Il disordine e il disgusto, evidentemente, sono soggettivi

La Chiesa Cattolica, come certamente saprete, si oppone fermamente a manifestazioni come il Gay Pride poiché ritiene che i gay siano malati, moralmente disordinati e abominevoli, ed è convinta che l'ostentazione dell'omosessualità sia rivoltante e offenda profondamente Dio in persona.
La stessa Chiesa Cattolica, invece, non si oppone affatto a processioni nelle quali individui incappucciati si percuotono il petto con un cilicio di sughero irto di aculei o con una spugna piena di aghi bagnata di vino fino a martoriarsi le carni e sanguinare copiosamente, perché evidentemente li considera sani, moralmente ordinati e ammirevoli, e reputa che l'ostentazione di tale pratica, oltre ad essere piacevole da guardare, rallegri profondamente il padreterno.
A voi, sinceramente, quale delle due attività pare più disordinata e disgustosa?

Questo post è stato pubblicato il 24 agosto 2010 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

61 Responses to “Il disordine e il disgusto, evidentemente, sono soggettivi”

  1. Mi viene solo da bestemmiare. Non lo faccio pubblicamente...

    RispondiElimina
  2. Fallo pure Daniela. Inoltre pure Al Jazeera ci prende per il culo...

    RispondiElimina
  3. Si discute di abolire la corrida ed il Palio...e questi?

    RispondiElimina
  4. Senza considerare il fatto che, viste le curiose abitudini sessuali dei cattolici, schizzare sangue a destra e a manca non è operazione priva di rischi...

    RispondiElimina
  5. @Grendel
    Ottimo punto!

    Vorrei tanto sapere l'opinione di uno psichiatra su persone che si infliggono il dolore così.

    RispondiElimina
  6. Carissimo pecorone smarrito,

    Ho appena ricevuto nota delle tue giuste doglianze per il mezzo della reverenda camera apostolica che si occupa di monitorare i blog frociaioli e peccaminosi come il tuo.

    Dopo attenta riflessione sono giunto alla conclusione che hai ragione e per porre rimedio a questa situazione di discriminazione tra gay e battenti abbiamo deciso, di comune accordo con il cardinal vicario di autorizzare presso la diocesi romana lo svolgimento di una "Processione Penitenziale di Gay Battenti". Ciascun frocio incappucciato potra' prendervi parte in religioso e contrito silenzio e munito di apposita spugna ricoperta di aghi potra' sfilare in processione battendosi alternativamente la verga ed il culo allo scopo di flagellarli mortificando le carni peccaminose e farle sanguinare per la remissione dei peccati anali di cui si sono macchiati.

    Spero che questo basti per ristabilire una giusta equita' di trattamento tra flagellanti e froci.
    Cosi e' deciso urbi et orbi.


    In fede,

    S.E. Monsignor Giacomo Babini

    Vescovo Emerito

    RispondiElimina
  7. Complimenti alla ignoranza abissale che siete riusciti a dimostrare con il post e i commenti. Si tratta -mai documentarsi prima, vero?- di un rito secolare e Al Jazeera non ha ripreso per "prendere per il culo" come il disinformato Graziano vuole dare ad intendere, ma perché interessata ad un rito che trova paralleli nei paesi islamici -ad esempio presso i musulmani sciiti-. Facile fare l'ironia con puzza sotto il naso sfruttando la propria e l'altrui ignoranza. Provaste ad abolire il vostro vizio di sentenziare senza sapere niente? Sarà che siete capre, giusto questo, vittime di una società globalizzata e pensate pure, illusi, di essere liberi perché potete dire la prima stronzata che vi passa per la testa -dimostrando solo quanto siete ignoranti-. Divertente poi che quelli che proclamano la libertà di fare "come cazzo ci pare" siano i primi a voler abolire, vietare ed eliminare. Siete anche quelli della "apertura mentale" alle usanze degli altri, salvo poi voler distruggere e vietare quelle dei loro stessi concittadini. Forza, sui libri a studiare. Tanto per non lasciarvi senza il compitino -studiare da soli è complicato- leggetevi un articolo serio

    http://www.ilmanifesto.it/il-manifesto/argomenti/numero/20100817/pagina/15/pezzo/284916/

    invece di perdere il tempo a blaterare e a mostrare quanto siete forti con una bestemmia (come i coglioni che si credono maschi perché hanno in mano una pistola)

    RispondiElimina
  8. A parte il pazzo qui sopra, a cui evidentemente sfugge il senso generale della parola "provocazione" e del post nel complesso,devo dire che non provo disgusto per nessuna delle due cose. Né per i gay né per i battenti.
    Giul

    RispondiElimina
  9. Divertente poi che quelli che proclamano la libertà di fare "come cazzo ci pare" siano i primi a voler abolire, vietare ed eliminare.

    mi sembra che qua nessuno abbia proposto di eliminare la processione in questione (se non, eventualmente, per motivi sanitari). Il punto qui e' un altro esempio dell'ipocrisia della ccar.

