Lo strano calendario della Siliquini

Maria Grazia Siliquini spiega così la sua dissociazione da Futuro e Libertà e la decisione di votare per la fiducia al governo Berlusconi:

Dopo la convention di Bastia Umbra di Fli il partito ha cambiato linea politica, con una accelerazione antigovernativa che non si poteva condividere.
Ah, ecco. Però, onorevole Siliquini, c'è ancora una cosuccia che non mi convince: la convention di Bastia Umbra c'è stata il 7 novembre, mentre la mozione di sfiducia nei confronti del governo è stata presentata nientepopodimeno che il 3 dicembre, e lei ci ha messo la sua firma sotto.
Ne consegue logicamente che anche dopo quella convention (quasi un mese dopo, per l'esattezza) lei la linea del partito la condivideva eccome, altrimenti un documento del genere non l'avrebbe mica firmato.
A meno che non lei dimostri che qualcuno l'ha costretta, naturalmente.
O che firma le cose a casaccio senza averle lette prima.
Oppure, se preferisce, che utilizza un calendario diverso dal nostro.

Questo post è stato pubblicato il 15 dicembre 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

11 Responses to “Lo strano calendario della Siliquini”

  1. Bravo Metil,

    come sempre fai bene a sbugiardare chi accampa scuse.

    Questa volta però non serviva. Davvero.

    Questi ridicoli e patetici pupazzi hanno perso ogni vergogna, raccontano favole alle quali non credono neanche i bambini.

    E' una farsa. Il crepuscolo più amaro che si potesse immaginare.

    E anche la gente li ignora ormai, compatendoli come si fa con il bambino con la faccia zozza che cerca di convincere il genitore che il vasetto della marmellata gli è caduto addosso da solo.

    RispondiElimina
  2. Scusa eh... Ma che pretendi che una che ha messo in piedi il CEPU capisca quel che firma??? ^__^

    RispondiElimina
  3. Oppure la sua firma sulla mozione di sfiducia è falsa...l'ha messa Formigoni;-)

    RispondiElimina
  4. Credo che chi esce veramente male da questa vicenda della fiducia sia proprio il gruppo di chi si è venduto alll'ultimo minuto.
    Per me la dignità , il poter guardare in faccia qualsiasi persona senza dovermi vergognare è tutto.

    RispondiElimina
  5. Caro Bukan, non è lei la tizia del Cepu :D

    RispondiElimina
  6. Una mozione di sfiducia non si nega a nessuno, suvvia.

    RispondiElimina
  7. Ma il CEPU non è quella organizazione che ha preso una montagna di soldi da Berlusconi?
    Cosa pensava Fini che gli dasse ragione?
    Povero illuso!

    RispondiElimina
  8. 1. Maria Grazia Siliquini: che vi piaccia o meno, la sua considerazione sul fatto che votare la fiducia il 29 settembre e la sfiducia il 14 dicembre in assenza di elementi nuovi sia contraddittoria ha pienamente senso.

    Poi si può criticare quanto si vuole il fatto che abbia firmato la proposizione della mozione: è certamente un'incoerenza, ma ciò che conta sono i voti in aula.

    2. Catia Polidori: pare che non sia lei la proprietaria del CEPU, ma solo una cugina.

    E infine non credo che nessuno di voi sia elettore né dell'una né dell'altra per avere titolo di lamentarsi.

    RispondiElimina
  9. Comunque, la critica deve andare a Fini. Non provi a fare una nuova destra europea attraverso un atto politico forte come la fondazione di un nuovo partito e la mozione di sfiducia al tuo ex capo, senza essere certo della tua strategia e sicuro delle tue truppe. In fondo, Fini ha mostrato di aver messo in piedi un movimento brancaleone e lui stesso ha adottato la tattica del logoramento sui tempi e le cadenze della vecchia politica, mentre avrebbe dovuto colpire Lucignolo affondando il coltello fino al manico già al primo colpo, almeno due mesi fa. Fino al manico e senza consentire tempo per nessuna reazione. Come si fa in tutte le congiure che si rispettino.

    RispondiElimina
  10. Il Cepu è di Berlusconi.
    La Polidoro ha proposto una legge per equiparare il CEPU alla Bocconi, questa cosa non è piaciuta persino a tipi come Roberto Rosso detto Bambi.
    A parte la surreale proposta,ma questi pensano solo ai cazzi loro le rare volte che si radullano in parlamento.
    Con tutti i casini che ci sono, questi pensano solo al loro profitto,tutti quanti.

    RispondiElimina
  11. nessun problema, l'alternativa passa da qui:http://www.pierferdinandocasini.it/2010/12/15/parleremo-con-una-sola-voce/

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post