Gli asini del giorno dopo


Allora, amici del Corriere della Sera, vi dirò le cose come stanno: abbiamo già abbastanza problemi per conto nostro con quel manipolo di integralisti che insistono a disinformare la gente e vanno in giro a blaterare che la pillola del giorno dopo è abortiva, senza che vi ci mettiate pure voi a fare casino.

Siccome rappresentate la più importante testata giornalistica di questo paese, mi aspetto (e pretendo) che sul vostro giornale facciate scrivere gente che conosce, sia pure vagamente, l'argomento di cui parla: confondere la pillola RU486 (abortiva) con la pillola del giorno dopo (contraccettiva), al di là delle vostre intenzioni, contribuisce ad aggravare la già penosa situazione in cui versa l'informazione nel nostro paese, e finisce quindi per favorire, di fatto, la strategia dei fondamentalisti.
Mi corre quindi l'obbligo di rivolgervi un invito: abbiate la compiacenza di informarvi, prima di mettervi a scrivere senza sapere quello che dite.
Bastano un computer, Wikipedia e cinque minuti del vostro tempo.
Chiedo troppo?

Questo post è stato pubblicato il 14 settembre 2009 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

21 Responses to “Gli asini del giorno dopo”

  1. bravissimo, Uroda! che ignorante!
    Mina

    RispondiElimina
  2. anche la pillola del giorno dopo è abortiva!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    L'ignoranza non ha limiti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. @Anonimo:
    l'hai detto tu...

    RispondiElimina
  4. A parte esser d'accordo totalmente sulla necessità per un farmacista di informarsi, vorrei fare una precisazione: la pillola del giorno dopo non è solo un contraccettivo nel senso corretto del termine, ovverosia, non impedisce il concepimento dell'embrione, ma agisce da un lato inibendo l'ovulazione e dall'altro evitando l'impianto dell'embrione già concepito in utero. Non può essere considerata abortiva, perchè per abortivo si intende il farmaco che provoca il distacco dell'embrione impiantato, ma nemmeno esattamente anticoncezionale, perchè di fatto essa non impedisce il concepimento ma si limita a renderlo difficile o agisce al contrario impedendo all'embrione già formato di potersi insediare nell'utero. ciao!

    RispondiElimina
  5. ooops! volevo dire gionalista, non farmacista!

    RispondiElimina
  6. E tocca iniziare a boicottare i medici cattolici. Vabbè, facciamo anche questa.

    RispondiElimina
  7. ... rimane sempre il fatto che gli INTEGRALISTI omopedoinculoalchiericoinsacrestiaoalloratoriochesia, ed i frequentatori notturni della checchen beach (spiaggia delle checche, famoso luogo di ritrovo per disoccupati mentali) non hanno ancora MANTENUTO NESSUNO con i LOROSOLDI, in quanto i LOROSOLDI sono ancora SOLDINOSTRI. quindi non si preoccupino più di TANTO di chi non nasce che se qualcuno va all'inferno quel qualcuno sono LORO.

    RispondiElimina
  8. @Secondo anonimo: la pillola del giorno dopo, scientificamente, non è abortiva: ma quand'anche fosse, proprio per amor di discussione, ciò consentirebbe a quelli del Corriere di confonderla allegramente con un'altra pillola?

    RispondiElimina
  9. Ai servi non è concesso di informarsi!!!

    RispondiElimina
  10. Vista la situazione del giornalismo italiano, sì, tristemente chiedi troppo. E da commenti che leggo, purtroppo l'ignoranza non si limita solo a chi scrive sui giornali....

    RispondiElimina
  11. Metil, l'articolo mi risulta essere abbastanza vecchio (14 Luglio '09 ?)....spero che or come ora il giornalista Capponi ponderi meglio le parole.... Comunque il concetto è chiaro. Domanda....assodato che il farmacista è in pieno torto, quali conseguneze lo aspettano? Nessuna, corretto? E colei che doveva ricorrere alla pillola del giorno dopo deve comunque correre in un'altra farmacia, vero? E sempre costei deve perdere un sacco di tempo se volesse arrviare fino in fondo alla questione? A proposito di obiettori........con gli obiettori del pelo, qualche novità?

    RispondiElimina
  12. Andando per ordine:
    1. il farmacista può essere denunciato (vedi post precedente);
    2. sì, purtroppo per farlo bisogna perdere un sacco di tempo: e spesso le persone, se non sono adeguatamente motivate già per conto proprio, passata l'urgenza finiscono per stancarsi della trafila e decidono di non sporgere denuncia;
    3. nessuna novità, purtroppo: abbiamo cercato a lungo di cogliere di nuovo in fallo la zelante dottoressa, ma sino a questo momento non ci siamo riusciti. Ritengo probabile che dall'altra parte siano state adottate le contromisure per evitare che la faccenda si ripetesse: d'altra parte, andare ad uno scontro giudiziario senza prove sarebbe un suicidio. Non è detto, comunque, che sia finita qua.

