Testa o croce

Il signore che vedete nella foto si chiama Claudio Hummes, è un cardinale brasiliano e qualche giorno fa ha avuto l'alzata d'ingegno di rassicurare la comunità dei credenti dichiarando:

I casi di pedofilia a volte non arrivano nemmeno al 4% dei sacerdoti.
Orbene, se l'italiano (il portoghese, nel caso di specie, ma fa lo stesso) ha ancora un significato, affermare che in certi casi la percentuale di pedofili tra i preti è inferiore al 4% equivale a dire che in altri casi quella percentuale viene superata, e quindi, grosso modo, a concludere che in media la quota di pedofili tra i sacerdoti si aggira intorno al 4%. Sottolineato che si tratta di una stima fornita da un cardinale, e non da uno dei soliti senzadio che si fa in quattro dalla mattina alla sera per mettere in cattiva luce la Chiesa, si rileva che in tutto il mondo operano attualmente circa 400mila preti cattolici, e che quindi, se la matematica non è un'opinione, dovrebbero essere in circolazione una cosa come 16mila sacerdoti pedofili. Non starò qui a sindacare se il numero appena calcolato, in assoluto, debba considerarsi alto o basso (anche se a me pare alto, ma questo è un altro discorso): quello che mi interessa, piuttosto, è impostare la questione in termini percentuali. Già, perché se la medesima quota fosse riscontrabile in altre categorie professionali, dovremmo concludere che in Italia ci sono circa 8mila avvocati pedofili, 12mila medici pedofili, 32mila insegnanti pedofili; più genericamente, circa 800mila tra i cittadini italiani, conteggiando i soli maschi di età superiore a 16 anni, sarebbero potenzialmente dei violentatori di minori. Roba da rabbrividire, evidentemente, ma mi rendo conto che sto divagando: sarete d'accordo, tuttavia, sul fatto che si tratta di un divagare tutt'altro che inutile, poiché dà l'idea della moltitudine di persone (e in questo caso di individui pericolosi) che può nascondersi dietro a un numerino apparentemente insignificante. Scherzi dell'aritmetica, si direbbe, ma è ora di tornare al punto. La stima del cardinale Hummes, tradotta in frazione (ricordate? è un'operazione che ci hanno insegnato alle scuole elementari, tanto per restare in tema), ci dice che un prete su 25 è pedofilo: e che, corrispondentemente, quando si porta un bambino in un oratorio, in una parrocchia o in un altro ambiente del genere, c'è una probabilità su 25 che il malcapitato possa ricevere delle molestie; se in quel posto c'è un solo prete, ovviamente, ché l'impietoso calcolo statistico prevede l'incremento di quella possibilità all'aumentare del campione selezionato, fino a configurare (statisticamente, s'intende) una vera e propria certezza qualora i sacerdoti, nel caso concreto, siano proprio 25. Insomma, traducendo gli aridi numeri in vivo linguaggio corrente, la stima del nostro amico cardinale (ripeto, non di un laicista incallito) ci suggerisce che portare un bambino in un posto dove ci sono una decina di preti significa regalargi una possibilità del 50% di ricevere degli abusi: una specie di roulette russa con tre pallottole su sei che farebbe impallidire, e di brutto, perfino il più sconsiderato giocatore d'azzardo. Tutto questo preambolo, eminenza, al solo scopo di porle una semplice domanda: siamo proprio sicuri che la comunità dei credenti debba sentirsi rassicurata dalle notizie che le ha dato?

Questo post è stato pubblicato il 29 giugno 2009 in . Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

26 Responses to “Testa o croce”

  1. Minchia Metil, ma sono le stesse sparate di 10 giorni fa? Che fai, l'Alzheimer non ti da tregua ? Oppure passi il tempo a leggere quello che dicono Papa e cardinali per vedere di trovarci una speranza anche per il tuo futuro ?

    RispondiElimina
  2. Minchia Metil, ma sono le stesse sparate di 10 giorni fa? Che fai, l'Alzheimer non ti da tregua ? Oppure passi il tempo a leggere quello che dicono Papa e cardinali per vedere di trovarci una speranza anche per il tuo futuro ?

