Cautela differenziata

Non c'è che dire, viviamo in un paese singolare.
Tanto per fare un esempio, se quindici italiani entrano in un internet point bengalese a volto coperto picchiando i clienti, sfasciando tutto e gridando "sporchi negri" si parla di "ipotesi razzismo":

ipotesi
mentre se uno sconosciuto avvicina Daniele Capezzone in mezzo alla strada, gli dà un cazzotto e si dilegua, allora si dà subito la colpa allo "squadrismo di sinistra":

capezzone

Che volete, si vede che le ipotesi vanno formulate con cautela solo quando fa comodo.

Questo post è stato pubblicato il 27 ottobre 2010 in ,,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

39 Responses to “Cautela differenziata”

  1. Forse bisognerebbe provare a pestare Capezzone in 15 urlando "Sporco negro".

    RispondiElimina
  2. A pensarci bene, non possono essere squadristi, Gli squadristi, lo dice il nome, attaccano alneno in 3 contro uno

    RispondiElimina
  3. Chiaramente questo è il paese dove tutto "va contestualizzato".

    RispondiElimina
  4. trovo molto più semplice e utile considerare entrambi gli episodi come inaccettabili episodi di violenza .)

    RispondiElimina
  5. In effetti bisogna vedere il perché, insomma il movente di entrambe le azioni. Il razzismo potrà forse essere stata una concausa, o "semplicemente" un'epiteto usato a mo' di arma, e molto probabilmente c'era un altro motivo principale.

    Allo stesso modo, per Capezzone, bisogna trovare l'aggressore e investigare.

    En passant, io sono convinto che la rabbia degli elettori di sinistra sia più acuta nei confronti dei politici di sinistra, e che un elettore con valori di destra (autentici) possa essere sinceramente irritato dalle politiche reali della sua parte politica.
    Se (PER IPOTESI!!) Berlusconi subisse un altra aggressione io cercherei i mandanti tra i liberali "traditi" dal re dei monopolisti. Altro che sinistra...

    RispondiElimina
  6. un picchiatore di sinistra lo crepa di mazzate a un provocatore arrogante come lui. E soprattutto a tal punto da ridurlo in fin di vita. Stanno raccogliendo semplicemente quanto coltivato. CHi semina odio ne raccoglie in cambio tempesta. E a tempo debito sangue.

    RispondiElimina
  7. fra l'altro mi sa di cazzata:

    «Ero appena uscito dal partito - racconta Gregorio Fontana, deputato Pdl, uno dei primi a soccorrere il portavoce del partito - e ho visto un gran trambusto in strada. C'era la polizia e diverse persone, che si erano fermate per curiosare». Il parlamentare si è accorto soltanto dopo di quello che era successo: «Quando ho visto Capezzone, mi sono avvicinato e mi ha detto che era stato picchiato. Subito dopo è arrivata l'ambulanza - racconta ancora il deputato - che lo ha portato al Santo Spirito».

    Gli accertamenti non hanno riscontrato nulla di preoccupante e infatti, intorno alle 20.30, Capezzone è stato dimesso.

    Cazzata. COnfermo.COme Belpietro e lo stesso Berlusconi con Tartaglia.

    RispondiElimina
  8. Chi non ha riso dopo quel pugno, sperandolo educativo?

    RispondiElimina
  9. Rainbow, anche la violenza e' momento pedagogico.

    RispondiElimina
  10. Giacinto2000,dissento nella maniera più categorica. E che sei, un black bloc? Un forzanovista?

    RispondiElimina
  11. Rainbow, dovresti aprirlo ogni tanto qualche libro di pedagogia. ANche attraverso episodi violenti si impara. Senza troppo scomodare Piaget o Blezza.
    La differenza fra me e te ce' che la tua e' opinione personale,la mia conoscenza scientifica e professionale.