    "Si tratta -mai documentarsi prima, vero?- di un rito secolare "
    il fatto che sia secolare non dimostra nulla, se non che da secoli una manciata di uomini incappucciati decide di attuare pratiche sado-maso in pubblico e per di piu col beneplacito di santa madre chiesa. Anche la corrida, come si diceva sopra, e' un rito secolare, forse persino piu antico, ma si discute da anni di abolirla. Per altro, anche il delitto d'onore in Italia e' stata una pratica secolare. Perche' abolirlo?

    In quanto alle accuse di ignoranza le rispedisco al mittente, aggiungendo anche un consiglio: impara a leggere.

    RispondiElimina
  10. Ma solo perchè si tratta di un "rito secolare" dobbiamo fare finta di niente e farla passare come cosa buona e giusta? Anche l'infibulazione e la corrida sono riti secolari, slegati dalla religione come slegato dalla religione è questo qui, e sinceramente mi fanno schifo. A me questa storia della "tradizione" usata per giustificare qualsiasi schifezza mi ha veramente stancato, viviamo in un Paese dove si sfila con il volto coperto (alla faccia della sicurezza e di chi multa le donne col burqa) e dove ci si può martoriare pubblicamente considerandola magari una cosa educativa.
    Hai sbagliato blog, magari volevi commentare su quello del "libero pensatore" Massimo Fini, lui ti darà sicuramente retta, anzi non vedo l'ora di vederlo protestare seriamente contro la società globalizzata, senza luce, acqua corrente, gas, cibo acquistato nei supermercati, lavatrice, cellulare...

    RispondiElimina
  11. Capisco la provocazione, ma io non ci vedo nulla di male: è un comportamento perfettamente in linea con il pensiero cattolico (e lo dico senza ironia). Nel cattolicesimo la penitenza è importantissima, e il dolore, l'umiliazione e il martirio sono entrambi elogiatissimi. Mi pare che proprio Metil abbia fatto, tempo fa, un elenco di molte delle cose schifose e oscene che hanno fatto i santi della Chiesa per umiliare la loro carne.

    Personalmente non condivido chi ridicolizza o si indigna con la religione cattolica per comportamenti apparentemente assurdi e/o violenti, ma poi non lo fa per altre religioni molto più cruente e arcaiche (nella storia delle religioni spesso queste due parole sono sinonimi) appellandosi al relativismo.

    RispondiElimina
  12. @ mons. babini
    se avesse scoreggiato avrebbe detto cose molto più sensate. Oltre che molto più eleganti.

    Fare satira le riesce molto male. Torni a fare cose più congeniali a lei e ai suoi simili, tipo rubare soldi allo stato italiano o magari circuire qualche bimbetto/a.

    RispondiElimina
  13. @Sebastiano

    Il punto è un altro. Ognuno può fare ciò che vuole,l'importante è che non faccia male a nessuno (e questo non è il caso della corrida).

    Ora la chiesa giudica manifestazioni come il gay pride, la love parade etc. come il male assoluto definedo i partecipanti come depravati, gente persa per la conversione etc.

    Detto questo, se io vedo un gruppo di persone che si flagellano per strada e sono uno psichiatra penso che qualche disfunzione ce l'abbiano.

    Se la chiesa vuole giudicare lo faccia pure, ma giudichi tutti non solo chi le pare.

    RispondiElimina
  14. La cosa peggiore di tutte è una processione di gay incappucciati che si batte il petto.

    RispondiElimina
  15. L'ultimo commento di Valentina coglie perfettamente lo spirito del post. Grazie. :-)

    RispondiElimina
  16. Il tono del vituperato Sebastiano è senz'altro sopra le righe e personalmente trovo terribilmente irritante l'uso del "voi", ma non cadrei nella sua trappola intesa a creare insulse e inesistenti contrapposizioni tra chi si informerebbe bene e chi no. L'articolo del Manifesto che lui posta mi sembra interessante e lo ringrazio di averlo suggerito; naturalmente solo dopo aver ringraziato l'autore del post, ancora una volta, per l'argomento che ha deciso di mettere in evidenza. Metil, sei decisamente e da tempo nella mia lista di eroi personali.

    RispondiElimina
  17. Carissima Rita,

    Dovrebbe sapere che l'uso del voi e' consigliato anche nelle linee guida pastorali quando ci si riferisce ai froci culattoni o altri soggetti immondi, ed in ogni caso in cui occorra segnalare la distinzione tra noi e loro.

    Inoltre le sconsiglierei di includere un frocio conclamato e sovversivo nella lista dei suoi eroi personali, poiche' questo comportamento puo' essere sanzionato da scomunica e poi addio nozze in chiesa con l'abito bianco e i fiori. Si regoli.

    Ad ogni buon conto preghero' per lei carissima pecorella e le consiglio di fare lo stesso, rivolgendosi in particolar modo alla Santa di cui lei porta il nome, Santa Rita da Cascia.

