Ieri sera ero qua

Da 1:50 in poi mi chiedono come la vedo, e io glielo dico.

Questo post è stato pubblicato il 31 agosto 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

29 Responses to “Ieri sera ero qua”

  1. io avrei portato questa...

    Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso
    sei un granello di colpa
    anche agli occhi di Dio
    malgrado le tue sante guerre
    per l'emancipazione.
    Spaccarono la tua bellezza
    e rimane uno scheletro d'amore
    che però grida ancora vendetta
    e soltanto tu riesci
    ancora a piangere,
    poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
    poi ti volti e non sai ancora dire
    e taci meravigliata
    e allora diventi grande come la terra

    "A tutte le donne"
    Alda Merini

    RispondiElimina
  2. Io non c'ero, invece.

    Pero' ero presente quando, per affari petroliferi sottobanco, una Corte del governo scozzese, con le spalle coperte dal governo inglese, ha liberato l'attentatore di Lockerbie perche' aveva i giorni contati dal cancro alla prostata.

    E ho visto Gheddafi sbaciucchiarsi il pluriomicida.

    Mi sembra che tu e le tue intervistate quando parlano di "figure di merda" dovrebbero informarsi di piu'.

    Per andare al governo bisogna soprattutto essere preparati, perche' gli Italiani, guardando le Tivvu' del Berluska, vedono cosa succede nel mondo, mentre voi, sintonizzandovi solo su TeleKabul, non riuscite a farvi opinioni oggettive.

    Poi perdete le elezioni e masticate amaro. E allora vi dilettate di anti-gheddafismo. Come se al mondo, di Gheddafi, gliene fregasse qualcosa.

    Il mondo e' pieno di figure di merda. Solo che per capirlo bisognerebbe uscire dalla politica da quartierino romano.
    Altrimenti si fanno figuredimmmmmerda.

    E la gente non vi vota. E voi continuate a masticare amaro. E dovete aspettare un'altra visita di Gheddafi per sentirvi importanti.

    Ma cosi la Sinistra non puo' andare avanti: col libretto sotto il braccio per far vedere l'abisso che esiste tra voi e la massa incolta.

    Snobismo intellettuale di sinistra: le masse ne hanno le palle piene. State perfino diventando antipatici: il che e' assai peggio che essere impopolari o minoritari dal punto di vista eletorale.
    Fate qualcosa per cambiare la vostra immagine perche' se andate avanti cosi restate in quattro gatti che si masturbano tra loro nella blogosfera.

    RispondiElimina
  3. Io invece avrei <a href="http://www.ecodiroma.org/il-bioparco-di-roma-lo-zoo-per-la-famiglia.htm>voluto esserci</a>

    RispondiElimina
  4. "col libretto sotto il braccio"..."le masse ne hanno le palle piene"...
    intanto lì ieri a protestare c'erano quelli e quelle con il libretto sotto il braccio mentre le masse stavano a guardare quei coglioni che si sentono protagonisti nella vita perchè un testa di cazzo gli fa dire "italia uno" con il dito alzato!

    RispondiElimina
  5. Le masse votano, sciocchino.

    Forse il tuo papa' votava comunista: e a quei tempi non c'era "Italia Uno".

    Vedi, l'elettorato piddi, quando non c'era i Berluska, votava Communista.

    Dimmi tu se si poteva essere piu' coglioni e teste di cazzo di cosi!

    A confronto gli elettori del Berluska, senza libretti sotto il braccio per far vedere quanto sono intelligenti, sembrano laureati a Cambridge.

    RispondiElimina
  6. ...perche' votare "commmunista" e votare "berluska" e' una questione di acutezza mentale.
    I piu' acuti vanno al governo; i meno acuti si fanno le pippe con i libretti sotto il braccio.

    RispondiElimina
  7. prima di "italia uno", molto prima, c'era "pane et circenses" la tecnica era la stessa. Complimenti per l'acume analitico.

    RispondiElimina
  8. "I più acuti vanno al governo, i meno acuti si fanno le pippe con i libretti sotto il braccio" Meraviglioso! Soprattutto, dire che al governo ci sono persone acute: qual é il tuo concetto di acuto, Bertoldo, così, per curiosità?

    RispondiElimina
  9. C'ero anche io ma mi han censurato ;-) !!!

