Donne-uomini 7-1 (a occhio e croce)

Chiacchierando sotto l'ombrellone mi è scappata di bocca una cosa che pensavo da chissà quanto, ma che fino ad oggi non avevo mai espresso -neppure a me stesso- in modo compiuto.

Nell'ambito delle mie frequentazioni abituali il rapporto maschi-femmine è circa di uno a sette, e in generale gli uomini con cui trovo stimolante parlare, scambiare opinioni, discutere e farmi quattro risate sono molto, ma molto meno numerosi delle donne con le stesse caratteristiche.

Insomma, più passa il tempo e più mi trovo a mio agio con le femmine, mentre mi pare che i maschi -sempre parlando in linea generale, e quindi con le inevitabili eccezioni- diventino sempre più pallosi.

Fatene pure l'uso che credete.

Questo post è stato pubblicato il 03 agosto 2010. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

42 Responses to “Donne-uomini 7-1 (a occhio e croce)”

  1. caspita per me è l'esatto contrario.. dovremmo presentare le tue conoscenze femminili alle mie conoscenze maschili.

    RispondiElimina
  2. Io non riesco a farne una statistica, credo che il mio rapporto sia di 1 a 1, pari e patta... Ma ci dovrei pensare di più...

    RispondiElimina
  3. Nell'ambito in cui sto io è esattamente il contrario ma questo perché son quasi tutti uomini.
    Comunque le poche donne che ci sono fanno veramente discorsi molto interessanti. Per cui non so. Dipenderà dall'estrazione sociale di chi si frequenta comparata con la nostra? Dell'ambito di lavoro in cui si è?Mi sa che i fattori sono troppi.

    RispondiElimina
  4. Stesso per me, ma quando i discorsi sono magna'-scopa'-calcio penso sia inevitabile.

    RispondiElimina
  5. Nell'ufficio dove lavoro 10 donne e 2 uomini: io e il capo.

    RispondiElimina
  6. pensa che palle che si fanno quelle povere donne a cui tocca parlare con te...
    Lorenzo

    RispondiElimina
  7. Nella mia vita invece la proporzione è sempre stata 20 a 1, 1 donna interessante ogni 20 uomini. Ma forse sono solo stato sfortunato. O magari sei tu che sei più "affine" al gentil sesso ;-)

    RispondiElimina
  8. Per me il rapporto è 0 a 0

    RispondiElimina
  9. al di là delle facili battute che questo post mi evoca e che ti risparmio ;), mi viene da pensare che sia una questione prettamente antropologica: il maschio cerca la femmina e viceversa.
    a questo teorema potremmo aggiungere una quantità esagerata di corollari tipo:

    -se l'uomo è prestante avrà le 7 donne che gli "spettano" più quelle che spetterebbero all'uomo sfigato che ha l'ombrellone accanto al suo

    -più le donne sono scollate più l'uomo sarà felice di passare il suo tempo in loro compagnia

    -se l'uomo è sposato dovrà accontentarsi di un numero minore di amicizie femminili per evitare di essere gonfiato di botte dalla moglie

    volete aggiungerne qualcuno??? ^_^

    RispondiElimina
  10. io ho scoperto le donne dopo i 25 anni. ma devo dire che sono mooolto più selettiva e meno permissiva col gentil sesso.
    e sono d'accordo con silvia con la motivazione antropologica, anche se direi che ognuno si circonda di simili...

    RispondiElimina
  11. Diciamo piuttosto che oggi non è successo niente di interessante, e che persino i preti, il 3 di agosto, si stanno buoni.

    RispondiElimina
  12. @silvietta
    diciamo che sono d'accordo solo sul terzo punto... che poi - però - viene rispettato solo da uomini maturi (nel senso di cervello) e rispettosi della propria signora.

