Il giornalismo mediocre di Fabrizio Roncone


A pagina 14 del Corriere di oggi c'è l'intervista che mi è stata fatta ieri da Fabrizio Roncone.
Dopo averla letta sono costretta a rilevare, come peraltro avevo già avuto modo di verificare in altre circostanze, che si tratta di un poveretto costretto per campare a manipolare le interviste che effettua: in caso contrario, evidentemente, quello che scrive non risulterebbe interessante neanche in una rivista parrocchiale.
Durante l'intervista Roncone ha provato in tutti i modi a farmi parlare male di qualcuno: Santoro, Travaglio, Ruotolo, il regista, la Borromeo, la Grambassi. Non essendoci riuscito, ed avendo quindi perso in partenza l'unica parte del suo lavoro che avrebbe potuto suscitare un minimo interesse, ha dovuto rivoltare la frittata tentando di mettere in cattiva luce me.
Come se non bastasse, l'intervista riporta domande che non mi sono mai state fatte e, di conseguenza, risposte che non ho mai dato.
E' curioso che un fatto del genere avvenga subito dopo la puntata di Anno Zero dedicata alla libertà di informazione, nella quale si è parlato di giornalismo: ebbene, quello di Roncone non mi pare giornalismo, ma un modo patetico per tirare avanti inventando quello che non è mai accaduto e che però fa comodo scrivere.
Tra l'altro, con una fantasia mediocre.

---
Ecco l'intervista pubblicata, con vicino in rosso quello che è effettivamente stato detto.

«Michele, mi creda, è un maestro straordinario».
Qual è il consiglio più importante che le ha dato in questi primi, complicati giorni di lavoro?
«Aspetti... mi faccia pensare...».

Pensi pure.
«Ah, ecco, sì! Mi ha detto: attenta, qui è pieno di gente cattiva». (MAI PRONUNCIATA LA PAROLA "QUI")

Qui, in Rai? (DOMANDA INVENTATA)
«Ha detto qui. Nel mondo del giornalismoe quindi, suppongo, anche in Rai». (OVVIAMENTE, RISPOSTA INVENTATA ALLA DOMANDA INVENTATA)

Come sono le riunioni di redazione? (DOMANDA INVENTATA: SONO STATA IO A PARLARE SPONTANEAMENTE DELLE RIUNIONI DI REDAZIONE, DEFINENDOLE STIMOLANTI E ISTRUTTIVE)
«Beh, io vengo dalla politica. Il giornalismo è una cosa un po` diversa...».(E' LA RISPOSTA AD UNA DOMANDA DIVERSA, CHE RONCONE EVIDENTEMENTE SI SENTE LEGITTIMATO A INCOLLARE DOVE PIU' GLI AGGRADA)

Il suo, come ha scritto con ironia Annalena Benini sul Foglio, è il percorso di «una ragazza sinceramente democratica». (DOMANDA INVENTATA: DURANTE L'INTERVISTA RONCONE NON HA MAI PARLATO DI ANNALENA BENINI, NE' DI QUELL'ARTICOLO)
«Okay, va bene: a sedici anni mi sono iscritta ad Azione giovani, il movimento giovanile di An. Però dopo aver assistito alla prima riunione, sono andata via». (MAI PRONUNCIATE LE PAROLE "OK, VA BENE": INSERENDOLE CAMBIA TUTTO IL SENSO DELLA MIA RISPOSTA, CHE E' STATA SEMPLICEMENTE "SI'" QUANDO RONCONE, ALLA FINE DELL'INTERVISTA E NON A QUESTO PUNTO, MI HA CHIESTO: "ERI TU CHE A 16 ANNI AVEVI PARTECIPATO A UNA RIUNIONE IN AN?")

Delusa? (DOMANDA INVENTATA)
«A disagio. Poi, per fortuna, all`università ho incontrato i radicali. Altre teste, altro animo. Attualmente sono presidente degli studenti Coscioni». (RISPOSTA INVENTATA: HO SOLO DETTO, QUANDO MI HA CHIESTO SE FACCIO ANCORA POLITICA, DI ESSERE PRESIDENTE DEGLI STUDENTI COSCIONI E NEL COMITATO DI RADICALI TALIANI)

Ma tentò di mettere il naso anche nel Pd. (DOMANDA INVENTATA: MI HA CHIESTO SE MI FOSSI CANDIDATA ALLA SEGRETERIA DEI GIOVANI PD, "METTERE IL NASO" NON L'HO MAI SENTITO)
«Mi candidai alla segreteria dei giovani. Ma persi». (IN REALTA' HO CHIARITO DI ESSERMI CANDIDATA ALLA SEGRETERIA DEI GIOVANI PD DA RADICALE)

Ambiziosa. Ora, la tivù. (DOMANDA INVENTATA: L'UNICA COSA SIMILE CHE HA DETTO E' STATA LA PRIMA BATTUTA AL TELEFONO: "STAI FACENDO CARRIERA, EH?")
«Imparo. Rubo qualcosa a tutti». (RISPOSTA INVENTATA DI SANA PIANTA)

Marco Travaglio.
«Gentilissimo, a volte persino amichevole». (MAI DETTO "A VOLTE PERSINO")

Sandro Ruotolo.
«Oh... è coltissimo... eppure, nonostante questo, è sempre lì che studia».

