Arcore's Night: qua ci vuole l'esorcista

Padre Gabriele Amorth (sono sempre curiosa di sapere se si tratta di un nome d’arte, ma pare di no), esorcista ufficiale della Santa Sede già famoso per aver tuonato contro Harry Potter, ha una spiegazione tutta sua per i festini di Arcore: se il Premier si abbandona ai bunga bunga con minorenni non bisogna avvertire la magistratura, ma gli esorcisti.
Intervistato da Novella 2000 (ma pensa te, non ci si può più fidare di nessuno: passati i bei tempi in cui su Novella intervistavano solo la presunta amante di un Pippo Baudo qualsiasi, adesso no, vanno di padre Gabriele!), il sacerdote chiarisce che la villa è il male, non Berlusconi: i precedenti proprietari, infatti, erano noti per la loro vita licenziosa ed i festini erotici, culminati addirittura in un omicidio-suicidio. Il povero Silvio, comprando l’immobile, si sarebbe quindi ritrovato immerso in questa atmosfera permeata dagli “spiriti maligni”, che avrebbero spinto in tentazione lui ed i suoi ospiti. Insomma, Lele Mora, Emilio Fede, e la simpatica corte di fanciulle convocate, la sera avrebbero voluto davvero giocare a tombola, ma i muri di Arcore sono posseduti dal Maligno, il quale – siccome è Maligno mica pe’ gnente – ogni tanto gioca in trasferta anche a Palazzo Grazioli e nelle ville sarde, perché si sa come è il Maligno, tu gli apri la porta di una casa e quello si insedia anche in tutte le dependance.
Il buon padre Gabriele ammette che il Diavolo certo non riesce ad operare se non trova terreno fertile nelle menti di chi lo seconda, ma di sicuro la posizione di Silvio da questa rivelazione esce molto alleggerita: non è colpa sua, ma dello Spiritello Porcello di casa, una sorta di versione hard del Fantasma Formaggino delle barzellette, tanto care peraltro al Premier, e così il cerchio si chiude.
Padre Amorth garantisce quindi che le inchieste sono superflue, basta un bell’esorcismo professionale sulla villa. E io me lo vedo il corteo, padre Amorth in testa, seguito da Berlusconi, Fede e Lele Mora cosparsi di cenere (Rossella un po’ di lato, preso a controllare che il colore della cenere faccia almeno pendant con la cravatta), mentre le fanciulle del bunga bunga seguono in corteo, biscicando litanie come si conviene a Maddalene redente, nelle speranza che tutto ciò serva a far resuscitare un potere che ormai è bello che defunto.

Questo post è stato pubblicato il 06 febbraio 2011 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

4 Responses to “Arcore's Night: qua ci vuole l'esorcista”

  1. IO immagino una cerimonia come quella della giovinezza eterna in "Amici miei Atto III".

    La gente che crede al diavolo e agli esorcismi purtroppo è tanta.

    RispondiElimina
  2. Avevo già letto sta news su uaar e ho pensato subito a questa di immagine

    http://www.giornali-italiani.com/images/berlusconi-e-l-esorcista.jpg

    cmq sempre brava galatea ti seguo sempre


    discinti saluti.

    RispondiElimina
  3. Certa gente farebbe una figura migliore a stare zitta.
    Il vaticano non naviga in acque tranquille... e quando non si parla di loro, riescono a scavarsi la fossa da soli con queste idiozie.

    Tra amanti di minorenni, probabilmente se la intendono...

    RispondiElimina
  4. E' pure riuscito ad offendere i genitori di AnnaMaria Casati Stampa, che Previti convinse a vendere la villa a Berlusconi subito dopo la morte dei genitori!

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post