    In fede,

    S.E. Mons. Giacomo Babini

    Vescovo Emerito

    RispondiElimina
  18. lasciando stare il palio (da pura senese) che ovviamente non c'entra con queste cose molto più importanti (visto che noi amiamo i cavalli ma che sappiamo la differenza tra animali ed umani)....volevo dire solo che la chiesa continua a voler imporre le sue idee senza pensare a chi non crede....come per l'aborto, per il divorzio ecc... è giusto secondo me che un cattolico non le pratichi e si senta anche in peccato se è un gay, se è questo che la sua chiesa dice. l'assurdo è che tutto questo voglia essere imposto a chi non crede

    RispondiElimina
  19. Ragazzi, pur essendo gay, pur andando al gay pride, non mi disgusta questa processione. La trovo interessante e storicamente ricca. E' una commemorazione di tempi passati. E il paragone della corrida, in realtà, non è troppo corretto: massacrare tori non equivale a una pratica che adulti consapevoli (?) infliggono su se stessi. Quindi, la Chiesa ha tanti difetti e io la critico per questo, però queste manifestazioni sono comunque culturalmente interessanti.

    RispondiElimina
  20. Monsignore, Pregiatissima Eccellenza,

    sono indicibilmente onorata di ricevere un messaggio diretto addirittura da Lei in persona. Dimenticai, peraltro, nel mio modesto commento che precede, di inserire come volevo un'annotazione relativa al grande apprezzamento che nutro per i Suoi augusti interventi in questa sede - apprezzamento che immancabilmente si esprime con una sonora risata (spero che ciò non Le dispiaccia).

    Riguardo all'inserimento del nostro cortese ospite nella mia lista di eroi personali, mi rendo conto di rischiare la scomunica e non creda che ciò non mi angusti; d'altra parte sono costretta a confessarLe di aver commesso, nella vita, ben di peggio. Riguardo poi all'abito bianco e ai fiorellini, essendo io poco favorevole al matrimonio, e a quello in chiesa non ne parliamo nemmeno, con tutto il rispetto, chi se ne frega.

    Mi onora comunque nel profondo il Suo santo proposito di pregare per me e per i miei belati e La ringrazio sentitissimamente.

    Con immutata stima e quasi con affetto,

    La Pecorella

    RispondiElimina
  21. Stesso discorso per l'infibulazione. Ripeto, fare su se stessi, in disponibilità del proprio corpo, con il limite delle mutilazioni permanenti, che non sono ammesse (art. 5 cod. civ), non è assolutamente paragonabile a mutilare sessualmente delle bambine (parlo, naturalmente, dell'infibulazione di secondo grado). o alla corrida dei tori, dove si uccide e si mutila in modo irreversibile, senza nessunissima forma di consenso.

    RispondiElimina
  22. @Rita... ahahahah... fantastica. Sto proprio ridendo come un matto. Bellissima risposta!

    W noi, i froci culattoni!

    RispondiElimina
  23. Caro SIGNOR Babini,

    La sua mancanza di educazione e la sua volgarità sono la descrizione migliore che può dare di se stesso... "SI REGOLI"

    Se parliamo di pratiche secolari, posso dirle che l'omosessualità, sia fra gli esseri umani che fra molte specie animali, esiste da millenni (cosa che molti suoi colleghi sanno benissimo per esperienze dirette).

    Inoltre l'uso improprio della sua posizione per minacciare una ragazza è stato davvero disgustoso :
    "Inoltre le sconsiglierei di includere un frocio conclamato e sovversivo nella lista dei suoi eroi personali, poiche' questo comportamento puo' essere sanzionato da scomunica e poi addio nozze in chiesa con l'abito bianco e i fiori. Si regoli."

    Faccia il mea culpa per la sua mancanza di tolleranza, generosità ed educazione, poi torni a parlare con noi con toni più "cristiani".

    Buona giornata.

    RispondiElimina
  24. Guardiamo il lato positivo di questa pagliacciata: almeno c'è un po' di topa! Quello sì che mi garba! http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/fotogallery/2010/08/battenti/i-battenti-guardia-sanframondi-1703626307305.shtml#5

    RispondiElimina
  25. S.E. Mons. Giacomo Babini -> Mi rifiuto di dare del "VOI" a una persona che innanzi tutto non rispetta "l'idea diversa" e che usa gratuitamente la parola frocio riferendosi chiaramente a una persona "malata".
    Detto questo, credimi.. Ad ascoltare te e il tuo papino vestito di bianco, circondato da tutte le suorelle, mi pare ancora di vivere nel medioevo, dove si mandavano a bruciare al rodo le cartomanti o quelli che avevano idee diverse sull'origine della terra o sulla teoria tolemaica.
    Ogni volta che ascolto le vostre parole mi viene da ridere, sento un forse bisogno di ridere per le stronzate che ancora vi permettete di dire nel 2010 dopo 2010anni di "civilizzazione" dell'essere umano.
    Come dice il mio caro medico di famiglia, la chiesa è una delle prime pseudo-istituzioni da non seguire e quando ce l'hanno addosso con i gay, è proprio lì che salta fuori il loro lato di omosessualità latente. Siete esattamente omofobici che reprimono un lato latente della loro personalità.
    Ah, finisco con il dire: perchè non mandiamo a flaggellarsi "assieme ai froci" anche i preti e i vescovi pedofili? O si perdona tutto a loro?

