SSicurezza

E' da un po' di tempo che non gioco più a Pet Society*, su consiglio del mio psichiatra. Mi ha detto che questi giochi di socializzazione fittizia rischiavano di portarmi a sostituire la mia rete sociale reale con una sua rassicurante proiezione virtuale composta di teneri animaletti colorati, e che per non perdere del tutto il contatto con la realtà era bene che smettessi con Facebook e rigiocassi a tutti e quattro i Monkey Island. So che può sembrare una cura poco ortodossa, ma in fondo è anche per la sua originalità, e non solo per le sue tenere zampette pelose, che l'ho scelto come mio psichiatra immaginario. Fatto sta che il mio pet è ormai inattivo - non esce di casa, non si lava, non mangia - e non sono più al corrente delle ultime novità. E insomma ieri sera, mentre stavo facendo quello che tutti i blogger fanno il sabato sera** - controllare le chiavi di ricerca buffe su Shinystat*** - ho notato che qualcuno era arrivato sul mio blog cercando "denunciare i ladri di pet society". Questo mi ha allarmato moltissimo. Ci sono dei ladri nella Pet Society? Mio dio, se penso a tutte le volte che sono uscito di casa per andare ad abbracciare tutti i miei amici, lasciando il mio prezioso trofeo d'oro del lancio del frisbee incustodito. I delinquenti sono arrivati anche lì. Non c'è da stupirsi. In fondo era ovvio, tu abiti in questa città e ogni tanto sbuca un nuovo abitante dietro casa tua, uno che nemmeno sai chi sia, un perfetto sconosciuto di cui nulla sai e nulla ti interessa, uno che ha con te l'unico legame - se così si può definire - di essere tuo amico di Facebook****. E' chiaro che una società del genere, con un simile tasso di immigrazione e con una tale completa assenza di leggi, di controlli e di motovedette rostrate, non può che diventare il paradiso dei criminali pucciosi. Visto che lo Stato latita e che il Sindaco di Pet Society sembra essere incapace di comunicare con la gente reale, io credo che sia urgente istituire una forza di animaletti volontari per la sicurezza, che si occupi dei normali compiti che una polizia privata svolge ogni giorno, come perlustrare le strade, riscuotere il pizzo e bastonare i drogati che cercano soldi negli alberi. Il negozio di vestiti dovrebbe iniziare da subito a vendere la divisa della squadra. Io avevo pensato a qualcosa di simile a questa. Ho visto che la cosa ha scatenato diverse polemiche, ma non ho ben capito perché. E' da un po' che non esco di casa - e non mi lavo e non mangio - e non sono più al corrente delle ultime novità, ma se non sbaglio qualcuno ha accusato i ragazzi della Guardia Nazionale Italiana di Gaetano Saya - un uomo la cui pagina su Wikipedia parla da sola - di richiamarsi esplicitamente nell'aspetto a varie forze nazifasciste. Questo è palesemente falso. La divisa della Guardia Nazionale Italiana - visibile ad esempio qui - non assomiglia neanche vagamente ad una di quelle delle SS - visibile ad esempio nel tizio a destra qui - e gli elmetti della Guardia Nazionale Italiana - visibili ad esempio qui - non ricordano affatto nella forma quelli dell'esercito nazista; e per fugare ulteriormente ogni dubbio, la divisa include anche anfibi neri, la scritta SPQR e una lunga torcia nera di metallo per nulla simile ad un manganello (io manganelli che fanno luce non ne ho mai visti), quindi non capisco di cosa stiamo parlando. D'altronde gli esponenti della GNI hanno detto chiaramente che la politica non c'entra: e bisogna essere davvero in malafede per pensare che un gruppo di rondisti in divisa presentato ad un convegno del Nuovo Msi - Destra nazionale abbia un orientamento politico preciso. "La Guardia nazionale è un’iniziativa apolitica, precisano, nell’ambito dell’attività del nascente Partito Nazionalista italiano guidato da Gaetano Saya", e direi che questo dovrebbe tranquillizzare tutti quanti.

(Nella foto: chi non ha un orientamento politico preciso alzi la mano)
* Attenzione: se non avete mai giocato a Pet Society non potrete capire alcuni dei riferimenti contenuti nel post (avete tutte le fortune). ** E' così per tutti, vero? Vero? *** "cartoni animati tragici": Bambi, Lady Oscar, Berlusconi; "qual'e' l'animale piu' forte del mondo": Mario S., studente universitario di Pisa; "facce da lega": questa. **** L'ultima volta che ho detto "ciao amico di Facebook" a qualcuno è stata l'ultima volta che gli ho detto qualcosa.