Ruotolo studia?
«Sì... insomma, si documenta, approfondisce».

Alessandro Renna, il regista.
«Beh, lui è proprio carino». (MAI DETTO "PROPRIO CARINO")

Carino, scusi, in che.senso? (DOMANDA INVENTATA)
«Mah... ti mette a tuo agio. E poi è pieno di accortezze». (MAI DETTO "E' PIENO DI ACCORTEZZE")

Tipo? (DOMANDA INVENTATA)
«Tipo che ora stiamo lavorando sulla mia acconciatura. Io non mi trucco, non mi pettino... E anche Michele me l`ha detto: non è che posso andare in onda come se fossi appena scesa dal letto». (RISPOSTA INVENTATA: HO SOLO DETTO CHE SANTORO VUOLE CHE IO MANTENGA IL MIO STILE NATURALE, CHE SOLITAMENTE NON MI TRUCCO MA CHE SONO CONSAPEVOLE CHE NON POSSO ANDARE IN TV COME SE "MI FOSSI APPENA SVEGLIATA". IL TENTATIVO DI EVOCARE LA FIGURA DI UNA CHE AMMICCA AL REGISTA E' DI TERZ'ORDINE)

È fidanzata? (INFATTI; GUARDA UN PO' DOVE ATTACCA QUESTA DOMANDA)
«Sì. Con un commercialista militante radicale».

È un tipo geloso? «No... no... direi di no...». (SAPIENTE UTILIZZO DEI PUNTINI DI SOSPENSIONE PER CREARE LO SQUALLIDO EFFETTO VOLUTO)

Questo post è stato pubblicato il 26 settembre 2009 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

34 Responses to “Il giornalismo mediocre di Fabrizio Roncone”

  1. Faccio come la Carfagna? Preferisco usare la rete, una bella smerdata diffusa.

    RispondiElimina
  2. Pubblica il dialogo pre e post intervista con Roncone.
    Non c'è stato?
    Eddai, l'hai visto come si fa.

    RispondiElimina
  3. In che senso? Pubblicare l'intervista come l'ha scritta lui e come invece è avvenuta?

    RispondiElimina
  4. immagina di querelarlo (io lo farei, smerdandolo sulla rete, anche, subito dopo) e fai un bel post con la doumentazioe che porteresti a tuo favore in tribunale. Come dice giustamente Sassicaia, il dialogo e la tua vera intervista.

    RispondiElimina
  5. Ok, mi metto all'opera e fra mezz'ora tutto sarà disponibile. Grazie per il suggerimento!

    RispondiElimina
  6. Non è purtroppo la prima volta che mi imbatto in casi del genere. Sono anzi quasi la norma. Uno squallore senza fine. La biografia degli altri manipolata e usata senza rispetto.
    Il problema è che il coltello dalla parte del manico ce l'hanno loro. Anche perchè, come in quasi tutti i settori della società italiana (solo quella Italiana?), i meccanismi di garanzia e di controllo sono inadeguati, collusi o a volte inesistenti. Com'era la faccenda della casta e delle caste?
    Al di là dell'incazzatura per il (gravissimo) caso in sè, mi vengono in mente un sacco di interrogativi.
    Ad esempio su certe manifestazioni in difesa della libertà di stampa. Oppure sull'esistenza e l'utilità di un ordine dei giornalisti.

    RispondiElimina
  7. Ma è fantastico...un copy più che un giornalista.
    Però scusa, pagina 14 del corriere credo meriti qualcosa di più di un post su Metil (con tutto il rispetto va da sè, solo una questione di numeri).
    A presto

    RispondiElimina
  8. io da giornalista (che però le interviste le fa) registro sempre tutto. Non sono mai stato intervistato, ma se diventassi così famoso pretenderei di poter registrare anche io l'intervista.
    cordiali saluti.
    Pietro

    RispondiElimina
  9. piuttosto che come la carfagna bisognerebbe utilizzare il metodo D'addario: registratore nascosto e mp3 nel blog! :)

    RispondiElimina
  10. Mi pare la tipica intervista di Roncone (che mi ha sempre dato l'impressione di voler lasciare trasparire una certa complicità con l'intervistato, e che mostra la spiacevole tendenza a porsi come protagonista). Adesso mi viene qualche dubbio su altre interviste lette in precedenza.
    ---
    Ho scritto tre verbi all'infinito consecutivi, apro nuove strade nella sintassi.

