Rsvp

Mentre quelli del PD continuano a gingillarsi con la loro festa filosofeggiando sull'appropriatezza degli inviti, i vescovi si prendono la briga di dire due paroline al governo bacchettando la sua smania inconsulta di espulsione.
Per precipitare più in basso di così si deve iniziare a scavare.

Questo post è stato pubblicato il 22 agosto 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

11 Responses to “Rsvp”

  1. Non mi sembra che i leghisti abbiano mai invitato esponenti del PD ai loro raduni di Pontida... Quale sgarro avrebbe subito Cota?

    RispondiElimina
  2. Io in genere non le risparmio al Pd, ma questa mi sembra grossa.
    Il Pd ha risposto a Maroni, ed anche per bocca della persona istituzionalmente deputata a farlo.

    http://www.asca.it/news-ROM__FARINONE_(PD)__NO_A_ESPULSIONI_COMUNITARI-943186-ORA-.html

    Credo sia più utile chiedersi perché i giornali preferiscano parlare della Comunità episcopale anziché rilanciare le parole dell'opposizione.
    Ad ogni buon conto, Metil, inizio a pensare che questo disfattismo contro il Pd, tipico di Gilioli o della banda del Fatto, sia ormai sport nazionale a totale appannaggio del Governo.
    Aggiungo che nelle file del Pd ci sono anche i miei e tuoi amici radicali. Anche loro sono scomparsi su questi temi?

    RispondiElimina
  3. Perdonami, Sam, ma se a te pare che la reazione del PD di fronte a proclami che meriterebbero un casino che lèvati possa stare tutta in una dichiarazione di Farinone, significa che abbiamo due concetti diversi della situazione di emergenza in cui ci troviamo. Non ho rapporti con quelli del Fatto ma sono amico di Gilioli, e non credo né che voglia favorire il governo, né tantomeno che lo faccia senza accorgersene: il punto è che a mio parere -parlo per me, loro non so- il PD si diluisce sempre di più man mano che il tempo passa, ed era già bello annacquato quando l'hanno costituito. Personalmente ritengo che con un'opposizione del genere non si possa che continuare a perdere.

    RispondiElimina
  4. Intanto hanno fatto imbestialire il comitato per le vittime della strage di Viareggio, visto che qui a Livorno alla festa del PD hanno invitato Moretti.

    Per quanto riguarda i proclami della CEI, una qualche ragione sam ce l'ha, Repubblica é più puntuale di Avvenire quando si tratta di dare voce ai "moniti" dei prelati su qualsiasi scibile.

    RispondiElimina
  5. concordo con Sam

    Di Pietro ( che toglie voti al PD e non al al PDL) e la banda del Fatto stanno facendo il gioco del Cavaliere. sembra che il loro avversario sia il PD e non Berlusconi.

    RispondiElimina
  6. La Lega fa proclami di questo tipo, ogni giorno. L'assurdo non è la reazione dell'opposizione (dovremmo essere in piazza sempre, figurati in aree come il nord est..), ma che un partito così sia al governo.
    Delle sparate del Ministro dell'Interno, non ne ha parlato solo Farinone, ma anche Turco e Poretti. Citavo la voce istituzionale.

    Ricordo che quanto successo ai rom è avvenuto, per ora, in territorio francese e che ci si sta scaldando su un'intervista di Maroni.
    Quando alle parole seguiranno i fatti (non che fino ad ora siano stati morbidi), quando questa discriminazione verrà portata in parlamento, allora non accetterò titubanze da parte del Pd.

    Ma al momento, trovo che equiparare le cazzate del Pd sulla festa (tutte vere e fastidiosissime) a questa questione sia strumentale e utile solo in un'ottica di "giochiamo ad affondare il Pd". Come se già la barca non facesse, già in sé, abbastanza acqua.

    E questo, lo ripeto, va solo a vantaggio, se non del Governo e delle destre, sicuramente al partito del non voto. Il che non è il massimo, vista l'aria che tira.