    RispondiElimina
  3. Mhh... Senza voler criticare la morale del post, devo dire che i risultati "statistici" presentati non sono affatto corretti.

    In realta` non c'e` MAI la certezza matematica che un evento con meno del 100% di probabilita` si avveri: il fatto che ci siano 25 sacerdoti non significa affatto che uno DEVE essere pedofilo. Bisognerebbe calcolare la probabilita` composta che almeno uno dei 25 sacerdoti sia pedofilo.

    Giusto per essere pignoli.

    Ciao,
    Roberto

    RispondiElimina
  4. davvero...è stato proprio rassicurante!

    RispondiElimina
  5. Quindi è più facile trovare un prete pedofilo che fare ambo al lotto (circa 1 su 400, mi pare).

    RispondiElimina
  6. @Enci: non commento, sei su un livello troppo basso. Però continua a scrivere, che ci allieti.

    @Roberto: osservazioni corrette, chiedo venia per l'approssimazione. Cionondimeno, i dati mi sembrano assai preoccupanti.

    @Daniele: vero?

    @Vespasiano: esatto!

    RispondiElimina
  7. Boh, non farei di tutta l'erba un fascio giocando con le statistiche, vere, presunte, calcolate o riportate. Di sicuro ci sono stati dei casi che dovevano essere puniti. Comunque la certezza della pena andrebbe assicurata anche ai "civili" (aiuto sembra che nell'altro caso si parli di militari), chissà invece come va a finire dopo la chiusura della notizia? Poi bisognerebbe sondare anche il popolo per capire "Che tipo di pena siete disposti a giudicare sufficente?". Tornando al post sul mondo ecclesiastico, non capisco perchè il clero deve torturarsi con degli stimoli da reprimere (prima o poi si gonfia) quando abbracciata la vocazione potrebbero ricorrere alla castrazione chimica! Ammetto: l'ultimo pensiero è una scemata....ma anche no; sarebbe totalmente in linea con la scelta effettuata, o sbaglio?

    RispondiElimina
  8. @Metil (o dovrei chiamarti vostra altezza)

    metti sul tuo blog le peggio cose e dici a me del livello troppo basso ? A quando un post che ne sò sull'iniziativa della CEI di istituire un fondo di solidarieta' per le famiglie in difficolta' insieme all'Associazione bancaria italiana, oppure una tua analisi approfondita sul perchè 80000 persone (non c'è un errore non sono state nè 80 nè 800 e neppure 8000) si mettano in processione da Macerata a Loreto o, che so io, sul perchè migliai di giovani passano l'estate a preparare il meeting di Rimini??

    Eppure dal tuo alto lignaggio dovresti riscontrare anche queste realtà (non favolette tipo il prete ubriaco..) a cui, talvolta, dare risposta...Buona Fortuna, sono certo che ce la farai...

    RispondiElimina
  9. Per amor di precisione. Supponendo che la probabilità che un prete sia pedofilo sia il 4%, risulta che la probabilità che di 25 preti nessuno sia pedofilo è 0.96 alla 25esima, ovvero il 36%. Quindi, prendendo 25 preti a caso, avreste il 64% di probabilità di trovare almeno un pedofilo. Se è poco decidetelo voi.

    RispondiElimina
  10. Caro Enci,
    la CEI redistribuisce una minima parte di quanto prende allo stato con l'8 per mille (gran parte del quale, come ti ho dimostrato -ma da quell'orecchio non ci senti, evidentemente letteralmente rapinato a gente che manco sa di darglielo); quanto alle migliaia di persone in processione, esercitano la loro libertà di fare ciò che vogliono: perché mai dovrei parlarne? Forse per dire che altrettanta libertà, a quelli che non la pensano come voi, cercate di toglierla ogni volta che potete. Quanto al resto, mi stai diventando un po' noiosetto: inventa qualcosa di più originale, per favore, o manco mi verrà più lo stimolo per risponderti. Saluti.