    RispondiElimina
  26. per me potrebbero pure spararsi a pallettoni negli zebedei, non me ne fregherebbe molto !

    cmq, oltre il discorso se questa manifestazione è " normale " rispetto al gay pride ( per favore non andateci nudi con le borchie ), il punto più importante è: che " bischerata " hanno fatto prima per fare questo popo di scenata ?
    hanno rubato la marmellata ?
    hanno lasciato una buccia di banana x terra ?
    hanno fatto 10 centesimi di cresta sui soldi di qualcuno ?
    mah...
    e dopo il mea culpa... mea culpa... mea maxima culpa... avranno imparato la lezione ?
    o è solo un' altra manifestazione d' ipocrisia che si somma a quella che vedo, a volte, di Domenica ?

    ciao.
    marco, uno di destra.

    RispondiElimina
  27. no ma....a commentare è davvero L'emerito Stronzo? cmq sono d'accordo con i post di Valentina e Grendel, e lo dico da medico... I gay ormai è appurato che non sono assolutamente malati, l'autolesionismo invece a tuttora risulta come disturbo comportamentale...

    RispondiElimina
  28. Ammetto la mia ignoranza a riguardo,ma scomunicare una persona per un suo pensiero non è una prova dell'immoralità e contraddizione della Chiesa cattolica, che differenzio dalla Fede cattolica in quanto la predica a modo suo?
    Sembra una tattica di guerra..distruggere il nemico per dominare.Essendo,in teoria, la religione una questione spirituale e di pensiero il cosidetto nemico è colui che la pensa diversamente come Rita e gli omosessuali(in teoria qst è il termine da usare e non i vari termini offensivi utilizzati dal pastore delle pecorelle smarrite).Avete lo Stato del Vaticano? Usate il potere Temporale, che tanto ambite e che in teoria dovrebbe essere distinto da quello Spirituale ma che da secoli bramate e ottenete, nei vostri possedimenti e lasciate in pace uno Stato che si è proclamato Laico.
    Comunque concludo che secondo me è più immorale infliggersi dolore fisico come nei battenti piuttosto che festeggiare l'amore, predicato mi pare anche da Gerù Cristo se non mi sbaglio, come nei Gay Pride.

    RispondiElimina
  29. Io a volte giuro mi domando come certa gente possa pretendere del LEI e farsi rispettare quando quella ha il diritto di sparare a zero sugli altri.. COSE INACCETTABILI

    RispondiElimina
  30. masochisti esibizionisti ! questo sepoffà...Dio e il figlio vanno fieri di voi !

    RispondiElimina
  31. Metil bello,
    a parte che dopodomani è il nostro onomastico, ma leggendo le risposte a questo post, credo che tu abbia raggiunto involontariamente il karma della perfezione per uno schizzato: sembrano tutti commenti di fumati folli :-)
    Mi son divertito un mondo... però distribuite anche agli altri!
    Ciao,
    Alessandro

    RispondiElimina
  32. Ommammamia, commenti a raffica... guardate che cosa può essere capace di creare un troll! (Mi riferisco ovviamente allo spiritoso personaggio che si cela sotto l'identità dell'ecclesiastico...)

    @Manfred: grazie! :-)

    RispondiElimina
  33. Le risposte che avete dato al Mons. Babini sono molto acute e ben formulate...ma non penso che lo scomunicatore folle possa farne buon uso vista la sua ignoranza...
    Vi sembrerò grezzo al cospetto di tutti questi commenti..
    ma persone del genere a volte meritano soltato le mani nel muso...
    e sappia caro Monsignore che gliela darei molto volentieri una bella manata nel muso...anche se avesse 80 anni

    RispondiElimina
  34. Ragazzi, ma i rilevatori di ironia vi si sono rotti?

    A) Il senso del post è: "non mi fanno né caldo né freddo quelli che si ciliciano il petto o quelli che girano a culonudo. Ma allora perché la chiesa deve rompere le palle solo su quelli a culo nudo visto che lo stesso criterio può essere applicato ai cilicianti?"

    B) Non credo che il Monsignor Babini che scrive qui sia l'originale, bensì un simpatico utente di internet che vuol essere ironico utilizzando gli stessi toni dell'Emerito Stronzo. Purtroppo i rilevatori di ironia di cui sopra devono davvero essersi scassati per bene.

    C) La cosa che fa rabbrividire è l'intervento del ciellino Sebastiano che difende a spada sanfedista tratta il masochismo in pubblico in quanto "rito secolare". Il rogo delle vedove in India? Rito secolare. L'infibulazione? Rito secolare. La segregazione feminile nelle società rurali islamiche? Rito secolare. Fosse per gente come lui a Roma staremmo ancora a far rotolare gli ebrei nelle botti giù per il Pincio a Carnevale, col Papa Re che se la ride.

