Invitereste a cena un torturatore pazzo?

Mentre i suoi sbirri hanno già fatto fuori un migliaio di persone, questo compare in televisione vestito come una carta del mercante in fiera e dice che sarà presidente fino all'eternità, che morirà come un martire, che i manifestanti hanno drogato i ragazzini, che bisogna attaccarli perché sono dei ratti, che le televisioni straniere sono gestite da cani randagi, che la rivolta sarà schiacciata, che se non se la piantano ripulirà la Libia casa per casa, che andrà a finire come a Tienanmen e a Falluja.
Ecco, farei notare che abbiamo gentilmente invitato a Roma questa risma di individuo in preda al delirio, che gli abbiamo permesso di piantare una tenda beduina in mezzo a Villa Pamphili, che gli abbiamo consentito di andarsene in giro in centro a mangiarsi il gelato col suo codazzo paralizzando il traffico, che l'abbiamo compiaciuto scaricandogli sotto casa un paio di pullman pieni di ventenni munite di Corano e poi, non contenti, che gli abbiamo pure organizzato un bel ricevimento pirotecnico con tanto di cavalli berberi.
Mettetela come vi pare, parlatemi del gas, del petrolio, dell'economia, dei rapporti commerciali, ma io continuo a pensare -esattamente come pensavo allora- che a tutto, perfino alla realpolitik, debba esserci un limite: e che nel caso di Gheddafi quel limite sia stato superato almeno di una buona spanna.
Come dite? Non siete d'accordo? Benissimo. Però allora ditemi -e ditelo chiaramente, sillabando le parole per farvi capire bene- che invitereste un torturatore squilibrato a cena a casa vostra, accogliendolo con tutti gli onori, agghindando vostra moglie come una geisha per farlo contento e facendolo sedere a capotavola coi vostri figli intorno, solo perché avete in mente di farci degli affari insieme.
Coraggio, sono tutt'orecchi.

Questo post è stato pubblicato il 22 febbraio 2011 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

18 Responses to “Invitereste a cena un torturatore pazzo?”

  1. La buonanima di mia nonna diceva "Chi s'assumigl', s' pigl'". (Trad: "Chi si somiglia, si piglia")

    O magari, era solo per le amazzoni.

    RispondiElimina
  2. si giustifica tutto con la realpolitik e cosi si ammette alla fine di stare in suo pugno.
    ma ho sentito che se manca il gas libico ne riceveremo di piu' dalla Russia!
    si salvi chi puo'!

    RispondiElimina
  3. okkio che Cicchitto ha detto che questo governo ha ereditato una situazione messa in atto dai governi precedenti e che quindi certe polemiche sono strumentali e destituite di fondamento.
    capito bene??

    RispondiElimina
  4. Non potevi dire di meglio, complimenti. Pensare che stia uccidendo i suoi "fratelli" è terribile

    RispondiElimina
  5. Io ho un'idea!
    O firmiamo accordi commerciali per ottenere ciò che vogliamo, oppure attacchiamo la Libia, la colonizziamo e poi, magari, dopo un po' di anni, dopo esserci ripagati i c.d. "Danni di guerra" gli ridiamo l'indipendenza, sperando, però, che non venga un altro dittatore.
    CHE DITE?

    RispondiElimina
  6. Non possiamo più esportare la democrazia come in Iraq, abbiamo finito le riserve pure noi.

    RispondiElimina
  7. Io penso all'ennesima figura di mxxxa. che abbiamo fatto e stiamo facendo in questi giorni, grazie a Mr. B ("Gheddafi? Non lo disturbo") e al Ministro Frattini ("non possiamo interferire"), su questa vicenda...

    Che tristezza...

    Diplomazia

    RispondiElimina
  8. "Torturatore squilibrato" è leggermente pleonastico: ho ancora da vederlo un torturatore "equilibrato". Detto questo, non lo inviterei mai, ne' a cena ne' a pranzo. Ma capisco che la realpolitik possa avere le sue esigenze - e le sue interessate cecità: il 25% del metano che bruciamo nelle nostre caldaiette per tenere i pupini al caldo ci arriva dal torturatore. A propos: da qualche ora la pressione nel gasdotto è a zero, ma l'ENI dichiara che le riserve sono sufficienti...

    RispondiElimina
  9. e a noi cosa importa del metano libico? Abbiamo il TETTO D'ORO BEGHELLI, da qualche parte…lo sto ancora cercando...


    O.T. per Metilparaben : stellarossa e fizzi sono la stessa persona.Io francesca

    RispondiElimina
  10. Poi tutti a parlare del gas dimenticandosi che da Gheddafi abbiamo importato pure il Bunga Bunga. Micaa cazzi.

    RispondiElimina
  11. e il bello (?) è che magari qualcuno lo si trova pure. qualcun altro oltre il simpaticone di palazzo chigi, voglio dire.

    RispondiElimina
  12. Che poi realpolitik un cazzo, dal momento che se il torturatore pazzo cade, i libici non saranno poi tanto contenti delle dichiarazioni ufficiali rilasciate da Frattini nei giorni scorsi. Quindi sono pure 5 miliardi di euro buttati nel cesso e probabilmente un futuro commerciale compromesso nell'area.

    RispondiElimina
  13. Ha ragione Clem,

    con 5 miliardi, di incentivi per pompe di calore o pannelli fotovoltaici ai privati se ne facevano eccome, e un piccolo passetto verso l'indipendenza energetica si faceva.

    Ma Eni e simili non sarebbero state gran ché contente...

    RispondiElimina
  14. Tutto vero e dannatamente serio. anche il dibattito. Pero' posso fare una parentesi?
    Quando ho letto "questo compare in televisione vestito come una carta del mercante in fiera" ho cominciato a ridere e ci ho messo 1 minuto prima di poter andare avanti!

    RispondiElimina
  15. La cosa più bella è che la gggente finalmente sembra capire che senza gas e petrolio tutti provenienti dall'estero questo nostro cazzo di sistema distruttivo non va avanti, ahahah

    RispondiElimina
  16. ‎"Si fa prima a dire chi non è amico del Colonnello da sempre, ovvero i radicali, con Marco Pannella e Emma Bonino in pole position. Tutti gli altri, destra o sinistra che fossero, hanno sempre considerato Gheddafi un partner appetibile anche se non sono sempre riusciti a raggiungere un vero accordo"

    http://espresso.repubblica.it/dettaglio/quanti-amici-ha-ghedda/2102147

    RispondiElimina
  17. D'accordo su tutto, però "vestito come una carta del mercante in fiera" mi pare un po' un infortunio.
    E' perchè aveva addosso qualcosa di veramente stravagante, oppure solo gli abiti del suo paese, della sua cultura?

    RispondiElimina
  18. @matteo: credo che la comicità derivi dal fatto che diversamente da tanti suoi connazionali o anche suoi pari-livello di altre nazionalità, 'sto lìder ostenta la sua uniforme/costume con arroganza e pomposità. Prenderlo per il culo a riguardo, negandogliela, è irresistibilmente ilare, imho.
    Si chiami ironia, non ci vedo nessun infortunio razzista o snob ;)

    PS: oltrettutto con quegli occhiali da magnaccia abbinato al resto è semplicemente ridicolo di per se, anche più di B. con la Bandana :D

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post