    Detto questo, onestamente, buon compleanno.
    Ti ricordi di me? Ci siamo pure incontrati di persona! :)

    RispondiElimina
  7. Lurido caprone depravato,

    Sai bene che le tue depravazioni verranno aspramente punite sulle eterne graticole infernali. Come ebbe modo di precisare S.S. Benedetto XVI nel motu proprio dello scorso dicembre, i froci conclamati che non si pentiranno della propria condizione culattonica facendo pubblico atto di contrizione e penitenza di fronte alla comunita' dei fedeli saranno puniti con le fiamme eterne ed in particolarmodo con la punizione sempiterna di una verga di ferro sempiternamente infuocata infilata su per il bucio del loro abominevole e depravato culo.

    Dopo questa doverosa precisazione, mi corre l'obbligo pastorale di sottoscrivere il pubblico richiamo fatto dalla reverenda comunita' episcopale contro il governo ed in particolare la presidenza del consiglio guidata da un abominevole putteniere peccaminoso affetto da nanismo che pur nella sua conclamata impotenza ricorre a mezzi artificiosi pur di insidiare giovani fanciulle in fiore, tra una ruberia, un indulto ed una tangente. Tutto cio' e' inaccettabile e deve cessare immediatamente. E' compito della intera emerita comunita' dei vescovi italici porre la massima pressione morale sul nano del consiglio affinche' si redima e adegui i suoi comportamenti ad uno standard appropriato per la carica che riveste. Ove cio' non accadesse ci auspichiamo la sostituzione della odierna amministrazione con altra di piu' elevato profilo etico.

    In fede,

    S.E. Mons. Giacomo Babini

    Vescovo Emerito

    RispondiElimina
  8. @sam: sinceramente asserire che a demolire il PD si fa il gioco delle destre prefigura una discreta faccia di palta.

    Il gioco delle destre ad oggi lo hanno fatto, e per anni, i Veltroni, i D'Alema, i Fassino, i Violante ed i Letta (devo calcolare Bersani? Mah).
    Tutta gente ancora ben assisa al suo posticino.
    E non credo sia necessario citare fatti, date e circostanze altrimenti si fa buio.
    Quindi, per favore, un esamino di coscienza anche da parte della base PD nel cercare almeno di riconoscere che mantenere quella nomenclatura alla guida del partito è il primo e più pernicioso fattore di stabilità per Berlusconi, invece di continuare a dare colpe in qua e là, sarebbe un primo passo avanti seppure insufficiente.
    L'altro passo sarebbe quello di mandarla a casa, quella nomenclatura e riformare una classe dirigente nuova, ma pare che da quell'orecchio nessun Amplifon abbia il potere di funzionare.
    E sì che è da qualche giro di sveglia che i vertici sunnominati si divertono a spappolare i fegati dei loro potenziali elettori.

    RispondiElimina
  9. @ sassicaia: Quello che potevo fare, l'ho fatto a suo tempo, iscrivendomi al Pd e sostenendo la mozione Marino. Lì è nata e finita la mia esperienza come "base". Figurati dunque, l'idea che ho, personalmente, dei D'alema e dei Veltroni.
    Ma i discorsi che tu mi proponi qui puzzano di benaltrismo.
    Non si sta discutendo di questo.

    RispondiElimina
  10. Di Pietro toglierà anche voti ad PD e non al PDL... ma invece di strapparci i capelli non vi siete chiesti il perché? il PD è un partito nato morto, come la maggior parte dei suoi dirigenti! Di Pietro avrà tutti i difetti di questo mondo, ma è l'unico che fa qualcosa di concreto per mandare a casa il puzzone di arcore!!! Chi si ostina a votare PD fa il gioco del nano, non lo avete ancora capito?

    RispondiElimina
  11. Per quanto riguarda "il Fatto" credo non ci sia nemmeno bisogno di ricordare che è nato come giornale libero e voluto fortemente da tante persone (ed io sono fiero di essere uno che fra i primi vi si è abbonato) perché non risparmia mazzate né a dx, né a sx.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post