    Intanto vi invito a rivedere questo video di chi l'opposizione al trattato Italia Libia l'ha fatta in solitudine a suo tempo....

    http://www.youtube.com/watch?v=CQXmFlhvC30&feature=related

    (da sentire soprattutto l'intervento di Furio Colombo)

    Ps. Alessà sencondo me andrebbe postato nel blog perché sia "sciascianamente".... A FUTURA MEMORIA, SE LA MEMORIA HA UN FUTURO

    Diffondete.

    J.

    RispondiElimina
  10. "..per andare al governo bisogna soprattutto essere preparati, perche' gli Italiani, guardando le Tivvu' del Berluska, vedono cosa succede nel mondo..."

    Vincitore barzelletta più triste 2010

    RispondiElimina
  11. non ho capito la storia di telekabul, ma per il resto concordo con bertoldo.

    RispondiElimina
  12. In una democrazia, quando una maggioranza vince, diventa automaticamente piu' acuta della minoranza che perde.
    E' una legge di natura.
    Appena si leggono i risultati il vincitore fa la figura dell'intelligentone; il perdente fa una figura di merda.
    Soprattutto se la minoranza perde da 20 anni e, quando vince, vince con 20 mila voti rubacchiati dalle parti di Napule e dintorni.

    Lo dicevano anche gli antichi Romani:
    Vox populi, vox Dei.
    La voce del Popolo e' la voce di Dio.
    E Dio e' una persona "acutissima" che si schiera SEMPRE con gli intelligenti, mai con i deficienti.
    Ai deficienti ci pensa la Carita' Cristiana.

    Se non si applicasse questo concetto base alla democrazia, cioe' che la maggioranza vince e governa perche' mentalmente piu ACUTA della minoranza OTTUSA che perde, allora sarebbe meglio farsi governare da Pecoraro Scanio. Il che e' anche successo, per 20 mila voti (rubacchiati) di differenza.
    E siccome gli Italiani hanno la memoria buona, infatti votano in modo mooooolto intelligente da una ventina d'anni a questa parte, ecco che il Pecoraro non lo vogliono piu'. E neanche il Mortadella.
    La maggioranza dell'elettorato italiano giudica il Pecoraro e il Mortadella MENO ACUTI del Banana.
    E' un fatto indiscutibile.
    Il Banana allora vince e prende tutto.

    E gli altri si fanno le pippe con i libri sotto il braccio.

    Sono stato chiaro o devo indicare la pagina di Wikipedia dove si spiega cos'e' la Democrazia?

    O voi vi siete istruiti sulle pagine di la Repubblica che ha della democrazia un concetto piuttosto stalinista? Cioe':
    "Io governo, e tu NO"
    - Ma perche? -
    "Perche' io sono piu' intelligente".
    - E chi lo dice? -
    "Lo dico io".
    - E tu chi sei? -
    "Il portavoce ufficiale del Mortadella...."

    PRRRRRRRRRR PRRRRRRRRR PRRRRRRRRR

    RispondiElimina
  13. Non concordo con i commenti sopra ma la forma di protesta non piace neanche a me. Quello che mi dà fastidio è questa presunzione con cui si sbandiera al vento la propria cultura. Io mi sto laureando in fisica teorica, leggo moltissimi libri sono appassionato d'arte, dipingo, sono un divoratore di musica eppure non mi sento di sbandierare la mia superiorità perchè semplicemente non c'è nessuna superiorità rispetto a quelle donne che si sono fatte pagare per ascoltare il tipo. (Vi prego, non mi rinfacciate che questo commento è uno di quelli in cui "faccio vedere la cultura", è solo per farvi capire) Io le rispetto, hanno fatto una scelta che non condivido ma è comunque una scelta libera. In fondo credete che essere pagati per tirare due calci al pallone ed essere l'oggetto degli scommettitori del totocalcio sia meglio? Anzi, molto probabilmente, i calciatori potrebbero smettere dopo pochi anni di attività, mentre alcune di quelle ragazze sono costrette a fare ciò che hanno fatto perchè purtroppo non riescono a trovare lavoro e fanno ciò che capita. Quello che bisogna rivendicare non è la superiorità di chi legge i libri rispetto a chi non lo fa, ma la fondamentale importanza della cultura (TUTTA!) per il bene comune. La stessa cultura che viene minacciata da oscure riforme in tema di scuola e università.
    Vorrei consigliarvi un saggio di David Foster Wallace. Per me è stato illuminante. Si intitola "Questa è l'acqua" ed è il discorso che lo scrittore ha tenuto in occasione della cerimonia per le lauree nell'università in cui insegnava. Si trova anche in rete.
    Ciao

