Bersani dovrebbe dimettersi

Naturalmente si tratta solo della mia opinione, ma secondo me se il segretario di un partito (sedicente) progressista mette nero su bianco che uno dei partiti suoi avversari non è razzista, quando è noto che gli esponenti del partito in questione si sono prodotti nelle dichiarazioni che potete leggere qui di seguito, quel segretario dovrebbe avere il buon gusto di prendere su e dimettersi.
Altrimenti finisce che la gente non gli crederà più, al partito (sedicente) progressista: manco se il suo segretario si rimbocca le maniche fino alle clavicole.

  • Posso fare un rilievo razzista, ma razzista fra virgolette? Ci sono etnie con una maggiore propensione al lavoro e altre che ne hanno meno. Ce ne sono che hanno una maggiore predisposizione a delinquere. (Roberto Calderoli)
  • Gli immigrati bisognerebbe vestirli da leprotti per fare pim pim pim col fucile. (Giancarlo Gentilini)
  • Quegli islamici di merda e le loro palandrane del cazzo! Li prenderemo per le barbe e li rispediremo a casa a calci nel culo! (Mario Borghezio)
  • Agli immigrati bisognerebbe prendere le impronte dei piedi per risalire ai tracciati particolari delle tribù. (Erminio Boso)
  • Sono stato, sono e rimarrò un razzista secondo le ultime direttive UE poichè credo, e aspetto smentita da quei pochi che mi leggono, che certe notizie riportate solo da Il Giornale definiscano chiaramente che tra razza e razza c'è e ci deve essere differenza. (Giacomo Rolletti)
  • L'immigrato non è mio fratello, ha un colore della pelle diverso. Cosa facciamo degli immigrati che sono rimasti in strada dopo gli sgomberi? Purtroppo il forno crematorio di Santa Bona non è ancora pronto. (Piergiorgio Stiffoni)
  • Siamo stanchi di sentire in tv parlare in napoletano e romano. (Luca Zaia)
  • Fermiamo per un anno le vendite di case e di attività commerciali a tutti gli extracomunitari. (Matteo Salvini)
  • E' inammissibile che anche in alcune zone di Milano ci siano veri e propri assembramenti di cittadini stranieri che sostano nei giardini pubblici. (Davide Boni)
  • A Milano le case si danno prima ai 42 mila lombardi che aspettano un alloggio e non al primo bingo bongo che arriva. (Umberto Bossi)
  • Rimbalza il clandestino non è un videogame razzista. Non l’ho inventato io. C’è la cartina dell’Italia e, quando arriva una barca di clandestini, cliccando compare una rete che la respinge. Non spari mica. (Renzo Bossi)

Questo post è stato pubblicato il 17 febbraio 2011 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

22 Responses to “Bersani dovrebbe dimettersi”

  1. Si vede che quelli del PD la pensano come lui.

    RispondiElimina
  2. Bell'idiozia, lascia stare. Un rigurgito da radicalismo trottolino. Per fortuna invece, ogni tanto qualcuno si ricorda di far politica, ma non ci si è più abituati.

    RispondiElimina
  3. La tua è un'opinione convidisibilissima

    RispondiElimina
  4. non ho parole per commentare st'uscita di Bersani.....ma perchè non vanno a casa tutti???

    RispondiElimina
  5. A parte il discorso sulle dimissioni, che personalmente ritengo più complesso, condivido pienamente la critica mossa a Bersani su questo devastante e autolesionistico scivolone riguardo alla Lega non razzista.

    Soprattutto perché, come rammentavo un paio di giorni fa,il buon Bersani aveva detto esattamente il contrario giusto il mese scorso!

    Bersani e Pierluigi: gemelli diversi.

    RispondiElimina
  6. Bersani dovrebbe smetterla di "dialogare" con tutti mi ricorda tanto... avete presente quei barboncini bianchi che cercano di accoppiarsi con tutto ciò che capita a tiro, dagli esseri umani alle gambe dei tavoli? Ecco Bersani fa così solo che la chiama alleanza tattica.

