Non iniziare?

Abbiate pazienza, ma a me risulterebbe che -salvo rare eccezioni- chi acquista un pacchetto di sigarette abbia già abbondantemente iniziato a fumare: ne consegue che nella stragrande maggioranza dei casi il monito che vedete nella foto qua sopra è del tutto inutile.
Non è che sarebbe stato più logico scriverci "smetti"?

Questo post è stato pubblicato il 05 agosto 2010. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

39 Responses to “Non iniziare?”

  1. questo va sotto la categoria "metilparaben states the obvious", sotto la categoria "metilparaben contro i mulini a vento" o sotto quella "metilparaben osserva la realtà intorno a te e la condanna a morte?"

    RispondiElimina
  2. Ma non sarebbe più logico non scriverci niente e alzare la tassazione sui tabacchi? Vedrai come smettono! Un pacchetto 20 euro. Vediamo un po' chi compra...

    RispondiElimina
  3. Caro Anonimo, non vi sono forse sufficienti gabelle in codesto "stato"?

    RispondiElimina
  4. Ha ben ragione l'anonimo delle 17.44, alzare la tassazione sui tabacchi, far ridiventare il fumo (e i compianti fumoir) qualcosa per le elite.

    Si lasci al popolino il trastullo della Cocaina, che oramai si trova a poco e sovente è di bassa qualità.

    Oramai anche l'operaio vuole il figlio dottore con l'auto sportiva (magari di marca asiatica e in leasing), non ci sono più gli status symbols e non ci resta che piangere l'aristocrazia napoleonica.

    RispondiElimina
  5. non dimentichiamoci che l'alcool causa svariate vittime. forse è il caso di portare una birra a 33 euro - un euro a cl.

    RispondiElimina
  6. tra l'altro andrebbe scritto che la vagina provoca dipendenza, e pure il cazzo via, non vogliam mica essere omofobici.

    RispondiElimina
  7. MA INFATTI È ORA DI DIRLO!! LA GENTE INIZIA A FUMARE RACCOGLIENDO LE SIGARETTE CHE TROVA PER STRADA E SOLO POI, SOLO POI, VINCENDO LA VERGOGNA SI RECA DAL TABACCAIO A COMPRARE UN PACCHETTO.

    SI DOVREBBE PROIBIRE ALLE GRANDI CASE CHE PRODUCONO IL TABACCO DI LASCIARE IN GIRO LE SIGARETTE SFUSE O DI SMERCIARLEE NELLE DISCOTECHE AL FINE DI ATTRARRE NUOVI CONSUMATORI.

    OVVIO CHE DOPO LE PRIME "TIRATE" UNO VA DAL TABACCHINO AD ACQUISTARNE UN PACCHETTO E LA SCRITTA SUDDETTA RISULTA ESSERE INUTILE, ORAMAI IL DANNO È FATTO, SI È GIÀ DEI FUMATORI.

    RispondiElimina
  8. Stavo facendo un ragionamento. Scusatemi se condivido con voi i miei pensieri.
    Pensavo appunto che non dovrebbe essere lo Stato, con balzi e balzelli,a disincentivare il fumo. Credo che stia alla coscienza delle persone capire che il fumo fa male e quindi sarebbe meglio smettere. Anche perché chi fuma è per la maggior parte adulto abbastanza da saper ragionare con la propria testa.
    Poi però mi è venuto alla mente che solitamente chi fuma ha più probabilità di avere certi problemi di salute, come cancro ai polmoni, ostruzione delle vene del collo (non mi ricordo il nome tecnico) etc.
    Allora forse, quei soldi in più non servono per disincentivare a comprare ma per pagare le future spese mediche. Così avrebbe un senso mettere una tassa sulle sigarette.