    RispondiElimina
  14. A Bertoldo, ma famme er piacere!
    Ma che sono queste cazzate?? Governa chi è più acuto!!! Allora Einstein e Newton dovevano essersi già fottuti mezzo mondo!! Mi sa che di politica non ci capisci molto eh... Io sono d'accordo se avessi scritto che IN GENERE chi governa è il più FURBO, il più POTENTE (mediaticamente, economicamente) ma non il più intelligente. Non solo: governa chi riesce a manipolare le menti della gente, chi fa false promesse, chi getta fumo negli occhi, chi se la prende con i bersagli più facili, chi stipula aleanze con i poteri forti. Ne dovremmo sapere qualcosa perchè la storia del novecento è costellata di paesi in cui uomini venuti al potere nei modi suddetti hanno poi trasformato il loro governo in una dittatura.

    RispondiElimina
  15. stavolta mi dissocio, dio e repubblica non c'entrano una mazza.

    tornando al discorso, cosa c'entrano i libri e la cultura con l'antigheddafismo come l'ha definito bertoldo? niente. però si ha il bisogno di andar lì, sfoggiare il librone, parlare sostenuto... sarà che i flashmob non sono il mezzo più adatto per contestare perchè trattasi solo e soltanto di eventi mondani?
    boh, rispetto metilparaben come blogger ma questo video sembra la riunione delle matricole di scienze politiche, l'aggravante è che l'età non può neanche giustificarli.

    RispondiElimina
  16. @Bertoldo Perché c'è sempre questo problema con la cultura? Perché?

    Le masse si informano del mondo attraverso le Tv di Berlusconi? Mi sembra che queste in realtà parlino solo delle catastrofi che avvengono nel mondo, non dei delicati processi diplomatici, degli accordi di vario genere, che sono alla base del cambiamento degli equilibri in gioco.

    Il punto è che informarsi, capire, avere senso critico costa fatica ed impegno. In linea di principio chiunque sappia leggere può informarsi. La cultura non è una cosa che si fa in un giorno. Si fa in anni di sapiente lettura, di pazienza, di frustrazione. Anche l'operaio può leggere, andare su internet, prendere libri in biblioteca e soprattutto parlare con gli altri, confrontare le proprie idee. E' qui che si forma la cultura, dal confronto.

    Io sta cosa dell'omologazione verso il basso non la capisco proprio. Invece di protendersi verso l'alto e la conoscenza diventiamo tutti pecoroni, ci abbassiamo al livello delle trasmissioni della de Filippi.

    RispondiElimina
  17. Va bene: vediamo di ragionare un po' piu' seriamente.
    Qualche commentatore merita rispetto.

    Il video e' un video imbecillissimo che riassume le ragioni di fondo del perche' il popolo bue e ignorante che guarda la TV di Stato (il Minzculpop come lo chiama quel ringhioso dello Zuccone che soffre di berlusconite acuta da 20 anni e non si da' pace) vota per Bossi e Berlusconi.
    Perche' non ne puo' piu' di questa spocchiosissima Sinistra che tratta le masse, le massaie e la gente comune che giudica il mondo che la circonda adoperando parametri di valutazione semplici (ma non semplicistici) come se fossero mandrie di orangutanghi cerebrolesi.

    Gheddafi se lo devono leccare tutti perche' ha gas e petrolio. Da mezzo secolo l'Occidente sta leccando ogni pelo di culo arabo e persiano per un barile di petrolio. Se non ci fosse di mezzo il petrolio, l'Occidente, gli Arabi se li sarebbe strofinati sulla cappella e poi avrebbe tirato la canna del cesso. E la "causa palestinese", senza il "problema petrolio", sarebbe stata gia' risolta da tempo con il genocidio della "razza" palestinese ad opera dei fratelli arabi. (Settembre Nero?)

    Insomma: e' tutto una "petroliata pazzesca"! Punto.

    In questo contesto, fare gli schizzinosi per le stravaganze di Gheddafi e gli onori che gli vengono tributati guardando al futuro fra i due paesi, cioe' al dopo-Gheddafi e al dopo-Berlusconi, e non alle cretinate e alle pagliacciate di oggi e' segno di enorme imbecillita' politica.

