Ritirateli, e poi ritiratevi

Civati chiede -per favore- che quelli del PD ritirino i manifesti nei quali accusano il governo di aver portato più immigrati.
Forse sarebbe ancora meglio se chi ha concepito questa schifezza e continua a permettere che circoli prima ritirasse i poster, e poi si ritirasse dal PD.
Sempre per favore, ci mancherebbe.

Questo post è stato pubblicato il 12 luglio 2010 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

34 Responses to “Ritirateli, e poi ritiratevi”

  1. Più immigrati meno sicurezza ai cittadini, oltre ad essere un cavallo di battaglia della lega, è un messaggio fortemente razzista oltre che ridicolo...

    RispondiElimina
  2. non riesco a crederci....dimmi che è uno scherzo...

    RispondiElimina
  3. Concordo con Fabrizio.... per chi "attacca" (se nel caso del PD si possa parlare di attacco) la Lega tutti i giorni su questi temi mi sembra davvero la mossa vincente! PD = Partito Derisibile .... ormai siamo alla farsa

    RispondiElimina
  4. Non vedo la connessione immigrati=menosicurezza nel manifesto...

    Quel manifesto sta a sottolineare le sconfitte del governo su quello che era il suo programma... non le promesse del PD. Eppure non ci vuole così tanto a capirlo...

    RispondiElimina
  5. quanto meno, è detto male. E data la possibilità di equivoco, era meglio non dirlo.
    Merizeta

    RispondiElimina
  6. Ormai è assolutamente inutile commentare l'incapacità di comunicare del PD.
    Avrete ovviamente visto il manifesto per la Festa Democratico/Unitaria di Roma.
    Tu dici, ma questi usano un'agenzia di comunicazione? E se sì, chi è che approva cose di questo genere senza mandarli a correre altrove?
    Chi è oggi il responsabile comunicazione del PD?
    In una qualsiasi multinazionale di qualche serietà verrebbe rimosso o cacciato in due giorni.

    RispondiElimina
  7. @ Claudio: concordo con l'ultimo commento, è detto male, per non dire malissimo.
    Messo poi così di seguito in un manifesto, la connessione magari non c'è per chi l'ha scritto ma c'è per chi lo legge (dal poco che ne so, uno dei punti cardine della comunicazione: far sì che chi ascolta capisca esattamente quel che si vuole dire).

    Chiara

    RispondiElimina
  8. Al PD consiglio l'agenzia di comunicazione di Vendola. Sono dei giovani in gamba che eviterebbero questo tipo di figure di merda

    RispondiElimina
  9. Sono arrivati al fondo, hanno scavato, adesso trivellano.

    RispondiElimina
  10. Concordo che il manifesto sia penoso e misero. Però voglio fare una precisazione per chi dice che propone la connessione "più immigrati meno sicurezza": questa conclusione non è logica, visto che in sequenza il manifesto dice
    ...
    + immigrati
    - soldi ai territori
    - sicurezza ..

    Quel "meno si soldi ai territori" spezza le due frasi e quindi se uno vuole mettere le due cose in relazione non può che metterci quella di mezzo, ma avrebbe poco senso. Il collegamento è una forzatura, fermo restando che il manifesto è una stupidaggine.

    RispondiElimina
  11. A me sembra perfetto per il target elettorale che il PD intende raggiungere. Da un partito il cui segretario evoca lo spettro di Chavez come fosse peggio di Berlusconi mi aspetto, anzi, nuove e più entusiasmanti e fragorose cazzate.

    RispondiElimina
  12. io non ho capito perchè ci si sia fissati su questa fantomatica connessione....il punto secondo me non è quello, ma è che il manifesto intende ovviamente evidenziare degli aspetti negativi di questo governo e la cosa triste e spiazzante è che tra essi il PD ci infili anche quel "+ immigrati"!!!

    RispondiElimina
  13. che vergogna.
    usare gli immigrati per cercare di dimostrare che anche quella politica del governo è fallimentare.

    RispondiElimina
  14. Ma è vero che con questo governo ci sono "+ immigrati"? perché in quel caso, oltre a lasciar intendere male, il manifesto punterebbe anche su un'affermazione falsa (per non parlare di quello che ha già detto silvietta, cioè aver messo "+ immigrati" come aspetto negativo)

    RispondiElimina
  15. Il PD ha una capacità che definirei quasi magica... Ogni volta che penso che forse in fondo potrei anche votarli alle prossime elezioni, succede una cavolata del genere.