    Detto ciò, io da una vita trovo i maschi terribilmente noiosi, mentre trovo le donne straordinariamente interessanti... da ascoltare, ovviamente. Perché spesso certi maschietti, Metil escluso (dico d'istinto), amano stare con le donne, ma per parlare di se stessi.
    Mentre io mi diverto a viaggiare nei meandri del cervello femminile perché è ricchissimo di sorprese, di elaborazioni, di intuizioni, di meraglie, che spesso gli uomini non mi sanno dare.
    Anzi, quando litigo con mia moglie mi capita spesso di restare ammaliato dal come riesca a inventarsi una ragione con ragionamenti congrui e nitidi e precisi, anche quando questa ragione non ce l'ha.
    Cia ciao,
    Alessandro

    RispondiElimina
  13. ma tu pensa al... mi viene da dire che dio o la natura o chi per loro tanto idiota non è... la cosa che apprezzo degli uomini è quella concretezza (in genere dico), quel saper vedere la causa effetto senza perdersi in mille strade traverse, i piedi per terra (sarà per via dei tacchi?).. è bello vedere che siamo - uomini e donne - complementari

    RispondiElimina
  14. cara 2T, se non fosse così pensa che noia...

    RispondiElimina
  15. concordo con 2t...molte donne non le sopporto per diversi motivi, mentre ho decine di amici maschi con cui posso avere dialoghi schietti, senza fronzoli, senza dovermi preoccupare se scappa la parolaccia o la battuta spinta (cose davanti alle quali tante femminucce fanno espressioni tra l'imbarazzato e lo sconvolto come fossero cloni di santa maria goretti!!!)

    Al, secondo me tu fai finta di rimanere ammaliato da tua moglie per trovare una via d'uscita decorosa!!! :D

    RispondiElimina
  16. "Ammaliato"!
    Ehm, io ho sempre avuto questo approccio nei confronti delle donne: i loro labirinti mi hanno sempre divertito; che poi mia moglie ne abbia in quantità industriale, credimi, mi fa rimpiangere che non siamo su Battlestar Galactica, così potrei ucciderla senza tanti rimpianti perché dopo risorgerebbe tranquillamente

    E del resto mia moglie sta con me proprio perché al contrario di lei io sono diretto, quasi ingenuo nella mia direttitudinicettudinenutine

    RispondiElimina
  17. Sono nella tua stessa condizione da molto tempo. Trovo mediamente più interessante parlare con una donna, molta più concretezza.
    Al riguardo un'amica mi disse: "è tipico dei gay". Scherzava.

    RispondiElimina
  18. Le mie 10 colleghe mi adorano...bè, quasi.

    RispondiElimina
  19. del resto, mi dice la mia quinta personalità, le caratteristiche che adoro negli uomini sono le stesse che mi fanno inc... infuriare... ma come si fa ad essere così.. così... unidirezionali?? ;P

    RispondiElimina
  20. Più che unidirezionali, direi che individuiamo la minor distanza (o la minor fatica) da un punto ad un altro. Poi capitano quelli come me che vedono tutto a puntini... ma questa è un'altra storia
    :-0

    RispondiElimina
  21. oh finalmente! anche tu, come me, sei un condominio di gente polidirezionale??? :D

    RispondiElimina
  22. sì, a volte mi sento un centro commerciale nelle ore di punta
    poi però arriva la ratio (ratio, Metil, non Lazio) e qualcosa si rimette a posto

    RispondiElimina
  23. ennò, al, se sei un centro commerciale pieno, sei donna!...
    ma forse è questo che intendeva metil...le donne = 7 in 1... mejo dell'ovetto kinder! :D

    RispondiElimina
  24. non sei il solo, Metil, non sei il solo

    RispondiElimina
  25. Ecco che mi scappa la battuta nerd! Che un po' è colpa tua AL. Gli uomini hanno lo "spazio delle fasi" alquanto più limitato di quello delle donne.
    Come ho letto da qualche parte (se trovo il link ve lo metto) qualcuno ha definito gli uomini classici e le donne quantistiche!
    Alle volte questo è un bene....alle volte no!

    RispondiElimina
  26. diciamo che ho capito solo che se trovi il link ce lo metti... e la cosa mi spaventa un po'!

    eddài, ho fatto una battuta da maschio, su... anche se ho 44 anni il cervello resta sempre quello di un adolescente

    RispondiElimina
  27. Io sono di 1:8, al momento... A pensarci è incredibile.