    In questo il Berluska ha ragionissima: la Sinistra guarda al passato. Cioe' abbiamo una Sinistra non solo reazionaria, bigotta-catto-comunista che sfodera moralismo da parrocchia del Sacro Cuore di Gesu' (Noemi, D'Addario) e che prende posizioni "conservatrici" nei costumi (difesa di veli e modestie femminili in nome della liberta' di culto e del multiculturalismo), ma anche economicamente cretina.
    E non ostanti tutti questi difettini che la collocano agli inizi del XIX Secolo, ancora questa Sinistra del cazzo trova il coraggio di infilarsi i libretti sotto il braccio (come i libretti reazionari rossi di Mao) per farci vedere che Lei, la Sinistra, e' colta, intelligente e guarda avanti pensando che la Pace e il Progresso si costruiscano non con i reciproci interessi commerciali e tutto quello che da essi deriva, ma sui valori morali, sui principi, sulle solenni prese di posizione contro l'ingiustiza e la poverta'; e naturalmente sull'anti-fascismo; sull'anti-berlusconismo; sull'anti-gheddafismo; il tutto condito con un po' di filo-arabismo, di multiculturalismo, di anti-sionismo e, dulcis in fundo, con una spruzzata di socialismo alla New Labour.

    E cosi scacca-razzando, alleandosi con intellettuali del calibro di Di Pietro, Grillo e di quel pecoraro dello Scanio, perde le elezioni e deve continuare a farsi le pippe con i libri sotto il braccio.

    Ma questa cretinissima Sinistra lo immagina cosa significa, politicamente e culturalmente parlando, una manifestazione di rispetto per un leader arabo, per quanto detestabile come Gheddafi, agli occhi del sottosviluppatissimo mondo arabo?
    Queste piccole sfumature, nei librettucoli di Scienze Politiche impregnati di marxismo defunto e seppellito, non le trattano, ma il Berluska e le ignorantissime masse italiane che lo votano lo sanno benissimo. E se non lo sanno lo intuiscono. Hanno cioe' le scarpe grosse e cervello fino.

    Ecco la differenza fra la maggioranza ACUTA, che vince, e la minoranza OTTUSA (e con i libri sotto il braccio) che perde.

    RispondiElimina
  18. Ripeto, maggioranza furba e opposizione cretina (ammesso che effettivamente l'opposizione non abbia voluto tutto questo); non è questione di intelligenza. Scusa se te lo dico bertoldo ma sebbene il tuo discorso non faccia una piega è in ogni caso detestabile. Il punto è questo. Hitler sapeva bene che la minoranza ebraica deteneva una fetta grossa di economia tedesca. E s'è messo a sterminare tutti. I tedeschi l'hanno appoggiato per quale motivo? Per interesse economico. Ecco io non voglio fare la fine dei tedeschi. La libertà (di cui berluska si fa paladino) non è mettersi a pecora (scusa uso il tuo stesso linguaggio) per racimolare più soldi, ma è saper effettuare delle scelte anche difficili. Noi ci siamo messi a pecora ma avremmo tranquillamente i mezzi per mandare a quel paese gheddafi (e non la libia). Perchè non lo facciamo? Perchè siamo un paese frenato dalla corruzione (che non ha colore politico) e dalle mafie.
    Dovremmo essere il paese più ricco d'europa e del mediterraneo e invece...
    In ogni caso, questo mettersi a pecora è una novità visto che sono solo due anni che questo tizio viene qui e fa il bello e il cattivo tempo. Perchè non succede in nessun altro paese europeo? Eppure l'europa non abbonda di petrolio e sicuramente fa affari con i libici (guarda l'inghilterra)

    RispondiElimina
  19. Credo che leccare così tanto Gheddafi non sia solo una questione di petrolio, che riguarda anche il resto d'Europa, ma soprattutto il curare gli interessi di Impregilo in Libia oltre che degli investimenti di quest'ultima in Italia.

    Vorrei poi ricordare che Berlusconi ha definito l'italiano medio come "uno studente di seconda media che non siede nemmeno al primo banco(forse ha detto neanche tanto sveglio)".

    Ecco io non so cosa è peggio tra il creare un gap tra gli acculturati, come dici tu, e la massa, oppure fare finta di essere il paterno protettore e poi inchiappettarle queste masse.

