Comunicazione in tema di immigrazione: mi pare ci sia un problema

Ignazio La Russa, stretto tra le difficoltà per l’uscita dei suoi vecchi colleghi di An dal PdL e l’incapacità di coordinare il partito serrando le fila contro l’emorragia dei dissidenti, rilancia il proprio ruolo politico ingrossando la voce e sparando alzo zero sull’immigrazione: “Voglio sottolineare con forza che il contrasto alla criminalità organizzata, alla criminalità comune e all’immigrazione deve restare una priorità che il Governo ha il compito di continuare a fare” (La Repubblica, 6 agosto 2010). In queste poche parole, c’è tutto il dramma di una comunicazione devastante e pericolosa che prende piede a causa della mancanza di progettualità politica, non solo in tema di immigrazione. Sulle prima pagine dei giornali, infatti, i lettori trovano assimilate, da un filo logico assurdo e tutto strumentale, criminalità organizzata, criminalità comune e immigrazione come fossero per davvero temi del medesimo tenore. Tant’è che il Governo dovrebbe combatterle (tutte) rendendole proprie priorità. Anche la scelta del singolare, nel sostantivo e nel verbo, rimarcano questo senso: il “contrasto” che “deve” restare una priorità è unico, i mali da contrastare, criminalità e immigrazione, sono le emergenze che nella forma comunicativa finiscono per equivalersi. Il giornalista che intervista il ministro, infine, anziché mettere in risalto la contraddizione insita in questo accomunare questioni tanto diverse, cerca di mettere all’angolo l’interlocutore sull’inefficacia delle politiche anti-migratorie del Governo ricordando l’aumento, nelle ultime settimane, degli sbarchi via mare. Ed ecco, in tutta la sua nudità, il secondo errore micidiale.

Questo post è stato pubblicato il 10 agosto 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

3 Responses to “Comunicazione in tema di immigrazione: mi pare ci sia un problema”

  1. In realtà è un passo perfetto per la semplificazione del pensiero che questa gente sta mettendo in atto da tempo.
    Il prossimo passaggio sarà quello di mettere nello stesso paniere "illegalità", "criminalità" e "tutti quelli che non la pensano come loro",
    e tutto sarà più semplice e chiaro.

    RispondiElimina
  2. Anch´io leggendo quelle parole son rimasta raggelata e disgustata da questa assurda uguaglianza criminalitá = immigrazione :(

    RispondiElimina
  3. infatti si deve subito intervenire con questi stranieri

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post