Questo post è stato pubblicato il 14 giugno 2009 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

27 Responses to “SSicurezza”

  1. non riesco a smettere di ridere per la didascalia alla foto

    RispondiElimina
  2. Tranquilla Allegra, a me fanno male gli addominali a forza di ridere!!

    RispondiElimina
  3. la pagina di wikipedia su sto saia è stata oscurata....
    mirko milano

    RispondiElimina
  4. OT
    Scusate ma per me la pubblicità in questo blog è intollerabile, oggi i consigli per l'intestino pigro. Sigh...
    E' proprio obbligatoria?

    Lele

    RispondiElimina
  5. @Mirko: e infatti è per quello che ho detto che parla da sola.

    RispondiElimina
  6. muoio dalla voglia di sapere che cosa ne pensa SACCENTE.

    Io, quell'omino, lo adoro.

    RispondiElimina
  7. il nome di Gaetano Saya è stato RIMOSSO da wikipedia per minaccia di azioni legali contro di loro.

    il fascismo è tornato, italia svegliati

    RispondiElimina
  8. Persino "Forza Nuova",non un esempio di fedeltà alla costituzione,ha detto che è una buffonata.Sarà.Io non ho mica riso tanto leggendo "Repubblica" di ieri (o l'altro ieri).Le foto sul giornale,poi,erano davvero troppo.Speriamo.Certo se inizieranno a girare bande del genere sarà impossibile non pensare alla repubblica di Weimar e allla sua fine.In Ungheria,adesso, sono piuttosto avanti su questa strada.Auguriamoci che sia solo folklore.

    RispondiElimina
  9. ...ridendo e scherzando mi sa che è meglio cominciare ad organizzare una nuova resistenza...

    RispondiElimina
  10. Non cè nulla da ridere il prossimo passo saranno i manganelli , l' olio di ricino e....carri armati per le strade.....AIUTOOOOOOOOOOOO

    RispondiElimina
  11. Anonimo ha ragione (ed è anche prudente a non firmarsi) non c'è proprio nulla da ridere se considerate anche che or ora il Ministro della Difesa La Russa (Difesa, capito? quello che ha i carri armati e l'esercito anche se non sarebbe suo il compito di comandarlo) ha dichiarato che ha ragione Berluska a dire che c'è un complotto eversivo contro di lui. Do You remember Cile 1973?

    RispondiElimina
  12. cerchiamo di svegliarci, il berluska con queste pagliacciate di ronde varie cerca di impaurire la gente, quello che dovrebbe funzionare per la sicurezza sono le forze dell'ordine e la magistratura, ma questo governo sta facendo di tutto per non farli funzionare!!! dobbiamo mandarli a casa a pedate!!!

    RispondiElimina
  13. Gli schifosi nonse ne sono mai andati... Occhi aperti ragazzi!

    RispondiElimina
  14. siete tutti fuori di testa, stava solo salutando il Papi.

    Nella nostra storia di oppositori al fascismo è bene ricordare anche gli Arditi del Popolo, furono gli unici, in quei tempi a suonargliele di santa ragione, poi vennero gli aventiniani ... del settimo giorno.

    RispondiElimina
  15. Guardando i filmati dell'epoca (ne ho tanti), leggendo la storia (quella vera) e cercando di capire che cosa ci fa La Russa alla difesa (!!)... non vedeva l'ora il meschino!!!, io credo che siamo vicini alla quadratura del cerchio, all'inizio della fine. Credo che bisogna ripristinare le forze della Resistenza. Del resto, in tempi non sospetti, un grande procuratore qualche anno fa ebbe a dire : resistere!, resistere!, resistere.... e noi resisteremo, a tutti i costi... con tutti i mezzi... fino in fondo. W LA REPUBBLICA!!!...
    lasantainquisizione

    RispondiElimina
  16. Se fossi un medico diagnosticherei una fobia collettiva. Non capisco perchè bisogna sempre andare a criminalizzare tutto quello che non ci vede sostenitori. Io sarei in grado di scommettere che tutte queste ronde non picchieranno una brava perswona per la strada. Quello che mi preoccupa è che qualche banda dei centri sociali vada a schernirli o a stuzzicarli per far scoppiare dei disordini. Del resto i poliziotti privati a pagamento ci sono da una vita, non vedo dove dovrebbe essere la differenza. In ogni caso prima di giudicare un evento dobbiamo vederlo e valutarlo, a priori è mancanza di serietà.