    D) Vada pure per il masochismo in pubblico, ma allora voglio una bella processione di schiavette e schiavetti tutti vestiti in latex che passano per forche caudine di padroni armati di fruste e verghe. Almeno così si divertono tutti.

    RispondiElimina
  35. Ricordano vagamente il ku klux klan.
    Senza contare che per questa pagliacciata bloccano la circolazione autoimobilistica alle 5 del mattino per quasi una settimana.
    Fortunatamente la fanno solo ogni sette anni.
    La stupidità umana non ha limiti.
    Avendo dei parenti indigeni del luogo mi avevano anche invitato ma ho preferito defilarmi inventando un impegno. Ho già gli zebedei belli e flagellati dalle continue ingerenze del Vaticano.

    Wody

    RispondiElimina
  36. @Anonimo delle 16,41: spero che anche i tuoi rilevatori di ironia siano perfettamente oliati... la mia risposta al finto Emerito voleva essere una presa per i fondelli a tono (anche se, al contrario del troll, ho detto cose in cui credo). E' talmente evidente che è uno zuzzurellone... dal suo nome si va alla voce di Wikipedia, siamo seri! Ma come ogni bravo troll, è in grado di scatenare il macello. E va bene così.

    Ora basta, porcamiseria, è ora che mi metta al lavoro! Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  37. Carissima Rita,

    Devo complimentarmi per lo spirito sottile ed elegante della sua risposta e per la grande cura che pone nella lingua italiana, cosa rara da vedersi oggidi' sui blog italici.

    In ragione di cio' mi adoperero' personalmente presso il Santo Uffizio affinche' la pratica di scomunica che la riguarda sia riposta in un cassetto.

    La saluto inviandole una benedizione apostolica, estensibile anche ai suoi familiari e congiunti.

    In fede,

    S.E. Mons. Giacomo Babini

    Vescovo Emerito

    RispondiElimina
  38. Personalmente non ritengo gli incappucciati al di sotto di altre manifestazioni dell'imbecillità umana, ad esempio scannarsi a gruppi in nome di una maglia a strisce indossata da 11 milionari cocainomani o incolonnarsi a gregge ad ogni prefestivo perché SI DEVE scappare da un quotidiano dalla skill molto bassa e per giustificare l'acquisto del SUV col quale per il resto dell'anno si va a fare la spesa a 200 m. da casa.
    Detto ciò gli interventi del sedicente Babini e di tal Sebastiano hanno solo avuto l'effetto di confermare l'assoluta incompatibilità di questa gente col resto degli esseri umani.
    Vediamo, dopo aver impiegato qualche centinaio di anni a comprendere come e qualmente la terra sia rotonda e non piatta, il lasso di tempo che impiegheranno a capire che la loro religione non ci interessa e gradiremmo vivere le nostre vite senza averli addosso come gatti attaccati ai coglioni.
    E non essendo in realtà gatti (animali che non hanno la minima possibilità di fare del male quanto i suddetti) alla fine saremo costretti a scrollarceli di dosso in maniera piuttosto violenta.

    RispondiElimina
  39. ho letto fino alla metà dei commenti quindi non so se qualcuno ha già detto che gli incappucciati sono spesso e volentieri dei mafiosi che attraverso questo"secolare"rito cercano di "redimersi" o meglio farsi perdonare le colpe per poi ricominciare il giorno dopo ad essere mafiosi. se qualcuno l'aveva già scrittos scusatemi.

    RispondiElimina
  40. @ Monsignore: Ha ha ha ha haaaaaa!!!!!!!!!

    P.S. Sono sempre più onorata, Eccellenza. Ringraziamenti vivissimi per tutto, anche per la raccomandazione, che ce n'è sempre un gran bisogno. Spero in futuro di potermi avvalere dei Suoi servigi anche per questioni più, come dire, materiali. (Come sta messo in Rai?) A tempo debito non mancherò di inoltrarLe la richiesta. Umilissime cordialità e baciamo le mani a vossia.

    RispondiElimina
  41. sarà anche una manifestazione interessante culturalmente, ma vorrei convincermi che sta gente sia pienemente normale. Ne dubito moltissimo.

    RispondiElimina
  42. Le religioni nascono come forme di controllo dell'animo umano e sono basate sulla paura, sulla punizione..quindi in linea con questo pensiero qualche esaltato che si "punisce" ci sta tutto..è coerente.Non mi piacciono i gay pride perche trovo eccesso pure in quello, ma di certo non mi disgustano assolutamente. Vedere delle persone che però si autolesionano e vengono stimati da istituzioni di potere mi preoccupa come essere pensante ed evoluto che credo di essere. Il misticismo e le spiritualità sono grandi valori, insieme all'etica e al buon senso.Credo che le persone che se la cavano con una buona flagellazione e una messa "ben sentita" per sentirsi cristiane abbiano molto cammino da percorrere ma sopratutto, siano molto pericolose. Scusate gli sbagli.Sono spagnola.

