Contestualizzazione a corrente alternata

La Chiesa cattolica, com'è noto a tutti, si è sempre rifiutata di "contestualizzare" sugli argomenti più disparati: sul divieto assoluto di usare il preservativo, ribadito in modo irremovibile perfino nei paesi in cui l'AIDS ammazza gli esseri umani come mosche; sull'eutanasia, reputata un inaccettabile attentato alla vita umana anche quando viene chiesta consapevolmente da poveri cristi che soffrono le pene dell'inferno senza la minima possibilità di guarire; sull'aborto, al quale ci si continua ad opporre pervicacemente a prescindere dalle ragioni che inducono le donne a non voler portare a termine la gravidanza; sulle adozioni da parte di coppie omosessuali, considerate un’aberrazione senza rimedio anche se sottrarrebbero alla miseria e alla fame migliaia di bambini; sulla diagnosi preimpianto, bollata come spregevole pratica eugenetica in barba al fatto che scongiurerebbe la nascita di bambini destinati a morire tra inenarrabili tormenti pochi giorni dopo la nascita; perfino sulla masturbazione, catalogata come atto immorale e inaccettabile (sic) anche quando viene praticata al solo scopo di procurarsi un campione di liquido seminale per un'analisi clinica.
Ebbene, a un certo punto succede che Silvio Berlusconi si lasci scappare una bestemmia mentre racconta una barzelletta -roba che per i relativisti come me, che del contesto tengono accuratamente conto ogni qual volta si trovano a ragionare su qualcosa, rappresenta una minuzia senza la minima importanza- ed ecco che un esponente autorevolissimo di quell'istituzione, la stessa che quando si tratta di elaborare divieti e scagliare anatemi non guarda in faccia niente e nessuno, se ne esce a dire come se niente fosse che prima di giudicare è necessario "contestualizzare".
La cosa, consentitemelo, non è semplicemente ridicola: è offensiva.
E’ offensiva per le donne, per i malati, per gli omosessuali, per i bambini, per i disabili, per le coppie sterili e per altre decine di categorie di esseri umani alle quali la Chiesa si è sempre rifiutata di concedere un accenno, un'ombra, un indizio di contestualizzazione nonostante costoro la implorassero con angoscia, dolore, disperazione.
Passi combattere il relativismo come se fosse il male del secolo: ma fare gli assolutisti dalla mattina alla sera per poi diventare relativisti solo quando fa comodo, questo mi pare davvero un po' troppo.

Questo post è stato pubblicato il 04 ottobre 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

22 Responses to “Contestualizzazione a corrente alternata”

  1. Non si può far passare per bestemmiatore Berlusconi: è stato dai salesiani, ha una zia suora, la mamma credente e ha contatti di stima e amicizia con molti religiosi Carlo Giovanardi, Pdl, 3 ottobre

    RispondiElimina
  2. La chiesa è servile con Silvio perchè ad esempio gli ha condonato tutta l'ICI + tanti altri favori...

    RispondiElimina
  3. Ma la cosa ancora più deprimente secondo me è un'altra.
    Il Pd - non la Chiesa - di fronte all'uscita ridicola di Fisichella non ne approfitta per invocare una sacrosanta contestualizzazione per tutto e tutti, ma una globale esecrazione. Era l'occasione perfetta per una rivalutazione delle circostanze, delle attenuanti, dei legittimi diritti.
    Invece no.
    La Bindi, per di più offesa (ed è l'ennesima volta) nella stessa barzelletta, si guarda bene dal dire "vediamo il contesto per ogni cosa, non solo le bestemmie di Silvio" per uscirsene con il contrario, ovvero "continuiamo pure a fregarcene del contesto, ma anche per le bestemmie di Silvio". Zingaretti idem: come "giustamente" si puniscono i calciatori a cui scappa la bestemmia, così si deve fare anche con B.
    Come sempre, l'esatto opposto di quello che andrebbe fatto. Evvai.

