Soluzione finale

Adesso viene fuori che in Italia, dopo l'approvazione del pacchetto sicurezza, i clandestini che vorranno evitare l'arresto non potranno più nemmeno denunciare la nascita dei figli: i quali, pertanto, dovranno essere assegnati (o direttamente, oppure in seconda battuta, giacché entrambi i genitori verranno arrestati) ai servizi sociali.

Mentre vi informo che potete leggere qua i dettagli di questa ennesima aberrazione, vi invito a riflettere su un fatto tanto lampante quanto drammatico: costoro stanno riuscendo nell'impresa di sottrarre ad alcune categorie di esseri umani, almeno finché stazionano nel territorio nazionale, il diritto di esistere e riprodursi.
Il fatto che gli stessi personaggi che si distinguono per l'approvazione di simili provvedimenti si straccino le vesti, in circostanze diverse e decisamente inappropriate, per invocare la sacralità della vita e il diritto alla maternità, è alternativamente rivoltante o comico, a seconda del lato da cui preferite guardarlo.
Ebbene, mi perdonerete se quest'oggi non riesco a vedere la faccenda da un'angolazione diversa rispetto a quella da cui, ahimè, la guarderanno certamente i disgraziati cui è capitata la sventura di doversi rifugiare dalle nostre parti.
E' un punto di vista dal quale, ne converrete, c'è ben poco da ridere.

Questo post è stato pubblicato il 28 luglio 2009 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

15 Responses to “Soluzione finale”

  1. credo che sia ora che la smettete
    con queste puttanate falsobuoniste.
    Io come tanti altri ci siamo rotti il cazzo di pagare scuola,asili,mensa,affitti,bollettea zingheri,narocchini ecc
    Cazzo in italia ne avevamo abbastanza dei napoletani e simili
    corvo 55

    RispondiElimina
  2. Caro Corvo, per il bene di questo paese se io potessi espellerei quelli come te, e a nuoto, senza gommone. Mi vergogno molto di essere un tuo connazionale.

    RispondiElimina
  3. Scusa però nello stesso articolo si dicono due cose in contraddizione.
    Tipo che è "scongiurato il pericolo dei medici-spia" e poi in fondo che invece "con i medici che possono denunciare i clandestini questa prassi sarà molto più difficile".

    Dove sta la verità?

    E il resto dell'articolo? E' affidabile?

    Perché per capire cosa dice una legge mi tocca andare a guardarmela da me, con tutti i limiti di uno che non ha competenze specifiche, perché dai giornali non si capisce mai nulla?

    RispondiElimina
  4. caro amico

    Scusa ma credo che tu stia sbagliando,sul gommone dovrebbero andarci gli intelletuali come te, a giudicare dalla tua foto sei il classico laureato di sinsitra con la bocca piene di grandi idee e la bandiera rossa in mano e lscarpe di prada ai piedi magari pagate dal papi.
    Ti sei mai cheisto cosa vuol dire vivere in un quartiere pieno di negri ubriachi e di zingheri che molestano le bimbe.
    A meno che a te non piaccia essere molestato dei negri

    RispondiElimina
  5. Scusa Metil, comunque è vero che tanti sono stanchi di un protrarsi di situazioni inconclusive come quelle delle politiche passate. Probabilmente queste leggi saranno solo cattive senza portare a soluzione alcuna, cisto chi ci governa. Più che d'accordo sul tema del "da che pulpito viene la predica". Per il resto in questo paese è successo di tutto. E' innegabile come sia entrata anche tanta delinquenza assieme all'immigrazione incontrollata (anche prima di eventuali strumentalizzazioni). Nomadi, albanesi, rumeni... sono e sono state realtà.... Non voglio con questo negare la violenza nostrana che è pur tanta. Ma a questo punto, che diavolo che diavolo si può fare? Vi è qualcuno che abbia delle idee indiscutibilmente valide per risolvere il problema?