    RispondiElimina
  43. Mi unisco anche io ai complimenti di Rita per gli articoli che posti.
    Detto questo passo a commentare: Che schifo!
    Il mio disgusto non è rivolto alla cosiddetta "antica tradizione", ma al fatto che questa si sia svolta in pubblico.
    Io mi considerto una persona dalla mente pittusto aperta e ritengo che chiunque abbia diritto alla sua libertà, il che significa che tutti possono esercitare il proprio credo, fede, sessualità entro determinati limiti, limiti che io considero essere qulli imposti dalla legge, legge alla quale noi tutti abbiamo scelto di obbedire in quanto apparteniamo a questa società (che potrà essere un orrido sfintere di putrescenza e marciume, ma dopotutto tocca a noi fare qualcosa).
    Per cui lei monsignore, o qualunque altra cosa sia, è libero di fare quello che vuole, ma si ricordi che giudicare non è il suo compito, il suo è solo quello di ascoltare e assolvere e, a sentire le cronache degli ultimi anni, sembra che questo lo facciate molto bene.
    I mafiosi possono andare bene vero? Basta che siano cattolici, ma chi sceglie di vivere la propria sessualità in modo diverso o di credere a un altra entità immaginaria è un corrotto o un infedele.
    Benvenuti nel malpaese delle teste di cazzo dove l'ipocrisia è realtà e la realtà è qualcosa da nascondere il più velocemente possibile sotto un tappeto di intrighi e menzogne.

    Mi scuso con l'autore per il torpiloquio nell'ultima frase, ma lo ritenevo proprio necessario.

    RispondiElimina
  44. All'anonimo illuminato

    "C) La cosa che fa rabbrividire è l'intervento del ciellino Sebastiano che difende a spada sanfedista tratta il masochismo in pubblico in quanto "rito secolare". Il rogo delle vedove in India? Rito secolare. L'infibulazione? Rito secolare. La segregazione feminile nelle società rurali islamiche? Rito secolare. Fosse per gente come lui a Roma staremmo ancora a far rotolare gli ebrei nelle botti giù per il Pincio a Carnevale, col Papa Re che se la ride."

    Ciellino ci sarai tu, prima di tutto, dato che se c'è qualcuno che divide il mondo in buoni e cattivi è uno come te che è in grado di stabilire come "sarebbe andata se" e come debbano andare le cose. Se poi l'anonimo, dall'alto della sua illuminazione, pretende di prendere un pezzettino di discorso e mischiare capra e cavoli faccia pure, è la risorsa di chi non ha molto da dire.

    PS: Vorrei far notare che la maggior parte dei commenti contenenti espressioni di biasimo per l'uso del "voi", subito dopo si mettono a dividere il mondo in due abbondando con "gente come te" "gente come loro". Compreso l'anonimo pirla (non hai messo il nome, dunque te ne posso dare uno io) "Fosse per gente come lui"

    RispondiElimina
  45. Tanto per occuparmi di un secondo anonimo (ma è tanto difficile mettere un nome?). Una frase di questo tipo

    "sarà anche una manifestazione interessante culturalmente, ma vorrei convincermi che sta gente sia pienemente normale. Ne dubito moltissimo"

    sarebbe per caso un esempio di progredita tolleranza o può essere messa in bocca a chiunque per stigmatizzare e condannare qualsiasi cosa? Dire che non è gente normale quella non equivale a chi dice che non è gente normale chi partecipa al gay pride? Insomma, non finiscono ad essere sullo stesso piano quanti si mettono a psicanalizzare gli uni o gli altri?

    RispondiElimina
  46. Quello che trovo assurdo in molti commenti è che non si segue la linea del post, ovvero rinfacciare alla chiesa di prendersela con chi vuole, ma si attacca questo rito, lo si indica come "roba da matti", si psicanalizzano i partecipani, li si piglia per il culo, cioè si fanno esattamente le cose che si rinfacciano alla chiesa in merito al gay pride. E sarebbe questa libertà? Cioè passare da un oscurantismo ecclesiastico ad un oscurantismo pseudo-laico dove una entità superiore statale, un tavolo di "esperti", stabilisce che quelle manifestazioni ora sono buone e le altre cattive? Se non ho capito male il post non intendeva questo, ma proprio il contrario, massima libertà di fare cose che non vanno contro alcuna legge stabilita per la convivenza tra cittadini. Invece si è scatenata una gara (non tutti per fortuna) a chi prende in giro meglio questa cosa, a chi li dichiara da ricoverare, a chi li vuole analizzare, magari internare...

    RispondiElimina
  47. @ "Sua Eminenza":
    signor Babini, ella nella sua stoltitia et ottusità fa grave danno alla Santa Ecclesia, dimostrando che non per Illuminazione si accede ad alti sogli. Essendo "emerito" deduco che fortunatamente ella non sia più "operativo".
    Faccia comunque un favore alla Chiesa tutta: Flagelli le sue esigue cervella, sì da stimolare in esse una qualche reazione e si ricordi di Gesù (ha presente quell'amuleto in oro che porta al collo?) che frequentava ladri et prostitute, e che disse "Non sono qui per giudicarvi"... Grazie!

