La mia ultima chiamata

A qualcuno di voi sarà giunta voce del fatto che gli ultimi sondaggi sulle prossime europee accreditano la Lista Bonino-Pannella di un sorprendente 3%.

Sembrerebbe un recupero prodigioso, a onor del vero, e in parte lo è: abbiamo lavorato sodo, nell'ultimo mese, senza risparmiare una briciola di energia, sottraendo tempo al nostro lavoro, alle nostre famiglie, ai soliti cazzi di tutti i giorni.
Insomma, come sul dirsi, abbiamo dato il fritto.
Ma non è tutto.
Il punto è anche (e soprattutto) un altro: dopo lo sciopero della sete di Marco Pannella, le televisioni sono state costrette a rimediare (sia pure in modo molto parziale) al deficit di democrazia che aveva cancellato i radicali dai tg, dalle trasmissioni di approfondimento, insomma, per dirla in estrema sintesi, dalla percezione degli italiani.
Ebbene, in due settimane, quelle in cui gli elettori hanno potuto perlomeno sapere che ci presentavamo alle europee, abbiamo guadagnato un paio di punti buoni.
Adesso la tentazione sarebbe quella di domandarsi quale percentuale ci attribuirebbero, oggi, se le televisioni avessero applicato uno straccio di legalità non soltanto nelle ultime due settimane; oppure quella di iniziare a rammaricarsi perché presumibilmente ci andremo vicini da morire, a quel 4%, e tuttavia non ce la faremo per un pelo.
Ma bisogna vincerle, a volte, le tentazioni, a dispetto di quello che diceva Oscar Wilde.
Così, ancora per un paio di giorni, le metto da parte, e mi concentro su quello che ritengo davvero importante, non solo per me e per gli altri militanti radicali, ma per tutto il paese: possiamo ancora farcela.
Se avete a cuore i diritti civili, la legalità, la laicità dello stato, la libertà di scelta degli individui, la lotta a tutti gli integralismi, l'antiproibizionismo; se almeno un dubbio, anche piccolo, lo avete, prendete in considerazione l'idea di darci una mano.
E di darla al paese.

Questo post è stato pubblicato il 05 giugno 2009 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

16 Responses to “La mia ultima chiamata”

  1. Forza, possiamo farcela!
    Io ho rimediato nelle ultime ore due (forse tre) voti con dure lotte intestine...

    RispondiElimina
  2. Ma non è vietato dare risultati di sondaggi elettorali in questo periodo?

    Lele

    RispondiElimina
  3. Non ho mai votato radicali, ma penso che questa sia la volta buona per iniziare. Spero di cuore si superi quel 4%, perché consegnare il Paese per l'ennesima volta nelle mani di Berlusconi è quantomeno indecente.

    RispondiElimina
  4. Il mio voto l'hanno perso dacché si sono incomunistiti contro ogni ragione.

    RispondiElimina
  5. Questa dovevo ancora sentirla: incomunistiti i radicali? E in che modo, di grazia?
    Peraltro l'unico ostacolo al voto radicale per me (che comunista, comunque non sono mai stato), come mi è successo di dire anche in chat con Marco Cappato, semmai è l'eccessivo sostegno all'ultraliberismo e al modello americano.
    Ma usiamo il termine "comunista" a caso, in puro stile berlusconiano?

    RispondiElimina
  6. Per quello che può servire, i radicali avranno il mio voto.

    RispondiElimina
  7. Ciao Emma, di sicuro ce la farai, ...ce la faremo...

    un abbraccione

    Peter

    RispondiElimina
  8. Voterò per Marco Cappato pure io.
    Non mi reputo propriamente un radicale ma credo che il partito radicale vada sostenuto perchè si batte per idee e ideali che condivido.
    L'indegna mancanza di democrazia a cui il partito radicale è stato sottoposto merita una controffensiva.
    Per difendere i principi della democrazia voterò Radicale.

    Saluti.

    RispondiElimina
  9. Voterò radicale anche io.

    RispondiElimina
  10. Questo è l'unico voto utile... quello che diamo a noi e non a "loro".. Il mio voto è sicuro.

    RispondiElimina
  11. Il mio voto non potranno averlo perché sono residente nelle Marche ma lavoro in Lombardia e non riesco a tornare...

    astenuto forzato!!! e mi girano anche...

    Metilparaben hai letto la dichiarazione di (non) voto di Teodori?

    Io sono d'accordo con il commento del Blog de il laicista, immagino anche tu ma la mia domanda si riferisce più all'ultima frase del commento ovvero

    "'astensione non è un'alternativa, è un voto dato ai clericali e agli illiberali che ci governano da tanti, troppi anni"

    http://illaicista.blogspot.com/2009/06/massimo-teodori-si-astiene-peccato.html

    RispondiElimina
  12. I radicali hanno incassato già il mio voto ;-)

    Caro Gian, sono marchigiano anch'io... fai uno sforzo se puoi, è il paese che te lo chiede!

    Per quanto riguarda l'astensione, la considero pari a non mettere la firma sull'8x1000... votate ragazzi, votate...

    RispondiElimina
  13. Voto anche io Radicale, anche se non condivido quello che sai, ovvero l'indulto ecc...Ci vivo dentro e so benissimo che almeno il 90% (e dico poco), torneranno a delinquere. Scappo e vado a fare il mio dovere! Ciao Eugenia.

    RispondiElimina
  14. Presente! Giá venerdi ho contribuito con il mio voto (dall'estero). Dobbiamo farcela.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post