    RispondiElimina
  11. Grazie, Aioros. Ora ci manca solo che qualcuno contesti la statistica come diabolica opera di Satana...

    RispondiElimina
  12. @Metilparaben

    a proposito di noia: cosa dici della ripetitività dei tuoi interventi?

    Ti segnalo, visto che non sei in grado di rileggere neanche ciò che forse scrivi (ma che credo soprattutto copi), che oltre al back-to-back sui preti pedofili in meno di una settimana hai anche fatto una doppia sull'ASL di Milano "traumatizzata dai ciellini" (26 e 29 Giugno)...Mi sembra che tu sia a corto di argomenti o sbaglio?

    Sulla redistribuzione dell'8xmille da parte della CEI lascio a te l'ideologia, a me viene ancora la risposta sul fatto che il Parlamento Europeo sia o no rappresentativo visto che hanno votato solo il 45% degli aventi diritto...

    Hai un blog, una assemblea di persone che ti danno ragione, un partito che asseconda i tuoi pensieri, mi spieghi dov'è il pericolo che corre la tua libertà, povero mio?

    P.S. Se il fatto di non riuscire a rispondere neanche ad una domanda sulla realtà (non sulla ideologia) ti viene a noia, ti capisco...pensa come ci rimaniamo noi a leggere una serie di bugie e di str...te come quelle elencate in blog come questo..

    P.P.S. Scusate se ho distratto Sua Maestà la Vera Verità

    RispondiElimina
  13. dai Enci, non arrenderti, ribatti con altre amenità tipo la generosità della CEI e dell'Associazione bancaria italiana, o dell'analisi approfondita da fare sugli 80000 che si mettono in processione da Macerata a Loreto, etc, etc..trova qualcosa che distolga dal fatto che, sempre secondo un prete, ci sono, circa il 4% di preti a cui piace fare sesso con MINORENNI.
    Certo che non tratterrai la reazione, un saluto. Sich.

    RispondiElimina
  14. Pofforbacco Enci, sei più veloce della luce, grande! sei incontenibile, without limits. NON rispondere ti prego. Sich.

    RispondiElimina
  15. Mettendo da parte puntualizzazioni statistiche e colorite critiche e/o riconoscimenti al post/blog, l'unica cosa che mi viene da dire è che i preti non sempre spiegano tutto con la fede. A volte lo fanno con la scienza, lanciando percentuali come fossero petali di rose con l'intento di dare un miglior odore ad una cloaca al chiuso.
    Tra l'altro, a prescindere da come le percentuali si osservano e si interpretano, non mi rende più tranquillo ne mi fa piacere sentirmi dire che non c'è da preoccuparsi visto che i pedofili sono statisticamente trascurabili. é come dire che alla fine la guerra in Iraq a fasso solo qualche centinaio di migliaia di morti, mica tutti. Perdio!

    RispondiElimina
  16. pensate al bene che fa il restante 96% invece di pensare al male che fa una sparuta minoranza

    RispondiElimina
  17. Avevo letto che la percentuale di pedofili tra la popolazione generale si aggira intorno all'1%.
    Quella tra i preti invece è intorno al 5% (il calcolo fu fatto in base alla percentuale di preti americani denunciati per pedofilia rispetto al totale dei preti americani).
    Questo significa che è 4-5 volte più frequente trovare un pedofilo tra i preti che tra le persone comuni!

    RispondiElimina
  18. Si e magari tutti gli immigrati sono ladri, spacciatori... basta generalizzare, non è bello. Delle brave persone nella Chiesa che si dedicano disinteressatamente ad aiutare il prossimo non se ne parla mai (e va bene anche così,la beneficenza deve essere spontanea,senza pretendere nulla), ma non si perde occasione per spalare immondizia gratuitamente e beceramente. Chi ha sbagliato paghi e duramente,ma basta fare di tutta l'erba un fascio.