    RispondiElimina
  9. Si tratta invece di un'intelligente iniziativa deterrente, articolata in cinque simpatiche fasi:
    1. L'aspirante fumatore si reca in tabaccheria
    2. Il perspicace tabaccaio individua sagacemente l'aspirante fumatore
    3. Con rapida mossa seleziona il pacchetto con la scritta ammonitrice
    4. L'aspirante fumatore viene colpito dalla scritta e rinuncia per sempre alle sue perverse intenzioni ripigliandosi i soldi che aveva messo sul banco
    5. Il tabaccaio gongola per l'opera buona commessa.

    RispondiElimina
  10. Sono un fumatore, ero uno che sbevazzava, anche. Smettere di bere è stato un attimo...fumare un casino.
    I divieti non servono, incoraggiano la " ribellione ".
    I costi neppure ( sai che felice la mafia a venderti a 5 quello che lo Stato (?) fa pagare 20 ?
    E' solo un fatto di cultura,solo che la cultura non piace molto ai mignottari che " comandano"...
    Non vedo altra soluzione che la personale crescita...
    MIca facile anche questo, pensare fa usare il cervello, e questo non ci siamo tutti abituati ( io per primo, eh! mica faccio il fighetta intellettuale ! ) ..... :-)
    Piero
    P.S. : mi manca Siletta, mi sa che sia in ferie.... fumando e stragozzandosi di Daiquiri :-) ( scherzo ! )

    RispondiElimina
  11. E' che era finito lo spazio sul pacchetto. Sennò la frase continuava "A ROMPERE IL CAZZO PURE TU, ORA."

    RispondiElimina
  12. Beh, non esageriamo. La scritta su un pacchetto può essere letta anche da un non acquirente.

    RispondiElimina
  13. Si, la scritta per esempio può essere letta dal figlio dodicenne di un papà fumatore, e potrebbe nel caso migliore generare una discussione tra i due, con la speranza che papà smetta e il giovanottino non inizi.

    RispondiElimina
  14. Alzare il prezzo a dismisura incentiverebbe il mercato nero. Riguardo alle scritte di ammonimento..se non ci fossero,le multinazionali del fumo chiuderebbero per fallimento nel giro di 5 anni...sai quante cause perderebbero contro i parenti delle vittime delle sigarette? Quelle scritte non servono per disincentivare il vizio,servono per essere legalmente a posto..Ormai dovrebbe essere noto che fumare,oltre ad essere un vizio costoso e poco igienico (cari fumatori,puzzate da morire) è soprattutto mortale. Andrea

    RispondiElimina
  15. Io Concordo con valentina (ed è la seconda volta dopo DFW). Sono l'anonimo delle 17.44. Propongo una cosa. Facciamo un'indagine statistica. Vediamo quant'è l'incidenza del fumo sui tumori. Non solo quelli ai polmoni, sia chiaro (anche se quella basterebbe). Vediamo quanto incide il fumo e vediamo quante sono le spese mediche di cui lo stato si prende carico. Ebbene perchè dovrebbe farlo? Scommetto che la cifra è esorbitante. Altrimenti non si capirebbero le scritte sui pacchetti. Ebbene io non penso che bisogna vietare il fumo. Così come non lo penso per le droghe. Dico semplicemente che le persone dovrebbero essere abbastanza responsabili da dire: Ok, il danno l'ho fatto io e adesso lo "ripago". Siccome ci sono problemi economici rilevanti, io taglio il problema alla radice. Bene, vuoi fumare? Pagati le cure a cui con una certa probabilità dovrai accedere (e te le paghi dal principio, pacchetto dopo pacchetto così non occorrerà tagliare l'assistenza sanitaria a nessuno). Il conto si può fare ed è anche facile. Ci vuole un minimo di calcolo delle probabilità. Secondo me arriviamo sui 20 euro a pacchetto... E non mi venite a fare il discorso dell'elite! Ma ditemi: che razza di elite è quella di succhiare da un tubetto di roba marcia? Ripeto, tutti liberi di farlo. Non posso essere io a decidere cosa si deve o non si deve fare. Ma bisogna che tutti si prendano le proprie responsabilità.