    @ Claudio: Il problema non è se il manifesto implichi o meno la correlazione +immigrati -sicurezza. Il problema è che è un manifesto in cui si lamentano espressamente del fatto che l'immigrazione è aumentata.
    Se si vuole rimproverare al governo i suoi fallimenti, ci sono tanti temi da scegliere. Andare a scegliere proprio l'immigrazione vuol dire voler giocare sul loro stesso terreno.
    Questo manifesto è indirizzato all'elettorato della Lega.
    Il video, che puoi trovare sul blog di Civiati, è ancora più esplicito.

    RispondiElimina
  16. diciamo che quando abbiamo le palle facciamo di tutto per tagliarcele; e se invece non ce le abbiamo, le sotituiamo con la nostra testa...

    RispondiElimina
  17. Al, diciamo che io tutte 'ste palle non le ho ancora mai viste tirar fuori....

    RispondiElimina
  18. come mai avete tolto il commento,visto che non era offensivo. forze la verità non viene accettata da questa democrazia? VITTORIO

    RispondiElimina
  19. Il PD fa bene a manifestare i suoi valori: se è contro gli immigrati, manifesti la sua avversione.
    Se non vi piacciono, iniziate a votare qualche altra cosa.
    Potete pretendere che il PD si rifaccia il trucco, ma sotto il fard restano i km di rughe.

    RispondiElimina
  20. Il PD non esiste proprio più... Questa è l'ennesima dimostrazione che non c'è un'opposizione decente.

    RispondiElimina
  21. Sembra un manifesto della Lega...

    RispondiElimina
  22. Bastava dire "+clandestini", se il caso.
    Gli immigrati io personalmente li voglio. Devono venire, lavorare con un contratto, percepire e generare reddito, pagare le tasse e i contributi che serviranno a pagare la pensione A ME. Il resto sono pugnette.

    RispondiElimina
  23. Ah ma questi esperti di comunicazione del Pd sono astuti! Scrivono quello che certi proto-razzisti vogliono sentirsi dire ma fanno intendere all elettorato progressista che non intendevano assolutamente quello... talmente astuti che non si fanno capire nè dagli uni nè dagli altri.

    RispondiElimina
  24. Secondo me e' solo pragmatismo e solo un gruppetto di bloggers autoreferenziali puo' non accorgersene: un partito per governare deve avere la maggioranza; buona parte degli italiani (non conosco le statistiche reali e non pensate che le interviste ve lo dicano) e' contraria all'immigrazione e la stragrande maggioranza e' contraria a quella clandestina; la sicurezza pubblica e' un problema soprattutto per chi non ha mezzi economici per attivare meccanismi di difesa attivi e passivi relativamente costosi (impianti allarme, suv, case sicure in quartieri controllati e costosi) e riguarda quindi gli anziani, i lavoratori (anche immigrati regolari). Come dice Cristiano, il resto sono pugnette per chi ha deciso di non governare mai.

    RispondiElimina
  25. Grati dell'occasione che i media nazionali e i vari blog mediatici ci hanno dedicato, volentieri riprendo i temi non della polemica ma della discussione.
    Il manifesto cosi come il video hanno l’obiettivo di provocare un attenzione ed un dibattito, da tempo spento, dentro e fuori le fila della sinistra italiana. Dalla risonanza avuta, certamente questo obiettivo è stato raggiunto! Detto questo credo sia necessario riflettere su come siamo, haimè, tutti molto attenti e capaci nell’esprimere critiche sterili e negative, ma molto meno interessati a riflettere insieme.
    E’ inderogabile arrivare ad elaborare, attraverso un pensiero critico ma costruttivo, un’ alternativa di programma credibile e attuabile, capace di interpretare le necessità dei cittadini, questo rimane sempre il nostro obiettivo prioritario.
    In un panorama piatto e desolato che ha visto molti intellettuali allontanarsi nel dare il loro contributo di riflessione alla cosa pubblica, siamo ben contenti di essere riusciti a lanciare un sasso, che a qualcuno può anche aver fatto male, ma che certamente ha suscitato vivaci reazioni. Sta a noi,ora, riuscire a spostarsi dall’area della facile e superficiale critica, per contribuire a realizzare una costante attenzione e dibattito sui temi segnalati.
    In una politica di Governo fondata ed attuata solo unicamente attraverso tecniche mediatiche di acquisizione di consenso, abbiamo ritenuto importante denunciare pubblicamente l’elenco dei punti di contraddizione altrimenti misconosciuti.
    Segretario regionale PD Marche
    palmiro Ucchielli

    RispondiElimina
  26. Ho rispetto per il segretario del PD che espone il proprio punto di vista, ma francamente l'uso del politichese in un blog mi fa accapponare la pelle.