    RispondiElimina
  20. Mi sembra che qua pochi hanno capito il senso della manifestazione,che è quello spiegato dalla ragazza dei primi 28 secondi di video.
    Non credo che stiano "sbandierando la loro cultura",io almeno non la leggo così, credo che sia una contrapposizione con l'ignoranza sempre più pressante della società.

    RispondiElimina
  21. A me fanno ridere questi acculturati e politically correct rivoluzionari senza rivoluzione.
    In realtà sono dei reazionari, sono sempre i primi a sbraitare in difesa della Costituzione, ovvero a difendere lo Stato borghese e capitalista.

    RispondiElimina
  22. METILPARABEN, sei proprio un figo!
    Nella foto piccola non si vedeva... nel video si.

    RispondiElimina
  23. @ Silvia. Scusa ma invece a me sembra proprio così: ribadire la superiorità della cultura sull'ignoranza. La prima ragazza dice esplicitamente che l'ignoranza delle 500 donne che si sono fatte pagare è sconcertante. Ecco, io questo non l'accetto. Io non mi sento superiore ai miei avi che hanno lavorato la terra per generazioni senza sapere cosa è un libro e senza saper neanche leggere.
    Ripeto, bisogna ribadire solo l'importanza della cultura. Questo è essenziale. Non solo. Avere una cultura senza un briciolo di sensibilità e chiamare mignotte quelle che sono andate da gheddafi è tutto tranne essere acculturati; vuol dire ragionare in "modalità logica predefinita". Il mio pensiero è sintetizzato in "Questa è l'acqua" di David Foster Wallce. Se ti va, puoi leggero, si trova in rete.
    Ciao

    RispondiElimina
  24. Che tristezza che fanno tutti questi finti intellettuali che sfilano con il libro in mano che - ci giurerei - la gran parte di loro nemmeno ha letto.. (o nella migliore delle ipotesi è uno dei pochi che ha letto) Mi pare di rivedere quei libretti rossi di Mao che venivano esibiti e sventolati da giovani che volevano far vedere che erano istruiti e ben indottrinati. Se siete cosi', voterò per sempre PDL !! Sono meglio i tronisti di voi, almeno loro sono più reali..

    RispondiElimina
  25. Rispondo all' ANONIMO delle 11.16, piu' sopra:

    L'Inghilterra, tra lo sdegno e lo sgomento internazionali, specialmente da parte americana, per fare affari con Gheddafi, o per creare le condizioni per farli, ha liberato l'anno scorso l'attentatore di Lockerbie (220 morti).

    Gli Inglesi sono maestri di ipocrisia diplomatica e hanno fatto le cose in modo ingegnoso.
    Il governo britannico scarica la colpa ad una Corte scozzese; il governo scozzese, competente per territorio (dove e' avvenuto l'attentato) scarica la colpa sull'indipendenza delle decisioni della sua Magistratura. Nello sesso tempo finge di rimanere infastidito per le ingerenze e i sospetti del governo centrale di Londra sull'operato della Magistratura scozzese. E governo scozzese e quello inglese fingono di litigare davanti ai microfoni della BBC.

    Una scarica-barile ben congegnato. E che fa incazzare neri gli Americani che hanno 200 morti da piangere e vogliono giustizia.

    Il trucco escogitato per rimettersi in dialogo commerciale con Gheddafi (la BP ha una gran voglia di perforare davanti alle coste libiche: anzi, ha gia' cominciato) e' consistito nel "montare" un caso medico disperato: il cancro terminale alla prostata del pluri-omicida. Gli dovevano restare tre mesi di vita e venne rilasciato per ragioni umanitarie. (200 morti!) Gheddafi senior e junior lo hanno accolto a Trtipoli tra il tripudio di decine di migliaia di persone.
    Il mondo ha tattenuto a stento il vomito.
    Oggi, 12 mesi dopo, il pluri-assassino gode di discreta salute e sembra che S. Gennaro abbia fatto l miracolo.

    Il Regno Unito ha rimediato una figura di merda. Ma, a differenza dell'Italia, SE NE SBATTE di quello che pensa la ggggente. Business is business!
    I moralismi li lasciano a quella "piu' bella che intelligente".