    RispondiElimina
  13. "ma agisce da un lato inibendo l'ovulazione e dall'altro evitando l'impianto dell'embrione già concepito in utero."

    No, non è così. Gli studi fatti finora mostrano che la "pillola del giorno dopo" impedisce l'ovulazione, ma non c'è alcuno studio che dimostri che possa agire sull'ovulo già fecondato impedendone l'impianto in utero.

    RispondiElimina
  14. Diciamo le cose come stanno: io sono liberissimo di aderire ad una setta religiosa secondo la quale la fecondazione avviene nel momento in cui un uomo e una donna si guardano negli occhi. Finché quel convincimento non verrà dimostrato scientificamente, però, sarà opportuno che lo tenga per me, senza pretendere di imporlo agli altri.
    La pillola del giorno dopo non è abortiva: e questo non è un convincimento, ma un'evidenza scientifica.
    Se qualcuno ha pubblicato studi scientifici (non brani di catechismo o opinioni della domenica) che dimostrano il contrario, si faccia avanti.

    RispondiElimina
  15. LEGGETE TUTTI IL CORRIEREDELLASEGA, ILSOLE24ORINE E POI PER CONFONDERVI MEGLIO UNITA' LA STAMPA E SREPUBBLICA

    RispondiElimina
  16. Giusto per completare il mio precedente commento, riporto dal sito dell'Organizzazione Mondiale della Sanità:

    Mode of action
    Levonorgestrel emergency contraceptive pills (ECPs) have been shown to prevent ovulation and they did not have any detectable effect on the endometrium (uterine lining) or progesterone levels when given after ovulation. ECPs are not effective once the process of implantation has begun, and will not cause abortion.

    RispondiElimina
  17. @"ULTIMO ANONIMO": hai avuto una crisi epilettica alla tastiera o hai altri problemi?

    RispondiElimina
  18. @Anonimo: non leggo nessuno di questi giornali perché vivo all'estero. non pensi che forse sei tu che devi ripassarti qualche lezione di biologia?

    RispondiElimina
  19. comunque la normale pillola ANTICONCEZIONALE contiene: un estrogeno + levonorgestrel(principio attivo della pillola del giorno dopo). quindi diciamo che la pillola ANTICONCEZIONALE ingloba in un certo senso il meccanismo d'azione della pillola del giorno dopo,solo che quest'ultima è usata in caso d'urgenza...
    E se volete saperlo un effetto accessorio della pillola ANTICONCEZIONALE è quello di assottigliare l'endometrio per evitare l'impianto di un eventuale embrione...e già,perchè anche se prendi la pillola(ma a volte ci si dimentica) ti può scappare l'ovulo bastardo che si forma, ma la pillola risolve tutto anche in questo caso.....
    fatta questa rivelazione...non è che adesso se la prendono pure con la pillola ANTICONCEZIONALE e ci levano pure quella...
    ps:odio quando gli uomini (soprattutto quelli di chiesa che non ne hanno mai vista una) pensano di saperne più di me sulla mia vagina/utero e sul suo utilizzo/scopo
    pps: da farmacista invito i farmacisti obbiettori di coscienza a cambiare mestiere...per la salute della gente, perchè sempre secondo le vostre credenze cattoliche anche le malattie sono assegnate "per volere divino"e tutti i farmaci esistono per contrastare questo "volere"...quindi se siete coerenti con voi stessi lasciate il vostro posto a qualcuno di più serio

    RispondiElimina
  20. Grandissima Gianna! :-))

    RispondiElimina
  21. E' passato molto da che è stato postato l'ultimo commento, ma la chicca la voglio lasciare lo stesso: ho saputo da un amico molto bene informato che l'Ateneo di Bologna (quello famoso, quello antichissimo, che si fregia di questo e di quello...) è in mano a CL... M'è stato riferito, e da qui il collegamento, che in tutta la Facoltà di Medicina s'è formata una loggia di CL e che la stragrandissima maggioranza di studenti (quindi che han passato la scrematura) sono proprio appartenenti ai suddetti fondamentalisti...
    Infine: il Presidente del comitato studentesco universitario, l'organo più potente che abbiamo, è da 19 ANNI in mano ad affiliati alla setta... Se i futuri medici non diventeranno tutti obiettori, quello sì, sarà un miracolo...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post