    RispondiElimina
  12. CREDO CHE BLOG COME QUESTI SIANO DA RITENERSI MORALMENTE RESPONSABILI DELL'ATTO DI AGGRESSIONE NEI CONFRONTI DI CAPEZZONE.
    CON I VOSTRI CONTINUI POST, INCITATE AL DILEGGIO, ALLA DENIGRAZIONE SISTEMATICA DELLA PERSONA, AL LIBERO OLTRAGGIO. E LE CONSEGUENZE SONO QUESTE.
    VERGOGNA !!!

    RispondiElimina
  13. Mancava il coglione.

    Sinceramente, ammesso che sia vero l'accaduto, cosa di cui dubito fortemente, non capisco per quale motivo si urla indignati per un pugno e non per la violenza verbale di cui capezzone è alfiere.

    Tipico da italiani codardi: la violenza fisica, quella visibile viene condannata e tutti ne prendono le distanze inorriditi (giustamente, eh). La violenza non fisica, quella verbale, il mobbing e tutte quelle che non lasciano un segno facilmente visibile, invece vengono ignorate.

    Capezzone È un violento. Solo perché non mena direttamente le mani sarebbe migliore del supposto aggressore?

    RispondiElimina
  14. ma vai a giocare in autostrada anonimo. Le tue sono invettive che tentano di intimorire la gente.Il tuo presidente e' invece immoralmente irresponsabile di aver trascinato l'Italia nella semi liberta' di stampa e di aver ridotto il parlamento a combriccola per salvarlo dai processi. Lui che inveisce e fomenta la rissa durante le sue sparate,che da' dell'uomo alla Bindi,che incolpa dei romeni di essere tutti delinquenti,che va a puttane,che fa spiare gli avversari politici....e non continuo oltre per non umiliarti.

    RispondiElimina
  15. @Rainbow : Leggo fra questi commenti:

    "Chi semina odio ne raccoglie in cambio tempesta. E a tempo debito sangue."

    Mi pare che gli interventi di giacinto2000 spieghino le mie tesi in modo molto più efficace delle mie parole.

    @giacinto2000 : occhio che fra un po' ti diranno -come da copione- che sei un fascista

    RispondiElimina
  16. Anonimo, datti pace.

    Giacinto, ma chi è che dovrebbe "imparare" da un gesto simile? Capezzone? altri come lui? eventuali infanti che assistno in diretta o lo vedono in tv?
    Poi il concetto di "picchiatore di sinistra" mi incuriosisce. Il tuo messaggio delle 14.20 sembra scritto a parti invertite da Fioravanti trent'anni fa. Non riesco a leggerci l'ironia che potrebbe farlo accettare. Sicuro di non lasciarti troppo trasportare?
    Stefano

    RispondiElimina
  17. e ...se uno sprangasse Capezzone al grido di "sporco bianco".

    sarebbe possibile arrivare a un compromesso? LOOOL

    RispondiElimina
  18. preciso: sono contrario alla violenza, soprattutto e SPECIALMENTE, parlando in generale al di là del caso singolo, quando più che riparare torti santifica dei quaqquaraqquà trasformandoli in martiri dell'odio politico e alimentando il leccaculismo pro sistema del 99,9% periodico dei giornalisti.

    molto meglio tirare in faccia a certi mezzuomini una bella torta ...di cacca. fa meno male, ma umilia a dovere l'ego di certe nullità.

    RispondiElimina
  19. A METIL SPARA SEM:

    CONTROLLA IL LINGUAGGIO DEI TUOI FAN: E PER FAVORE CANCELLA IL POST DI brigante DELLE 15,48
    E' UN INSULTO E COME TALE VA CASSATO

    RispondiElimina
  20. Capisco che sia un concetto difficile da agguantare nell'emisfero "comunista", ma io non trovo nulla di strano che si ipotizzi il razzismo nel caso del raid nel centro bengalese.
    Siamo all'inizio delle indagini ed e' giusto che si parli di probabilita'.

