L'Italia spende poco per gli armamenti



L'Italia spende poco per gli armamenti. Non per la scuola, non per la salute, non per i servizi sociali, non per la cultura... Per gli AR-MA-MEN-TI.
Per il Sole 24 Ore, Massimo D'Alema è:

"ragionevole e controcorrente rispetto alle posizioni del suo partito (che chiede tagli alla Difesa)"
Per me, che l'avrei preferito ancora col figlio in spalla, è fascista.
("Non so più cosa fare." Anche io)

Questo post è stato pubblicato il 07 luglio 2010 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

18 Responses to “L'Italia spende poco per gli armamenti”

  1. Come nella vignetta di Vauro, prima volevamo che d'alema dicesse qualcosa di sinistra.

    Ora ci accontenteremmo che stesse zitto!

    (E possibilmente, fuori dalle scatole!!!)

    RispondiElimina
  2. ho cliccato su google news è ho digitato: d'alema disabili.
    mi aspettavo un commentuccio su quello che il governo prevede per queste persone meno fortunate, e invece ? nulla... o almeno io non ho trovato niente.


    azz... che pistola che sono... ma certo, ecco cosa intendeva " uno di sinistra " come lui...
    spendiamo soldi per comprare motori a reazione per l' Eurofighter e montiamoli poi sulle carrozzelle, eh ?

    e per il lavoro nero ?
    semplice, più visori ottici notturni per tutti !

    gli italiani riducono le spese per il cibo ?
    niente paura, ecco dei gonfi grappoloni di bombette su ogni tavola !

    le medicine costano troppo ?
    un suppostone a ricerca di calore debellerà un attacco di febbre !

    la PS e i CC sono senza benzina ?
    gireranno con un carro armato a propulsione atomica !

    va bene che le nostre truppe hanno dotazioni su cui è meglio sorvolare, ma dico: è il momento di fare queste spese ?
    un padre di famiglia senza lavoro penserebbe prima all' impianto d' allarme, a comprarsi la pistola contro i ladri o dirotterebbe i soldi su cibo, medicine, esami e istruzione dei figli ?

    hanno proprio perso il contatto con la realtà

    marco, uno di destra

    RispondiElimina
  3. L'Italia spende oggettivamente poco per gli armamenti, rispetto ad altri paesi Nato, cosa che crea parecchi problemi logistici e tattici nelle missioni internazionali. E questo è un fatto.
    La scelta politica a quel punto è se investire di più per portare avanti quelle missioni, o ritirarsi.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. D'Alema ha quasi ragione: non è che si spende poco in armamenti in Italia. Si spende poco in armamenti nel PD: basterebbe spendere poche centinaia di euro per una Walter PPK. Per farci cosa lo lascio alla vostra fervida fantasia. (Ero stato troppo crudo, sai mai con le leggi in arrivo)

    RispondiElimina
  6. Per Stefano: no, l'Italia è al non posto per spesa militare secondo i dati SIPRI (e i primi tre sono USA Russia e Cina). Poi bisogna vedere come sono spesi. Quello che mi dà fastidio è che siccome a sinistra c'è un riflesso contro le spese militari a prescindere, D'Alema ha detto 'sta cazzata per far vedere che lui è uno che fa Realpolitik, anche se di fatto ci capisce poco

    RispondiElimina
  7. D'Alema ha ragione al 99%. Ha dimenticato di dire che spendiamo troppo per una marea di ufficiali che nessuno sa a cosa servano (ne perché siano diventati ufficiali). Dalla ricerca teorica alle applicazioni industriali più comuni gli investimenti negli armamenti hanno le maggiori ricadute positive, specie se salvano le vite dei nostri soldati ed evitino vittime civili. Altrimenti possiamo chiederci che senso abbia questo protagonismo senza mezzi nelle missioni di pace.

    RispondiElimina
  8. forse ha capito male...D'Alemaaaaaaaaa..."di sinistra" e non "di sinistro"!!

    comunque se taci fai meno danni...

