L'attimo perfetto

Ho come la sensazione che per molti esponenti della maggioranza, di qui in avanti, sarà tutta una questione di tempismo: se abbandonano la nave troppo presto rischiano di dover affrontare i flutti tempestosi in navigazione solitaria, con scarsissime possibilità di sopravvivenza; se invece la lasciano troppo tardi corrono il pericolo, probabilmente ancora più grave, di arrivare fuori tempo massimo per accaparrarsi l'ultima scialuppa libera.
Vince chi riesce a cogliere l'attimo perfetto, insomma: non un secondo di più, non un secondo di meno.
Non ci fosse di mezzo il paese, sarebbe lo spettacolo più avvincente degli ultimi quarant'anni.

Questo post è stato pubblicato il 11 aprile 2011 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

One Response to “L'attimo perfetto”

  1. Quoto. La mia teoria, e ne ho scritto al riguardo sul mio blog, è che Berlusconi subirà una sorta di contrapasso. Così come Mussolini è stato messo alla gogna e ha ricevuto delle manganellate, credo che Berlusconi sarà lasciato solo, ci sarà un voltagabbana e subirà una "gogna mediatica". Dopotutto si sa come all'Italia piaccia cambiare parere, no?

    Il problema è che tutto questo sarà appunto uno spettacolo, e temo che fungerà da capro espiatorio. Ci ritroveremo gli stessi pezzi di merda al governo.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post