bene e con una buona dose di ipocrisia riusciamo anche a guadagnare qualcosa. Ora cosa fanno questi ? vengono a rubarci il lavoro ? il cibo ? a rovinare la vista delle nostre città ? ... io viaggio in autobus e le frasi sussurrate dalle vecchine, gli sguardi disgustati delle signore di mezz'età verso passeggeri immigrati (magari regolarissimi) mi fanno vergognare come un cane. Il debole è il nemico perfetto non c'è nulla da fare, e anche davanti all'evidenza dei fatti non smetteranno mai di credere che questi arrivano con l'iphone... perchè è quello che vogliono sentirsi credere. Perchè giustifica il loro guardare da un'altra parte quando il barcone si rovescia. Semplice quanto disgustoso.

    RispondiElimina
  17. Ecco la prova che Zaia ha ragione: guerriglieri griffati!
    http://ilgattosilver.splinder.com/post/24358445/just-cavilli

    RispondiElimina
  18. trovare un poco di Vergogna nel parlare??

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post