    RispondiElimina
  27. Domanda: ma il dato in sè è giusto? Ci sono più immigrati? Se è così allora parliamo di dati. Fatti in assoluto che dimostrano il fallimento della maggioranza di Governo. Se poi vogliamo usare un filtro "morale" o di opportunità per leggere il volantino allora...è un'altra storia. Ma ri-domando: è vero? Se è vero, soggiungo, non è un disvalore, ma un fallimento. Di Governo, appunto

    RispondiElimina
  28. Idiozia mi sembra un po' forte come tag. A proposito di lealtà e di comunicazione su questa vicenda, ho commentato qui

    http://coccaglioolioepeperoncino.wordpress.com/2010/07/14/ucchielli-civati-gilioli-sarubbi-ed-ora-anche-filippini-il-pd-comunichi-meglio-perfavore/

    RispondiElimina
  29. Clickate sul mio nome e vedrete il commento, mi scuso per l'inconveniente

    RispondiElimina
  30. @ Palmiro Ucchielli

    Rivendicare il merito di aver acceso un dibattito, quando questo dibattito è fatto quasi interamente di critiche provenienti perlopiù da elettori della propria parte, scandalizza forse ancor più del manifesto stesso: poteva essere un'occasione per fare autocritica, ma per l'ennesima volta i dirigenti di un partito molto disorientato hanno preferito chiudere gli occhi alla realtà dei loro potenziali sostenitori e rivendicare meriti inesistenti, tramutando non si sa come (o lo sanno solo loro) un grave inciampo in un motivo di vanto. I partiti devono proporre e fare da guida e non seguire il detto: "bene o male purché se ne parli".

    Io stesso avevo compreso che l'intento originario era quello di smascherare le false promesse del centrodestra. Ma la scelta di slogan come "più immigrati" non può ugualmente essere giustificabile: perché quando uno critica l'operato dell'avversario deve farlo su temi almeno in parte condivisi, additando il fatto che esso è stato incapace di realizzarli e implicando di saper fare di meglio. Il ruolo del PD deve essere quello di promuovere una concreta, legale e fruttuosa integrazione, a prescindere dal numero di immigrati.

    Ragioniamo per assurdo ed estremizziamo oltremodo, e immaginiamo adesso che un vero sedicente xenofobo fosse al governo di una certa nazione e il partito ivi di opposizione rivendicasse dopo qualche tempo "niente genocidi", per sottolineare il fallimento di tale formazione politica nel realizzare il programma promesso: non le parrebbe assurda una cosa del genere? Sì, perché sarebbe implicito nella critica che se il programma xenofobo fosse stato realizzato allora il partito di opposizione non avrebbe avuto nulla da criticare su quel punto.

    Il PD deve criticare il governo prima di tutto sui principi ispiratori e poi additando i punti non riusciti che invece esso avrebbe (si propone) saputo realizzare.

    Disperante come tutti nell'aver smosso qualcosa le mando i miei cordiali saluti,

    Paolo De Gregorio

    RispondiElimina
  31. la vera anima (nera) del pd
    mentre veltroni prepara una nuova candidatura e bersani prepara il contrattacco i dirigenti della nomenklatura, peraltro ignoranti come capre, fascisti di sindacati delle tante caste di intoccabili, sono lì a sparare balle
    fortuna che non hanno credito
    solo debiti, con l'idea di sinistra in italia, che l'hanno divorata senza che nessuno glielo ha chiesto.
    bastardi, fortunatamente in caduta libera, alle prossime elezioni il pd prenderà il 20%? e pensare che un tempo il pci sfiorava più del doppio...

    RispondiElimina
  32. Eppure l'analisi del manifesto non mi sembra così complicata. Il manifesto è evidentemente diretto a fare colpo sugli elettori di destra: occupazione e sicurezza erano i cavalli di battaglia del PDL, soldi ai territori e lotta all'immigrazione le istanze del popolo leghista. Il PD in questo manifesto dice agli elettori di destra che il loro governo non ha centrato gli obiettivi sui quali ha raccolto il consenso. Questo manifesto non mi scandalizza. E' una strategia comunicativa quella di rivolgersi agli elettori dell'altra parte, magari infruttuosa, ma solo una strategia comunicativa. Non una dichiarazione programmatica. DDD.

    RispondiElimina
  33. @ quest'ultimo Anonimo

    "E' una strategia comunicativa quella di rivolgersi agli elettori dell'altra parte, magari infruttuosa, ma solo una strategia comunicativa".

    Anche quella di mandare le proprie truppe disarmate contro il nemico armato di tutto punto, se vogliamo, possiamo chiamarla strategia di guerra?

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post