Lo strano destino dei siti di Scilipoti e Calearo

calearo

Ieri vi segnalavo come il sito di Domenico Scilipoti, deputato dell'IDV che potrebbe finire per votare la fiducia al governo Berlusconi, fosse stato stranamente trasformato in una semplice immagine di se stesso, non cliccabile in alcuna delle sue parti.
Ebbene, su Facebook mi fanno notare che qualcuno è messo addirittura peggio: quello che vedete qua sopra è tutto ciò che appare se si prova ad andare sul sito web di Massimo Calearo, deputato ex PD, ex API ed ora nel Gruppo Misto, anch'egli "indeciso" sul voto di fiducia e co-fondatore, insieme allo stesso Scilipoti e al deputato del PD Bruno Cesario, del Movimento di Responsabilità Nazionale.
Due su tre, insomma, e a quanto mi risulta il terzo un sito web non ce l'ha.

Questo post è stato pubblicato il 09 dicembre 2010 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

3 Responses to “Lo strano destino dei siti di Scilipoti e Calearo”

  1. L'immagine è cambiata, la transizione procede a piccoli passi ma spedita :)

    RispondiElimina
  2. sono sempre piu' convinta che Lombroso non avesse tutti i torti.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post