Vedrai che cambierà

In Italia c'è un partito che si autoproclama democratico, si definisce progressista e dichiara di volersi opporre alla deriva autoritaria e illiberale che sta sommergendo il paese.
Si tratta dello stesso partito nel quale gli iscritti che hanno anche la tessera di un altro movimento politico vengono esplusi, e quelli che sostengono vivacemente l'opportunità di discriminare le persone in base alle loro preferenze sessuali no.
C'è di che essere ottimisti, no?

Questo post è stato pubblicato il 19 luglio 2009 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

3 Responses to “Vedrai che cambierà”

  1. la cosa che mi sconcerta è che dopo l'affermazione della binettaccia (lui, non io, estraneo al partito) nessuno ha detto niente. forse nel piddì non conoscono il concetto di "presa di posizione"?

    RispondiElimina
  2. A me non risulta che l'abbiano mai conosciuto.

    RispondiElimina
  3. Guardiamo le cose dal lato positivo, Marino sta costringendo gli altri due a rincorrerlo (in modo comunque non soddisfacente)sui temi "sensibili", che poi di sensibile non hanno nulla, son semplici principi di legalità.
    Forse proprio questa rincorsa non fa altro che evidenziare quanto abbiano le mani legate su questi temi i due soliti noti.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post