    RispondiElimina
  28. E visto che parliamo di donne con cervello e capacità, salutiamo Elvira Sellerio

    RispondiElimina
  29. Ecco il link!

    http://www.stukhtra.it/index.php?s=l'uomo+%C3%A8+classico+la+donna+%C3%A8+quantistica

    RispondiElimina
  30. me lo leggo domani... c'è mia moglie sotto il mio ufficio che mi sta aspettando col motore acceso... e una donna è meglio che non aspetti mai... altrimenti picchia... con tutti quei quanti

    RispondiElimina
  31. ahahahah è magnifica! è esattamente ciò che mi dicono i miei amici....loro ci guardano e non capiscono, forse non ci riusciranno mai...
    uno di loro mesi fa mi ha pregato di insegnargli come fare ad entrare nella nostra testa... :D

    RispondiElimina
  32. Impossibile: non ci capiamo neanche noi!

    RispondiElimina
  33. @AL & silvietta

    vedete qui un esempio: la moglie di AL lo aspetta "CON MOTORE ACCESO", ovvero consumando inutilmente energie fossili non rinnovabili producendo inquinamento atmosferico non necessario.

    Ecco silvietta, per entrare nella vostra testa alle volte basta solo chiamre le cose col loro nome: stupidità.

    RispondiElimina
  34. @andrea: tu invece sei un esempio perfetto del mio primo corollario e non c'è bisogno di specificare sotto quale dei 2 ombrelloni sei... :)

    RispondiElimina
  35. @ Andrea
    Non lo so, sai? Secondo me bisognerebbe fare un calcolo su quanto carburante si consuma accendendo una macchina e quanto se ne usa per tenerla accessa un tot di tempo. Bisognerebbe poi vedere per quanto tempo la moglie di AL è stata ad aspettrlo. Sì sì bisogna indagare...

    RispondiElimina
  36. @Andrea
    diciamo che se dicevi una cosa del genere di persona, ti beccavi almeno una sberla da me, ben contento di abbassarmi all'aggressione fisica pur di punire la tua maleducazione

    RispondiElimina
  37. qualche tempo fa sul national geo è apparso un articolo sull'ipotesi che il fiato dei mammuth tenesse al caldo il pianeta e che la loro scomparsa, per questo motivo, avrebbe contribuito al raffreddamento del pianeta ---> http://www.nationalgeographic.it/scienza/notizie/2010/06/09/news/i_rutti_dei_mammut_tenevano_la_terra_al_caldo_-37854/?ref=HRESS-14#commentatutti <----

    ora mi chiedo... ma co' tutto sto caldo che fa, col surriscaldamento del pianeta, co la mucillaggine che affligge... ma nse potrebbe trovà la scusa pe evità de aprì bocca dando fiato così, tanto per fare???

    ecco... ho dato fuoco alle polveri...e mò occhio alle code de paja, che bruceno :D

    e per continuare con "l'ironia"... al, ad andrea penso che j'annava peggio se una cosa del genere la diceva a tua moglie... sai che gara de precisione de tacco a spillo....

    RispondiElimina
  38. Guarda che andrea l'ha detta anche a mia moglie... e trovo così cretini quei maschi che insultano le donne tanto per insultare.
    E le mani mi si muovono da sole davanti a tanta stupiditudine

    RispondiElimina
  39. rettifico: la diceva in faccia a tua moglie :D

    RispondiElimina
  40. non sarebbe riuscito neanche ad avvicinarsi :-0

    RispondiElimina
  41. Tornando al quesito iniziale, siamo 0 a 0, senza vincitori. Uomini e donne di oggi, che nessuno si offenda, sono regrediti alla stupidità adolescenziale che etichetta il mondo tramite tette, culi e dimensioni varie.
    NON ESISTONO EQUAZIONI, SOLO RARE ECCEZIONI DA UNA PARTE E DALL'ALTRA.
    La donna si mercifica, l'uomo crolla di fronte agli istinti primordiali. Le "TESTE PENSANTI" vanno cercate con il lanternino. Badate bene, non mi inserisco neanch'io in quest'ultima categoria, ma ci sto lavorando :p

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post