Ah, può capitare?

Secondo voi l'Onorevole Simeone Di Cagno Abbrescia, secondo il quale "può capitare di soffermarsi su una di quelle immagini diciamo porno che ogni tanto compaiono" perfino se sei un deputato e ti trovi in aula durante il dibattito, è stato informato del fatto che la maggioranza di cui fa parte ha concepito un decreto, successivamente convertito in legge, che introduce un'addizionale fiscale del 25% sui redditi derivanti da "ogni opera letteraria, teatrale e cinematografica, audiovisiva o multimediale, anche realizzata o riprodotta su supporto informatico o telematico in cui siano presenti immagini o scene contenenti atti sessuali espliciti e non simulati tra adulti consenzienti"?
Sono andato a documentarmi, ed in effetti ho scoperto che quando si è votata quella legge l'Onorevole Di Cagno Abbrescia era assente, ragion per cui la vicenda dev'essergli completamente sfuggita: sono certo che se l'avesse saputo, lui che considera il porno una cosa del tutto normale, si sarebbe ribellato ferocemente al suo partito, spingendosi fino alle dimissioni dalla carica di parlamentare pur di contrastare una norma così bacchettona.
Sa una cosa, Onorevole? Il suo punto di vista mi trova perfettamente d'accordo: può capitare a tutti di imbattersi in una foto porno, e trovo -proprio come lei- che non ci sia davvero niente di male a guardarsela un po'. Però, da libertario a libertario, mi consenta un piccolo appunto: ora che ha saputo dell'odiosa legge moralista varata dai suoi colleghi di partito, non crede che sarebbe il caso di battersi pubblicamente per abrogarla?
Attendo trepidante una sua iniziativa in tal senso.

Questo post è stato pubblicato il 03 febbraio 2011 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

11 Responses to “Ah, può capitare?”

  1. Ma tu non hai capito ! Il solito comunista!! L'onorevole stava cercando la prossima candidata per il PDL. Funziona così i maschietti si cercano nei tribunali, perchè devono essere tutti dei delinquenti. Le femminucce sui siti porno e\o lele mora. La politica è lo specchio del paese. Loro vanno a puttane, come l'italia sta andando.

    RispondiElimina
  2. "che ogni tanto compaiono" ma non sull'iPad che non ha popup...

    RispondiElimina
  3. notavo ieri che Simeone Di Cagno Abbrescia era il candidato sindaco di "la Puglia prima di tutto", che candidò la D'addario

    RispondiElimina
  4. mah, se uno viene beccato a navigare in un sito porno sul posto di lavoro, rischia il licenziamento... un parlamentare invece cosa rischia?

    RispondiElimina
  5. Ormai senza pudore proprio.

    Come il tizio del PDL a Roma che era uscito sul balcone dell'appartamento di un transessuale a strepitare strafatto di coca, e una volta arrestato ha detto "Stavo indagando sui trans, mi hanno incastrato!"

    Avesse detto "Sono rimasto incastrato" avrebbe almeno fatto ridere qualcuno.

    Ma trattare gli italiani da deficienti è triste. Soprattutto perchè poi gli italiani non rispondono, dimostrando di essere davvero come loro ci considerano.

    Dei pupazzi rincoglioniti.

    RispondiElimina
  6. Ci trattano da deficienti, si vede che ce lo meritiamo!

    RispondiElimina
  7. A me sul lavoro, dove al massimo leggo la posta inerente al lavoro, non è mai capitato. Se vuoi vedere immagini porno le devi cercare. Poi non è che fosse al parco, era al lavoro apunto, un lavoro strapagato e che prevede almeno la sua attenzione. Li odio. Tutti.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Tranquilli, i loro elettori non leggeranno, anzi, non ascolteranno queste notizie, e se anche le ascoltassero risponderebbero "embe'?". Trent'anni di educazione mediatica alla m[....] non sono stati invano.

    RispondiElimina
  10. Ma porno o non porno: i parlamentari DEVONO SEGUIRE I LAVORI IN AULAAA!!!! E' possibile che nessuno lo dice???
    Questo è quello che mi scandalizza di più.
    Via i giornali, i telefonini, gli iPad e tutto il resto, per "dindirindina"!!
    Ma che Repubblica delle BANANE che siamo!
    Oppure vogliamo dare ragione a Berlusconi che dice che il parlamento è un inutile carrozzone che non decide mai niente?
    A questo punto direi che si potrebbero discutere le leggi tramiete email: più rapido, efficiente e moderno.
    E si possono pure guardare le foto porno senza che nessuno ti rompa i "Maroni". Che ne dite, eh?

    Lorenzo.

    RispondiElimina
  11. Ragazzi, non siate cattivi, su! Quelle scuse sono espressione di una smisurata creatività, niente più ;-)
    http://abeonaforum.wordpress.com/2011/02/04/per-non-dimenticarcelo/

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post