    RispondiElimina
  19. Ripasso di matematica per tutti quanti.
    Se ci sono 400000 sacerdoti nel mondo potete fare una statistica se e solo se mi dite quanti sono i sacerdoti pedofili. Se non sapete questo numero potete dire solo "dare i numeri" e a sparare numeri a casaccio sono bravi tutti quanti.

    Ho letto su un altro blog l'articolo di uno che si è passato il tempo a fare le somme a partire dai numeri indicati da wikipedia che fornisce i dati stato per stato.
    Il rapporto non supera lo 0.7% quindi, che state a ddì??

    RispondiElimina
  20. Veramente stavamo prendendo per buono il numero proposto dal cardinale. Credo che dovresti lamentarti con lui.

    RispondiElimina
  21. come sempre la chiesa pensa a difendere i suoi preti, aiutandosi anche con le statistiche per dimostrare che in fondo sono solo una piccola (piccola?) minoranza, mentre non dice una parola su chi queste violenze le subisce.
    inoltre, supponendo che i preti pedofili siano 16mila, e supponendo che ognuno di loro abbia molestato diciamo 4 minorenni, ben 64mila ragazzini rischiano di andare in chiesa e trovarsi le mani di qualche tonaca nera addosso.
    dunque, se tra le 80mila persone che vanno a Loreto ci sono diciamo 800 preti, meglio che quando camminate con vostro figlio in processione stiate lontano dal prete che vi accompagna.
    Rimini non è più quella di una volta.

    RispondiElimina
  22. A tutti coloro che protestano, vorrei chiedere una cosa.

    Ma anche se la CEI costruisse tutti i giorni ospedali o pozzi o scuole, questo potrebbe in qualche modo compensare degli abusi non solo non denunciati ma neanche fermati?
    Che queste persone siano state tutelate, sia convincendo i familiari delle vittime a non sporgere denuncia sia limitandosi a cambiar loro di posto, vi sembra una cosa poco grave? Fosse anche il solo Ridsdale, che ha avuto modo di stuprare (almeno) 49 bambini ed è stato sistematicamente riassegnato per trent'anni, fosse anche un solo caso, vi sembrerebbe tuttavia perdonabile?

    RispondiElimina
  23. Tutti si lamentano che manca la corretta informazione e poi ognuno nel suo orticello tira per casa in modo poco serio ed approssimativo. Non è che se un uomo di chiesa domani spara che ci sono 50 milioni di preti pedofili si possa aprire tranquillamente una discussione su questo, soprattutto se a farlo, da quel che capisco dai commenti, sono le solite persone che non perdono occasione per attaccare la chiesa. Detto questo, mi piacerebbe sapere che cosa ne pensa famiglia cristiana, che magari attacca Berlusconi sulla moralità, ma non prende posizione su questi abusi gravissimi dei preti pedofili, magari secondo loro sono moralmente accettabili. Bisogna in ogni caso dare atto ai preti di essere in moltissimi casi delle brave persone che, magari con i loro difetti, si dedicano ad innumerevoli attività di aiuto e sostegno verso chi ne ha più bisogno. La mia è una difesa spassionata , visto che sono ateo dall'età della ragione.

    RispondiElimina
  24. @Anonimo 19:40

    oltre a non risponderti, faccio prima a non leggere quello che scrivi, corretto?


    @Hiro

    "Rimini non è più quella di una volta"--> si, le tedesche sono più furbe ora...ma che stai addì

    RispondiElimina
  25. A proposito del fatto che se l'italiano o il portoghese ha un senso ecc. ecc. ...l'intervista è stata fatta in spagnolo e dice esattamente: "Los casos de pedofilia tal vez no llegan si quiera al 4% entre los sacerdotes." e significa che ogni 100 casi di pedofilia (tra l'altro riferita a quali statistiche? in quali paesi? boh) "addirittura potrebbero non arrivare al 4%" quelli riferiti ai sacerdoti.
    Il cardinale Hummed dice quindi che non 4 su 100 sono pedofili ma che il 4% è il limite estremo - ma improbabile - degli episodi riferibili ai preti. Giusto per la verità, almeno quella della notizia.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post