    RispondiElimina
  7. Molti politici della lega sono profondamente razzisti, ma molti elettori leghisti no. Sono solo terrorizzati da una immigrazione che pesa soprattutto sulle classi più povere di questo paese, quelle classi che con l'immigrazione incontrollata ci convivono da un paio di decenni e ne portano anche il peso. Perchè ricordiamoci sempre che i campi rom stanno in periferia. E che i peggiori episodi di razzismo del nostro paese non sono successi in regioni leghiste del nord, ma in regioni meridionali amministrate dal centro sinistra: castelvolturno in campania, rosano in calabria, foggia in puglia. Realtà drammatiche ancora in corso nonostante tutto, perchè causate da una politica dell'immigrazione inconsistente e ipocrita. Vigliacca. Chiediamoci onestamente: un aumento incontrollato di manodopera straniera giovane e disoccupata in un paese con la disoccupazione giovanile italiana e straniera già al 29% è un bene per i giovani italiani e i giovani stranieri che già vivono in questo paese? Si dice tanto che gli immigrati ci pagano le pensioni: anche i clandestini che lavorano in nero? A chi fa veramente comodo il lavoro nero? A chi fa veramente comodo avere un aumento di domanda di lavoro con un'offerta stagnante: a chi sta dalla parte della domanda o chi sta da quella dell'offerta? Molti elettori leghisti sono stanchi di votare per dei politici razzisti. Sono stanchi di avere paura di diventare più poveri e di sentirsi dare del razzista da chi non è povero. In pratica è gente normale che vorrebbe una sinistra normale che oltre ad occuparsi degli ultimi, si occupasse anche dei penultimi. Per questo bersani ha fatto bene a parlare ai penultimi. Forse si è sbilanciato un po'. Ma l'intenzione era buona e buona resta.

    RispondiElimina
  8. Mi stupisce la tua richiesta di dimissioni del segretario del maggior partito di opposizione (eletto con primarie, mica per acclamazione) per un’intervista che Bersani ha rilasciato nella sua sede, alla luce del sole, ripetendo cose che ha sempre detto pubblicamente, senza alcun sotterfugio. Posso non concordare con tutto quello che ha dichiarato, ma sicuramente apprezzo il tentativo di non lasciare nulla d’intentato per scalzare Mr. B. Lui non è andato a palazzo Grazioli nottetempo, e non è andato ad Arcore di nascosto, ma ha solo rilasciato un’intervista che, intendiamoci si può condividere o meno, oppure si può condividere solo un talune parti e ritenere inopportune talune altre, ma da qua a chiederne le dimissioni ce ne corre davvero.
    Sarebbe bastato leggere il sito del PD per sapere cosa fa Bersani.

    Forse non te ne sei accorto, ma in parlamento la destra ha i numeri e se vuole ci ridisegna l’italietta in 90 giorni (dimmi che te ne sei accorto, perfavore, ti stimo troppo per considerarti un banale o un populista)

    Eppure, altra bizzarria, per Marco Pannella che, secondo me, ha tentato e fatto qualcosa di ben più grave di un’intervista alla Padania, non hai chiesto le sue dimissioni, come mai? Pensi di non averne i requisiti? Quelli semmai non li avrei io, perché non li voto, non li finanzio, non offro il mio tempo per volontariato, e soprattutto non ho la sua tessera in tasca, quindi francamente la mia richiesta sarebbe stata quantomeno ridicola, tu (o chi per te) avreste potuto sentirvi in dovere di invitarmi a pensare al segretario mio e alle di lui eventuali dimissioni (eventualmente). Ti pare?
    Perciò facendo un po’ d’ordine riepiloghiamo: nel momento in cui il segretario radicale (o come è definito) offre i voti a Mr. B. dichiari che al limite i radicali avrebbero perso il tuo voto (e bon). Invece quando il mio segretario fa un’intervista che non ti aggrada, gli chiedi di dimettersi.
    mmm non ti pare che ci sia n’anticchia d’incoerenza? Voglio per istante lasciare da parte la questione (non trascurabile) che Bersani è il segretario dei suoi iscritti, e non, come si è convinti in giro, degli iscritti (e non iscritti) di tutti gli altri partiti (in parlamento e non), quindi, semmai, eventualmente, dovremmo essere noialtri, ove ne sentissimo l'urgenza, a poter avanzare questo tipo di richieste, non altri. Ti rassicuro, non lo facciamo e non lo faremo e non perché Bersani sia il meglio sulla piazza, ma perché siamo coscienti che c’è molto di peggio in giro e lui sta facendo in maniera onesta il suo mestiere e lo ringrazio, nonostante talvolta commetta errori. E’ un umano, non si atteggia a mito e questo me lo fa piacere. Vivaddio, finalmente uno che vuole spacciare il suo pensiero come fosse il vangelo e che non è convinto di essere un superuomo. Perciò, la prossima volta, magari comincia ad occuparti (in maniera più convinta) di Pannella, magari nel mentre che noialtri si lavora per arrivare alle dimissioni di quello giusto, che è il nostro obiettivo primario.