    RispondiElimina
  4. nei paesi in cui l'AIDS ammazza gli esseri umani come mosche è risultata vincente l'astinenza e non il preservativo.
    Perché i "poveri cristi" si riducono a soffrire le pene dell'inferno prima di chiedere l'eutanasia quando potrebbero evitarsi ogni pena usando una pistola? Pusillanimeria?
    L'aborto è l'eliminazione consapevole, deliberata e spregiudicata di un essere umano, a prescindere dalle ragioni che inducono le donne a non voler bambini.
    Una coppia di omosessuali non è una coppia eterosessuale come un cucchiaio non è una forchetta quindi non possono assolvere le stesse mansioni.
    La diagnosi preimpianto uccide i bambini ritenuti "scarti" e lo fa a botte di due tre e l'omicidio è cosa spregevole caro nazista.
    Anche la masturbazione è un'attività sostanzialmente improduttiva perché mangia tempo senza produrre nessun bene né accrescimento intellettivo, semmai produce dipendenza e, in alcuni casi, assuefazione come le droghe leggere. Ops, detto a dei drogati fa poco effetto, in effetti...

    RispondiElimina
  5. Ricordiamoci anche che Silvio è l'unico pluridivorziato cui è concesso fare la comunione. È nella tradizione storica del cattolicesimo: ai potenti sono concessi tutte le attenuanti e i distinguo possibili.

    RispondiElimina
  6. Trollata di scarsa efficacia (l'"attività improduttiva" non convince, non sono parole tipiche degli assolutisti), ritenta, potresti persino risultare simpatico.

    RispondiElimina
  7. "Anche la masturbazione è un'attività sostanzialmente improduttiva perché mangia tempo senza produrre nessun bene né accrescimento intellettivo"

    Sublime.

    La leggenda sull'astinenza e sul preservativo invece non fa ridere per niente, neanche detta da un troll.

    RispondiElimina
  8. Al coraggiosissimo troll anonimo il premio nobel per la zombificazione cui ha sottoposto la sua intelligenza.
    una coppia omosessuale è una coppia di persone che si amano ESATTAMENTE come una coppia eterosessuale. La diagnosi preimpianto esclude embrioni che COMUNQUE non sopravviverebbero o vivrebbero pochi mesi/anni fra atroci sofferenze.
    Servirebbero dati sull'Asinenza" vincente. Allo zombie anonimo tanti auguri di avere tanti zombini

    RispondiElimina
  9. Forse sono un po' OT, ma sarei curiosa di sapere come mi contestualizzano la Digos che non ha niente di meglio da fare che andare in fumetteria a liberarsi di ogni riferimento al papa o i vigili del fuoco mandati a togliere passi del vangelo ("La mia casa sarà casa di preghiera, ma voi ne avete fatto una spelonca di ladri") dalle case:


    http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=242&ID_articolo=2771&ID_sezione=524&sezione

    http://www.youtube.com/watch?v=ibWY686m0Wc&feature=player_embedded

    RispondiElimina
  10. @anonimo

    Di solito i "poveri Cristi" non hanno il porto d'armi, e sono immobilizzati a letto, persino in coma. Il loro non vuole essere un suicidio, quanto il diritto di dire basta. Mi sa che tu intendi il diritto alla vita come Obbligo alla vita. Very liberal.

    Sulla masturbazione: mi daresti per favore il numero di telefono della CVP (Commissione valutazione produttività)? Ho un dubbio sull'attività di trollaggio.

    RispondiElimina
  11. oh quanti problemi che vi fate, guardate che questi sono i paladini del 'pensierino forte' contro le bandieruole del relativismo eh, mica pizze e fichi!

    RispondiElimina
  12. Con quanti zeri si scrive "contestualizzare"?

