Dieci semplici regole

1 – Se è giovane, non va bene perchè è troppo giovane; 2 – Se non è così giovane, non va bene perchè non è davvero giovane; 3 – Se sta al suo posto, dovrebbe osare di più; 4 – Se osa di più, dimostra immaturità e impazienza; 5 – Se è parente di, “è parente di”; 6 – Se non è parente di, “ma chi cazzo è”; 7 – Se si esprime con proprietà tecnica, parla come i vecchi; 8 – Se usa un linguaggio meno ingessato, “ma come cazzo parla”; 9 – Se arriva dalla società, deve fare esperienza nel partito; 10 – Se arriva dal partito, è cooptato. Via: qui.

Questo post è stato pubblicato il 24 giugno 2009 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

3 Responses to “Dieci semplici regole”

  1. Le ho sentite praticamente tutte..
    inutile ti dica dove..

    RispondiElimina
  2. le mosche cocchiere devono pur difendere il privilegio che gli assicura il potere!

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post