    RispondiElimina
  9. "uno che vuole spacciare il suo pensiero" manca un "non"
    (indovina dove) :-)

    RispondiElimina
  10. E allora? E' tutto il pomeriggio che seguo le tue evoluzioni sul voto (molto prossimo ,insomma non subito )
    Sei partito da " voto ma poi dimenticatemi per sempre che lo faccio in apnea) e sei arrivato a "Bersani dimettiti"
    Domani che metti?

    RispondiElimina
  11. @fiordisale: dici che su Pannella non mi sono espresso in modo altrettanto chiaro. Dici che non ho chiesto le sue dimissioni come ho fatto con Bersani. Mi viene da ridere. Sono stato un dirigente radicale fino all'anno scorso. Me ne sono andato e ho scritto pubblicamente, proprio qua dentro, che non mi iscrivo più. Non sono stato chiaro, dici? Mah.

    @stellarossa: scusami, ma non vedo le "evoluzioni". Perché dire che probabilmente voterò il PD ma mi ci sentirò costretto, come uno che subisce un ricatto, e poi sottolineare che Bersani ne ha sparata una tanto grossa che dovrebbe togliere il disturbo configurerebbe una "evoluzione"? Dov'è l'evoluzione, perdonami? A me, se permetti, sembrano due aspetti diversi dello stesso problema: quello di un partito che fa una gran fatica a interpretare il ruolo che dovrebbe. Dopodiché, se dirmi che faccio le evoluzioni e chiedermi "che mi metto" (sic) ti piace, fallo pure. Ma almeno, per favore, con un minimo di logica. Grazie.

    RispondiElimina
  12. Dire che non ti iscrivi più non è lo stesso che chiederne le dimissioni. Fin qua è italiano, eh

    Ma il discorso pruriginoso è che con Pannella ne avevi e ne hai tutti i diritti, perchè di quel partito ne eri dirigente, sostenitore e quant'altro, quindi in assenza del rapporto fiduciario tra sostenitore/iscritto e segretario, è una richiesta legittima. Invece con Bersani penso che tu non possa vantare gli stessi diritti. A meno che nel frattempo, tu non ti sia iscritto al PD, ma in tal caso di tanto in tanto potresti anche leggerle le newsletter, il sito, eccetera eh

    RispondiElimina
  13. "Ho paura che quando verrà il momento sarò costretto a dargli il mio voto, al PD; ho paura che dovrò cedere ancora una volta al ricatto -perché di un ricatto si tratta- di chi si può permettere di chiedere il mio consenso pur non essendo pressoché niente, approfittandosi consapevolmente del fatto che gli altri sono peggio di lui.
    Poi, però, basta."

    L'hai scritto tu.
    Cederai ancora una volta al ricatto e poi però basta, è italiano, mi sembra chiara questa frase.
    Oggi Bersani, cioè quello che ti proponi di votare sotto ricatto,dovrebbe dimettersi perchè ha detto che la lega non è razzista .
    L'evoluzione è riferita al tuo pensiero, queste tue riflessioni le metti nel blog di tua volontà, nessuno ti obbliga; se non sono evoluzioni di pensiero mi dici di cosa si tratta? Che ti metti? ,No hai capito male, che metti qui, cosa scrivi,che vuoi che mi importi di cosa ti metti indosso? Piove avrai l'impermeabile, cazzo ne so mettiti quello che vuoi

    RispondiElimina
  14. Ah vabbeh, sei un ex dirigente del partito radicale...E ti sei pure dimesso in polemica con il tuo partito del 2,49%, per cui ora hai raggiunto lo stadio di radicale al quadrato! E chi tte tiene più adesso?!? Vabeh, però così non vale: non me lo potevi dire subito così mi risparmiavo la fatica? Pensa che ieri sera dovevo andare a dare una mano ai miei vecchietti del pd per raccogliere altre firme per le dimissioni di berlusconi e invece son stato a sentire te. Robb da matt! (@fiordisale & stellarossa: grazie grazie grazie, ma che fatica...)

    RispondiElimina
  15. La Lega e' un partito popolare, nel senso che si rivolge al popolo. Molti dei suoi capi sono incapaci ignoranti e come si vede dalle dichiarazioni sono razzisti.