    RispondiElimina
  16. Io abito di fronte ad una enorme raffineria, ho due inceneritori nel raggio di 5km., una centrale ENEL sempre a 5km ed un deposito di scorie nucleari sottoterra a 10km regalo del governo degli United States of America.

    Dicevate del fumo?

    RispondiElimina
  17. Scusa ma chi l'ha fatto il piano regolatore? Ray Charles?

    RispondiElimina
  18. @Sassicaia molotov
    Ma dove abiti? Pazzesco!

    RispondiElimina
  19. Sassicaia abita a Livorno. E poi dicono che i comunisti non sono per lo sviluppo!!!!

    RispondiElimina
  20. Le tasse sul tabacco, anzi sulle sigarette, pare che per il tabacco sfuso per esempio non siano così alte, sono già sufficienti a coprire le spese mediche che lo Stato deve sopportare a causa delle malattie indotte. Dovrebbe fare più informazione, anche se un po' la fa, nei canali come tv e internet, dove i giovani guardano di più Sui pacchetti non scriverei proprio niente, chi fuma non le guarda nemmeno.

    RispondiElimina
  21. Fazioso! :D

    C'è sempre una prima volta... Loro immaginano che sia la prima e sperano sia l'ultima, è solo uno dei tanti messaggi dementi che ci mettono...

    RispondiElimina
  22. quoto il qui sopra rospetto
    Però, Metil caro, qui a destra la pubblicità di zoosk mi dice "vuoi una ragazza?", tu poi mi parli di fumo...
    io sono un ex fumatore e sono anche sposato...
    piantala di tentarmi!
    ciao,
    Alessandro

    RispondiElimina
  23. non ti lamentare Al, a me qui accanto compare:

    voti silvio berlusconi?
    Scopri la Rivista di Centro-Destra.
    Chiedi Ora la tua Copia Omaggio!

    mi è andata di traverso la colazione...

    cmq, Metil, dì che hai scritto questo post solo per fare un po' di pubblicità occulta alle marlboro touch (che peraltro sono tra le mie preferite!) ;)
    i ragazzini che iniziano se ne strasbattono di quello che scrivi sopra i pacchetti e gli adulti idem...quei moniti non hanno altra funzione se non quella di parare il culo alle multinazionali del tabacco come dice l'anonimo delle 21.05 (a cui vorrei dire che io non puzzo!!!)

    se lo stato volesse davvero fare qualcosa dovrebbe introdurre un po' di prevenzione seria nelle scuole, ma non solamente contro il fumo perchè per l'alcool in Italia muoiono 25.000 persone ogni anno!!!

    RispondiElimina
  24. io abito a circa un km in linea d'aria da una ferriera.. in una città, per citare il mio dottore "piena d'amianto"..

    io proporrei di produrre automobili con, sulle fiancate delle belle frasi tipo: "i gas di scarico delle automobili uccidono anche te"

    RispondiElimina
  25. non sarebbe meglio evitare di scriverci e basta?So che vogliono evitare cause multimilionarie ma...è così ridicolo.

    RispondiElimina
  26. quoto anellidifumo che dice la frase è stata lasciata a metà...certo questa "battuta" da uno che si chiama anellidifumo è esilarante

    una non fumatrice cortese, nel senso che per quando mi dia fastidio non rompo le scatole a chi fuma, figurarsi ho due maschi in casa che mi avvelenano

    RispondiElimina
  27. Che sia un monito per chi sta vicino al fumatore?
    E magari ha 12 anni...

    RispondiElimina
  28. cioè... ma veramente c'è chi pensa che la scritta "il fumo uccide" sia un'informazione? un deterrente? una minaccia? ma per cortesia...

    RispondiElimina
  29. Io fumo, sono maschio single e scelgo solo i pacchetti con su scritto:
    - Fumare in gravidanza fa male al bambino
    - Il fumo danneggia gravemente chi ti sta intorno

    RispondiElimina
  30. io preferirei che sui pacchetti ci fossero le foto di come si riducono tessuti e organi dell' organismo, oltre che non pagargli l' assistenza sanitaria.