    RispondiElimina
  48. Roberto....superlativo. Ricordati che però Babini non è assolutamente nessuno. Nemmeno la chiesa sa della sua esistenza.Probabilmente è un frustrato annoiato anche di sè stesso.

    RispondiElimina
  49. dopo aver letto alcuni commenti sono un po' preoccupato... io non sopporto la chiesa cattolica nel momento in cui essa pretende di rilasciare patenti di "ordine morale" e "normalita'", qualunque cosa questi concetti vogliano dire.

    detto questo: ma se un domani mi vien voglia di flagellarmi (lo escludo) e di andare in processione con altri flagellanti senza costringere nessuno a fare alcunche' contro la propria volonta'... ma insomma, ve la fate una gran bella minestra di affarazzi vostri ?

    il rilascio delle patenti (di normalita' o meno) e' meglio lasciarlo alla motorizzazione civile, non credete ?

    RispondiElimina
  50. Ci sono linkate le foto del Corriere del Mezzogiorno fatte da una mia carissima amica, la bellissima e bravissima Veronica!
    Sono sicuro che sarà onorata di essere stata citata su questo blog.
    Ciao!

    RispondiElimina
  51. se queste persone hanno il coraggio di soffrire parte della passione di cristo come omaggio penitenziario.....magari offrendo le loro sofferenze ,unitamente alle preghiere, per i piu bisognosi......non mi sembra ci sia da paragonarli a quattro checche imbelvite che starnazzano su dei carri offendendo chi non la pensa come loro. Quelli fanno pena...questi no!

    RispondiElimina
  52. Ma pensate solo a dei poveri bambini costretti a vedere (loro malgrado...può accadere) quel manipolo di invasati che si autoinfliggono del dolore con abbondante effusione di liquidi biologici, mascherati come belfagor.
    Ma come devono crescere?
    Per lo meno allucinati e con gravi problemi psicologici.
    Mi viene in mente il fil Hellraiser.
    Un parere spassionato: andassero tutti affanculo!
    Alla faccia della religione dell'amore...ma amore de che???
    Per questi individui le madonne che lascrimano sangue sono delle esordienti totali.

    RispondiElimina
  53. Su repubblica c'era stata pure una polemica questo agosto, per le parole di Saviano per cui dietro gli incappucciati si nascondevano pure dei camorristi.

    RispondiElimina
  54. Credo che alla fine il problema di tutto é l'ESTREMISMO
    nn é´giusto l'estremismo della Chiesa (premetto che che sono cattolica e praticante)
    non é gisto l'estremismo dei gay che sono i primi ad essere causa della loro emancipazione sociale (e ho un sacco di amici gay che sono delle persone fantastiche)
    non é giusto l'estremismo e basta
    se la Chiesa lasciasse perdere tutte le regole che portano il conflitto nella mente umana, e se tutti quanti (Chiesa inclusa) portasse avanti il solo e unico comandamento che in realta é valido: Ama il prossimo come te stesso
    Se davvero tutti quanti applicassimo anche solo in parte questa legge, vi assicuro che sarebbe un mondo mooooooooooooolto migliore
    Chiesa e nn, fedeli e nn, laici e nn.... Se davvero si amasse e si rispettasse il prossimo e il vicino non ci sarebbero litigi, se uno amasse se stesso non si farebbe male da solo ne agli altri...
    non ci sarebbero guerre ne fame ne dolore ne soffrimento...
    Pero no l'uomo ha sete di potere di vendetta di ricatto e ha perso il rispetto x tutto compreso se stesso

    RispondiElimina
  55. "Ama te stesso e non permettere a nessuno di dirti come dovresti essere....va bene come sei , Dio non commette errori" Quindi viva i gay!