    RispondiElimina
  11. @Giulia:
    ha ragione Pietro: la prossima volta chiedi di poter registrare l'intervista e poi se scrive cazzate ci sta la querela.
    La smerdata in rete è efficace fino a un certo punto... la querela un po' di +!

    RispondiElimina
  12. Ultim'ora dal CORRIERE: "è possibile che la sua RETTIFICA non venga pubblicata, dipende dai toni usati". Siamo arrivati alla censura delle rettifiche? Andiamo bene...

    RispondiElimina
  13. Ma che razza di intervista è? Non vedo contenuti nelle domande e neanche nelle risposte, mi sembra una chiacchera senza importanza. Io a certe domande non avrei neanche risposto.

    RispondiElimina
  14. Non immaginerei intenzionali perfidie.
    Meno di una cartella di spazio, il tipo non si è certo spremuto le meningi e ha deciso di scrivere un pezzo "brillante" (aggettivo che, in campo giornalistico, serve a giustificare nefandezze anche molto peggiori): il piatto delle risposte gli è sembrato sciapo, ci ha aggiunto pepe (si fa per dire) e maionese. Più che tipico.

    RispondiElimina
  15. accidenti, e chi lo immaginava che giulia era fidanzata con metil?

    RispondiElimina
  16. Giulia Innocenzi ha detto...
    Faccio come la Carfagna?
    L'hai detto tu . . . povero il tuo fidanzato commercialista militante radicale. Ma tanto avrai iniziato così anche con Metil: pompino per aiutino e, prima di lui, con il caro Cappato che, però, t'è scappato. E tutta stà foga per rettificare dieci righe di intervista...? Che pena. Che tristezza. Micki.

    RispondiElimina
  17. Trucioli?
    Si chiamano così, adesso, le deiezioni sparse?

    RispondiElimina
  18. @Giulia: la rettifica il corriere l'ha poi pubblicata? E' indecorosissimo che non l'abbia fatto.

    RispondiElimina
  19. Micki, qui di triste e penoso ci siete solo tu e Roncone.

    RispondiElimina
  20. Sinceramente bastava non concedere l'intervista o registrarla...ogni giorno su tutti i blog seri si parla del pessimo giornalismo "dei professionisti" e tu che sei in politica e che dovresti sapere come funziona ti lamenti...è lo stesso motivo per il quale gli esponenti del pd non sono credibili quando ("non") parlano del conflitto di interessi andando da Vespa od a Matrix.

    RispondiElimina
  21. Il Corriere non ha pubblicato la rettifica.
    Personalmente non ritengo che quello presente nell'intervista sia un giornalismo accettabile, pertanto mi sono opposta, con i pochi mezzi a disposizione.
    Per la simpatica Micky, non posso che avere pietà di lei.

    RispondiElimina
  22. Avrei detto che Miki era un maschietto. Sempre troll e stronzetto, ma maschietto. Ma fa poca differenza no? :-)

    RispondiElimina
  23. E' reciproco mia cara. Micki (Michele)

    RispondiElimina
  24. che mi fai, la sessista al contrario? Oppure dal basso del pavimento non ti viene in mente che un maschietto possa resistere ai tuoi servizi? Micki (sempre Michele)

    RispondiElimina
  25. @Micky-> Grazie per aver animato questo post con le tue fantasie erotiche anni '80: dacci dentro, sei davvero un tipo arguto. :-D

    RispondiElimina
  26. Che fai smentisci la bambola? Tu non sei quello "E' un tipo geloso?" "no... no... direi di no..." Magari a te li fa dall'alto però poco cambia. Tranquillo che si sa difendere da sola ;-) Micki

    RispondiElimina
  27. Micki, oltre alle turbe sessuali che ti affliggono (hai visto uno specialista? aiuta, sai), hai qualche difficoltà con l'italiano?

    RispondiElimina
  28. può essere, io sono di bassa estrazione e non ho potuto frequentare la Luiss. Anche se, a quanto pare: "Giulia non sembra avere il dono della scrittura: ma in televisione, come è noto, conta altro; e anche dal vivo, comunque: ha un piglio delizioso, una vocina da ascoltare" Anche Roncone mi sembra pecchi in punteggiatura... Stai calmo Metil, tanto mica ti piacciono vergini, no? Micki

    RispondiElimina
  29. ancora a rispondere ai provocatori? ma non è meglio ignorarli?

    RispondiElimina
  30. Beh. Cercando nome e cognome del buon Roncone il primo risultato è questo sito. Non ho idea se poi sia stata inoltrata eventuale (e correttessima) querela. Resta il fatto che internet è spesso una denuncia molto, molto valida da sola.

    L

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post