    RispondiElimina
  9. il ragionamento di d'alema è semplice.
    invece di razionalizzare meglio le spese per la difesa, il che comporterebbe meno mangia mangia e + controlli per tutto e tutti, propone la classica soluzione di riversare altri soldi nel calderone, con lo scopo di ampliare il bacino elettorale in quel settore.

    per gli amici di sinistra che qui hanno scritto,
    ma vi stupite ancora che il baffino dica queste cose ?
    il PD non è di sinistra, come il PDL non è di destra, è un partito che fa i comodi suoi.
    tanto per fare un esempio: http://www.youtube.com/watch?v=JEwK15TUE2Y

    marco, uno di destra

    RispondiElimina
  10. Mi sembra che D'alema abbia specificato che ha detto quella cosa perchè dagli armamenti o meglio, dal campo militare, arrivano sempre nuove innovazioni tecnologiche.

    Frase ancora più idiota quella di D'alema, se vuole innovazioni tecnologiche finanzi la ricerca, non gli armamenti.

    RispondiElimina
  11. Detto che sono del parere ci siano altri settori altrettanto se non più importanti dove convogliare fondi...

    Ma è mai possibile che ogni volta che si parla di armamenti si sia automaticamente fascisti?

    A me da molto, molto fastidio. L'Italia spende POCO E MALE nel settore difesa e soprattutto in maniera totalmente inadeguata alle sue pretese di politica estera, questo è oggettivo. O si ritirano tutti gli uomini dalle missioni, con relativo ridimensionamento di qualsiasi pretesa di politica estera, o si investe di più e meglio nella difesa. C'è da razionalizzare il personale, da correggere sprechi immondi ed eliminare alcuni vizi atavici (promozioni in massa prima della pensione, "testa" oversize e "corpo" smilzo, ecc.) ma che si debba investire di più è vero. Consideriamo anche che le aziende della difesa sono in buona parte statali (quindi il ritorno degli investimenti e i guadagni che fanno danno ossigeno alle casse del tesoro) e sono tra quelle che fanno più R&D, una delle prime necessità del "sistema Italia".

    BTW, i vari governi Berlusconi hanno devastato la difesa italiana con tagli indiscriminati e convogliando i pochi fondi lasciati in programmi molto discutibili. La difesa italiana per ora sopravvive solo grazie agli investimenti del governo Prodi nel 2006-07 e dai governi di sinistra del 1996-2001.

    E noi siamo ancora alle forze armate "tutti fascisti"?

    RispondiElimina
  12. Il ragionamento del Sole non farebbe una grinza se non fosse più conveniente comprare la tecnologia dalla BAE piuttosto che produrla in Italia, insomma l'unico side-effect positivo della spesa sugli armamenti se lo sciroppano l'UK et alia.

    RispondiElimina
  13. OH. SANTO. CIELO.
    L'articolo poi è veramente imbarazzante.

    RispondiElimina
  14. Ma poi e` pure falso...

    http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/grubrica.asp?ID_blog=41&ID_articolo=828&ID_sezione=56&sezione=

    RispondiElimina
  15. invece di appendere testa in giu' anche il Baffino al prossimo piazzale Loreto, proporre di somministrargli una cura quindicinale di uranio impoverito. Cosi', se non gli fa poi tanto male, sappiamo un buon armamento da comprare.

    RispondiElimina
  16. Marino: leggiti sul sito del SIPRI come vengono calcolate le spese di ogni paese, rapportale all'Italia e fai due conti. Le FFAA non sono nello stato pietoso in cui erano negli anni '90, ma poco ci manca.
    E le missioni, anche quelle perfettamente inutili come quella in Libano, costano.

    RispondiElimina
  17. ...scusate un'informazione, ma ""D'Alema crepaaa!!"" si può dire cosi tanto per sfogarsi un pò?

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post