    ( le immagini sono forti : la stampa ; espresso )

    marco,

    RispondiElimina
  31. Roberto58, un tale di mia conoscenza, attorno all'ottantina, sceglieva i pacchetti con scritto "Il fumo provoca impotenza" :)

    (Io, francamente, me ne infischio [CIT])

    RispondiElimina
  32. Io non ci metterei proprio niente. Tutti sanno quello che succede. Non serve vedere i tessuti. Basta aver convissuto con una persona malata terminale per vedere in che stato vieni ridotto. E siccome i casi sono moltissimi credo che la stragrande maggioranza delle persone adulte sappia cosa vuol dire. Inoltre non credo che bisogna tagliare l'assistenza sanitaria. Quando una persona soffre, soffre e basta e non puoi starti a domandare chi è e cosa ha fatto. Devi solo aiutarla. punto. Proprio per questo uno tassa i tabacchi. La collettività deve prendere una contromisura che sconfigga il problema alla radice, e se non lo sconfigge, tuteli la percentuale di popolazione che non fa uso di sigarette. Siccome le cure costano, uno tassa in percentuale a quanta probabilità hai di beccarti un male grave e in base a quanto costeranno le cure. Il prezzo delle sigarette lieviterà.

    RispondiElimina
  33. x anonimo delle 17:15

    fare visita a un malato, anche grave, per 5 min è diverso da conviverci mesi e anni ( = dargli morfine, alimentarlo artificialmente, rimanere incatenati a un letto, disperazione e pianti ), credi proprio che " tutti " abbiano convissuto con un malato terminale ?
    uno che ci ha a che fare x 5 min dimentica subito il problema, meglio non farlo dimenticare...
    quindi, meglio ricordarlo sempre.
    o sbattere in faccia la realtà disturba qualcuno che si vuole fare, per carità giustamente, i suoi comodi mentre è ancora capace di intendere e volere ?

    considera anche che i pacchetti hanno volutamente una grafica che deve attirare il cliente, meglio ridurgli questa capacità con immagini di senso nettamente opposto
    ( l' impacchettamento è una divisone importantissima nelle aziende )

    il discorso sull' ass san nasce dalla seguenti domande, vuoi essere libero di fumare ? ...si ? ok, perchè però dovrò pagare anche io le tue scelte quando ti ammalerai più facilmente degli altri ?
    e non credo che stiamo parlando di spiccioli.

    ( mi sorge un dubbio, se liberalizzassero le droghe pesanti dovremmo pagargli pure l'ass san ? )

    l' aumento del prezzo delle sigarette è secondo me inutile:
    perchè oltre un certo prezzo arrivano in vendita quelle di contrabbando,
    perchè non mi sembra che tutte le risorse racimolate vadano in assistenza medica o prevenzione.
    quindi, meglio dirgli subito: non ti paghiamo le spese sanitarie oppure tu devi contribuire + degli altri ( i non fumatori ) nel momento in cui accedi all' ass san.

    marco,

    RispondiElimina
  34. bisognerebbe vietare anche il sesso anale,

    guardate come riduce i tessuti

    http://s3.amazonaws.com/data.tumblr.com/tumblr_l6gx1wlsN71qzgjcpo1_1280.jpg?AWSAccessKeyId=0RYTHV9YYQ4W5Q3HQMG2&Expires=1281265694&Signature=ZtxJ5aCd7Trgm5wTFXpTX%2BaTklo%3D

    RispondiElimina
  35. anonimo 13:08

    in ogni caso so caxxi loro, non nostri o almeno miei sicuramente no :D !

    marco,

    RispondiElimina
  36. L'anonimo delle 13:08 non ha proprio capito come funziona...

    RispondiElimina
  37. Non è detto che chi compra un pacchetto di sigarette sia dipendente.Non sono d'accordo.Proporrei un'iniziativa simile anche per l'alcol che è la droga più tollerata e mitizzata degli ultimi anni.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post