I froci sono peggio dei pedofili: parola di vescovo

Monsignor Giacomo Babini, vescovo emerito di Grosseto:

La omosessualità in un prete, se tradotta in pratica depravata, è addirittura più grave della pedofilia, si tratta di uomini viziosi e perversi, che si sono abbandonati a oscene pratiche contro natura.
Capito? Fare sesso con un essere umano maggiorenne e consenziente è più grave che inchiappettarsi un bambino inerme.
Non so se la cosa vi è chiara; leggete, rileggete, mandate a memoria e poi ditemi: perché la Chiesa minaccia di cacciare i preti gay ma non sanziona in alcun modo un suo autorevole esponente che rilascia dichiarazioni del genere?

Questo post è stato pubblicato il 27 luglio 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

41 Responses to “I froci sono peggio dei pedofili: parola di vescovo”

  1. purtroppo, in questo caso purtroppo, hanno chiuso i manicomi.....

    RispondiElimina
  2. Perchè sono profondamente marci, ecco perchè, Sono vecchi grassi poveri uomini con le arterie intasate da placche. Gli arriva poco sangue al cervello e sparano queste minchiate assurde!!!

    RispondiElimina
  3. Secondo me, la presa dei voti andrebbe equiparata a una dichiarazione d'incapacità d'intendere e di volere...

    RispondiElimina
  4. Attenzione, però. Quelli che parlano a nome della chiesa sono di solito dei grassi omacci, che gestiscono il Potere della chiesa. Non facciamo di tutta l'erba un fascio, penso che ci siano delle persone veramente perbene tra i preti!!!

    RispondiElimina
  5. Non ne dubito, e quindi mi chiedo: perché la Chiesa non lo sanziona, tanto per rimarcare la differenza? Perché uno che va con un uomo lo cacciano, e invece uno che incita all'odio e offende milioni di persone no?

    RispondiElimina
  6. Se non vado errata il tipo non è nuovo a queste sortite.... dev'essere lo stesso Babini che disse che Hitler non era pazzo e fece quello che fece per colpa degli ebrei e che i gays sono peggio degli animali.... il fatto che sia ancora lì a sparare cotante corbellerie parla da sè sulla concezione di morale della CCAR

    RispondiElimina
  7. Ma quindi espressioni come "emerita testa di *****" derivano da questa figura professionale ecclesiastica?

    RispondiElimina
  8. Perchè la chiesa che dovrebbe sanzionare è in mano a questi squallidi figuri...prova a rigirare la domanda: Perchè i preti perbenenon si "ribellano2 e se ne vanno, perchè accettano questa merda che li infanga e rende inutile il loro sforzo quotidiano?

    RispondiElimina
  9. "Le dico di più, se mi fosse capitato un pedofilo non lo avrei denunciato, ma cercato di redimere. "

    Non ci sono gli estremi per una bella denuncia a Babini?

    RispondiElimina
  10. ma non sarà che, povero vecchio, ha interpretato male il significato di "pedofilo" come "amante dei piedi"?

    RispondiElimina
  11. Altre notizie del "caro" vescovo

    http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo478808.shtml
    Dalia Treviso

    RispondiElimina
  12. Per gli esponenti più retrivi della chiesa cattolica l’omosessualità dichiarata e praticata è peggiore della pedofilia. Un “peccato” senza vittime, come il sesso fra adulti consenzienti, è considerato più grave del vigliacco abuso perpetrato su vittime inermi dai preti pedofili. E poi chiamano “disordine morale” l’omosessualità. Ma disordinato rispetto a cosa? A un presunto “ordine naturale”, che esiste solo nella testa degli omofobi eterosessisti? La natura umana contempla l’omosessualità come variante non patologica dell’orientamento sessuale. Nessun “disordine” morale quando tutto avvenga tra adulti consenzienti. Il disordine è nella mente di chi chiama lo stupro peccato contro la “castità”, e lo eqiupara a masturbazione e atti sessuali fra adulti consenzienti. Il disordine morale è considerare l’abuso di minori un peccato contro “la morale sessuale” quasi l’offesa alla vittima fosse indifferente. e in effetti lo è: per la perversa morale della chiesa, il fatto che ci sia o no una vittima è indifferente. No, così non va. Una morale che rispetti la ragione non può porre altro discrimine che il danno e l’offesa alle persone.Senza danno, non si può parlare di peccato. I DISORDINATI MORALI, PAPI E PRELATI “EMERITI” E NON, SIETE VOI