    RispondiElimina
  56. Giustissimo Blog! bello e utile! Daccordissimo con tanti! seppur la chiesa sia sempre un discorso così controverso di per sè!, che non mi fermo a trattare perchè ci sarebbero discorsi che tanto sarebbero sempre gli stessi e poi quà credo più giusto trattare la psicologia delle cose, anche a risposte di questo bel blog.
    Anche perchè esso porta alla luce quanto la società sia ricca di persone che possono anche essere acculturate in qualche determinato argomento o settore! magari avere anche 1 laurea o 2!; eppure essere padri e madri di un'ignoranza spropositata!, in una psicologia così controversa, che è difficile(be! più o meno) capire!!
    Daltronde! credo che l'ipocrisia e la falsità, siano le porte da cui escano i pensieri e i ragionamenti di tante persone quando parlano, ma per fortuna sempre più persone sembra si rendano conto sempre più di questo e spero sempre più ne sentano con me il peso(il peso di un maccigno da sopportare nella vita, perchè sono insieme a noi, a lavoro, in giro, al bar, in piazza...).
    Cioè!
    Addirittura in semplici ragionamenti cognitivi!
    Gente che non charriva! e si dichiara omofoba, e certo!, probabilmente incosciamente non credo conosca i motivi(e i pensieri) che portano una persona ad essere omofoba, ma io direi! prima di dichiararsi omofobi, credo sia utile informarsi su che significato è presumibile abbia il dichiararsi omofobi,(anche se una persona non charriva proprio da sola!, ci sono i libri, c'è internet!) provare a capire cosa significa non è brutto!, capire il perchè e a che cosa è dovuto! può far capire un po' meglio le cose!,
    e poi allora sì!(cmq credo che se si facesse un po' più di sana informazione, probabilmente! il numero di chi crede di fare una bella figura a fare l'omofobo, chiaramente scenderebbe a dismisura) non si sentirebbe più machi proclamano omofobia e si sentono "l'uomo che non deve chiedere mai!"),perchè! Probabilmente!(seppur sempre in una alta percentuale che non potrà essere mai del 100% per svariati motivi!, ma almeno in gran parte!, dove è presente anche una minima possibilità cognitiva il numero del razzismo sessuale inizierebbe a scendere), si accorgerebbe che non è proprio quella la figura che ci sta facendo,
    ma tutt'altra!
    Quindi!, credo che le persone che sentono attrazione verso il proprio sesso, sono persone che debbano essere rispettate nella stessa maniera di un eterosessuale, (sempre a seconda delle persone e del rispetto che meritano, ma la misura non è quella dei gusti sessuali! Sempre se non malati e perversi! ma anzi! quà, la chiesa ci entra più facilmente!), nel senso! io sono eterosessuale, ma eterosessuali che meritano rispetto ne conosco ben pochi! Gay ne conosco 1(seppur non dichiarato) ma per quel poco che lo vedo e scambio parole con lui, sicuramente merita tutto il rispetto che non meritano in tanti, tanti altri
    Dunque! bisogna imparare a rispettare chi rispetta voi, a seconda che abbia la stessa o un'altra pelle, piaciano gli uomini o le donne,...
    bisogna solo cercare di capire un po' di più le cose per poter fare qualcosa di più giusto per gli altri, ma percui, prima per se stessi.
    Complimenti ancora per questo spot.

    RispondiElimina
  57. YAWN. Personalmente trovo il Gay Pride molto più allegro e per nulla "disordinato", a parte possibili eccessi di volgarità e cattivo gusto che possono esmpre esserci, dove sfilano centinaia di persone. Quanto alla processione dei flagellanti: se sono tutti adulti, capaci di intendere e volere, e non danneggiano nessuno a pasre se stessi, per carità, facciano pure come loro aggrada. Ma un dio che gradisce simili spettacoli non merita certo venerarlo: deve essere un sadico sociopatico.

    RispondiElimina
  58. Sebastiano taccia non si sa bene chi di ignoranza (annuncio che non mi segno nella sua lista nera), salvo poi dimostrare di non avere sotto mano alcun sinonimo per la locuzione "capra" (con rispetto per la capra) e per "stronzata" (con rispetto per la defecazione). Tuttavia l'argomento a sostegno di tale tesi (l'altrui ignoranza) val bene una sottolineatura: flagellazione = rito antico, gay pride = rito moderno, quindi flagellazione batte gay pride 1 a 0. L'argomento mi strugge fino alla commozione: questa sì che è conoscenza e cultura. Immagino che secondo lui dietro gli alti principi cristiani e cattolici non vi sia ben altro: secondo lui Dio guarda le date di confezionamento ed è solo per questo che ce l'ha con il gay pride.

    RispondiElimina
  59. Ma che cosa c'entra? A parte che comunque molte diocesi meridionali hanno effettivamente *RACCOMANDATO* di evitare abusi di quel tipo che hanno solamente motivi di folklore e non sicuramente di religiosità, manifestazioni come il Gay Pride sicuramente sono delle pagliacciate che offendono le persone omosessuali che sono persone come tutti gli altri! Non sono minorati o persone da ghettizzare come meglio gay o meglio etero... La sessualità secondo me deve rimanere nel privato. Questo vale ovviamente anche se facessero qualche parata simile in chiave etero.

    RispondiElimina
  60. Non penso che Dio ci abbia creati x poi vergognarci della stessa carne (dalla quale siamo nati). La carne in sè nn è la colpevole delle azioni x le quali poi dovremmo flagellarci. Penso che sia la MENTE che ordina al corpo di azionarSI. PROPOSTA : xkè invece di flagellare il corpo non sbatacchiate la mente cioè la testa contro un muro fino a ridiventare SAVI ??eh!? cosa ne dite, nel 2010 un pò di modernità nn guasta. Ma ci possiamo portare anche i bambini a vedere i nuovi santi???

    RispondiElimina
  61. Dunque se nn ho capito male seguendo questo blog, secondo Metil essere gay nn è disordine morale o depravazione (giustamente), questi fanatici battenti sono da additare ma tuttavia il burqa è una simpatica tradizione...piccoli Capezzone crescono.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post