Il diritto va in vacanza

A Bari, a quanto pare, c'è un solo ginecologo non obiettore che ha deciso di adottare la RU486: siccome, com'è giusto che sia, anche lui deve andare in ferie, il servizio resterà bloccato finché non sarà tornato.
Non c'è niente da fare: siamo ufficialmente un paese del terzo mondo.

Questo post è stato pubblicato il 15 luglio 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

14 Responses to “Il diritto va in vacanza”

  1. peggio del terzo mondo....persino l'Argentina ci frega....

    http://www.repubblica.it/esteri/2010/07/15/news/voto_storico_in_argentina_s_a_matrimoni_omosessuali-5597276/?ref=HREC1-4

    RispondiElimina
  2. http://www.youtube.com/watch?v=6fRJ0T-y-pw&feature=related

    RispondiElimina
  3. Fossi un paese del terzo mondo mi offenderei!
    By the way, anche nella civile Milano succedono cose brutte: un'amica é dovuta volare a Londra, come negli anni settanta, perché le davano l'appuntamento troppo tardi...
    elena

    RispondiElimina
  4. Io continuo a sostenere che i medici obiettori di coscienza possono obiettare ma non in strutture pubbliche. Obietti? Vai a lavorare in un clinica privata. Vuoi lavorare nel pubblico? Non puoi obiettare. No, eh, visto che lo stipendio te lo pagherebbe uno Stato laico, mi sembra il minimo.

    Basterebbe questo.

    RispondiElimina
  5. la roccella in ferie non ci va mai?

    RispondiElimina
  6. Ormai siamo un paese in cui non conviene fare sesso, per nessun motivo! Nè per amore e/o divertimento, nè per procreare in modo più o meno consapevole.

    RispondiElimina
  7. a me sta cosa continua a farmi girare i cosidetti..... ma ci pensate se uno fosse assunto in un mattatoio e si rifutasse di lavorare perché vegetariano?
    Il paese di Pulcinella siamo, altro che...

    RispondiElimina
  8. @bellobello: concordo con entrambi i tuoi commenti... troppo facile fare l'obiettore con la vita degli altri, ma è soprattutto un'ingiustizia di proporzioni esagerate...
    d'altronde la legge glielo permette, giusto?

    RispondiElimina
  9. Commentiamo indignari...commentiamo, e intanto quelli continuano a fare il cazzo che gli pare, lautamente pagati!

    RispondiElimina
  10. Il problema e' che gli italioti sono anche maleducati .. nel senso che sono educati male.

    Non hanno cognizione delle liberta' civili..

    La pagliacciata dei medici ciarlatani che si rifiutano di prestare un servizio pubblico adducendo scuse ridicole come l'obiezione di coscienza farebbe ridere se non fosse drammatica... e' una cosa assolutamente fuori dal normale .. assurda.. nemmeno ai tempi delle crociate.

    Gli utenti consapevoli dell'abuso che sta commettendo il ciarlatano di turno .. dovrebbero denunciare la persona e solidalmente anche l'ente ospedaliero che impiega un tale "soggetto" per danni relativi ad omissione del servizio, aggiungendovi anche una richiesta milionaria imputabile in voce a danno biologico e risarcimento per danni di relazione.

    Dopo un paio di casi .. la smettono.

    Naturalmente sarebbe opportuno che almeno qualche associazione seguisse la cosa aiutando e sostenendo le persone che reclamano i danni durante il periodo non breve del giudizio, fino alla sentenza definitiva.

    Altro modo che in un paesucolo sottosviluppato ed africano come l' ita(g)lia si puo' seguire.. e' quello barbarico .. vale a dire .. da veri energumeni ci si pone allo stesso livello del ciarlatano di turno che nega la prestazione e gli si spacca la faccia .. magari anche uccidendolo .. possibilmente chiamando anche la stampa immediatamente prima di costituirsi affinche documenti fotograficamente la cosa. Un paio di azioni ESEMPLARI come questa .. in un paese di merda come l italia tolgono la voglia di scherzare ( o di rischiare ) a tutti gli altri ciarlatani .. molto in fretta.

    Experientia est magistra rerum.

    RispondiElimina
  11. Cose dell'altro mondo, altro che terzo mondo... Qui siamo proprio diventati degli extraterrestri.

    RispondiElimina
  12. Qualcuno li avrà pure votati ... La prossima volta nell'urna starà piu attento ...

    RispondiElimina
  13. No, anonimo non hai capito allora. L'italiano medio che vota si interessa solo di se stesso, al massimo della propria famiglia (ricorda qualcosa?). Quindi, come per la procreazione assistita, come per le coppie di fatto, come altre 1000 cose, pensando che il problema non li interessa, continueranno a votare quelli da cui potranno ottenere qualche briciola per se stessi (condoni, meno tasse, almeno a parole, via gli extracomunitari che puzzano, ecc.).

    L'altra sera su La7 discutevano Travaglio e nonmiricordoilnome. La discussione era se il 49% degli italiani è onesto, civile, con la consapevolezza di vivere insieme e non contro gli altri e il resto, il 51%, egoista, mafioso, incivile, menefreghista, oppure se al contrario fossero il 51% i primi e il 49% i secondi.

    Ecco, l'ottimismo per le sorti italiane si nasconde in quell'1%.

    RispondiElimina
  14. Più semplicemente l'Italia ha sempre avuto un'occhio di riguardo per il mercato nero. come é ampiamente prevedibile é li che si rivolgeranno in modo sempre più massiccio le donne.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post