    RispondiElimina
  13. Hanno bisogno di essere aiutati sti preti. Interniamoli e prendiamoci cura di loro. Farmaci, farmaci, terapia, terapia di gruppo, lavori socialmente utili, ancora farmaci, camere imbottite e tanta tanta compassione.
    Sono vittime fuori di testa, completamente bruciati. Mostrano i chiari sintomi della demenza senile, del delirio paranoico...straparlano, hanno le visioni, sentono le voci, parlano con Dio, farfugliano frasi sconnesse e senza senso guardando per aria, credono nella madonna e negli angeli, si frustano passano ore in ginocchio per terra, vanno a trans dopo aver pontificato contro le seghe. Aiutiamoli a riacquistare la lucidità e a tornare persone normali.

    RispondiElimina
  14. I vertici della Chiesa non cacciano questi vescovi perchè appartengono tutti alla stessa scuola di pensiero. Solo che alcuni lo dicono mentre altri fanno finta di commuoversi andando a Malta.
    Ma, in fin dei conti, quello che pensano è la stessa identica cosa

    RispondiElimina
  15. mi piace l'idea di citare la parte conclusiva dell'intervento che fa un pochino di luce anche sugli insabbiamenti dei casi di abusi...eccola

    "Ma io come Vescovo sarei maggiormente comprensivo con un prete pedofilo che si penta e soffre della sua condizione che di questi viziosi. Le dico di più, se mi fosse capitato un pedofilo non lo avrei denunciato, ma cercato di redimere. Un padre come é il Vescovo per un sacerdote, non denuncia i figli che sbagliano e si pentono. Ma con i viziosi bisogna essere intransigenti".

    ma vi rendete conto?!

    giuliano

    RispondiElimina
  16. "Perchè la chiesa che dovrebbe sanzionare è in mano a questi squallidi figuri...prova a rigirare la domanda: Perchè i preti perbene non si "ribellano" e se ne vanno, perchè accettano questa merda che li infanga e rende inutile il loro sforzo quotidiano?"

    concordo al 100%

    RispondiElimina
  17. Queste dichiarazioni sono coerenti con quello che è la chiesa: un sistema gerarchico piramidale fondato sul far credere cose assurde a masse culturalmente analfabete. Iniziamo a mandare a fare in culo i preti e le suore quando li incrociamo per la strada.

    RispondiElimina
  18. ...che poi, a ben vedere, UN prete che "si inchiappetta" UN bambino inerme, oltre a essere pedofilo è anche gay. O no?

    RispondiElimina
  19. quoto luca chirico...se davvero i preti che sono fuori da tutto questo schifo sono tanti, dovrebbero alzare le loro voci ed essere i primi a voler allontanare le mele marce...

    per il resto io non ce la faccio davvero più a leggere queste dichiarazioni merdose...

    io li metterei tutti nelle mani dei genitori di quei bimbi che subiscono violenza...niente carcere, solo questo...

    RispondiElimina
  20. sempre il disgustoso e vomitevole vescovo babini:

    "L'Olocausto - ha detto ancora il monsignore - fu una vergogna per l'intera umanità, ma adesso occorre guardare senza retorica e con occhi attenti. Non crediate che Hitler fosse solo pazzo. La verità è che il furore criminale nazista si scatenò per gli eccessi e le malversazioni economiche degli ebrei che strozzarono l'economia tedesca".

    RispondiElimina
  21. Dice così perchè i preti quando non scopano le mogli degli altri, lo fanno con i maschi, quindi loro sono le vittime

    RispondiElimina
  22. ma avete visto bene la faccia "dell'emerito vescovo" ?
    tipica faccia da mangia.......

