Be the change

Il Corriere della Sera di oggi prima si scaglia contro le maldicenze reciproche tra i personaggi pubblici, che secondo Aldo Cazzullo (e anche secondo me, by the way) avrebbero ormai abbandonato ogni pudore:

Dopodiché, tanto per contribuire a svelenire il clima, per dimostrare che la maldicenza "proviene sempre dall'interno" e per fornire la prova che ci si dovrebbe occupare di argomenti più seri, dedica una bella porzioncina di pagina 9, con tanto di ingrandimento, alla maglietta con la scritta "Cayman Islands" indossata da Fini:

001
Per la serie: sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.

Questo post è stato pubblicato il 17 agosto 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

14 Responses to “Be the change”

  1. Alessandro sei sempre il solito ignorante rottinculo. Sei esattamente come appari in quello che posti, vale a dire un lurido monnezzaro ignorante .. non ti smentisci mai.

    Testa vuota che non sei altro, lurido cazzone analfabeta e igenicamente trascurato... ma ti rendi conto che a noi tutti NON INTERESSA UN CAZZO delle magliettine "cayman" che indossano Gianfranco Fini o maurizio costanzo...

    E queste sono le cazzate che ti piace postare su questo blog di merda... poi si lamentano quando gli dicono che i sinistroidi sono una massa di ignoranti senza arte ne' parte... mi sa proprio che merdusconi ve lo pupperete molto a lungo.

    Notizie "serie" ogni tanto .. no ?!

    RispondiElimina
  2. Avrei scommesso che il prossimo post di questo blog si sarebbe intitolato "Grazie Marcello" http://www.giornalettismo.com/archives/76511/

    RispondiElimina
  3. @ Anonimo: che cosa significherebbe tutto ciò?

    RispondiElimina
  4. ehila', volevo postare un commento circa il fatto che dai remoti tempi del 2003 (prima direzione de bortoli, lontanissima parente di quella attuale) il corriere ha smesso di dare notizie ai suoi lettori -salvo poche meritevoli eccezioni come stella, rizzo, cavallaro, sarzanini, ferrarella, mucchetti, e pochi altri- e trovo un anonimo che da' fondo al suo dizionario del turpiloquio.

    suvvia amico anonimo: i blog non sono come la tv, se non ti piacciono puoi scegliere di abbandonarli e non tornarci piu'.

    dammi retta amico anonimo: abbandona metil e i suoi lettori al loro triste destino, e valorizza altrove i tuoi talenti. sara' dura sentirsi lasciati da te, ma ce ne faremo una ragione. a mai piu'.

    RispondiElimina
  5. Ma poi la cosa meravigliosa dell'anonimo in capoccia è che ha clamorosamente equivocato il senso del post, come se Metil intendesse spettegolare sulla maglietta di Fini anziché ironizzare su coloro che lo fanno... quando mi capitano sotto il naso queste manifestazioni di palese incapacità di comprendere prima di dare la stura agli insulti penso che la moderazione dei commenti sia cosa buona e giusta.

    RispondiElimina
  6. @ Anonimo
    Prova a rileggere il post, magari riesci a capirne il senso...

    RispondiElimina
  7. La cosa non mi sorprende più di tanto: da quando il Corriere è stato inserito tra i giornali "cattivi" dal pres. del Cons., ormai non c'è giorno che buona parte di esso, fatti salvi alcuni giornalisti citati tra i commenti, non tenti di redimersi ai suoi occhi. Fa bene Travaglio a chiamarlo "Pompiere della sera".

    PS. Sull'anonimo meglio non aggiungere altro: come ha detto Rita C., ci pensa da solo a ridicolizzarsi.

    RispondiElimina
  8. Alla base di tutto lo schifo che c'è, secondo me, è che sti sedicenti giornalisti ci propinano un giorno si e l'altro pure le gossippate sui politici.
    Che palle...non se ne può più.
    Non tutti gli italici sono consumatori di grandi fratelli isole dei famosi e quant'altro.
    Basta vi prego.
    Tornate a fare i giornalisti.
    Date le notizie, magari vere (possibilmente...che ne dite???).
    Ogni tanto qualche commento...ok...ma non troppo però che poi vi credete di essere chissà chi.
    La gente normale si è rotta le balle del giornalismo (oddio che parola grossa) alla feltri.

    RispondiElimina
  9. Ragazzi lettori sinistroidi del blog di merdilparaben, vedo che quasi tutti continuano a non capire che sono proprio i perditempo "armati di buone intenzioni" e privi di concretezza come il caro alessandro che rendono la sinistra italiota quella ameba informe che e'.

    Poi, per carita, vi e' anche di peggio.. ma il nostro monnezzaro non si smentisce quasi mai coi suoi chiamamoli cosi' .. post "gossippari" all'acqua di rose.. per non parlare dei post calcistici, quelli canzonettistici ed i post a base di birra e rutti.

    Auguri eh.. mi raccomando .. continuate a crogiolarvi nella calura agostana.

    RispondiElimina
  10. caro anonimo, comprenderai se questa sara' la mia ultima comunicazione perche' non voglio forzarti a ritardare oltre la tua ricollocazione verso lidi che meglio ti si confacciano, pero' mi sento di dirti due cose:

    1) capisco che metil ti abbia fatto un imperdonabile affronto personale. a roma ci sono eccellenti conventi delle carmelitane, scalze e non: trovane uno, sfidalo a duello e risolvi questa cosa, con grande soddisfazione dell'universo creato per la fine di questa angosciante querelle

    2) mi sta bene che ci chiami sinistroidi; che pensi che tutti i lettori di questo blog siano dei perfetti imbecilli, quorum ego; che pensi che la sinistra italiana sia la sentina di ogni male (e magari su questo... non avresti tutti i torti); ma perdiana, non mescolarti con questo monnezzaio: salvati l'anima e dirigi altrove la tua barca !

    questo posto e' piacevole perche' si puo' discutere senza insultarsi. Se per te l'assenza di insulTo e' insulSa, allora buon viaggio, e copriti bene.

    Saluti dalla fresca (e perfida, ovviamente) Albione.

    RispondiElimina
  11. Coi prezzi che ci sono in inghilterra chiamarla perfida è poco!

    RispondiElimina
  12. ...specie se vivi nella capitale.

    pero' l'osservazione della fauna metropolitana e' compresa nel prezzo :-)

    RispondiElimina
  13. Gianni,

    Ma secondo te allora una notiziona come la maglietta di fini al mare sarebbe rilevante.

    Mentre si puo' tranquillamente passare sotto silenzio e grattarsi le palle sul continuo e oramai quotidiano stillicidio di notizie relative ad abusi su donne e bambini :

    http://www.leggo.it/articolo.php?id=76248

    Tanto chissenefrega abbiamo una notiziona sulla maglietta e se non c'e' di meglio ci occupiamo di commentare le notizie sportive, il tempo o la musica di tendenza.

    cordialmente

    RispondiElimina
  14. Fini Tulliani
    Dio li fa e Silvio li accoppa

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post