    RispondiElimina
  13. @leilani: si', forse no è questo il thread ma anch'io pensavo a qualcosa del genere.. alessandro cosa ne dici tu? A me pare che andiamo a grandi passi indietro. In una direzione pericolosa. E tutto questo con videocamere e youtube.. 2 cose: se ne fregano già così ma nel frattempo cercano di limitarne comunquec l'uso (della rete).
    Praticamente la Cina!

    RispondiElimina
  14. Fantastica quella degli zeri...

    RispondiElimina
  15. ma quello che è accaduto a Palermo?
    http://www.youtube.com/watch?v=ibWY686m0Wc&feature=player_embedded

    un post?

    RispondiElimina
  16. http://www.beppegrillo.it/2010/10/pazzesco_ho_vis.html

    RispondiElimina
  17. @Lalla
    grazie. Ma anche qui un post no?
    E' un fatto gravissimo.
    NON è ISOLATO
    http://notizie.tiscali.it/articoli/cronaca/10/10/04/palermo-polemica-visita-papa.html

    RispondiElimina
  18. Quello che è la chiesa cattolica è sotto gli occhi di tutti: favoritismi e schifezze di ogni genere (pedofilia, gestione di potere politico ...ecc.). Pero' gli italiani sono uno strano popolo. Basta ricordare quando c'è stato il referendum sulla procreazione assistita: la maggior parte ha votato "secondo consiglio della chiesa" con il risultato che ora le coppie vanno all'estero per questa pratica.
    QUINDI ORA COSA PRETENDIAMO?????

    RispondiElimina
  19. Posso aggiungere una cosa? non è offensivo solo per le ragioni che esponi tu, sacrosante, ma che spingerebbero qualche altro porporato a dirti che bisogna contestualizzare! E' OFFENSIVO perchè, comunque la giri, c'è un comandamento che dice che non devi nominare il nome di Dio invano, e se non ci credi tu, con la tonaca, alla ineluttabilità di quel comandamento, perchè dovrei farlo io?
    ma soprattutto: perchè se io, emerita signora nessuno, mi confesso prima della messa e dico che tra i miei gravissimi peccati c'è quello di non riuscire a santificare tutte le domenica, il prete mi si mangia viva e mi risputa e lui può bestemmiare contestualizzando? perchè alla mia ex vicina di casa il parroco ha rifiutato la comunione per ventitrè anni perchè abbandonata dal marito e sempre lui può farsi dire messa in casa e fa la comunione quando gli pare (sempre contestualizzando, per carità!)?
    poi si stupiscono che le chiese si svuotano...
    Raffa

    RispondiElimina
  20. Un altro difetto dell'anonimato, è che fra tutti questi anonimi non si capisce più un tubo, chi è che risponde a chi?!?

    RispondiElimina
  21. A proposito di contestualizzare. A quanto pare e` meglio una bestemmia in una barzelletta che una in uno dei monologhi meglio riusciti della storia del cinema.

    http://www.repubblica.it/cronaca/2010/10/29/news/blob_le_scuse_di_ruffini-8564865

    http://www.youtube.com/watch?v=5Za2k5wA3sk


    "
    Ruffini entra quindi nel merito delle accuse rivolte al programma. "Il finale di Blob di mercoledì scorso conteneva un monologo del film di Spike Lee 'La 25ma ora'. Un film non vietato ai minori, che le segnalazioni cinematografiche del centro cattolico cinematografico riassumono così: 'Spike Lee mette in scena una storia di peccato lungo un percorso di espiazione, un camino irto di difficoltà, fatto di tentazioni, carico di offese e di male parole, segnato da sentimenti difficili da afferrare'. Rientra in questo quadro l'invettiva contro tutti e contro tutto, financo contro se stessi, ripresa da Blob".

    In italia il film e` uscito nelle sale con il monologo tagliato, per questo ha avuto pareri positivi dea centro cattolico.

    RispondiElimina
  22. Fantastica quella degli zeri...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post