    RispondiElimina
  17. Anonimo ma cosa dici?
    Poliziotti privati? Vederli e poi giudicarli?
    Sveglia!
    Per la sicurezza c'è la polizia, ricordi?
    Quella che non ha la benzina per far circolare le auto, quella con le auto ferme perchè da riparare senza soldi, quella cui sono stati tagliati i fondi per darli alle ronde padane, che peraltro nel caso si trovassero in difficoltà dovrebbero chiamare proprio la polizia.
    Aspettare a giudicare?
    Ma che dici?

    RispondiElimina
  18. Caro anonimo, ti dirò la verità: io sono assai ligio alla legge, e altrettanto rispettoso di coloro che sono preposti a farla applicare (leggasi polizia, carabinieri, finanza etc.).
    Gli altri, chiunque siano, non li voglio: tieniteli a casa tua, poi giudicali e sappimi dire (anzi, va bene anche se non mi dici nulla, ché non mi interessa).
    Io non li conosco e non li voglio conoscere.

    RispondiElimina
  19. ma quand'è che ci svegliamo?

    RispondiElimina
  20. ...è proprio vero...il mondo della sinistra non sa vedere o accettare qualcosa di diverso dalla sua ideologia...

    RispondiElimina
  21. ormai stiamo al bivio,in questa marasma.politica ., emerge una ...una sarabanda. di nostalgici.tentano il polso ai preposti ,,governi...quanto scemando nel propositivo emendato..,,,al mal governo.

    RispondiElimina
  22. a-uiii ..s, mu- plee---liberte-egalelie-fraternite-

    RispondiElimina
  23. ... vedo con piacere (sic) che la storia degli Arditi del Popolo vi ha molto interessato, complimenti, per contrastare le brigate nere di Maroni, mi raccomando, andate a fare un bel sit-in sull'aventino!

    RispondiElimina
  24. @ Alfredo
    Non per indifferenza ma per evidente anacronismo.
    Gli "A.del p." scrissero qualche pagina eroica nella resistenza al fascismo montante nel '20-'22.
    Anni fa in "Proletari senza rivoluzione" di Del Carria -5 volumetti della Savelli che all'epoca erano una lettura obbligatoria.Savelli è poi diventato un Forza Italia- mi capitò di leggere come gli arditi fermarono i fascisti a PR per una settimana. Le camicie nere,anche se aiutate da militari e CC,non riuscirono a espugnare il quartiere popolare -oltretorrente- per tutto questo tempo.A comandare i fascisti c'era Balbo,mica uno qualsiasi.
    Ci furono altri episodi del genere in Italia.Pochi però;la sinistra dell'epoca,anche il neonato PCI,era restia a questa forma di lotta e non la incoraggiò per niente.
    Non vorrei che a raccogliere l'eredità di quei coraggiosi sia quella dozzina di scalcinati BR condannati l'altro giorno a MI.Pugno chiuso alzato e l'"Internazionale" cantata durante la lettura della sentenza mi hanno fatto tornare con la mente a periodi non proprio felici della nostra storia recente.

    RispondiElimina
  25. Alessandro, io non propongo fotocopie del passato, non sono un "nostalgico"!
    Gli arditi del popolo furono sconfitti solo dalla ignavia di una politica che portò all'assasinio di Matteotti, all' Aventino ed infine alle leggi ed al tribunale speciale, prossimo obbiettivo del nano.

    Io non sono un nostalgico neppure delle brigate rosse, pur avendo vissuto quel periodo, ma ad ogni causa c'è un effetto che poi non dipende più dalla nostra volontà il saperlo governare ... ed allora rammentare, e ricordare!, un passato forse può servire anche da monito ...

    Io sono come Gandi che nonostante tutto invitò gli Indiani a partecipare alla guerra contro il nazifascismo; non sono un nonviolento,sono contro la violenza, e tutt'alpiù ho una guancia sola disponibile ....

    RispondiElimina
  26. Vederli direi che li abbiamo visti, in quanto al giudicarli..
    beh, se ne stanno già occupando le procure di Milano e Torino..

    RispondiElimina
  27. Sono dei pazzi furiosi!!
    Un articoletto su questo gruppo di esaltati sul mio blog satirico!
    http://fratellisberleffi.blogspot.com/2009/06/ronde-nere.html

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post