    Un compromesso schifoso, dunque, che non ha convinto nessuno.
    Ma, si sa, Solo in Italia, o, per dirla con Ivan Scalfarotto, l'Italia e' "l'unico paese" dove una Sinistra molto imbecille finge bigottamente e ipocritamente di scandalizzarsi per far credere agli allocchi cretini quanto e' brutto Berlusconi.

    E si mette i libri sotto il braccio per far vedere che LEI, la Sinistra moralista, per 70 Euro, non si prostituirebbe mai.

    E invece, le 400 hostess si sono beccate una copia del Corano gratis (in eccellente e pregiatissima rilegatura), hanno passato una giornata insolita e divertente, hanno visto un po' di mondo esotico, hanno mangiato gratis eccellenti tramezzini, hanno bevuto birra analcolica, si sono fatte due risate e si sono scambiate 400 numeri telefonici per allargare le loro conoscenze e moltiplicare le loro opportunta' di carriera come hostess o modelle.
    Alla faccia di Gheddafi e degli stupidotti studenti di Scienze Politiche che con i libri sotto il braccio, vorrebbero stupidamente sottolineare che tra loro e le hostess/modelle c'e' un abisso culturale incolmabile.
    Ma nel precipizio ci e' finita la Sinistra catto-comunista.
    E il Berluska ride. E le hostess/modelle pure.

    RispondiElimina
  26. [...] piccoli intellettuali penosi, lacchè del capitale, che credono di essere il cervello della nazione. In realtà non ne sono il cervello, ma la porcheria.

    Lenin

    RispondiElimina
  27. Caro Bertoldo (Bertoldino e Cacasenno) anche tu come gli pseudo intellettuali che tanto critichi sei tutto fumo e niente arrosto.

    In un tuo intervento mi parli di petrolio e di guardare avanti e infatti stiamo mettendo il paese in mano ad un pazzo dittatore che già è uno dei maggiori investitori della borsa nonchè uno dei proprietari di Unicredit, nn ti sembra si stia costruendo un gigante con i piedi d'argilla?

    Poi lascia perdere il discorso di chi vince le elezioni x favore che pesti una cacca clamorosa, già Wiston Churchill diceva:" In Italia prima della guerra c'erano 45 milioni di fascisti, adesso ci sono 45 milioni di antifascisti, ma 90 milioni di italiani nn risultano in alcun censimento", stesso discorso potevamo fare durante gli scandali di tangentopoli nel 92 che nn trovavi uno che aveva votato DC e PSI neanche a pagarlo oro...qualcosa mi dice sarà lo stesso quando cadrà il Berlusca con un tonfo che farà tremare tutto il paese,e anche a te tocchera raccogliere i cocci.

    In pratica c'è un filo (rosso?) che lega la maggior parte degli italiani, dal fascismo ad oggi, che sbagliano puntualmente a votare e pertanto ti dico che un libro di storia farebbe bene ogni tanto leggerlo!!!

    Certo poi i libri nn basta leggerli, bisogna anche capirli, altrimenti si diventa tutti come Sgarbi e questo blog ne è una prova.

    RispondiElimina
  28. Wiston Churchill diceva:" In Italia prima della guerra c'erano 45 milioni di fascisti, adesso ci sono 45 milioni di antifascisti, ma 90 milioni di italiani nn risultano in alcun censimento"..

    Winston Churchill non ha mai detto una stronzata simile: questa la devi avere sentita al Bar dello Sport chiaccherando di politica con gente che legge la Gazzetta....

    Berlusconi = "pazzo dittatore"?

    Oddio! Mi sento male! Ma come si fa a dire stronzate come questa?
    Ma Giuseppe, sei piu' scemo di Anelli di Fum0!
    Guarda che e' difficile battere il bisex canadese in fatto di scemenza!

    A te l'antiberlusconismo ti ha dato alla testa:

    vai anche tu in Canada a rinfrescarti la capoccia e, per favore, rimanici: non tornare, please, vai a trovare il Gastaldi che vive in un monolocale pieno di parassiti con angolo cottura e divano letto: e succhiatelo.
    E alla sera prima di andare a letto recitate la preghierina dell'esiliato:

    "Caro Gesu',
    non ne posso piu':
    questo Berlusconi
    mi massacra i coglioni!
    Aiutami tu,
    se no mi butto giu'!"

    RispondiElimina
  29. @ Bertoldo

    Vedi che bisogna leggere???????

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post