    RispondiElimina
  23. La domanda mi sorge spontanea:
    E per i sacerdoti gay e pedofili cosa é previsto dal 'galantuomo' Babini? l'impiccagione?..

    RispondiElimina
  24. secondo me è lo 'studiare da prete' che è da deviati contro natura... E basta guardare gli effetti che tale pratica spesso induce per rendersi conto della veridicità di queste parole.

    RispondiElimina
  25. Vorrei davvero togliermi la soddisfazione di fare una domanda a questa testina preziosa e santa:
    Se gli omosessuali sono peggio dei pedofili in quanto si sono abbandonati ad "oscene pratiche contro natura", mi domando se inchiappettarsi un bambino, forzare una bambina ad un rapporto orale o arrivare ad introdurre oggetti dentro neonati si possa considerare "secondo natura".

    Giusto per sapere che cosa considera "naturale", questa chiesa.

    E per fortuna che Cristo e risorto!, altrimenti si starebbe rivoltando nella tomba.

    RispondiElimina
  26. La maggior parte delle volte i preti sono sia omosessuali che pedofili!Tutto questo nella maggior parte dei casi dipende dalla vita che conducono in seminario.
    Se non sbaglio si chiama omosessualità circostanziale e inoltre non avendo esperienze,dal punto di vista sessuale, restano dei bambini ed ecco spiegata la pedofilia.

    RispondiElimina
  27. Ma perché, c'è qualcuno per cui 'sto deficente vestito di porpora ha una qualche autorità? Allora sono loro il problema.......

    RispondiElimina
  28. Per il post qui sopra...
    Tutta la cricca berlusco-casiniana considera un cazzone del genere una autorità morale!
    Al cospetto del quale strisciare come un verme.
    Saverio da CZ

    RispondiElimina
  29. E' l,ui e equelli come lui che strisceranno come vermi din anzi a noi quando verrà la rivoluzione!

    RispondiElimina
  30. Io penso, che ad una certa età, bisogna che certa gente vada in pensione, perchè non si possono sentire certi rumori anche se fatti con la bocca, perché alcune cose quando hanno questa "portata" non sono parole, ma solo rumore. Ma questo non lo dico per quel che riguarda la Chiesa, che stanno riducendo ai minimi termini con le loro depravazioni fintamente ignorate, ma anche politicamente, dove ci sono troppe teste “calde” e bianche o decolorate o fatte di “cuffiette di peli” incollate, facce appese coperte di cera come nei musei. Quando si decidono questi ad andarsene a casa o a fare i nonni?? Invece di stare tra i piedi a rovinare la vita alla gente con la loro ignoranza, arretratezza e razzismo e non lasciano ai giovani con i giusti attributi a guidare le istituzioni e ecclesiastiche e politiche con più scioltezza, libertà (per tutti non per pochi) difesa delle minoranze (appunto come i gay)??

    RispondiElimina
  31. @ Andrea 17,43: ti sbagli di grosso, un gay non è un pedofilo, e un pedofilo non è un gay. Questo lo dicono soltanto i prelatoni degni compagni di merende del babini, cominciando da bertone e andando appresso. Vorrai mica essere dalla loro parte?

    RispondiElimina
  32. La "logica" del bastardone deve essere di tipo numerico: se a fare sesso sono due adulti consenzienti c'è il doppio di peccato rispetto al fare sesso con un bambino che per definizione non è in grado di scegliere coscientemente; due omosessuali vanno contro natura, nel caso della pedofilia ad andare contro natura è uno solo, l'altro subisce innocentemente contro la sua volontà. Chiaro che la massa di peccato è minore...
    E' di fronte a queste affermazioni che a uno gli viene la voglia di reintrodurre la gogna, quella vera, da portarci le scolaresche perché imparino.

    RispondiElimina
  33. ma non sembra di leggere tra le righe un "la pedofilia è normale"? quando parla di " un pedofilo che si pente" ..perché allora non citare anche un " gay che si pente"? sembra che la pedofilia venga vista come una tentazione alla quale certe volte può accadere di cedere, mentre l'omosessualità è una condizione di vita perpetuata.