    Per questo motivo io vedo l'alleanza con la lega solo per far cadere lo psiconano pero' vanno recuperati i voti dei cittadini che votano a sinistra ed ora votano a lega

    RispondiElimina
  16. @mic no guarda mi permetto di correggerti subito, onde evitare futuri fraintendimenti, il PD e la Lega non diventeranno alleati, perlomeno persistendo l'attuale distanza tra i due.

    Bersani ha proposto a Bossi, tramite l'intervista alla Padania, un accordo sul federalismo in cambio della sfiducia a Mr. B.
    Sugli elettori della lega (la gran parte perlomeno) siamo d'accordo

    RispondiElimina
  17. Si dimettano tutti i vecchi che hanno perso al governo e all'opposizione! Avanti forze nuove...nuovi volti, nuove energie, nuove idee...movimento! Io il voto non ve lo dò finchè continuo a sentire la voce falsa e odiosa di D'Alema, a vedere la Bindi ai Talk show,a sopportare le cavolate di Veltroni e la fiacchezza di Franceschini....viaaaaa! Cavolo, scollategli il culo dalla sedia!!! Mandateli a fare i nonni...viaaaaaaaaaaaaaaa!! >-(

    RispondiElimina
  18. @Mariapia e questo cosiddetto nuovo che avanza da chi sarebbe rappresentato, ad esempio, nel PD? Magari da un Renzi che va ad Arcore di nascosto per dire che tutte le città sono uguali la sua è un po' più uguale delle altre? Oppure dai Chiamparino, Renzi, Serracchiani che facevano la ola a Marchionne contro i loro elettori? Oppure ci limitiamo ad analizzare le dichiarazioni di Violante degli ultimi 15 anni? ti avviso, è materiale parecchio forte, però stranamente contro le sue stronzate non sono mai state invocate le dimissioni. Annò una volta l'ANPI ci si incacchiò di brutto, quando il cretinetti voleva equiparare i ragazzi di salò ai partigiani (per la pacificazione, disse). Li si cuccò un vaffa corale (ma temo non abbia capito e imparato)

    Il problema non è banale, e sono la prima a desiderare un ricambio, mi autotasserei per non sentire più D'Alema parlare in mia vece, ma nel cambio non vorrei passare dalla padella alla brace

    RispondiElimina
  19. ho sentito dire che è "folklore"...

    RispondiElimina
  20. Ti seguo spesso con piacere ma penso che stavolta tu non abbia ben compreso i termini dell'eventuale accordo.
    A questo si somma una certa cecità e la credenza di leggere la realtà su dichiarazioni, peraltro raccapriccianti, di molti, non vivendo forse sul territorio e non conoscendo certamente le persone su cui spari un giudizio a mio parere non sufficientemente meditato e motivato.
    Elettorato e parte della base leghista (io parlo della realtà delle province di Treviso e di Pordenone) non sono come qualche loro esponente.
    Stavolta sei in errore: Bersani sta benissimo dov'è e l'idea di un accordo sul federalismo, da gestire insieme alla lega, condizionandola, è eccellente e mi dispiace solo che sia quasi tardiva.
    Al Nord ci sono compagni che ne hanno piene le palle, ancorché generosi, del flusso di risorse che si disperde, nel mezzogiorno, in gocce verso i cittadini e in mari per disonesti e criminalità: non è raro il voto di protesta alla lega.
    Se non ci si sveglia e non si capisce questa cosa, e l'opportunità del momento, è meglio lasciar decantare i caratteruzzi e non scrivere proclami di questo genere.

    RispondiElimina
  21. Magari sbaglio io - ammetto di saperne poco di chi volta Lega -, ma la Lega È un partito razzista. Senza se e senza ma. Sono vent'anni che inquina la vita civile di questo paese, e oggi siamo tutti qui a ragionare che il federalismo sia una cosa bella e giusta. Io non sono d'accordo. Io vivo a Napoli, Italia. Sono della generazione cresciuta a pane e risorgimento, libro Cuore e "La tradotta che parte da Torino". Sto imparando - con fatica indicibile, ve lo assicuro - che l'Unità d'Italia ha dirottato enormi risorse al nord.
    Ho la fortuna di vivere del mio lavoro, e come me mio padre e mio nonno. Non godo di pensioni di invalidità o stipendio pubblico, tanto per chiarire. Al nord vivrei molto meglio perché godrei di molti più servizi, e non è detto che un giorno non lo farò. Perché sono Italiano. E, scusate, posso ragionare con molti ma con la Lega no. Punto. E non mi va che il segretario del partito che voto di solito (spesso a malincuore) avvii alcun tipo di trattativa.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post