    Non sarebbe la prima volta, in Europa, che a fare l'incursione siano stati connazionali (in questo caso bengalesi di un internet point rivale) che vogliono eliminare la concorrenza e coprendosi il volto e urlando "sporchi negri" intendono deviare le indagini.
    Oppure un regolamento di conti per qualche sgarro tra islamici pakistani, arabi, sudanesi, afghani e bengali.
    Oppure e' razzismo spicciolo di periferia del tipo normale in tutte le metropoli multiculturali per una questione di controllo del territorio dello spaccio.
    Oppure il boss islamico del centro internet aveva promesso di sposare un'handicappata del Bangladesh in cambio di soldi, tanti, per far avere la cittadinanza "europea" alla futura moglie ritardata e di conseguenza mettere in atto il solito processo di "ricongiungimento familiare" attravesro il quale in Francia, Germania, Olanda e Inghilterra, in 30 anni, milioni di analfabeti si sono stabilmente insediati in Europa a spese del contribuente.

    Come gli immigrati di quella parte miserabile del mondo sfruttino il "razzismo" per sgomitare nella loro nuova societa' di adozione e guadagnare posizioni attraverso la "compassione" degli imbecilli voi non ve lo immaginate nemmeno.

    Pensate ai Napoletani, per esempio. Con la storia che sono poveri e quelli del Nord sono razzisti continuano a metterlo nel culo a mezzo mondo.
    E i ROM poi: sempre a cercare di fare pena con i bambini straccioni e malnutriti per spillare centinaia di euro al giorno a qualche cretino di passaggio.

    Nel caso di Capezzone, invece, un attacco diretto, verso un bersaglio politico preciso, ha tutti i connotati dello squadrismo rosso: quello di Adraino Sofri, per intendersi.

    Vi siete dimenticati di quando i vostri amici rossi gambizzavano la gente?
    Vi siete gia' dimenticati di Lotta Continua, Potere Operaio e delle Brgate Rosse?
    E Bersani, a quel tempo, da che parte stava?
    Dalla stessa parte di D'Alema: bisogna capire le ragioni di fondo che spingono tanti giovani idealisti ad uccidere per eliminare i nemici della classe operaia.......

    RispondiElimina
  21. Premessa:
    Ma gli anonimi che argomentano (rari, ma ogni tanto accade) proprio non se la sentono di prendersi un nickname qualunque, se non altro per essere riconoscibili?

    Commento:
    Discreta argomentazione dell'anonimo, ma rimane nel filo di quanto detto nel post: perché il razzismo deve essere "ipotizzato" (e qua sono d'accordo), e invece l'antagonismo politico ("l'odio") dato per assodato?
    Non poteva essere un semplice imbecille? O, come già ho ipotizzato, uno di destra? Senza contare che lo squadrismo si fa in squadra, non da soli...

    RispondiElimina
  22. "I fascisti si dividono in : FASCISTI E ANTIFASCISTI". E. Flaiano

    Fate tanta tenerezza, e la farete ancora di più quando ci scapperà il morto. Ma al paraculismo c'è un limite (forse).

    RispondiElimina
  23. Traduzione dei messaggi finora apparsi:

    E' giusto usare la violenza ai fini di lotta politica. Non tentate di negare.

    RispondiElimina
  24. Nego. Io sarò sempre contro la violenza, di qualsiasi tipo, specie quella del potere che s'atteggia a vittima per poter togliere la libertà-

    RispondiElimina
  25. Il comportamento e la condotta politica di Capezzone è talmente oscena e visibile che non avrebbe senso criticarlo con parole ed argomenti verbali. Cosa altro si può fare in questo paese di rincoglioniti dove una moltitudine non ha più occhi per vedere né cervello per ragionare, e criminali e personaggi osceni continuano a stare al potere e a fare i loro affaracci, senza che si possibile sbatterli fuori dalla politica a calci in culo?

    Andrea

    RispondiElimina
  26. non credo che sia stata una buona idea dare un pugno a Capezzone. Poi tocca lavarsi bene le mani per il viscidume. Una palata di merda in faccia sarebbe stata più appropriata.

    RispondiElimina
  27. sbaglio o quando si viene colpiti al volto con un pugno qualche livido si vede?
    Se qualcuno ha fatto qualche sport,i lividi si vedono quando si viene colpiti,e il volto e un punto molto delicato,forse l'agressore era quello di Belpietro.