    RispondiElimina
  34. Ma chi se ne frega di quello dice un prete?
    e basta di stare sempre a "indignarsi" (cliccando sulla tastiera) per ogni cazzata che sparano questi soggetti.
    I froci alla chiesa gli stanno sul culo, bene, abbiamo capito. Fine.

    E non mi venite a dire che bisogna stigmatizzare questi comportamenti perché incitano all'odio perché: quando mai la gente fa quello che dicono i preti (tranne le beghine e i baciapile che sono veramente una minoranza)?

    Al massimo bisogna incazzarsi perché i politici, prezzolati dal vaticano, fanno quello che questi dicono, ma è un altro discorso.

    E' molto peggio fare da cassa di risonanza a queste notizie che esserne indifferenti, a mio modo di vedere.

    Pace e bene.

    RispondiElimina
  35. Per essere cacciato dalla Chiesa devi dire qualcosa di accennatamente dissonante sull'anima (dissonante rispetto a quanto si afferma ai piani alti). Finché parli prendendo a piene mani da immoralità, razzismo, violenza e ingiustizia sei salvo.

    In compenso, tra qualche secolo quando la discriminazione su base sessuale sarà diventato qualcosa del passato dell'Uomo di cui vergognarsi, come oggi si guarda alla schiavitù o alla condizione della donna di un tempo, ci sono pochi dubbi che dalla Chiesa (se esisterà) ti diranno che se c'è rispetto per le libere scelte sessuali è grazie ai valori universali del cristianesimo e mica d'altro, i quali mettono al centro l'Uomo; valori di cui la Chiesa cattolica stessa è la migliore interprete e che ha sempre promosso.

    RispondiElimina
  36. @ Bellobello

    "E non mi venite a dire che bisogna stigmatizzare questi comportamenti perché incitano all'odio"

    Credo che il post evidenziasse anche, a mio modo di vedere correttamente, come da un gruppo di persone all'interno del quale alcuni non abbiano alcuna percezione del perché la pedofilia sia un grave reato non ci si può aspettare una lotta reale al fenomeno. La dico diversamente: se alcuni (ne bastano pochi per arrecare il grave danno che hanno arrecato) dei vescovi che hanno avuto tra le mani casi di preti pedofili ragionavano allo stesso modo, non c'è affatto da sorprendersi se risolvevano la cosa spostando il prete in altra parrocchia.

    Quando si dice che si tratta di poche responsabilità individuali: ebbene, mi si indichi un'altra istituzione sociale che prende la responsabilità di educare altrettanti bambini, e tra le cui fila ci siano esponenti così di spicco che di tanto in tanto rilascino affermazioni che spiegano altrettanto bene come essi non abbiano alcuna vaga idea di cosa ci sia di veramente grave nella pedofilia (perché uno che dice che l'omosessualità è peggio di sicuro non lo ha certamente compreso).

    Il problema politico è uno, ma quello sociale è comunque un altro. Anzi, proprio (si spera) non essendo maggioritaria nemmeno nella Chiesa questa presa di posizione, si fa un buon servizio alla comunità (visto che i cattolici anche più liberali e progressisti non lo fanno a voce sufficientemente alta forse per vigliaccheria) mettendo alla gogna queste barbare, primitive, subumane affermazioni.

    In questo sto con Metil, a patto che egli riporti le notizie sempre con completezza: verso chi sbraita tanto perché dice che la libertà di parola gli consente di mettere bocca su tutto si ha l'obbligo morale e civico di contestare tutto quello che è contestabile.

    RispondiElimina
  37. qualcuno può spiegarmi quel se ? "se tradotta in pratica depravata".
    Cioè quando la pratica omosessuale diviene depravata, perdonate la mia ignoranza ?

    Pensavo che invece il rapporto pedofilo, che si basa su un assunto di feroce e bieca violenza su inermi, lo fosse a prescindere.

    Inqualificabile.

    RispondiElimina
  38. http://www.losparlatore.it/2010/08/generatore-di-frasi-di-giacomo-babini.html ho creato il generatore di dichiarazioni di Giacomo Babini grazie al codice citato in questo sito.

    Scusate se spammo un pochino! :D

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post