    RispondiElimina
  6. Risparmiandoti il disturbo di giudicare dalla foto, ti dirò che mi sono laureato un bel po' di tempo fa, non ho bandiere rosse in mano (sono radicale), ai piedi porto normalmente un paio di adidas (posto che, finché gli squadristi che ammiri non avranno mano libera, ciascuno è libero di portare ai piedi il cazzo che vuole lui), e sono cresciuto a Roma, al Colle Oppio, laddove le molestie erano sì all'ordine del giorno, ma da parte di italianissimi (perlopiù romanissimi, come me) soggetti.
    Ciò detto, fammi il favore di risparmiarti, per il futuro, l'analisi della mia personalità, ché da parte di individui come te davvero non ne sento il bisogno. Anche perché a me, francamente, di fare la tua non me ne frega granché.
    Saluti.

    RispondiElimina
  7. @Ozymandias: so bene che molti sono stanchi. So altrettanto bene, tuttavia, che la soluzione, in uno stato di diritto (ma a certi non frega niente manco di vivere in uno stato di diritto, non si rendono conto) la soluzione non può passare per la violazione dei diritti umani, della costituzione e dei trattati internazionali.Il fatto che il problema sia complicato non è un pretesto per dare via libera a simili sconcezze.

    RispondiElimina
  8. Ecco, il nostro amico anonimo si è qualificato da solo per quello che è: senza manco bisogno di una foto, ché nel suo caso basta leggere per capire...

    RispondiElimina
  9. A quanto pare i neonati clandestini sono meno vita degli embrioni italiani.

    RispondiElimina
  10. Gli anonimi riescono sempre a sintetizzare quello che più odio di questo paese. Manco fossero caricature.
    Anyway, mi stava venendo un dubbio: mesi fa si parlava di prendere le impronte ai bambini sinti e rom, niente di razzista, lo si fa per il bene dei bambini che chiaramente hanno bisogno di un'identità. Ok.
    Ora però centinaia di altri bambini saranno o pubblicamente inesistenti o tolti ai genitori, in ogni caso figli di nessuno. Devo essermi persa un passaggio, perchè il bene dei bambini continuo a non vederlo.

    RispondiElimina
  11. Metil, questa non è una soluzione che mi piace, sia chiaro. Si tenta di rendere la vita impossibile a costoro, in maniera che in autonomia decidano di "migrare" altrove. Qualcuno è convinto che funzionerà? E' una fortuna essere nato in uno stato di diritto, e la costituzione sarebbe una gran cosa se fosse applicata a tutti indistintamente e veramente. Ma che la "legge è uguale per tutti", è ancora vero?. Si, è una sconcezza quel che è stato promosso, il cui vero motivo è che han lasciato sfuggire per anni la situazione. Tuttora comunque non ho sentito proporre nessuna suluzione valida. Non credo neanche che una indiscriminata sanatoria (intendendo permesso/cittadinanza) per tutti sia una soluzione. Forse è ora che l'Unione Europea senta il problema come suo e dare atto ad una "spartizione" (perdona la crudezza del termine) dell'immigrazione con gli stati membri indipendentemente dal punto di ingresso.

    RispondiElimina
  12. Pienamente d'accordo con Ozymandias. La soluzione proposta non piace tanto neanche a me che sono "dell'altra sponda"... Però purtroppo non vedo molte alternative, voglio dire, io ho rumeni che lavorano in casa mia, a casa di mia nonna e in officina; d'altra parte però mi accorgo sempre più quanto sia pericoloso girare dalle mie parti... Soprattt xkè mlt culture, il nostro rispetto x l'altrui vita non ce l'hanno...Magari si potesse fare altrimenti, ma qui sembra d essere al "porto di mare d'Europa", posto ke l'Europa, di quello succede al riguardo se ne accorge solo quando c'è da fare "scandalo"

    -Allanon85-

    RispondiElimina
  13. ritornare alla pena di morte?

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post