    SE VIENI COLPITO CON UN PUGNO AL VISO COME DICONO I MEDIA,SANGUINI,OCCHI NERI,LABRA SPACCATE,NASO ROTTO,FORSE LUI E UN MIRACOLATO.

    RispondiElimina
  28. Leggendo velocemente i commenti, sembra che sia stato già accennato il fatto che la "questione razziale", che avrebbe scatenato l'aggressione ai bengalesi, potrebbe anche essere un modo x depistare le indagini.

    Non ci vuole un QI particolarmente alto, non dico x capirlo ma almeno x sospettarlo, e infatti le ns forze dell'ordine, con tutti i difetti che ci sono in questo paese, non si può dire siano formate da coglioni e pertanto contano fino a 10 prima di dire le cose e parlano di ipotesi.

    Come al solito non fa altrettanto l'autore di questo blog, che a forza di gridare "al lupo al lupo" e a gettare benzina sul fuoco mostra il fianco a personaggi come Cicchitto, che giusto due post prima criticava per le sue dichiarazioni contro la rete.

    RispondiElimina
  29. Ma lasciate proprio stare, ho visto a LA7 Capezzone. Ebbene, non ha neanche un capelo fuoriposto. GUardacaso enanche in questa occasione non si e' visto nulla e non ci sono testimoni oculari. Bufala pazzesca. SI e' inventato tutalmente tutto per cominciare a creare un clima turbolento. Si chiama strategia della tensione e la aplicavano gli amichetti degli anonimi 30 anni fa.

    RispondiElimina
  30. Io quel pirla di capezzone lo sprangherei al grido di "sporco bianco"... oppure "sporco negro"... oppure "sporco fancazzista" ... oppure "sporco voltagabbana"... oppure "sporco opportunista di merda"... oppure "sporco rifiuto umano"... oppure "sporco faccia da culo"... oppure "sporco testa di cazzo"... oppure "sporco servo"... oppure "sporca puttana".... oppure anche semplicemente tacendo... e concentrandomi sulla sprangatura in modo da punirlo come merita quella faccia da cazzo.

    RispondiElimina
  31. @Giuseppe
    Appunto. Ma perché questo beneficio del dubbio non si applica anche all'aggressore di C.?
    Perché nel suo caso, pur senza nessuna prova oltre alla sua parola (:::) si parla di "mandanti morali"? Addirittura!!
    Per quello che ne sappiamo (sempre che ci sia stata una "ragione") potrebbe essere stato picchiato perché - ipotizziamo - fa le puzze in ascensore, perché posteggia sempre davanti alla finestra di mio cognato, o per mille altri motivi.

    RispondiElimina
  32. http://www.youtube.com/watch?v=cJWYs-Fw3d0

    RispondiElimina
  33. http://www.youtube.com/watch?v=Xf7m6zdoW3A&feature=channel

    RispondiElimina
  34. @ Zio Pietro

    Appunto proprio! Gli investigatori devono fare un lavoro seriamente, ed eventuali dichiarazioni sulle indagini non possono essere slogan politici come, che piaccia o no, può permettersi di fare Capezzone.

    Paragonare le dichiarazioni della polizia con quelle di un politico è una cosa stupida, ma tant'è che le radici di Capezzone e dell'autore del blog sono le stesse!

    RispondiElimina
  35. Non sono due cose paragonabili. La prima è una ipotesi di reato che va necessariamente detta in quel modo. Penso intenda dire che si cerca di appurare se è stata una spedizione puntiva di un gruppo di nazi od un branco di ubriachi.

    L'altra è un virgolettato delirante di un tale.

    RispondiElimina
  36. "I fascisti si dividono in : FASCISTI E ANTIFASCISTI". E. Flaiano

    Fate tanta tenerezza, e la farete ancora di più quando ci scapperà il morto. Ma al paraculismo c'è un limite (forse).

    RispondiElimina
  37. Giacinto2000,dissento nella maniera più categorica. E che sei, un black bloc? Un forzanovista?

    RispondiElimina
  38. Forse bisognerebbe provare a pestare Capezzone in 15 urlando "Sporco negro".

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post